«Preferiamo morire di COVID che di solitudine»: i residenti delle case di riposo protestano contro i blocchi

 

 

 

I residenti in una casa di cura del Colorado hanno recentemente tenuto una protesta all’aperto per mostrare la loro rabbia contro le normative statali sui visitatori del COVID-19 che impediscono il contatto fisico con i membri della famiglia.

 

La straziante manifestazione ha visto i residenti protestare con cartelli che recitavano «Prigionieri a casa nostra» e «Dateci la libertà”, oltre a «Vogliamo indietro le famiglie», con uno che diceva «preferiremmo morire di COVID che di solitudine».

 

Circa 20 residenti hanno partecipato alla protesta, molti dei quali erano su sedia a rotelle

La protesta ha avuto luogo l’8 ottobre a Fairacres Manor a Greeley, in Colorado. Il canale di notizie locali, CBS4, ha riferito che circa 20 residenti hanno partecipato alla protesta, molti dei quali erano su sedia a rotelle.


 

Le linee guida per le visite in interni del Colorado sono estremamente rigide e consentono solo ai maggiori di 18 anni di effettuare visite seguendo le «linee guida sulla distanza sociale» e indossando la maschera. Le visite all’aperto sono consentite senza limiti di età, ma le linee guida affermano che i visitatori devono indossare una maschera e mantenere intatta una distanza di sei piedi, il che significa che il contatto fisico non è possibile.

 

Un residente ha detto a una stazione di notizie locale che tutto ciò che vogliono è un «semplice abbraccio».

 

Un residente ha detto a una stazione di notizie locale che tutto ciò che vogliono è un «semplice abbraccio».

Scrive Lifesitenews che mentre la maggior parte dei decessi per COVID-19 negli Stati Uniti e in Canada sono stati attribuiti a persone di età superiore ai 65 anni, sono stati lanciati allarmi sul loro trattamento nelle case di cura.

 

A luglio, il capogruppo della minoranza domestica Steve Scalise ha criticato il governo democratico di New York Andrew Cuomo sulla gestione della crisi COVID-19 nel suo stato, in particolare la sua decisione di costringere le case di cura ad accettare pazienti COVID-19.

 

Ad agosto, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha richiesto dati ai governatori democratici di New York, New Jersey, Pennsylvania e Michigan, i cui stati «richiedevano che le case di cura per ammettere i pazienti COVID-19 alle loro popolazioni vulnerabili», secondo il DOJ.

Un rapporto delle forze armate canadesi (CAF) ha denunciato gravi problemi di salute e sicurezza in cinque case di cura dell’Ontario, comprese prove di residenti malnutriti e trascurati, infestazioni di insetti, cibo avariato e mancanza di adeguate precauzioni di sicurezza

 

A maggio, un rapporto delle forze armate canadesi (CAF) ha denunciato gravi problemi di salute e sicurezza in cinque case di cura dell’Ontario, comprese prove di residenti malnutriti e trascurati, infestazioni di insetti, cibo avariato e mancanza di adeguate precauzioni di sicurezza.

 

 

 

 

Immagine screenshot dal videos CBS