Connettiti con Renovato 21

Bioetica

«Pagare la gente perché si vaccini»: una proposta della nuova bioetica utilitarista

Pubblicato

il

 

 

Secondo un paper pubblicato sulla prestigiosa rivista medica JAMA , «recenti sondaggi (…) suggeriscono che solo 3 persone su 4 si vaccinerebbero  se fosse disponibile un vaccino COVID-19, e solo il 30% vorrebbe ricevere il vaccino subito dopo che sarà disponibile».

 

Il mondo scopre, in pratica, questo problema pazzesco: lo scetticismo sui vaccini, fenomeno che va molto oltre i no-vax duri e puri. Con quelli è facile, basta demonizzarli, dire che sono degli analfabeti funzionali, e siamo a posto. Più difficile, e pericoloso, accusare quanti invece sono restii alla siringa per intuito, senza che il loro pensiero sia articolato nella nicchia antivaccinista.

Si chiedono i padroni del vapore farmaceutico, che fare per vaccinare tutti? Pagare le persone per essere vaccinate, risponde il bioeticista

 

Quindi, si chiedono i padroni del vapore farmaceutico, che fare per vaccinare tutti? La Bioetica, oramai ridotta ad ancilla pharmaceuticarum, risponde entusiasta.

 

Il bioeticista Julian Savulescu di Oxford ha proposto una bella soluzione nel blog Practical Ethics: pagare le persone per essere vaccinate.

 

«Un modello a pagamento potrebbe anche essere superiore ad un modello obbligatorio. Potrebbe esserci una notevole resistenza a un modello obbligatorio che potrebbe renderlo difficile, costoso e dispendioso in termini di tempo da implementare, con una notevole invasione della libertà. In un modello a pagamento, le persone fanno quello che vogliono

«Il vantaggio del pagamento per il rischio è che le persone scelgono volontariamente di assumerselo. Finché siamo accurati nel trasmettere i limiti della nostra fiducia sui rischi e sui benefici di un vaccino, spetta alle persone giudicare se valgono il pagamento».

 

«In effetti, se un vaccino è giudicato abbastanza sicuro da essere utilizzato senza pagamento, allora è abbastanza sicuro da essere utilizzato a pagamento».

 

«Un modello a pagamento potrebbe anche essere superiore ad un modello obbligatorio. Potrebbe esserci una notevole resistenza a un modello obbligatorio che potrebbe renderlo difficile, costoso e dispendioso in termini di tempo da implementare, con una notevole invasione della libertà. In un modello a pagamento, le persone fanno quello che vogliono».

 

«Un modello di pagamento potrebbe anche essere molto economico, rispetto alle alternative».

L’incentivo non deve essere in contanti. Le persone che sono state vaccinate potrebbero ricevere privilegi speciali, come poter andare in giro senza maschera o non allontanarsi socialmente

 

L’incentivo non deve essere in contanti, riassume Bioedge. Le persone che sono state vaccinate potrebbero ricevere privilegi speciali, come poter andare in giro senza maschera o non allontanarsi socialmente.

 

«Alcuni potrebbero obiettare che questo è esporre al ludirbrio  i non-vaccinatori (alcuni dei quali potrebbero essere esclusi dalla vaccinazione per motivi di salute), (…) Ma c’è una buona ragione per richiedere ai non-vaccinati di continuare a indossare maschere e praticare il distanziamento sociale: rappresentano una minaccia per gli altri, una minaccia diretta».

 

 

Savulescu conclude che una combinazione di politiche potrebbe essere sviluppata come alternativa alla vaccinazione obbligatoria.

«C’è una buona ragione per richiedere ai non-vaccinati di continuare a indossare maschere e praticare il distanziamento sociale: rappresentano una minaccia per gli altri, una minaccia diretta

 

«È meglio che le persone scelgano volontariamente sulla base di motivi per agire bene, piuttosto che essere costrette a farlo. Strutturare le ricompense e le punizioni in modo giusto ed equo è un modo per dare alle persone ragioni per agire».

 

Il bioetico Savulescu è allievo diretto di Peter Singer, il massimo esponente dell’utilitarismo filosofico attuale, nonché padre della teoria animalista contemporanea.

 

Per Singer la vita di uno scimpanzé, che diviene autonomo molto presto, vale meno di quella di un neonato, che autonomo non è, e quindi può essere sacrificato. Lo stesso discorso viene applicato a down ed handicappati. In pratica, per questo pensiero, il diritto di aborto si estente anche doopo la nascita, tanto che si parla di «aborto post-natale». Sono controverse alcune teorie di Singer riguardanti la zoogamia, cioè il sesso con gli animali.

Julian Savulescu è noto ha coniato la frase beneficenza procreativa. È il controverso presunto obbligo morale dei genitori in grado di selezionare i propri figli, ad esempio attraverso la diagnosi genetica preimpianto (PGD), per favorire coloro che dovrebbero avere la vita migliore.

 

Julian Savulescu invece è noto ha coniato la frase beneficenza procreativa. È il controverso presunto obbligo morale dei genitori in grado di selezionare i propri figli, ad esempio attraverso la diagnosi genetica preimpianto (PGD), per favorire coloro che dovrebbero avere la vita migliore.

 

Il filosofo utilitarista oxoniano ritiene dunque che che i genitori abbiano la responsabilità di selezionare i migliori bambini che potrebbero avere, date tutte le informazioni genetiche rilevanti a loro disposizione, un principio che egli estende all’uso della fecondazione in vitro (IVF) e delle diagnosi genetiche preimpianto (PGD) in ordine determinare l’intelligenza degli embrioni e dei possibili bambini .

 

In modo altrettanto controverso, Savulescu ha scritto che la ricerca sulle cellule staminali è giustificabile anche se si accetta la visione dell’embrione come persona.

 

Il filosofo giustifica la distruzione di embrioni e feti come fonte di organi e tessuti per il trapianto agli adulti, arrivando a ritenere la clonazione giustificabile, sopreattuto «fornire cellule o tessuti autocompatibili per uso medico, in particolare il trapianto»

Va da sé che il filosofo giustifica la distruzione di embrioni e feti come fonte di organi e tessuti per il trapianto agli adulti, arrivando a ritenere la clonazione giustificabile, sopreattuto «fornire cellule o tessuti autocompatibili per uso medico, in particolare il trapianto».

 

«Non è solo moralmente ammissibile, ma moralmente necessario, che si impieghi la clonazione per produrre embrioni o feti allo scopo di fornire cellule, tessuti o persino organi per la terapia, seguita dall’aborto dell’embrione o del feto».

 

Nel 2012, Savulescu pubblicò un articolo di due accademici italiani in cui si affermava che un neonato non è effettivamente diverso da un feto, non è una «persona» e quindi, moralmente, potrebbe essere ucciso su decisione dei genitori.

Nel 2012, Savulescu pubblicò un articolo di due accademici italiani in cui si affermava che un neonato non è effettivamente diverso da un feto, non è una «persona» e quindi, moralmente, potrebbe essere ucciso su decisione dei genitori

 

Al quadro non poteva mancare l’eutanasia: l’articolo di Savulescu «Brain Damage and the Moral Significance of Consciousness» sembra essere la prima pubblicazione mainstream a sostenere che una maggiore evidenza di coscienza nei pazienti con diagnosi di stato vegetativo persistente supporta effettivamente il ritiro o la sospensione delle cure.

 

Savulescu, e l’utilitarismo, sono in pratica tutto ciò contro cui si batte Renovatio 21.

 

Non sorprende di trovarla dall’altra parte della barricata anche per i vaccini – vaccini magari fatti con feti come da giustificazioni filosofiche di Savulescu per quello che Monsignor Athanasius Schneider ha definito in una lettera a Renovatio 21 «il nuovo cannibalismo scientifico».

In pratica tutto ciò contro cui si batte Renovatio 21

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Stiamo già vivendo in una realtà transumanista?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’anno scorso un esperto di transumanesimo di Oxford ha pubblicato Future Superhuman: Our transhuman lives in a make-or-break century.

 

Elise Bohan, un’australiana, ha sostenuto che i «sacchi di carne dal cervello di scimmia» (ovvero gli esseri umani) devono essere aggiornati con la tecnologia per affrontare le sfide del 21° secolo.

 

Il suo libro ha offerto l’occasione per un interessante dibattito con Mary Harrington, editorialista di Unherd, un magazine online britannico.

 

Harrington è una scettica transumanista. Dice che viviamo già in una società transumanista in cui ci affidiamo alla tecnologia per soddisfare i bisogni primari. E l’esperienza è stata del tutto negativa.

 

«Questa era è iniziata a metà del ventesimo secolo, con un’innovazione biomedica che ha cambiato radicalmente ciò che significa essere un essere umano, nell’ordine sociale umano: la tecnologia riproduttiva».

 

«La pillola è stata la prima tecnologia transumanista: si proponeva di non correggere qualcosa che non andava nella “normale” fisiologia umana – nel senso migliorativo della medicina fino a quel momento – ma invece ha introdotto un paradigma completamente nuovo. Si proponeva di interrompere la normalità nell’interesse della libertà individuale».

 

«Quasi ogni donna adulta nel mondo sviluppato ha implicitamente accettato la convinzione che la piena personalità femminile adulta dipenda strutturalmente da tecnologie che interrompono la normale fertilità femminile. E secondo la definizione con cui ho aperto, ciò rende quasi ogni donna adulta nel mondo sviluppato una transumanista».

 

L’autrice osserva che la tecnologia, nonostante le sue promesse liberatorie, è una merce rara che è governata dal dominio del mercato:

 

«E laddove la tecnologia viene utilizzata per “liberarci” dal tipo di dati – come la normale fertilità femminile – che prima erano gestiti, pragmaticamente, da norme sociali o legali, ciò che la sostituisce non è una “persona” umana libera dalla “natura”, ma un mercato in cui quella ‘natura’ diventa un insieme di problemi di domanda e offerta»

 

«Siamo già nell’era transumanista. Ma la storia finora suggerisce che, lungi dal fornire utopia, ciò che offre principalmente è una mercificazione del corpo umano che avvantaggia in modo sproporzionato coloro che hanno già potere e privilegi».

 

Harrington sottolinea inoltre che il transumanesimo è incompatibile con l’umanesimo vecchia maniera. Se il transumanesimo dovesse prevalere, ci sarebbe una massiccia rivoluzione culturale ed etica:

 

«Non puoi avere il transumanesimo senza buttare via l’umanesimo. E se le persone sono solo “sacchi di carne dal cervello di scimmia” come descrive Elise, che hanno urgente bisogno di essere migliorate, quale possibile ragione potremmo avere per opporci a un mercato di organi umani? O all’infanticidio? O all’ingegnerizzare geneticamente le masse perché siano più docili? Tutti questi sono repellenti solo se messi contro un’antropologia umanista».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Aborto dei down, il 95% delle irlandesi interrompe la gravidanza se il bambino ha la sindrome

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’aborto è stato legalizzato in Irlanda solo nel 2018. Una delle conseguenze è che il Rotunda Hospital di Dublino, un importante ospedale per la maternità, riferisce che il 95% delle donne che credono che il loro bambino avrà la sindrome di Down abortisce. La cifra equivalente nel 2018 era del 50%.

 

Tecnicamente, questo è illegale secondo la legislazione attuale, quindi le madri devono andare all’estero. L’Irish Times riferisce che

 

«La Rotunda effettua attualmente circa 30-40 interruzioni all’anno che comportano un’anomalia fatale del feto. In altri 20-30 casi l’anomalia fetale non soddisfa i criteri previsti dalla legislazione e le donne coinvolte si recano all’estero per abortire».

 

Il medico responsabile, il professor Fergal Malone, cerca di essere «non direttivo».

 

«Il 95% che sceglie di viaggiare prende quella decisione da solo. Non sosteniamo assolutamente la risoluzione. La realtà è che la stragrande maggioranza sceglie di terminare. Non ho idea se sia la cosa giusta. Non lo sosteniamo, questa è solo l’esperienza vissuta».

 

Niall O’Dowd, il fratello del fondatore del media Irish Central, ha un figlio con sindrome di Down, Conor. È costernato dalla statistica.

 

«Ciò che è davvero scioccante, tuttavia, è che non vi è stata alcuna dichiarazione al riguardo da parte del governo irlandese, delle organizzazioni per i disabili in generale o del gruppo di sostegno Down Syndrome Ireland in particolare. Una nuova politica sociale, l’eliminazione dei bambini Down, sembra essere stata creata sotto i nostri occhi, tramite interviste, senza commenti, domande o interventi».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Bioetica

I laureati in medicina e i loro giuramenti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un’indagine sui giuramenti prestati da studenti di medicina negli Stati Uniti e in Canada nel 2014 e nel 2015 suggerisce che i medici stanno iniziando la loro carriera con nozioni vaghe, confuse e incoerenti di etica medica.

 

In un articolo su The New Bioethics, tre medici hanno analizzato i giuramenti di 150 di tutte le 153 scuole mediche statunitensi e canadesi e li hanno confrontati con i giuramenti prestati nel 2000.

 

La maggior parte (54,7%) di essi sono varianti dell’antico giuramento di Ippocrate, anche se un numero crescente (14,9%) chiede solo giuramenti scritti dagli stessi studenti.

 

Nel 1989 nessuna scuola di medicina chiedeva un giuramento scritto dagli studenti.

 

Ci sono stati alcuni cambiamenti interessanti negli ultimi 15 anni:

 

  • I giuramenti a una divinità sono diminuiti dal 17,7% al 7,7%, ma i giuramenti a se stessi sono aumentati a oltre il 40%.

 

  • Resta invariato l’impegno al rispetto del diritto positivo (34,0% delle scuole) ma calano vertiginosamente le promesse di aderire alle «leggi dell’umanità», dal 39,7% al 16,7% delle scuole.

 

  • Gli impegni ad astenersi da comportamenti sessuali scorretti con i pazienti e le loro famiglie erano bassi nel 2000 e in realtà sono scesi al 2%.

 

  • I divieti di omicidio intenzionale sono diminuiti drasticamente e sono recitati solo nel 2% delle scuole, anche se la percentuale in cui gli studenti promettono di rispettare il valore della vita umana rimane invariata al 30,7%.

 

  • I divieti di aborto sono quasi inesistenti all’1,3%.

 

  • L’impegno a sottoporre la propria coscienza alle regole dei governi e delle istituzioni o la preferenza del paziente sono stati inclusi dal 24,7% delle scuole. Ma una percentuale altrettanto ampia si è impegnata a obbedire sempre alla propria coscienza (28,7%) ea praticare secondo giudizio il 35,3%.

 

Le incoerenze e le differenze nei giuramenti indicano maggiori divisioni e incertezze nella cultura occidentale, affermano gli autori.

 

«Forse non dovrebbe sorprendere che il discorso bioetico sia dominato da dibattiti controversi che ruotano essenzialmente attorno alla domanda: “Che cosa il medico pretende di fare e non fare per il suo paziente?” È abbastanza chiaro dal nostro studio che i giuramenti moderni non rispondono in modo coerente o coerente a questa domanda. Un quadro morale comune per la medicina rischia di scomparire».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di Wellcome images via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari