Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

Piloti danneggiati dal vaccino contro le compagnie aeree e l’obbligo vaccinale

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

In interviste esclusive con The Defender, più piloti di compagnie aeree commerciali discutono delle lesioni causate dal vaccino COVID-19 e dell’ambiente industriale «ostile» a cui devono far fronte i piloti non vaccinati.

 

 

Acuti dolori al petto. Miocardite e pericardite. Infarti. Ictus e successiva cecità.

 

Questi sono solo alcuni dei molti eventi avversi correlati al vaccino COVID-19 segnalati dai piloti delle compagnie aeree commerciali e da un numero crescente di gruppi di difesa che rappresentano i lavoratori dell’industria aeronautica.

 

Secondo questi individui e gruppi, il numero di piloti che parlano apertamente delle loro lesioni da vaccino è sminuito dal numero di piloti che stanno ancora volando nonostante abbiano sperimentato sintomi preoccupanti— ma non parlano apertamente a causa di quella che descrivono come una cultura di intimidazione all’interno dell’industria aeronautica.

 

Queste persone temono di perdere il lavoro e i mezzi di sussistenza per rappresaglia se rivelano i loro sintomi o rendono pubbliche le loro storie, hanno detto le fonti a The Defender.

 

Tuttavia, un numero crescente di piloti si sta facendo avanti.

 

Il mese scorso, The Defender ha pubblicato i resoconti di diversi piloti — e della vedova di un pilota che è morto per un evento avverso correlato al vaccino.

 

Da allora, più piloti hanno condiviso le loro storie, tra cui uno che è attualmente in volo per una compagnia aerea commerciale.

 

Un numero crescente di organizzazioni di difesa, che rappresentano i lavoratori in tutto il settore dell’aviazione e in diversi paesi, si uniscono a questi piloti nel parlare.

 

The Defender ha precedentemente raccontato le azioni degli US Freedom Flyers (USFF) e di altri avvocati negli Stati Uniti.

 

Da allora, anche i rappresentanti della Global Aviation Advocacy Coalition (GAA) e della canadese Free To Fly hanno parlato con The Defender delle loro iniziative.

 

Nel frattempo, i piloti in Canada e nei Paesi Bassi hanno recentemente riportato importanti vittorie legali in diversi casi relativi al vaccino.

 

 

Altri piloti si fanno avanti, parlano con The Defender

Steven Hornsby, un pilota di 52 anni con un passato in una compagnia aerea passeggeri, una volta era un sollevatore di pesi e ciclista attivo, pedalava 10-26 miglia a giorni alterni.

 

È anche un veterano del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e dell’Operazione Enduring Freedom. Per i requisiti FAA, ha superato 24 esami medici negli ultimi 12 anni, tra cui 12 elettrocardiogrammi (ECG).

 

«Non ho mai avuto problemi cardiovascolari in vita mia, né ho mai avuto problemi di salute importanti… Mangio sano e vivo quello che credo sia uno stile di vita equilibrato» ha detto Hornsby a The Defender: .

 

Hornsby, tuttavia, non vola oggi perché, ha detto, è stato «costretto… a sottoporsi al vaccino COVID-19» e il suo datore di lavoro «ha reso molto chiaro che tutti i dipendenti avrebbero dovuto farlo e che le esenzioni mediche/religiose sarebbero state molto difficili da ottenere».

 

Le difficoltà di Hornsby sono iniziate dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino COVID-19 Pfizer.

 

«Dopo la seconda dose, inizialmente non ho riscontrato nessun problema, un po’ di stanchezza il secondo giorno, racconta Hornsby. «Il dodicesimo giorno, tuttavia, è stato il culmine del vaccino e dello stress continuo a cui stavo sottoponendo il mio cuore con l’allenamento rigoroso».

 

Mentre guidava con la famiglia, Hornsby disse di aver sentito forti dolori al petto, «dolori che si irradiavano attraverso il braccio sinistro e il battito cardiaco aumentava come se mi stesse battendo nel collo».

 

Hornsby ha detto che ci sono volute diverse diagnosi da parte di medici e specialisti per stabilire un collegamento tra i suoi problemi di salute e il vaccino.

 

Un’infermiera di una struttura di assistenza gli ha detto per la prima volta che i suoi sintomi non erano correlati a un attacco cardiaco e che molto probabilmente non erano correlati al vaccino. Più tardi, al pronto soccorso di un ospedale, gli fu ripetuto che i suoi sintomi probabilmente non erano correlati al vaccino.

 

«A quel punto», disse Hornsby, «ero indignato. Perché un operatore sanitario dovrebbe respingere questa prospettiva? Questa realtà mi ha aperto gli occhi sul gigantesco insabbiamento che era in corso».

 

Alla fine, a Hornsby fu diagnosticata una pressione sanguigna elevata, ma gli fu detto che non aveva avuto un attacco cardiaco. I medici gli consigliarono di consultare un cardiologo e gli dissero che non avrebbero segnalato il suo caso al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

 

Hornsby ha aggiunto che il suo cardiologo, dopo aver eseguito le analisi del sangue, gli ha detto che il suo cuore era sano, e anche se il medico non ha respinto la possibilità che i suoi problemi cardiaci fossero collegati al vaccino, gli ha detto che i sintomi erano «molto probabilmente da stress o un problema muscoloscheletrico».

 

«Ho dovuto smettere di cercare di forzare la diagnosi che percepivo — pregiudizi contro il vaccino — e ascoltare i professionisti», ha detto Hornsby, aggiungendo: «avevo bisogno di essere paziente», anche dopo che un medico sindacale ha respinto le preoccupazioni di Hornsby sul fatto che i sintomi fossero correlati al vaccino.

 

Hornsby ha continuato a sperimentare «dolori intermittenti», nonostante rimedi casalinghi come tè e integratori per calmare il battito cardiaco, che erano utili secondo lui.

 

È stato solo nel dicembre 2021, quando era previsto il rinnovo della sua certificazione medica, che l’esaminatore aeromedico (AME) gli ha consigliato di indossare un monitor Holter (un tipo di ECG portatile) per una settimana per monitorare il suo cuore.

 

«È stato allora che ho scoperto di avere problemi di aritmia, palpitazioni cardiache e [una] frequenza cardiaca irregolare, che si verificava quasi esclusivamente di notte», ha detto Hornsby. «Ho riferito tutto al mio AME, che poi mi ha detto che non potevo volare e che avrei dovuto cercare un buon cardiologo e rimettermi in salute».

 

Il mese successivo, un altro cardiologo diagnosticò a Hornsby la miocardite indotta dal vaccino.

 

«Il mio cuore era infiammato», disse Hornsby. «Dopo un ecocardiogramma, il mio cuore si è leggermente dilatato con del liquido dietro il cuore».

 

Hornsby ha detto che «sta molto meglio», ma non può ancora volare. È deluso dal modo sprezzante con cui diversi medici hanno affrontato le sue preoccupazioni.

 

«Se i medici fossero stati disposti a valutare il mio caso con una mente aperta, questo avrebbe potuto essere diagnosticato molto, molto prima», ha detto. «Guardando indietro, se il mio cuore non fosse stato sano, sarei sicuramente morto di arresto cardiaco come sta avvenendo nei giovani atleti».

 

Hornsby crede che altri piloti con sintomi simili stiano ancora volando.

 

«Sospetto che ci siano molti piloti che volano con problemi minori e forse importanti», ha detto Hornsby. «Il vaccino è/era sperimentale e per una buona causa. Nessuno conosce gli effetti a lungo termine».

 

«Quanti anni sono stati tolti alla mia vita? Svilupperò del tessuto cicatriziale nel cuore? Di conseguenza, mi verrà il cancro? Questa spazzatura ha rovinato il mio sistema immunitario? Solo Dio lo sa» ha aggiunto.

 

 

Pilota danneggiato dal vaccino Moderna: «Ho una famiglia da sfamare»

In effetti, The Defender ha intervistato un altro pilota — attualmente in volo per una compagnia aerea commerciale degli Stati Uniti — che sta vivendo simili problemi di salute.

 

Il pilota, che ha parlato con The Defender in condizioni di anonimato, ha detto:

 

«Avevo dolore al petto, specialmente di notte, quasi come se qualcuno avesse la mano intorno al mio cuore e lo stesse stringendo.

 

«Generalmente, [il dolore] si attenua durante il giorno, ma…compare occasionalmente dal nulla e sento il bisogno di sdraiarmi.

 

«Si manifesta come dolore, ma anche come se qualcosa si trovasse nel profondo del mio esofago, come se avessi un pezzo di cibo o aria che preme sulla zona del petto».

 

Secondo il pilota, i suoi sintomi «sono iniziati circa una settimana dopo la seconda vaccinazione con Moderna.

 

Ha detto che la compagnia aerea per cui lavora ha minacciato di licenziare chiunque non abbia il vaccino. «Ho una famiglia da sfamare, quindi mi è rimasta poca scelta».

 

Ha detto che è «di riserva» e non vola spesso. Mentre i sintomi si sono recentemente placati, ritiene che «esaminando ulteriori trattamenti si otterrebbe una risposta sfavorevole alla mia certificazione medica».

 

Ha aggiunto:

 

«In fondo alla mia mente, però, c’è il pensiero di cosa potrebbe significare per la mia salute futura».

 

«La situazione attuale in cui mi trovo è che mantenere la famiglia è la cosa più importante per me. La paura di perdere la mia certificazione medica per pilotare dopo essere stato obbligato a ricevere questo vaccino è la strada che sto attualmente percorrendo».

 

 

Licenziato dopo 19 anni per aver rifiutato il vaccino COVID, ex pilota australiano sostiene gli altri

L’Australia, come il Canada, ha un obbligo vaccinale a livello governativo per l’equipaggio delle compagnie aeree e i lavoratori aeroportuali. In Australia, questo mandato è entrato in vigore il 15 novembre 2021.

 

Glen Waters è un ex capitano della Virgin Australia che ora è portavoce di un gruppo di dipendenti della stessa compagnia aerea.

 

Waters, che aveva detenuto il grado di capitano per 19 anni prima di essere licenziato dalla Virgin Australia per aver rifiutato il vaccino, ha parlato con The Defender a nome di diversi piloti che soffrono di danni da vaccino.

 

Secondo Waters, «nessuno dei piloti che ha subito danni è pronto a parlare» perché «la società sta attivamente cercando di licenziare chiunque segnali lesioni da vaccino».

 

Waters ha affermato che i dipendenti i cui problemi di salute sono caratterizzati come «non correlati» al vaccino vengono trattati da Virgin Australia «come ci si aspetterebbe da un’azienda che si prende cura dei propri dipendenti».

 

Waters ha dichiarato che «ci sono diversi motivi per cui i piloti danneggiati non si faranno avanti», tra cui:

 

  • C’è uno stigma legato al sentimento anti-vaccino in qualsiasi forma.

 

  • C’è riluttanza da parte della comunità medica a farsi coinvolgere in possibili lesioni da vaccino.

 

  • I produttori di vaccini combatteranno attivamente contro le richieste di risarcimento per lesioni.

 

  • Le compagnie di assicurazione hanno preso le distanze dalle richieste di risarcimento relative al vaccino.

 

  • I piloti non vogliono perdere le loro certificazioni mediche, lavori o carriere.

 

Waters ha detto di circa 900 piloti che volano con la Virgin Australia, ed è a conoscenza di nove che non stanno più volando a causa di complicazioni mediche che potrebbero essere collegate al vaccino.

 

«Senza dubbio ce ne sono molti altri che continuano a volare con sintomi preoccupanti», ha detto.

 

Questi sintomi, secondo Waters, includono più comunemente miocardite e pericardite. Alcuni sintomi, tuttavia, sono ancora più gravi.

 

«Abbiamo un capitano che ha avuto un ictus ed è diventato cieco, e un altro ha avuto un attacco di cuore ed è caduto dalle scale d’imbarco dopo l’atterraggio» ha detto Waters a The Defender.

 

«Ci sono state lamentele di mal di testa costanti e numerose segnalazioni di dolori toracici e mancanza di respiro».

 

«Un certo numero di membri dell’equipaggio di cabina ha riportato di sentire come spilli e aghi negli arti, quasi come scosse elettriche che persistono per ore ogni volta».

 

«Ho sentito [parlare di] casi di acufene, vertigini e nebbia cerebrale, inclusa la cecità temporanea, in diversi membri dell’equipaggio. I cicli mestruali interrotti sono segnalati frequentemente, forse interessando dozzine [di dipendenti]».

 

Tuttavia, secondo Waters, forse a causa dell’ambiente di lavoro, non tutti i piloti sono a proprio agio nell’affermare apertamente che potrebbe esserci un collegamento tra i loro problemi di salute e i vaccini.

 

«Ne conosco solo tre che affermano che i sintomi sono iniziati entro un’ora dal vaccino, uno entro sette giorni», ha detto.

 

«Per quanto ne so, le vittime di ictus e infarto non attribuiscono il loro evento medico al vaccino. Né il capitano che è morto di un’improvvisa insorgenza di cancro all’inizio di quest’anno».

 

Alcuni dipendenti potrebbero non capire che i loro sintomi possono essere correlati al vaccino, ha detto Waters. «Molti dei primi segnali di allarme — mal di testa persistenti, dolori al petto, mancanza di respiro — non sono riconosciuti dall’equipaggio come possibili reazioni avverse», ha detto Waters.

 

«Gli attacchi cardiaci e gli ictus si verificano in individui in forma e sani. Sono improvvisi e rappresentano un rischio reale per la sicurezza dei voli».

 

Waters ha spiegato che l’Autorità australiana per la sicurezza dell’aviazione civile, simile ad altri organismi di questo tipo a livello globale, ha «una regola dell’1%» per i piloti: se hanno una condizione medica «che presenta una probabilità maggiore dell’1% di provocare un evento di inabilità entro i prossimi 12 mesi, allora sono considerati medicalmente inadatti a volare».

 

Alla luce di ciò, secondo Waters, «numerosi medici dell’aviazione, tra cui il tenente colonnello Theresa Long e il tenente colonnello Peter Chambers, hanno raccomandato test che aiuteranno a determinare il rischio reale per i piloti».

 

Questi includono il test del D-dimero per i problemi di coagulazione del sangue, un esame emocromocitometrico completo, l’analisi ECG post-vaccinazione, una risonanza magnetica cardiaca e altri.

 

 

Mentre i piloti parlano, ci sono alcune vittorie legali

Nonostante quello che numerosi piloti definiscono un ambiente ostile nel settore dell’aviazione nei confronti delle richieste di lesioni da vaccino, una recente serie di decisioni legali sono state a favore dei piloti e sono in corso ulteriori azioni legali.

 

Un giudice della Corte d’Appello di Amsterdam, nei Paesi Bassi, il 2 giugno, si è pronunciato a favore della Dutch Airline Pilots Association, in un caso che ha contestato i mandati di vaccinazione introdotti dalla compagnia aerea olandese KLM per i nuovi piloti.

 

Secondo la sentenza:

 

«Si ritiene che richiedere e obbligare una vaccinazione contro il COVID costituisca una violazione ingiustificata dei diritti fondamentali degli aspiranti piloti».

 

«In particolare, viola la privacy (articolo 8 della CEDU) [la Convenzione europea dei diritti dell’uomo] degli aspiranti piloti».

 

«Dopo tutto, la decisione se farsi vaccinare o meno è qualcosa che appartiene in modo preminente a questa sfera privata».

 

«Chiedere all’aspirante pilota di vaccinarsi e di dare una risposta positiva a questa domanda sullo stato della vaccinazione, quindi, rappresenta una violazione. KLM non lascia quindi alcuna scelta agli aspiranti piloti che vogliono entrare a far parte di KLM».

 

Secondo la sentenza del 2 giugno, a KLM è vietato richiedere o raccogliere tali informazioni dagli aspiranti piloti o rifiutare i candidati in base al loro stato di vaccinazione, pena €100.000 (circa $105.000) per questa violazione.

 

A seguito della sentenza, l’Associazione dei piloti olandesi ha rilasciato una dichiarazione, evidenziando:

 

«L’associazione sostiene la posizione del governo secondo cui la vaccinazione è importante, ma la vaccinazione obbligatoria da parte del datore di lavoro non è consentita».

 

«Eravamo del parere che KLM non si fosse conformata a questo e che, inoltre, avesse violato i nostri accordi al riguardo, senza che vi fosse alcuna necessità operativa».

 

Il 14 giugno, in Canada, il governo federale ha annunciato che la maggior parte dei mandati vaccinali relativi ai viaggi sarebbe stata revocata a partire dal 20 giugno.

 

In risposta a questo annuncio, in una dichiarazione inviata a The Defender, Free to Fly ha accreditato coloro che si sono opposti ai mandati, affermando:

 

«Questa stagione buia contribuisce a rafforzare una massima importante; il vero cambiamento avviene solo attraverso la tenacia, il coraggio e l’incessante ricerca della verità da parte di uomini e donne con principi»

.

«In tutta la nazione, molti canadesi si sono rifiutati di rinunciare alla libertà e hanno combattuto per la nostra fragile democrazia. Non sentiamo alcuna «gratitudine» verso uno stato imbaldanzito per aver cessato di violare le libertà date da Dio.

 

«Non dobbiamo mai dimenticare le nostre recenti lotte e non possiamo cullarci nell’autocompiacimento, certamente con il governo Trudeau che minaccia apertamente il ripristino dei mandati con qualsiasi “nuova variante”».

 

«Continueremo a perseguirli, insistendo su standard senza compromessi nel nostro settore e sulla garanzia di non imboccare mai più questa strada di segregazione medica».

 

In un altro recente sviluppo, il pilota canadese Ross Wightman è diventato solo una delle poche persone che hanno ricevuto un risarcimento dal Canada’ s Vaccine Injury Support Program.

 

A Wightman è stata diagnosticata la sindrome di Guillain-Barré, una rara condizione che colpisce il sistema nervoso e può causare debolezza muscolare, paralisi o persino morte.

 

Ha sviluppato la condizione dopo pochi giorni dalla prima e unica dose del vaccino COVID-19. Nell’ultimo anno, Wightman non è stato in grado di lavorare, poiché ha una mobilità sostanzialmente limitata nelle braccia e nelle gambe.

 

 

Lettera aperta della Global Aviation Advocacy Coalition all’industria aeronautica

In una lettera aperta all’industria aeronautica, il GAA ha sollevato gravi accuse riguardo ai mandati di vaccinazione dell’industria, che secondo il GAA hanno portato a un numero crescente di piloti danneggiati dal vaccino che non sono in grado di volare e che potrebbero non farlo mai più — e un numero crescente di piloti che continuano a volare mentre sperimentano sintomi potenzialmente gravi.

 

La lettera è stata firmata da organizzazioni tra cui USFF, Free To Fly Canada, Aussie Freedom Flyers, UK Freedom Flyers, International Medical Alliance, Global Covid Summit, Canadian Covid Care Alliance, UK Medical FreedomAlliance, Association of American Physicians and Surgeons e diversi altri gruppi negli Stati Uniti, in Francia, nei Paesi Bassi, in Svizzera e nel Regno Unito, oltre a più di 17.000 medici e scienziati medici di tutto il mondo e «migliaia di piloti in oltre 30 compagnie aeree globali.

 

Il GAA ha dichiarato di essere in comunicazione con i piloti delle seguenti compagnie aeree con sede negli Stati Uniti: Alaska, American, Delta, Frontier, JetBlue, Southwest, Spirit e United, e 12 principali vettori aerei in Australia, Canada, Francia, Germania e Paesi Bassi.

 

Secondo la lettera aperta del GAA, l’organizzazione, gli scienziati e i medici con cui lavora «stanno ascoltando quotidianamente i piloti delle compagnie aeree che hanno subito lesioni da vaccino» su condizioni tra cui «problemi cardiovascolari, coaguli di sangue [e] problemi neurologici e uditivi».

 

I piloti feriti stanno sperimentando un ampio spettro di sintomi, «che vanno fino alla morte», ha scritto il GAA, aggiungendo i sintomi «almeno correlati alla somministrazione di vaccinazioni COVID-19».

 

Il GAA ha scritto che in molti casi, queste condizioni sono abbastanza gravi che «i piloti hanno perso la certificazione medica e non possono recuperare lo stesso», mentre altri «continuano a pilotare aerei mentre riferiscono sintomi che dovrebbero essere dichiarati ed esaminati, creando un rischio di fattori umani di ampiezza senza precedenti» e «un paesaggio che dovrebbe preoccupare molto le compagnie aeree e il pubblico in viaggio».

 

I piloti continuano a volare nonostante soffrano di tali sintomi, riferisce il GAA, perché quelli «che comunicano la lesione affrontano la possibile perdita di licenza, reddito e carriera mentre ricevono poco o nessun sostegno dai loro sindacati e un’invettiva accusatoria dalle compagnie aeree presso cui lavorano».

 

Il GAA ha affermato che molti piloti erano riluttanti a ricevere il vaccino COVID-19 e si sono opposti all’obbligo:

 

«I piloti sono addestrati ad essere analisti attenti del loro ambiente, riconoscendo i rischi e mitigando attivamente. Per molti, la loro formazione e l’analisi del rischio differenziale hanno portato a preoccupazioni e conclusioni negative in merito alla compatibilità della vaccinazione COVID-19 con la salute e la sicurezza dei voli.

 

«Non solo molti piloti non erano d’accordo con i requisiti arbitrari inclusi nei mandati di vaccinazione, ma vedevano anche rischi nelle domande senza risposta e nella velocità e pressione ingiustificate dietro il lancio del vaccino. Hanno esercitato pressioni sulle compagnie aeree e sui politici, raccomandando cautela e opponendosi ai mandati».

 

Tuttavia, ha affermato il GAA, per molti piloti, si trattava di una scelta tra vaccinazione e perdita di posti di lavoro:

 

«Una volta che le compagnie aeree hanno imposto la vaccinazione, molti piloti hanno rifiutato con fermezza basandosi sul rischio e sono stati successivamente messi in congedo non retribuito o licenziati definitivamente.

 

«Professionisti con principi sono stati costretti a lasciare l’aviazione e l’industria ha perso centinaia di migliaia di ore di esperienza. Ora, il settore globale delle compagnie aeree sta entrando in una terribile crisi di personale.

 

«Migliaia di piloti sono stati costretti a vaccinarsi per provvedere alle loro famiglie. Questo ha avuto un impatto negativo sulla loro salute mentale».

 

Per il GAA, la colpa è dei mandati — e più in generale, delle compagnie aeree, delle autorità di regolamentazione e dei sindacati:

 

«…Non sembra esserci alcuna prova che le autorità di regolamentazione dell’aviazione, le compagnie aeree o i sindacati abbiano eseguito alcuna verifica adeguata sui vaccini COVID-19 e l’impatto sulla salute o sulle prestazioni dei piloti.

 

«Ciò è in totale contrasto con gli standard medici dell’aviazione esistenti. Esistono domande sulla competenza e sulla possibile negligenza.

 

«Il mancato rispetto di questo potenziale spartiacque medico renderà le compagnie aeree e i sindacati complici di un cambiamento culturale che ha scosso il mantra dell’aviazione “sicurezza prima di tutto, sempre”».

 

La GAA ha invitato le autorità dell’aviazione civile, quali la Federal Aviation Administration, Transport Canada, la Civil Aviation Authority del Regno Unito, l’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea e l’Autorità australiana per la sicurezza dell’aviazione civile, a iniziare ad adempiere ai propri obblighi normativi.

 

«La crisi sanitaria dei piloti deve essere affrontata pubblicamente dalle compagnie aeree e dai sindacati per ripristinare la sicurezza dei voli a quello che sapevamo una volta», ha affermato la loro lettera.

 

La GAA ha chiesto:

 

  • Laddove esiste, la vaccinazione COVID-19 obbligatoria per i lavoratori dell’aviazione deve essere interrotta.

 

  • Le autorità di regolamentazione e le compagnie aeree devono ribadire la necessità di un ambiente permissivo per l’autovalutazione.

 

  • Un esame medico approfondito e obiettivo dei piloti e dell’equipaggio di cabina deve essere una priorità assoluta. Questi devono essere sostenuti dal regolatore e dovrebbero concentrarsi sui danni ad alta prevalenza che ora si stanno manifestando nel pubblico in generale e nei nostri equipaggi di volo.

 

  • Le compagnie aeree e le autorità di regolamentazione detengono dati sulla sospensione per malattie e certificazioni mediche, anche per sintomi e motivi causali. Questi dati dovrebbero essere analizzati da terze parti indipendenti per stabilire o escludere la vaccinazione COVID-19 come possibile causa.

 

 

Free to Fly aumenta la pressione sulle autorità canadesi e le compagnie aeree

Free to Fly, con sede in Canada, rappresenta quasi 3.000 professionisti dell’aviazione, secondo il suo direttore, Greg Hill, che ha parlato con The Defender.

 

Questi professionisti includono piloti, assistenti di volo, controllori del traffico aereo, addetti alla manutenzione e rappresentanti del servizio clienti.

 

Secondo Hill, gli operatori del settore hanno segnalato una vasta gamma di problemi di salute, tra cui «dolori toracici generalizzati, miocardite, cuore ingrossato, coaguli di sangue, perdita dell’udito, paralisi parziale, problemi linfatici [e] ampia disfunzione autoimmune».

 

Alcuni dei piloti danneggiati sono «atleti di fascia alta» che hanno sperimentato una «grave diminuzione della loro capacità di prestazione».

 

«Abbiamo avuto alcuni decessi inspiegabili a età irragionevolmente giovani», ha detto Hill, e «un aumento delle deviazioni in volo con una delle nostre compagnie aeree in particolare».

 

Mentre Hill ha lasciato aperta la possibilità che almeno alcuni di questi incidenti non fossero correlati al vaccino, ha detto che le autorità canadesi mostrano «una riluttanza a condurre un’indagine adeguata».

 

«Transport Canada, l’industria delle compagnie aeree, le stesse compagnie aeree e i sindacati sono stati ugualmente silenziosi sulla questione», ha detto Hill.

 

Infatti, Hill ha affermato che l’industria aeronautica, le autorità di regolamentazione e i sindacati in Canada non sono stati reattivi alla sensibilizzazione da Free to Fly.

 

Facendo riferimento a un documento, preparato in collaborazione con la Canadian COVID Care Alliance, secondo cui i piloti dell’equipaggio di volo erano maggiormente a rischio di effetti avversi correlati al vaccino a causa del loro ambiente di lavoro, Hill ha dichiarato:

 

«L’abbiamo consegnato ai due più grandi sindacati di piloti del paese, l’Air Canada Pilots Association e ALPA, l’Airline Pilots Association … si sono rifiutati di rispondere».

 

«L’abbiamo anche inviato alla direzione di due delle nostre più grandi compagnie aeree … si sono rifiutate di rispondere. E stava sollevando in modo molto esplicito i rischi che questi professionisti medici ritenevano necessari, almeno, per essere indagati».

 

«Finora, non abbiamo avuto altro che silenzio formale per quanto riguarda una risposta da parte di questi gruppi, per quanto riguarda gli eventi avversi, le lesioni da vaccino».

 

Il documento fornisce: informazioni sull’obbligo di un sindacato nei confronti dei suoi membri; un’analisi del rischio differenziale di COVID-19 rispetto ai vaccini; un’analisi dell’immunità naturale rispetto a quella indotta dal vaccino; un’analisi delle reazioni avverse ai vaccini e dei rischi particolari affrontati dagli equipaggi di volo; un elenco di opzioni di trattamento alternative per il COVID-19; e una discussione del consenso informato e della coercizione.

 

Secondo Hill, la politica è «niente vaccino, niente lavoro» per piloti e professionisti dell’aviazione in Canada, a meno che non vengano concesse esenzioni religiose o mediche.

 

Ma, prosegue Hill, anche nel raro caso in cui venga concessa un’esenzione, quei dipendenti si trovano comunque senza lavoro, a causa di pratiche aeree che Hill ha descritto come estorsive.

 

«Se non sei disposto a farti vaccinare e non puoi ottenere un’esenzione religiosa o medica, allora sei in congedo non retribuito o definitivamente licenziato. Alcuni dei nostri piloti sono già stati licenziati» ha detto Hill al Defender.

 

«La stragrande maggioranza di queste esenzioni è stata completamente negata … alcune delle storie di persone a cui sono stati negate le esenzioni mediche sono davvero scioccanti, lo stesso per quanto riguarda l’aspetto religioso.

 

«Le poche che sono stati approvate … sono semplicemente un altro caso di estorsione. Alcune sono state negate, poi sono approvate retroattivamente … essenzialmente sono stati approvate, ma poi non è cambiato nulla … continui il tuo congedo non retribuito, ma ti sono concessi i tuoi benefici».

 

Simile a quanto affermato in una lettera aperta consegnata a mano alla Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti e ai principali vettori aerei statunitensi nel dicembre 2021, Free to Fly ha anche affermato una violazione delle normative aeronautiche esistenti, questa volta in Canada.

 

Secondo Hill, «ad un certo punto, sul sito web di Transport Canada, questo era a luglio 2021, una frase che specificamente diceva che rimane una posizione generale di Transport Canada … che la partecipazione a studi medici non è considerata compatibile con la certificazione medica dell’aviazione».

 

«Alcuni di noi facevano domande … e dicevano: ‘Beh, che succede?’ E la risposta è stata che questi [vaccini] sono approvati. E abbiamo detto: «No, non sono completamente approvati, sono approvati in modo provvisorio».

 

Hill ha detto che se si legge quell’ordine provvisorio, appare piuttosto ridicolo. In pratica dice: «Lanceremo questi vaccini e raccoglieremo dati. In questo momento pensiamo che stiano bene e controlleremo mentre continuiamo a vaccinare le persone», il che sembra semplicemente folle.

 

«Quindi abbiamo fatto esplicitamente queste domande, senza ricevere risposte adeguate», ha detto Hill. «E la settimana successiva … l’hanno semplicemente eliminato dalla memoria, hanno rimosso quella frase e non è più sul sito web. Questa è stata la loro risposta».

 

Hill ha anche descritto una cultura di intimidazione in Canada tra i piloti e gli equipaggi di volo, con conseguente riluttanza a presentare richieste di risarcimento per lesioni da vaccino:

 

«A meno che le persone coinvolte non siano disposte a parlarne, non posso dire … che ogni pilota che è ancora impiegato … vive nella paura di parlare apertamente, in qualsiasi forum pubblico… per paura della punizione che è stata lanciata contro quelli di noi che non hanno più lavoro perché ci rifiutiamo di percorrere questa strada e abbiamo insistito sulla libertà medica e nel fare un’analisi adeguata di ciò che stiamo affrontando qui».

 

Ciò non ha impedito a Free To Fly di perseguire azioni legali in Canada. Secondo Hill, in Canada, «… non puoi cercare una rappresentanza privata contro la tua azienda. Devi farlo attraverso il tuo sindacato. E quando i sindacati decidono di non impegnarsi, ti ritrovi tra l’incudine e il martello».

 

«… Se si legge attraverso la giurisprudenza precedente nel corso dell’ultimo anno o due in Canada, molti, molti tribunali hanno scelto una parte. E la preoccupazione è all’interno di un sistema di common law inglese, se continuiamo a litigare, a discutere e a perdere e perdere e perdere, crei un precedente che rende sempre più difficile scavare la via d’uscita» aggiunge Hill.

 

«Purtroppo, in questo Paese, la legge segue la politica. Ne è fortemente influenzata, almeno secondo me. E la politica, naturalmente, segue la cultura. Quindi, a meno che tu non abbia un impatto sulla cultura e sulla narrativa più ampia, è molto difficile vedere soluzioni legali».

 

Free to Fly il 6 giugno ha inviato una lettera al ministro dei trasporti canadese, co-firmata dal GAA, contenente «domande importanti e dettagliate sui vaccini COVID-19 e sulla sicurezza dei voli», secondo Hill.

 

A questo scritto, il ministro non ha risposto.

 

«È semplicemente sbalorditivo … abbiamo letteralmente messo la cultura della sicurezza [dell’industria aeronautica] sulla sua testa, e questa è la più grande preoccupazione per noi» ha detto Hill.

 

«Non è un interesse per un desiderio di conflitto. Desidero ardentemente il mondo che era prima che questo diventasse un ruolo onnicomprensivo, in cui stiamo spingendo per cercare di tornare a un senso di normalità e una corretta valutazione del rischio e mitigazione del rischio, che è ciò a cui i piloti sono davvero dedicati».

 

«Quindi è tutto ciò che vogliamo: quella capacità di guardare correttamente e analizzarlo correttamente … screening medici dell’aviazione concentrandosi su alcuni dei danni ad alta prevalenza che abbiamo visto, di cui stiamo sentendo parlare … questi screening devono essere supportati dal regolatore [canadese] che, a nostro parere, non ha fatto il suo lavoro correttamente negli ultimi due anni».

 

Per quanto riguarda le sospensioni, dice Hill, i piloti che sono sospesi non sono stati in grado di riottenere il loro certificato medico. E questi devono essere analizzati da terze parti indipendenti.

 

Alcuni piloti e professionisti dell’aviazione, oltre a parlare, si uniscono a gruppi di sostegno.

 

Ad esempio, Hornsby e il pilota citato in questa storia che ha scelto di rimanere anonimo, si sono uniti a USFF, secondo il suo co-fondatore, Josh Yoder, così come i piloti e i controllori del traffico aereo che in precedenza hanno condiviso le loro storie con The Defender.

 

L’USFF ha recentemente avviato una serie di azioni legali contro le compagnie aeree e le agenzie federali in risposta ai mandati di vaccinazione e alle loro conseguenze.

 

In definitiva, però, anche il pubblico — non solo i piloti e i professionisti dell’aviazione — deve fare sentire la propria voce, secondo Hill.

 

«Che si tratti del Canada, degli Stati Uniti, dell’Australia, del Regno Unito, ecc., vorremmo che il pubblico nel suo complesso si alzasse e parlasse pubblicamente di queste questioni, chiedendo perché le autorità di regolamentazione non hanno fatto valutazioni del rischio adeguate rispetto questi vaccini».

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

 

© 17 giugno 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Essere genitori

Vaccini COVID, il numero di bambini morti dopo le iniezioni è molto più alto di quanto indicato dai rapporti dei database, afferma l’analista

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Molti rapporti VAERS elencano «età sconosciuta» per le persone che sono rimaste danneggiate o sono morte a seguito di un vaccino COVID-19. L’analista del VAERS Albert Benavides ha detto che uno sguardo più attento ai riassunti dei rapporti spesso rivela l’età della vittima, ma il VAERS non aggiorna i rapporti per riflettere questo. Se così fosse, il numero di decessi infantili dopo il vaccino sarebbe molto più alto.

 

Morti fetali e aborti spontanei, arresto cardiaco improvviso, morte improvvisa e suicidi: queste sono alcune delle cause di morte elencate nelle segnalazioni inviate al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) sui bambini che hanno fatto un vaccino COVID-19.

 

Tuttavia, questi rapporti non contano nel numero totale di morti infantili elencate nei dati VAERS perché l’età delle vittime è ufficialmente elencata come «sconosciuta», secondo l’analista del VAERS Albert Benavides .

 

Benavides ha esaminato i dati per il suo sito web VAERSAware.com, e ha fornito collegamenti a molti di questi rapporti sulla morte di bambini di «età sconosciuta» sul suo sito.

 

I dati VAERS al 31 maggio elencano 197 decessi infantili in seguito alla vaccinazione contro il COVID-19.

 

Tuttavia, Benavides ha dichiarato a The Defender: «ci sono circa 418 decessi adeguatamente documentati di bambini di età inferiore a 18 anni. Ci sono altri circa 120 decessi di bambini in cui la narrazione riassuntiva afferma “bambino, neonato, neonato, bambino”».

 

Benavides ha identificato questi rapporti di «età sconosciuta» utilizzando un algoritmo e un «intervento manuale».

 

Benavides ha affermato che i suoi risultati indicano che «il totale attuale è di circa 538» morti infantili. Ha affermato che la sottostima non è insolita per il VAERS, sottolineando che la sua ricerca mostra che «il 30% di tutte le segnalazioni di COVID-19 nel VAERS hanno un’età sconosciuta».

 

«Sembra che ci sia almeno la morte di un bambino nascosto in ogni aggiornamento del VAERS», ha detto Benavides.

Iscriviti al canale Telegram

Un rapporto di Harvard del 2011 ha rilevato che meno dell’1% di tutti gli eventi avversi vengono segnalati al VAERS, ma Benavides ha affermato che le morti infantili sembrano essere nascoste a un tasso superiore alla media rispetto alle segnalazioni di morti adulte.

 

Secondo un articolo di Benavides e del biologo evoluzionista Herve Seligmann, Ph.D., le segnalazioni sui bambini presentano più età mancanti nel campo età VAERS in proporzione o percentuale rispetto alle coorti più anziane.

 

«Seligmann ha analizzato i campi relativi all’età mancante con resoconti riassuntivi adeguatamente documentati e ha quantificato che le coorti di età più giovane hanno una maggiore propensione all’età mancante rispetto agli adulti», ha detto Benavides.

 

«Queste età mancanti non sembrano organiche, soprattutto per i bambini». Benavides ha aggiunto che sono, «oserei dire, nascosti».

 

Benavides ha suggerito che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e la Food and Drug Administration (FDA) statunitense, che amministrano il VAERS, stanno offuscando i dati reali sulla morte dei bambini vaccinati.

 

«Se l’età è adeguatamente documentata nella descrizione riepilogativa, perché non dovrebbe essere presa una decisione manageriale per aggiornare eticamente un campo età vuoto e correggere la supervisione del mittente?» ha detto.

 

«Secondo la mia opinione di esperto in qualità di ex revisore dei sinistri HMO, l’età corretta potrebbe essere stata inserita nel campo dell’età al momento dell’invio, ma nelle minuzie del processo di aggiudicazione, l’elemento dei dati del campo dell’età è stato cancellato o scomparso».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

«Ho tra le braccia un bambino morto di 6 anni»

I rapporti di «età sconosciuta» identificati da Benavides suggeriscono numerosi aborti spontanei, morti fetali e morti di bambini. Ci sono anche diverse segnalazioni di bambini morti a causa di miocardite o arresto cardiaco, o morti improvvisamente. Altre segnalazioni riguardano bambini atleti deceduti o bambini deceduti dopo la vaccinazione a scuola.

 

The Defender ha esaminato un campione di denunce di morte infantile di «età sconosciuta» nel VAERS. «Ho un bambino morto di 6 anni tra le mie braccia; Il vaccino non funziona», si legge in un rapporto.

 

In alcuni casi morirono neonati e bambini piccoli.

 

  • Un bambino di 12 giorni di sesso non specificato proveniente da fuori degli Stati Uniti è morto il 9 marzo 2022. La madre 36enne del bambino aveva ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 9 giugno 2021, durante il suo primo trimestre di gravidanza. Secondo il rapporto, «Bambino nato e morto il 9 marzo 2022 di cardiomiopatia. Nessuna storia familiare di patologie cardiache. Tutti e tre i vaccini sono stati ricevuti durante la gravidanza».

 

  • Un bambino di 5 mesi ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 17 aprile 2021 ed è morto il 2 maggio 2021.

 

  • Una bambina di 2 anni ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 25 febbraio 2021. Il 1 marzo 2021, «la paziente ha subito una sorta di grave reazione avversa. Il rapporto del VAERS indica che la bambina era ricoverata in ospedale dal 14 febbraio, il che suggerisce che potrebbe essersi ammalata alla prima iniezione. Nonostante ciò, qualcuno ha somministrato alla bambina già malata e sofferente una seconda iniezione, che ne ha provocata alla morte» il 3 marzo 2021.

 

  • Una donna del Texas di età non specificata ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Moderna il 31 gennaio 2022. Secondo il rapporto, «ha manifestato diarrea, perdita di liquido amniotico e sanguinamento vaginale lo stesso giorno dopo la prima dose». Successivamente «alla madre è stata diagnosticata una cistite acuta con ematuria e rottura prematura delle membrane. Cinque giorni dopo ha avuto delle contrazioni, è andata al pronto soccorso e ha avuto un parto prematuro». Il bambino è morto.

Sostieni Renovatio 21

Diversi bambini sono morti anche per problemi cardiaci

  • Un bambino di 5 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 26 aprile 2022. Ha avvertito dolori addominali ed è morto per arresto cardiaco tre giorni dopo.

 

  • Un bambino di 6 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech l’8 gennaio 2022. È morto il 15 gennaio 2022 per miocardite e arresto cardio-respiratorio.

 

  • Un ragazzo di 11 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 15 dicembre 2021. È morto cinque giorni dopo per «insufficienza respiratoria acuta, irritabilità, malformazione cerebrale, arresto cardiaco, diarrea».

 

  • Un ragazzo di 13 anni è morto tre giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech. Secondo il rapporto, «l’autopsia ha mostrato un cuore ingrossato e del liquido che circondava il cuore».

 

  • Un ragazzo di 15 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 24 novembre 2021 ed è morto il giorno successivo. Secondo il rapporto, «il ragazzo ha accusato dolori al petto poco dopo essere tornato a casa da un centro di vaccinazione». Eppure «i medici hanno detto che il ragazzo è morto a causa del diabete».

 

  • Una ragazza di 16 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 10 novembre 2021. È morta per «danni cerebrali derivanti da insufficienza cardiaca acuta, scompenso e ipossia il 18 dicembre 2021».

 

  • Una ragazza di 16 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto un richiamo Pfizer per il COVID-19 il 27 dicembre 2021. Due giorni dopo è morta di «embolia dell’arteria polmonare con arresto cardiaco».

 

  • Un ragazzo di 17 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti aveva ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech «pochi giorni» prima di morire. Secondo il rapporto, «al momento della morte il risultato del test del D-dimero era elevato».

 

  • Una ragazza di 17 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 30 agosto 2021. Il 9 settembre 2021, «la paziente ha avuto un arresto cardiaco ed è morta». Tuttavia, la sua morte è stata attribuita ai «contraccettivi orali iniziati nel luglio 2021» mentre «non è stata presa in considerazione l’eziologia del vaccino».

 

  • Un ragazzo di 17 anni proveniente da fuori dagli Stati Uniti ha fatto un richiamo Pfizer il 16 giugno 2022 nella sua scuola. Ha «avuto debolezza generalizzata e scarso appetito nel giugno 2022, convulsioni e arresto cardiaco extraospedaliero… il 12 agosto 2022, enzimi cardiaci elevati e sospetta miocardite il 13 agosto 2022» ed è stato ricoverato in ospedale. Secondo il rapporto, ha firmato un ordine DNR (non rianimare) il 18 agosto 2022 ed è morto il giorno successivo. Non è chiaro se fosse legale per lui firmare un DNR alla sua età nella sua giurisdizione.

Iscriviti al canale Telegram

Rapporti riguardanti morti fetali e nati morti

  • Una donna di 31 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech nel settembre 2021, durante il suo secondo trimestre di gravidanza. Secondo il rapporto, la sua gravidanza è stata successivamente interrotta in una data non specificata a causa di un «arresto cardiaco fetale».

 

  • Una donna di 33 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech nel giugno 2021. Secondo il rapporto, «la madre ha subito un’interruzione legale della gravidanza il 4 settembre 2021 per gravi malformazioni… l’esito fetale è un’anomalia congenita».

 

  • Una donna di 34 anni della Carolina del Sud ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech nell’ottobre 2021, durante il primo trimestre di gravidanza. Secondo il rapporto, «all’ecografia a 8 settimane e 4 giorni il bambino misurava piccolo (circa 7 settimane) e aveva una frequenza cardiaca più bassa, all’ecografia a 10 settimane il bambino misurava 7 settimane e 1 giorno senza battito cardiaco, risultando in un aborto spontaneo».

 

  • Una donna di 35 anni del Massachusetts ha ricevuto la sua seconda dose di Pfizer-BioNTech nell’aprile 2021. Secondo il rapporto, «il bambino ha smesso di crescere 5 giorni dopo l’iniezione», provocando un aborto spontaneo.

 

  • Una donna di 36 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 17 giugno 2021, durante la sua ottava settimana di gravidanza. Secondo il rapporto: «Scoperta di un difetto cardiaco in un feto che ne ha portato alla morte».

 

  • Una donna del Texas di età non specificata ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Moderna COVID-19 il 22 settembre 2021. Secondo il rapporto, «la coagulazione della placenta/ha fatto sì che il bambino non ricevesse sangue; Il bambino è deceduto il: 26 ottobre 2021». Tuttavia, «il rapporto rischi-benefici dell’mRNA-1273 non è influenzato da questo rapporto».

 

  • Una donna del Texas di età non specificata ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 4 febbraio 2021. Secondo il rapporto, «secondo l’ecografia del 20 febbraio 2021, il feto ha smesso di crescere il 9 febbraio 2021 (8 settimane e 4 giorni); nessun battito cardiaco rilevato. L’aborto spontaneo si è verificato il 22 febbraio 2021».

 

  • Una donna straniera di età non specificata ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Moderna il 18 ottobre 2021. Secondo il rapporto, il parto morto «è avvenuto circa 30 giorni dopo che la madre aveva ricevuto la seconda dose».

 

  • Una donna straniera di età non specificata, alla 40a settimana di gravidanza, ha ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech in una data non specificata. Secondo il rapporto, «il giorno successivo il feto è morto».

Aiuta Renovatio 21

Studente atleta «sempre in salute» tra i giovani morti elencati nel VAERS

Altri incidenti elencati con «età sconosciuta» includono una donna che ha avuto una crescita delle ovaie, la morte di una ragazza di 14 anni con la sindrome di Guillain-Barré, una ragazza di 12 anni che ha subito la «morte improvvisa», una ragazza di 14 anni trovata «morta a letto», una ragazza di 12 anni che si è impiccata lo stesso giorno della vaccinazione e un ragazzo di 17 anni che si è suicidato due giorni dopo la vaccinazione.

 

Tra le segnalazioni di «età sconosciuta« del VAERS sono incluse anche almeno tre segnalazioni di studenti-atleti deceduti, tra cui un ragazzo di 13 anni «sempre in buona salute», un ragazzo di 16 anni morto con «un cuore anormalmente grande» e un ragazzo di 13 anni che soffriva di «schiuma alla bocca» e miocardite.

 

In altri casi, i bambini sono morti dopo aver ricevuto un vaccino contro il COVID-19 nonostante appartenessero a una fascia di età che all’epoca non era autorizzata a ricevere il vaccino.

 

In un altro caso, un’adolescente proveniente da fuori degli Stati Uniti ha riportato «effetti collaterali» dopo la sua prima dose di Pfizer-BioNTech nel dicembre 2021, ma nonostante le preoccupazioni di sua madre, gli operatori sanitari «le hanno chiesto di fare comunque la seconda dose». Ha ricevuto la sua seconda dose il 17 gennaio 2022 ed è morta il giorno successivo dopo essere caduta in coma.

 

Sebbene una «autorità di regolamentazione» abbia segnalato l’incidente al VAERS, il rapporto rileva che «non sono possibili tentativi di follow-up». Sembra che diversi altri rapporti siano stati presentati da organismi ufficiali, ma il VAERS afferma che è impossibile dare seguito.

 

«Non contattabile sembra falso e una violazione di una sorta di etica», ha detto Benavides. «Sicuramente tra la FDA, il CDC e il produttore potrebbero trovare l’ospedale o l’istituzione».

 

Diversi altri rapporti di «età sconosciuta» catturati da Benavides sono stati successivamente cancellati dal VAERS o i loro riassunti scritti sono stati rimossi.

 

Alcuni di questi sono rapporti esteri per i quali l’Autorità europea per i medicinali e l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito hanno chiesto la rimozione dei dati a causa del mancato rispetto delle leggi europee sulla privacy, ha affermato Benavides.

 

Tuttavia, per Benavides, «questo numero di cancellazioni è semplicemente troppo elevato e indesiderabile per il presunto miglior sistema di farmacovigilanza al mondo con un processo di aggiudicazione molto ragionevole di 4-6 settimane».

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 12 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Cancro

I vaccini COVID possono disturbare il sistema endocrino e innescare una cascata di problemi di salute cronici

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   In un’intervista con The Defender, la dottoressa Margaret Christensen ha affermato che le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche nei vaccini COVID-19, insieme alla salute già precaria di molti americani, «incidono gravemente sulla capacità del nostro sistema immunitario di autoregolarsi correttamente».   I vaccini contro il COVID-19 interrompono il sistema ormonale e una serie di condizioni ad esso associate, secondo la dottoressa Margaret Christensen, co-fondatrice del Carpathia Collaborative e membro della facoltà dell’Institute for Functional Medicine.   In un’intervista con The Defender, Christensen ha collegato alcuni degli eventi avversi e dei problemi di salute cronici sperimentati da coloro che hanno ricevuto i vaccini COVID-19 con le interruzioni ormonali causate dai loro ingredienti.   Christensen ha detto a The Defender di aver osservato questi effetti nei suoi pazienti.   «Per me, sono stati gli squilibri ormonali ad attirare davvero la mia attenzione», ha detto, citando le donne in postmenopausa che improvvisamente «hanno iniziato a sanguinare dal nulla» e le donne con «cicli molto irregolari, con cisti ovariche, dolore pelvico, problemi di infertilità e aborti spontanei».   «Ciò che mi ha davvero disturbato è che ci sono state tre morti fetali nel nostro studio» ha aggiunto Christensen. «C’è stata una morte fetale a 35 settimane, una a 37 settimane e una ragazza che ha avuto un distacco di placenta durante il parto. Non l’ho mai avuto prima».   Christensen ha affermato che il contenuto delle iniezioni di COVID-19, comprese le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche , insieme alla già precaria salute di molti americani – obesità, resistenza all’insulina ed esposizione a sostanze chimiche nell’aria, nel cibo e nell’acqua – «hanno un impatto grave sul nostro sistema immunitario”. la capacità del sistema di autoregolarsi correttamente».   Christensen ha delineato questi fattori nel suo rapporto «Hormonal Havoc: The Covid Fallout and How to Fix It» («Caos ormonale: le conseguenze del COVID e come aggiustarle), per il quale ha intervistato oltre 60 medici specializzati in un’ampia gamma di condizioni di salute.   Il rapporto sarà anche oggetto di un prossimo vertice online a cui parteciperanno diverse dozzine di esperti medici e sanitari. Tra i partecipanti figurano il dottor David Brownstein, il dottor Peter McCullough, la dottoressa Michelle Perro, il dottor James Thorp, Stephanie Seneff, Ph.D. e Zen Honeycutt, direttore esecutivo di Moms Across America.

Iscriviti al canale Telegram

I vaccini innescano «disfunzioni del sistema immunitario» e squilibri ormonali

Christensen ha affermato che la proteina spike nei vaccini COVID-19 ha molteplici mezzi per causare lesioni.   «Se si comprendono i meccanismi delle proteine ​​​​spike… e si capisce che abbiamo un’alterazione dei mitocondri, una disregolazione del sistema immunitario e infezioni persistenti o ricorrenti di altro tipo, allora si può capire perché vedremmo così tante diverse aree patologiche manifestarsi», ha detto.   Christensen ha affermato che i mitocondri «alimentano tutto» nel corpo, con alti livelli riscontrati nelle ovaie, nei testicoli, nel cervello e nel cuore. «I mitocondri sono la centrale elettrica delle nostre cellule e si trovano in quantità elevate in quegli organi, che richiedono molta energia».   Il danno ai mitocondri «innesca la disfunzione del sistema immunitario», ha affermato, portando a una bassa produzione di energia, che ha collegato a eventi avversi spesso subiti dai destinatari del vaccino COVID-19.   «Se non produci energia nel tuo cervello, il cervello si annebbia. Se non produci energia adeguata nel cuore, inizierai ad avere aritmie e il muscolo cardiaco non funzionerà correttamente. Quando si danneggiano i mitocondri nelle ovaie e nei testicoli, ciò avrà un impatto sulla produzione di ovuli e spermatozoi».   Le proteine ​​​​spike possono portare a «sintomi di tipo neurodegenerativo», inclusa la sindrome da tachicardia ortostatica posturale o POTS, ha detto. La tossicità delle proteine ​​Spike e il conseguente danno mitocondriale possono anche innescare malattie autoimmuni, ha detto Christensen.   «La proteina Spike sta innescando la produzione di enormi quantità di anticorpi e citochine, e alcuni di questi anticorpi sono anticorpi contro noi stessi e anche anticorpi che sono coinvolti nel non consentire alle cellule tumorali di tenersi sotto controllo», ha detto.   «Stiamo trovando proteine ​​​​spike nei testicoli e nelle ovaie. Non solo riceviamo segnali interrotti dall’ipotalamo alle ovaie e ai testicoli, ma stiamo anche ricevendo colpi infiammatori diretti dalla proteina Spike stessa, che viene trovata a causa delle nanoparticelle lipidiche nelle ovaie dei testicoli, che innescano l’infiammazione», ha aggiunto Christensen.   «E così, stiamo interrompendo il normale metabolismo e l’escrezione degli ormoni. Quindi, si ottiene il ricircolo di vecchi ormoni, sbilanciando tutto», ha aggiunto Christensen.   Secondo Christensen, anche altre forme di contaminazione del vaccino hanno avuto un ruolo nel causare effetti avversi sulla salute, inclusi tumori aggressivi.   «Ci sono molte sequenze insolite nel vaccino che sappiamo non si trovano in natura. Questi includono un segmento SV40, che sappiamo essere coinvolto nei tumori e nelle escrescenze cancerose».   Di conseguenza, Christensen ha detto:   «Stiamo assistendo alla soppressione del sistema immunitario e all’iperattivazione di una parte diversa del sistema immunitario, alla soppressione di quello innato e all’iperattivazione di quello adattivo. Quindi… stiamo assistendo a una rapida crescita dell’insorgenza di tumori al quarto stadio senza alcun sintomo precedente».   «Sappiamo anche che ci sono altri insoliti segmenti immunosoppressori all’interno della proteina spike che stanno disregolando in modo significativo il nostro sistema immunitario. Stanno sopprimendo la parte del sistema immunitario chiamata “innata”, che insegue virus, batteri, parassiti e cellule tumorali nel nostro corpo».   Secondo Christensen, anche la composizione stessa del virus COVID-19 è responsabile di alcuni effetti negativi sulla salute.   «Sappiamo che il COVID non era una normale polmonite virale», ha detto. «Era una vasculite. Si trattava di un’infiammazione, in particolare dei vasi sanguigni molto piccoli, e il trattamento di quell’infiammazione è ciò che ha aiutato a guarire le persone».   «L’infiammazione nei vasi sanguigni ha causato la formazione di molti coaguli e micro coaguli. I microcoaguli si riuniscono e formano dei coaguli molto grandi. E questi coaguli hanno anche un’architettura molto insolita. Non sono i normali coaguli di sangue che vediamo. Stiamo osservando moltissimi microcoaguli, molto simili alla tossicità delle muffe» ha aggiunto.   Christensen, che ha 23 anni di esperienza nella diagnosi e nel trattamento delle esposizioni a muffe tossiche, ha affermato che portano alla soppressione del «sistema immunitario innato».   «Non puoi dare la caccia alle cellule tumorali, non puoi dare la caccia ai virus e ai batteri che sono nel tuo corpo, quindi ottieni infezioni ricorrenti e quindi infiammi eccessivamente il sistema immunitario adattativo».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

I vaccini possono causare una costante modalità di «lotta o fuga»

Christensen ha affermato che la tossicità del vaccino prende di mira l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), che secondo lei «controlla l’intero sistema ormonale nel corpo».   «L’ipotalamo è il centro regolatore principale del cervello, che riceve input da tutto il resto del corpo» e quindi invia segnali alla ghiandola pituitaria per produrre ormoni che guidano varie funzioni, dall’ovulazione al rapporto sessuale, ha detto.   «Se siamo in condizioni di stress cronico o cronicamente infiammati o [abbiamo un] microbioma intestinale cronicamente compromesso… allora stiamo inviando segnali al nostro cervello che dicono: “Sono ansioso”. “Sono angosciato, non riesco a dormire. Sono molto confuso”. L’ipotalamo invia segnali contrastanti al resto del corpo e quindi possiamo osservare un’interruzione dei normali cicli ormonali».   Ciò può stimolare la produzione eccessiva di adrenalina, portando a uno «stato cronico» in cui «sei costantemente in modalità lotta o fuga», ha detto Christensen. Di conseguenza, si verifica un’interruzione ormonale e «non puoi guarire».   Anche le proteine ​​spike e la contaminazione da vaccino possono avere un impatto sulla salute gastrointestinale, ha affermato Christensen.   «Sappiamo che il COVID e la proteina Spike hanno danneggiato gran parte del microbioma intestinale, eliminando i batteri che dovrebbero essere utili e [causando] una crescita eccessiva di alcuni batteri cattivi che finiscono per rimettere in circolo alcuni di questi ormoni usati e creando enormi squilibri e livelli elevati, ad esempio, di estrogeni. Chiamiamo questa dominanza degli estrogeni», ha detto.   Ciò porta a quantità eccessive di estrogeni, che possono far «crescere il rivestimento dell’utero», portando a «gravi problemi di sanguinamento, crescita di fibromi uterini… perdita dell’intero rivestimento dell’utero, persino sanguinamento postmenopausale», ha aggiunto Christensen.  

Le proteine ​​spike causano «danni e infiammazioni nel cervello stesso»

Le conseguenze sulla salute mentale dei vaccini contro il COVID-19, dei lockdown e di altre restrizioni legate alla pandemia hanno attirato meno attenzione, ha affermato Christensen, anche se «la connessione con la salute mentale è multifattoriale».   Secondo Christensen, le restrizioni legate al COVID «hanno messo tutta la nostra popolazione in uno stato di “lotta o fuga per mesi e mesi”. Ciò, insieme all’”uso della vergogna e del senso di colpa per le persone che non si adeguavano”, ha contribuito “gravemente all’ansia e alla depressione”».   Ansia e depressione innescano altri effetti nel cervello umano, ha detto Christensen. «Quindi si ha di nuovo l’impatto sulle ghiandole surrenali, sull’asse HPA e sul cervello in costante sovraccarico, costante neuroinfiammazione, [essendo] costantemente confuso. Ciò contribuirà all’ansia, alla depressione, all’insonnia, ai comportamenti OCD [disturbo ossessivo-compulsivo] e agli attacchi di panico».   Da ciò consegue la disfunzione del sistema limbico, in cui «il nostro sistema limbico ha preso il sopravvento in una sorta di meccanismo di sopravvivenza», ha detto Christensen, sottolineando che ciò ha contribuito a contribuire a «un massiccio aumento del suicidio e dell’impotenza e della disperazione».   Christensen ha affermato che i vaccini contribuiscono anche al dumping di istamina nel cervello. L’istamina è una sostanza chimica rilasciata dal sistema immunitario. «Ora stai distruggendo i neurotrasmettitori e stai rilasciando tutti i tipi di istamina. E l’istamina è ciò che è coinvolto in molti comportamenti psicotici, nella schizofrenia e nella semplice vecchia ansia, insonnia ed emicrania».   La lesione cerebrale è un altro risultato dei vaccini COVID-19, ha affermato Christensen.   «Stiamo assistendo a danni e infiammazioni nel cervello stesso causati dalla proteina spike e dalla disfunzione mitocondriale, dagli anticorpi autoimmuni ora prodotti contro varie parti del cervello», ha detto. «Molte persone hanno avuto una neuropatia periferica : sensazioni nervose molto gravi e dolorose nelle mani e nei piedi o in altre aree del corpo».

Sostieni Renovatio 21

«Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo»

Christensen ha avvertito che nei prossimi anni vedremo un numero crescente di persone sviluppare patologie croniche e lesioni a causa dei vaccini COVID-19.   «Abbiamo avuto 5 miliardi di persone che hanno ricevuto questa iniezione sperimentale di mRNA», ha detto. «Abbiamo avuto un numero enorme di eventi avversi, ma quasi il 15% delle persone ha avuto eventi avversi significativi, abbastanza gravi da essere ricoverati in ospedale. Questa è stata solo la conseguenza immediata. Ora stiamo vedendo le ricadute un paio di anni dopo».   «Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo», ha detto Christensen.   Christensen ha affermato che molti medici, funzionari della sanità pubblica e media mainstream stanno nascondendo l’aumento delle condizioni croniche e degli infortuni, attribuendoli invece al «Long COVID» e ad altri fattori.   «I media mainstream e la medicina sono stati, involontariamente o volontariamente, complici nell’imporre questa narrazione “sicuro ed efficace”» ha detto Christensen. «È molto difficile adesso per loro dire “mea culpa, ho sbagliato”… È meglio dire “oh, sì, è normale”».   Christensen ha detto che le persone hanno una forte capacità di guarigione a cui possono attingere.   «Dobbiamo semplicemente unire i punti: cibo pulito, acqua pulita, aria pulita e una mente pulita. Il nostro corpo ha incredibili capacità di guarigione, capacità di guarigione intrinseche e dobbiamo solo capire come possiamo supportarle», ha detto.   Anche la costruzione di una comunità può aiutare nel processo di guarigione, ha affermato Christensen.   «Abbiamo bisogno di riunirci nella comunità e parlare tra noi di cosa sta succedendo e di cosa è successo, perché la guarigione avviene quando raccontiamo le nostre storie e quando lavoriamo insieme. C’è sempre speranza per la salute e la guarigione».   Michael Nevradakis Ph.D.   © 10 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.  
Continua a leggere

Reazioni avverse

Morti in eccesso in 41 Paesi e vaccini COVID, anche i grandi media parlano dello studio. «La diga è rotta»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

I dati provenienti da 47 paesi del mondo occidentale hanno mostrato che l’eccesso di mortalità è rimasto elevato negli ultimi tre anni consecutivi, secondo uno studio pubblicato lunedì su BMJ Public Health. Gli autori hanno chiesto un’indagine approfondita.

 

I dati sull’eccesso di mortalità provenienti da 47 Paesi del mondo occidentale mostrano che l’eccesso di mortalità è rimasto elevato negli ultimi tre anni consecutivi, nonostante le misure di lockdown e i vaccini anti-COVID-19, hanno concluso gli autori di uno studio peer-reviewed pubblicato lunedì su BMJ Public Health.

 

«Si tratta di un evento senza precedenti e che solleva serie preoccupazioni», ha affermato il team di ricercatori olandesi, che ha analizzato la mortalità per tutte le cause riportata nel database Our World in Data.

 

Il database ad accesso aperto includeva rapporti del Human Mortality Database – noto come «la principale risorsa di dati scientifici al mondo sulla mortalità nei paesi sviluppati” – e del World Mortality Dataset, che i ricercatori hanno utilizzato per monitorare la mortalità in eccesso durante la pandemia di COVID-19.

Iscriviti al canale Telegram

Oltre a presentare dati sulla mortalità in eccesso, gli autori olandesi hanno citato ricerche che mostrano risultati negativi sulla salute legati ai programmi di vaccinazione contro il COVID-19 e alle misure di lockdown.

 

I ricercatori hanno invitato i leader governativi e i politici a «indagare a fondo sulle cause alla base del persistente eccesso di mortalità».

 

Il Telegraph – un importante quotidiano mainstream del Regno Unito – ha pubblicato oggi un articolo in prima pagina sullo studio con il titolo: «I vaccini anti-Covid potrebbero aver contribuito ad alimentare l’aumento delle morti in eccesso».

 

La dottoressa Meryl Nass ha pubblicato una foto dell’articolo su Substack, scrivendo: «La diga si è rotta».

 

All’inizio di quest’anno, i ricercatori norvegesi hanno pubblicato uno studio peer-reviewed su BMC Public Health, che mostrava un aumento della mortalità eccessiva non legata al COVID-19 – o dei decessi attribuiti a cause diverse dall’infezione da COVID-19 – in Norvegia nel 2021 e nel 2022. Notizie riportate sullo studio norvegese la scorsa settimana.

 

Gli autori dello studio hanno notato una «concordanza temporale» tra l’aumento della mortalità in eccesso non legata al COVID-19 in Norvegia e l’aumento della vaccinazione mRNA contro il COVID-19 nel Paese.

 

Il dottor Pierre Kory ha dichiarato a The Defender: «ciò non sorprende e totalmente in linea con quello che abbiamo sostenuto sia l’effetto dei vaccini a mRNA».

 

Kory – che ha scritto numerosi editoriali chiedendo un’indagine su cosa sta causando l’eccesso di morti – ha detto che ci sono «numerosi meccanismi della proteina spike utilizzata nelle iniezioni [che] causano danni endoteliali e ipercoagulabilità [eccessiva coagulazione del sangue] che portano ad attacchi di cuore, ictus, aneurismi aortici».

 

«Altri meccanismi aumentano il rischio di cancro», ha detto, «in particolare i risultati onnipresenti della contaminazione del DNA delle fiale con sequenze che promuovono il cancro come l’SV40».

Sostieni Renovatio 21

«Ogni morte ha bisogno di essere riconosciuta»

Lo studio del team olandese sull’eccesso di mortalità in 47 Paesi ha mostrato che l’eccesso di mortalità nel 2020 è stato documentato in 41 dei 47 Paesi.

 

Nel corso dei due anni successivi, quel numero è aumentato a 42 e 43 paesi rispettivamente nel 2021 e nel 2022.

 

Complessivamente, dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2022 ci sono stati 3.098.456 decessi in eccesso, di cui poco più di 1 milione avvenuti nel 2020.

 

«Nel 2021», hanno scritto, «l’anno in cui sia le misure di contenimento [cioè il lockdown] che i vaccini contro il COVID-19 sono stati utilizzati per affrontare la diffusione e l’infezione del virus, è stato segnalato il numero più alto di morti in eccesso: 1.256.942 morti in eccesso».

 

Hanno riferito che nel 2022 – «quando la maggior parte delle misure di contenimento sono state revocate e i vaccini COVID-19 sono stati continuati» – ci sono stati 808.392 decessi in eccesso.

 

Gli autori hanno sottolineato che durante la pandemia, i politici e i media hanno sottolineato «quotidianamente che ogni morte per COVID-19 contava e che ogni vita meritava protezione attraverso misure di contenimento e vaccini anti-COVID».

 

«All’indomani della pandemia, dovrebbe valere la stessa morale», hanno affermato. «Ogni morte deve essere riconosciuta e giustificata, indipendentemente dalla sua origine».

 

Gli autori dello studio olandese hanno chiesto trasparenza da parte del governo nei dati sulle cause di morte in modo che i ricercatori possano fare «analisi dirette e solide per determinare i contributori sottostanti».

 

Ciò significa anche che è necessario eseguire le autopsie per determinare il motivo esatto della morte, hanno aggiunto.

 

Gli autori olandesi hanno notato che i dati da loro analizzati potrebbero non aver registrato tutte le morti effettive perché «i Paesi potrebbero non avere le infrastrutture e la capacità di documentare e rendere conto di tutte le morti».

 

Anche incidenti o ritardi nella tenuta dei registri possono far sì che i decessi non vengano registrati.

Aiuta Renovatio 21

Morti cardiovascolari che determinano un eccesso di mortalità non-COVID in Norvegia

I risultati degli autori olandesi sono stati confermati dal precedente studio norvegese sull’eccesso di mortalità non legata al COVID-19 in Norvegia dal 2020 al 2022.

 

I ricercatori dell’Istituto norvegese di sanità pubblica hanno analizzato i registri dei decessi in cui un’infezione da COVID-19 non era elencata come causa di morte per scoprire le cause delle morti in eccesso non legate al COVID-19.

 

Hanno utilizzato i dati del registro norvegese delle cause di morte, noto per l’elevata qualità e affidabilità dei dati .

 

Gli autori norvegesi hanno riscontrato un eccesso di mortalità «significativo» nel 2021 e nel 2022 per tutte le cause (3,7% e 14,5%), per le malattie cardiovascolari (14,3% e 22,0%) e per i tumori maligni nel 2022 (3,5%).

 

Discutendo i loro risultati, gli autori hanno notato che alcune persone si sono opposte alle campagne di vaccinazione di massa contro il COVID-19 «a causa delle preoccupazioni sui potenziali effetti dannosi di vaccini presumibilmente non sufficientemente testati».

 

Hanno notato che l’aumento delle morti in eccesso non legate al COVID-19 è avvenuto nello stesso momento in cui la maggior parte dei norvegesi aveva ricevuto un vaccino mRNA contro il COVID-19, ma sono stati attenti a evitare di dichiarare apertamente un nesso causale tra i vaccini COVID-19 e le morti in eccesso.

 

«Dai dati a nostra disposizione, non è stato possibile confrontare l’eccesso di mortalità negli individui vaccinati e non vaccinati», hanno affermato.

 

Hanno affermato che le analisi preliminari del Registro nazionale di preparazione per COVID-19 in Norvegia non hanno mostrato segni di aumento della mortalità tra gli anziani vaccinati.

 

TrialSite News ha ipotizzato che gli autori dello studio abbiano evitato di suggerire che l’aumento delle morti cardiovascolari in eccesso potrebbe essere legato al programma di vaccinazione di massa della Norvegia perché potrebbero aver incontrato difficoltà nel pubblicare il loro lavoro.

 

Gli autori norvegesi hanno affermato che i blocchi potrebbero anche aver contribuito all’aumento delle morti in eccesso non legate al COVID-19.

 

«C’è stata la preoccupazione che i lockdown abbiano comportato un minore utilizzo dell’assistenza sanitaria, portando a malattie che altrimenti sarebbero state scoperte e a rimanere non diagnosticate, possibilmente con un aumento della mortalità», hanno scritto.

 

È necessario condurre studi per valutare questa possibilità, hanno affermato.

 

«I ricercatori», hanno aggiunto, «dovrebbero anche indagare se le restrizioni [di blocco] abbiano comportato un deterioramento di fattori legati allo stile di vita, come una minore attività fisica, una dieta meno sana e persino problemi di salute sociale e mentale che influenzano la mortalità».

 

Suzanne Burdick

Ph.D.

 

© 4 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari