Connettiti con Renovato 21

Cina

Pechino compra sempre più chip da Taiwan: scenari d’invasione complicati

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

L’aumento si registra dal 2018, dopo che gli Usa hanno sanzionato le aziende cinesi di settore. Taiwanesi annunciano esercitazioni militari basate su lezioni apprese dal conflitto russo-ucraino. Nave da guerra di Washington attraversa lo Stretto di Taiwan, il secondo passaggio da inizio anno.

 

 

La Cina è sempre più dipendente dai microchip ad alta qualità di Taiwan, fatto che complica possibili futuri piani d’invasione dell’isola, considerata dai cinesi una «provincia ribelle».

 

Uno studio pubblicato il 25 aprile dalla Federazione delle industrie sudcoreane mostra che tra il 2018 e il 2021 Pechino ha accresciuto l’acquisto di semiconduttori taiwanesi, da quando gli Usa hanno sanzionato i giganti hi-tech cinesi Huawei e  Semiconductor Manufacturing International Corporation.

 

Nel periodo considerato, la quota di mercato cinese di microchip detenuta dalle aziende di settore di Taiwan è salita del 4,4%; soprattutto sono cresciuti gli ordini di chip di memoria prodotti sull’isola (+57%).

 

La leadership cinese non ha mai escluso di riconquistare Taiwan con l’uso della forza. Taipei è di fatto indipendente da Pechino dal 1949; all’epoca i nazionalisti di Chiang Kai-shek vi hanno trovato rifugio dopo aver perso la guerra civile sul continente contro i comunisti, facendola diventare l’erede della Repubblica di Cina fondata nel 1912.

 

Secondo diversi esperti, il controllo della fiorente industria taiwanese di semiconduttori è uno degli obiettivi che potrebbe spingere i cinesi ad attaccare.

 

In quest’ottica, se dovesse confermarsi il trend nella crescita delle importazioni di chip dall’isola, Pechino avrebbe motivo di accelerare i piani di aggressione.

 

Come dimostra però il conflitto russo-ucraino, una guerra lungo lo Stretto di Taiwan rischia di far saltare le catene di approvvigionamento. Senza contare che bombardamenti cinesi potrebbero colpire gli stabilimenti industriali taiwanesi, danneggiando la produzione degli insostituibili microchip.

 

Riguardo alla minaccia militare cinese, il ministero taiwanese delle Difesa ha annunciato oggi che le annuali esercitazioni militari Han Kuang, le più importanti di Taipei, si focalizzeranno sulle lezioni apprese dall’invasione russa dell’Ucraina.

 

Le Forze armate locali testeranno le proprie capacità asimmetriche, quelle per combattere attacchi «cognitivi» e si concentreranno sull’integrazione di reparti della riserva e nel caso di milizie civili. Analisti osservano che in caso di invasione dell’isola, le truppe di Pechino potrebbero trovare problemi – soprattutto logistici – simili a quelli che hanno i russi in Ucraina.

 

Nel frattempo, a smentire chi temeva che la crisi ucraina avrebbe distolto gli Stati Uniti dal Pacifico occidentale, ieri il cacciatorpediniere USS Sampson ha navigato attraverso lo Stretto di Taiwan, in un’operazione che provocherà l’immancabile commento irritato del ministero cinese degli Esteri.

 

L’unità navale USA fa parte del gruppo di attacco della portaerei USS Abraham Lincoln, schierata al momento nel Mar delle Filippine.

 

Quello della USS Sampson è il secondo passaggio navale da inizio anno nel braccio di mare che divide Taiwan e Cina.

 

Il primo lo ha effettuato il 26 febbraio la USS Ralph Johnson. Con il Taiwan Relations Act, Washington ha promesso di difendere Taipei, soprattutto con forniture militari. Adottato nel 1979 dopo il formale riconoscimento diplomatico della Cina comunista, il provvedimento non specifica l’effettiva natura dell’impegno statunitense: una «ambiguità strategica» che produce continue tensioni con il governo cinese.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Proteste, economia: prima sconfitta per Xi con marcia indietro su «zero-COVID»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Rimosse alcune restrizioni per il contenimento della pandemia. Il leader cinese ha sempre difeso la sua politica di azzeramento del morbo. Pressioni dalle proteste popolari e dall’andamento preoccupante dell’economia hanno portato al parziale cambio di direzione. La Fondazione Wei Jingsheng premia i manifestanti e «l’eroe solitario» degli striscioni anti-Xi a Pechino.

 

 

I contagiati dal COVID-19 asintomatici o con sintomi lievi potranno isolarsi nelle proprie abitazioni, invece di essere obbligati alla quarantena in appositi centri statali; non dovranno più presentare test negativi al virus per accedere alla maggior parte dei luoghi pubblici e sarà permesso loro di viaggiare con maggiore libertà nel Paese.

 

Sono le misure più importanti di allentamento delle restrizioni anti-pandemia in vigore da quasi tre anni in Cina, annunciate stamane dal Consiglio di Stato.

 

Nei fatti è la prima vera sconfitta di Xi Jinping, a meno di due mesi dalla chiusura del 20° Congresso del Partito comunista cinese, che gli ha «riconosciuto» un terzo, storico mandato al potere. In quell’occasione il leader supremo difendeva ancora gli sforzi di azzeramento del COVID, in controtendenza con quanto accade nel resto del mondo, dove si è scelto (con successo) di convivere con il morbo: nel resoconto ufficiale di una riunione del Politburo tenuta ieri la sua politica «zero-COVID» non è neanche menzionata.

 

Osservatori parlano di aperture troppo timide per registrare un cambio deciso di direzione. Le autorità potrebbero reintrodurre le restrizioni in seguito ad aumenti del tasso di mortalità, delle situazioni critiche tra la popolazione anziana, e a problemi di gestione degli ospedali. Tutte sfide che il regime potrebbe vincere solo assicurando una efficace campagna di vaccinazione.

 

Solo un anno e mezzo fa, festeggiando il centenario del Partito, Xi esaltava la ripresa economica del Paese dalla crisi pandemica. Oggi massicce proteste di piazza contro i lockdown e la crisi economica lo hanno obbligato a una parziale marcia indietro, a rischio di perdere la faccia e uscire indebolito nelle dinamiche interne del PCC. Per rimanere al comando, Xi deve garantire risultati.

 

L’ondata di manifestazioni nel Paese è scoppiata dopo quelle avvenute a Urumqui, capitale della regione autonoma dello Xinjiang, in cui la popolazione chiedeva la fine della politica «zero-COVID» di Xi. Molti residenti hanno incolpato le autorità per la morte il 24 novembre di 10 persone a causa di un incendio in una palazzina: le draconiane misure anti-pandemia avrebbero ostacolato la loro fuga.

 

La Fondazione Wei Jingsheng, che fa capo al «padre della democrazia cinese», ora esule negli Usa, ha assegnato ai manifestanti «della Rivoluzione dei fogli bianchi» il suo premio 2022 ai campioni della democrazia in Cina.

 

Insieme a loro premiato anche Peng Lifa, autore di una clamorosa azione solitaria di protesta alla vigilia del 20° Congresso. Il 48enne originario dell’Heilongjiang aveva esposto su un ponte di Pechino striscioni critici di Xi: la sfida più plateale al regime dal movimento democratico di piazza Tiananmen del 1989.

 

La polizia ha arrestato subito Peng, diventato una star del web con i soprannomi di «uomo del ponte», «guerriero solitario» e «uomo coraggioso».

 

Secondo la Fondazione Wei Jingsheng, la sua protesta ha fatto da preludio ai tumulti dei giorni scorsi. Pochi giorni prima del suo atto dimostrativo, Peng aveva inviato all’organizzazione con sede negli Stati Uniti delle lettere che spiegavano la sua posizione.

 

Oltre a fornire soluzioni per il governo della Cina mentre invoca un’azione contro il «traditore» Xi, l’attivista sottolinea che i «nostri metodi fondamentali partono dalla non violenza e da proteste legali come scioperi nelle scuole e nei luoghi di lavoro, e suonare i clacson. Dobbiamo prima accendere la scintilla della libertà, per poter poi incendiare la prateria».

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Cina

Il momento della verità tra Cina e Vaticano

Pubblicato

il

Da

La Santa Sede ha appena protestato ufficialmente contro il recente insediamento di un vescovo ausiliare all’interno di quella che Roma considera una giurisdizione ecclesiastica illegittima, attraverso un comunicato dai toni insolitamente duri. Questa è la prima vera prova dell’accordo sino-vaticano, rinnovato poche settimane fa, e la cui sopravvivenza sembra essere appesa a un filo.

 

 

La luna di miele, reale o apparente, tra il Vicario di Cristo e il Figlio del Cielo potrebbe essere svanita? Il minimo che possiamo dire è che è stato seriamente danneggiato dal comunicato ufficiale pubblicato sul sito ufficiale del Vaticano il 26 novembre 2022.

 

Interrogato il 28 novembre sull’insediamento unilaterale del vescovo John Peng Weizhao a vescovo ausiliare della «diocesi di Jiangxi», il portavoce del ministero degli Esteri cinese ha risposto alla stampa di «non essere a conoscenza di questa particolare questione», sfiorando a parte le proteste romane.

 

E Zhao Lijian si è limitato a sottolineare che «negli ultimi anni Cina e Vaticano hanno raggiunto una serie di consensi importanti, e (che) le relazioni sino-vaticane continuano a migliorare per favorire lo sviluppo armonioso del cattolicesimo cinese».

 

Per Michel Chambon, antropologo e teologo specializzato in Cina, la nuova fermezza vaticana segnerebbe un «cambio di strategia» nel «contesto di crescenti pressioni dall’aprile scorso e dall’arresto del cardinale Zen».

 

Lungi dal segnare il fallimento dell’accordo, il comunicato romano ha rivelato, secondo il ricercatore, che esso è entrato in una fase sperimentale: le autorità cinesi hanno infatti preso la precauzione di nominare vescovo un prelato della cosiddetta «sotterranea» o Chiesa «clandestina», riconosciuta da Roma fin dall’inizio, evitando così l’accusa di formale scisma, che avrebbe siglato l’ultima fatale trasgressione dell’accordo tra Roma e Pechino.

 

Da parte della Santa Sede, il braccio di ferro in atto mirerebbe, sempre secondo il sinologo, a garantire il potere di Roma nel trasferimento dei vescovi e nella divisione delle circoscrizioni ecclesiastiche. Per il Vaticano, infatti, la «diocesi» di Jiangxi rimane una provincia divisa in cinque diocesi e prefetture apostoliche, accorpate in un’unica entità dalle autorità comuniste nel 1985, senza l’approvazione del papa.

 

In altre parole, la scelta di nominare un vescovo legittimo agli occhi di Roma, in una diocesi da questa non riconosciuta, è per Pechino un modo intelligente per chiarire e indurire l’intesa raggiunta con il Vaticano, fissando rigidi limiti.

 

Per Roma comunicare la propria insoddisfazione è un modo per «mettere alla prova» i padroni del Regno di Mezzo. E forse, ancor di più, un’operazione di sopravvivenza, un tentativo della diplomazia vaticana di salvare la faccia.

 

La Santa Sede non può infatti scendere a compromessi sulla sua capacità di nominare, promuovere o trasferire i suoi vescovi, a rischio di perdere credibilità, e di far deteriorare ulteriormente la sua immagine sullo scacchiere geopolitico mondiale, in un momento in cui molti si interrogano sul silenzio della diplomazia pontificia sull’allarmante situazione dei cattolici in Cina.

 

In un’intervista concessa alla rivista dei gesuiti America, realizzata una settimana prima della protesta della Santa Sede, il Papa ha difeso ancora una volta la linea diplomatica del Vaticano nei confronti della Cina. «Si dialoga fino al punto in cui è possibile», insiste in questa intervista. L’obiettivo della Santa Sede, sottolinea, è permettere ai cattolici cinesi di essere «buoni cinesi e buoni cristiani».

 

Prendendo a modello l’Ostpolitik guidata dal cardinale diplomatico Agostino Casaroli durante la Guerra Fredda, afferma che «il dialogo è la via della migliore diplomazia», riconoscendone però la lentezza e gli insuccessi che possono punteggiare questa strada.

 

Il Vaticano andrà fino in fondo con la sua protesta? In ogni caso, è certo che la Cina approfitterà di questo episodio per saggiare i limiti della determinazione della Santa Sede.

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Arresti e controlli: le autorità cinesi sedano le proteste di massa

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Intensificata la repressione dopo le dimostrazioni anti-lockdown del weekend. Attivisti nel mirino della polizia. Le università spediscono gli studenti nelle loro città di origine. I media ufficiali continuano a tacere mentre si rafforza la propaganda sui social network. Twitter è bombardato da spam e pornografia per bloccare il dibattito su quanto sta accadendo.

 

 

Le autorità cinesi hanno rinforzato le misure di sicurezza nelle principali città dopo le massicce proteste dello scorso weekend contro la politica «zero-COVID» di Xi Jinping. Dimostrazioni sporadiche sono ancora in corso. Foto e video online mostrano alcune persone che si presentano ancora in strada con fogli bianchi, e attivisti anonimi mentre affiggono manifesti o striscioni nei campus universitari e in altri luoghi pubblici.

 

I fogli bianchi sono diventati il simbolo delle manifestazioni, che sfidano le restrizioni alla libertà d’espressione e la censura sotto il governo di Xi. La polizia è alla ricerca di chi ha partecipato alle proteste. Resoconti dei media dicono che alcuni attivisti sono scomparsi. Secondo l’AFP, le Forze dell’ordine hanno convocato per accertamenti molti dimostranti.

 

A inizio settimana le proteste di massa sono proseguite a Guangzhou (Guangdong). Anche se gli slogan politici non sono apparsi nelle manifestazioni in questa città, si sono verificati scontri feroci tra lavoratori migranti e polizia antisommossa.

 

A causa della mancanza di cibo e di possibilità di guadagno, i manifestanti hanno rimosso barriere e recinzioni per il lockdown, oltre a una tenda per i test con tampone. I poliziotti sono intervenuti per reprimere i manifestanti, che hanno reagito lanciando bottiglie di vetro.

 

L’ondata di proteste sfida con coraggio il Partito Comunista Cinese al potere e il suo leader supremo Xi, dopo che la politica di azzeramento del COVID ha portato alla stagnazione economica e alla conseguente crescita della disoccupazione.

 

La protesta a livello nazionale è iniziata nel centro di Shanghai, dove la gente ha commemorato le vittime di un incendio mortale nello Xinjiang: molti residenti incolpano le autorità e le misure di contenimento della pandemia per la tragedia.

 

I manifestanti a Shanghai hanno scandito slogan come «Partito comunista, dimettiti», «Xi Jinping, dimettiti». Le proteste sono divampate e la gente ha iniziato a chiedere democrazia e libertà.

 

A Shanghai, le autorità hanno eretto recinzioni lungo entrambi i lati delle strade dove i manifestanti si sono riuniti lo scorso fine settimana. La polizia ha rafforzato il pattugliamento delle strade dove si sono svolte le manifestazioni e controlla i telefoni cellulari dei passanti. Le guardie impediscono anche alle persone di scattare foto. Video online mostrano la polizia cittadina controllare i telefoni dei passanti per verificare se ci sia qualcosa di collegato alle proteste.

 

Anche in altre grandi città dove si sono verificati tumulti, come Pechino, Wuhan, Guangzhou e Chengdu, le Forze dell’ordine hanno intensificato i controlli nelle strade.

 

Nella capitale la polizia ha dispiegato un gran numero di agenti nei pressi delle università del distretto di Haidian. Post sui social network affermano che le autorità di sicurezza controllano i telefoni dei giovani, soprattutto degli studenti, per verificare se sugli smartphone siano installate le VPN, reti internet utilizzate per aggirare il firewall del governo, e applicazioni straniere come Twitter e Facebook.

 

Sebbene ci siano post su Twitter e Telegram che continuano a chiamare la gente a protestare, raduni di massa non si sono più verificati. Si ritiene che alcuni degli account siano in realtà controllati dalla polizia per «adescare» i manifestanti; alcuni utenti hanno dichiarato di essere stati avvertiti dalla polizia.

 

L’Università Tsinghua di Pechino, dove gli studenti hanno protestato nel campus il 27 novembre, ha annunciato di fornire autobus gratuiti per trasportare i propri universitari alle stazioni ferroviarie e agli aeroporti, e consentire loro di tornare nelle città di origine.

 

Anche altri atenei di Pechino e del Guangdong hanno adottato le stesse misure: si ritiene possano impedire agli studenti di protestare. Alcuni studenti di Hong Kong hanno risposto alla “rivoluzione della carta bianca” con una manifestazione monitorata dalla polizia.

 

Le autorità cinesi e i media ufficiali non hanno ancora parlato delle proteste. Nel frattempo, sui social network cinesi, molti post hanno iniziato ad accusare le cosiddette «forze straniere» e a sostenere che i manifestanti «sono stati pagati».

 

Quando si cercano informazioni sulle città in cui si sono svolte le manifestazioni, i risultati sono inondati di pornografia. Ricerche hanno rilevato un numero elevato di spam e si ritiene che falsi account siano usati per disturbare le discussioni sulle proteste.

 

Secondo l’agenzia di stampa statale Xinhua, il 28 novembre Chen Wenqing, segretario del Comitato politico e legale centrale del Partito, ha detto che le autorità devono «mantenere la sicurezza dello Stato e quella sociale». Il discorso non faceva riferimento alla serie di proteste in corso.

 

L’ex presidente cinese Jiang Zemin è deceduto il 30 novembre. Egli era stato nominato successore di Deng Xiaoping dopo il massacro di Tiananmen del 1989. Sotto il suo governo, l’economia ha continuato a crescere per un decennio, con meno controlli sulla società.

 

Le autorità agli ordini di Xi stanno censurando internet e frenando possibili proteste nel nome di Jiang.

 

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari