Passaporto vaccinale, il Parlamento UE dà il via libera

 

 

 

La sessione plenaria del Parlamento europeo ha dato il via libera finale al certificato digitale COVID dell’UE che ora attende l’approvazione del Consiglio dell’Unione Europea prima di entrare in vigore il 1 luglio per un periodo di dodici mesi.

 

Il voto è stato accolto con entusiasmo dalla Commissione Europea, che ha twittato: «Accogliamo con favore il voto [del Parlamento europeo] sull’adozione del certificato digitale COVID dell’UE! Questo è un passo fondamentale verso la sua attuazione entro il 1° luglio, per aiutare a riavviare la libera circolazione dell’UE nel modo più sicuro possibile. Darà inoltre ai cittadini chiarezza per pianificare il proprio viaggio».

 

Travestito da passaporto per la libertà, il nuovo certificato COVID avrà versioni nazionali in tutti gli Stati membri e dovrà essere accettato come valido negli altri membri dell’UE. Con il nuovo documento digitale, tutte le restrizioni di viaggio legate al COVID-19, come i divieti di ingresso, gli obblighi di quarantena e i test, diventeranno illegali per coloro che utilizzano il pass.

 

In un comunicato stampa del Parlamento europeo si legge:

 

«Durante i negoziati interistituzionali, i deputati hanno raggiunto un accordo secondo cui gli Stati dell’UE non saranno in grado di imporre ulteriori restrizioni di viaggio ai titolari di certificati, come quarantena, autoisolamento o test, “a meno che non siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica”. Dovranno essere prese in considerazione le prove scientifiche, “compresi i dati epidemiologici pubblicati dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle malattie (ECDC). Le misure dovrebbero essere notificate, se possibile, con 48 ore di anticipo agli altri Stati membri e alla Commissione, e il pubblico dovrebbe ricevere un preavviso di 24 ore».

 

Inoltre, gli Stati membri possono imporre ulteriori limitazioni se si verificano circostanze eccezionali, come la comparsa locale di una nuova «variante».

 

Il Certificato COVID non sarà obbligatorio; «non sarà una precondizione per la libera circolazione e non sarà considerato un documento di viaggio», ha aggiunto il comunicato.

 

Sarà possibile sottoporre le persone che vogliono viaggiare senza e che non vogliono essere sottoposti a test COVID o a uno dei «vaccini» sperimentali approvati dall’UE (Pfizer, Moderna, AstraZeneca, o Johnson e Johnson), a quarantena e altri vincoli, trasformandoli di fatto in cittadini di seconda classe

Tuttavia sarà invece possibile sottoporre le persone che vogliono viaggiare senza e che non vogliono essere sottoposti a test COVID o a uno dei «vaccini» sperimentali approvati dall’UE (Pfizer, Moderna, AstraZeneca, o Johnson e Johnson), a quarantena e altri vincoli, trasformandoli di fatto in cittadini di seconda classe.

 

«Se l’obiettivo fosse quello di proteggere le popolazioni nazionali da una malattia altamente pericolosa, le restrizioni potrebbero sembrare solo ragionevoli – scrive Lifesitenews – ma a fronte di ciò va ricordato che il trattamento precoce è stato in gran parte vietato o scoraggiato nella maggior parte dei paesi europei, che i tassi di mortalità direttamente correlati a COVID-19 si sono costantemente dimostrati inferiori a quelli propagandati dalle autorità e che in ogni caso, non è garantito che le persone che hanno ricevuto i vaccini sperimentali non siano infette da COVID e possono anche diffondere la malattia se sono infette».

 

«Ciò significa che gli Stati membri che vogliono agire in base a tali informazioni, considerando le persone “vaccinate” che vogliono entrare nel loro territorio pur avendo, ad esempio, sintomi simil-influenzali come potenziali diffusori di COVID, non potranno farlo».

 

Alcuni degli oppositori del Certificato – come il partito Rassemblement National di Marine Le Pen in Francia – sono infatti contrari al pass europeo non perché limita la libertà, ma perché sostituisce la sovranità nazionale degli Stati membri, non consentendo loro di attuare misure più rigorose misure, e in particolare la chiusura delle frontiere, se lo desiderano.

 

Alcuni degli oppositori del Certificato – come il partito Rassemblement National di Marine Le Pen in Francia – sono infatti contrari al pass europeo non perché limita la libertà, ma perché sostituisce la sovranità nazionale degli Stati membri, non consentendo loro di attuare misure più rigorose misure, e in particolare la chiusura delle frontiere, se lo desiderano

Il certificato COVID approvato dal Parlamento UE non è un passaporto per vaccini, contrariamente a quanto era stato anticipato nell’aprile 2020, quando il sito di notizie indipendente schengenvisainfo.com suggeriva che «in seguito, potrebbe essere richiesta la vaccinazione per la domanda di visto Schengen», aggiungendo che un funzionario dell’UE aveva confermato che una volta che il vaccino COVID-19 sarebbe stato disponibile per tutti, la prova della vaccinazione potrebbe essere un prerequisito per viaggiare all’interno dell’area Schengen.

 

Nel comunicato stampa diffuso dal Parlamento Europeo, l’UE ha chiarito che il certificato sarà rilasciato gratuitamente dalle autorità nazionali e che sarà conforme alle disposizioni UE sulla privacy digitale («i certificati saranno verificati offline e nessun dato trattenuto»).

 

Tuttavia, essi contengono necessariamente dati privati, spingendo le organizzazioni di cittadini di tutta Europa a esprimere le loro preoccupazioni per il possibile abuso. EDRI, un network di ONG per i diritti in rete, ha affermato all’inizio che «dovrebbe essere consentita solo la verifica offline con chiavi di firma pre-scaricate», evitando così la creazione di un registro centrale che riporti «chi era dove e quando».

 

Si tratta ancora una volta di una presa in giro: «naturalmente – scrive LSN – le connessioni degli smartphone e l’eventuale sorveglianza forniscono già molte informazioni al riguardo. Ma le regole europee sembrano aver tenuto conto di alcune delle nuove preoccupazioni».

 

EDRI ha osservato il 29 aprile che il pass COVID rappresenta un rischio per «la protezione dei dati e nuove forme di discriminazione».

 

«Alcuni Stati membri dell’UE, come Danimarca, Austria o Ungheria, hanno già annunciato che intendono utilizzare questo sistema anche per consentire l’ingresso a ristoranti, luoghi religiosi o impianti sportivi. È qui che può essere creata un’infrastruttura di controllo potenzialmente incendiaria, che consente alle autorità non solo di monitorare l’accesso delle persone agli eventi sociali, ma anche di dare loro la possibilità di monitorare ogni movimento dell’intera popolazione»

«Un altro problema che troviamo preoccupante è l’incertezza della tecnologia alla base del certificato. Espone le persone al rischio che su di esse vengano creati record di dati estesi. E questo non riguarda solo la vaccinazione e lo stato di guarigione o i risultati dei test passati, come ci si potrebbe aspettare. Senza le tutele decise dal Parlamento europeo, sarebbe tecnicamente facile raccogliere e archiviare in un luogo centralizzato i profili dei movimenti delle persone, l’appartenenza religiosa o anche informazioni su ciò che fanno nel loro tempo libero».

 

«Alcuni Stati membri dell’UE, come Danimarca, Austria o Ungheria, hanno già annunciato che intendono utilizzare questo sistema anche per consentire l’ingresso a ristoranti, luoghi religiosi o impianti sportivi. È qui che può essere creata un’infrastruttura di controllo potenzialmente incendiaria, che consente alle autorità non solo di monitorare l’accesso delle persone agli eventi sociali, ma anche di dare loro la possibilità di monitorare ogni movimento dell’intera popolazione».

 

La risoluzione europea è stata approvata con 546 voti favorevoli, 93 contrari e 51 astensioni per i cittadini dell’UE, 553 voti favorevoli, 91 contrari e 46 astensioni per i cittadini extracomunitari.