La Tanzania «non ha in programma di ricevere vaccini per il C-19», afferma il Ministro della Salute

 

 

 

 

 

 

 

La Tanzania continua la sua opposizione alla tendenza globale riguardo al COVID-19.

 

Il Ministro della Salute tanzaniano ha dichiarato l’opposizione del presidente del Paese John Magufuli ai vaccini sperimentali

Il Ministro della Salute tanzaniano ha dichiarato l’opposizione del presidente del Paese John Magufuli ai vaccini sperimentali.

 

Il ministro Dorothy Gwajima ha rincarato la dose dicendo che il Paese seguirà i propri protocolli durante i test e la somministrazione dei farmaci.

 

«Il Ministero ha una propria procedura su come somministrare i farmaci e lo facciamo dopo se  siamo soddisfatti del prodotto», ha detto Gwajima.

«Il ministero non ha in programma di somministrare vaccini per il COVID-19»

 

«Il ministero non ha in programma di somministrare vaccini per il COVID-19», ha continuato, prima di raccomandare rimedi più naturali per il virus, come una maggiore attenzione all’igiene personale, esercizio fisico, mangiare «cibo nutriente» e bere «molta acqua».

 

Il ministro ha detto che ci sarebbero trattamenti naturali che si sono rivelati utili per il trattamento del virus

Gwajima ha detto che ci sarebbero trattamenti naturali che si sono rivelati utili per il trattamento del virus: «Attraverso il Chief Government Chemist, il Ministero ha lavorato per ispezionare una serie di rimedi naturali che hanno soddisfatto gli standard di sicurezza per l’uso, sono già in uso e hanno aiutato i tanzaniani, me e la mia famiglia inclusi».

 

Dati recenti di COVAX (ente costitutuito dalla collaborazione internazionale tra GAVI, Vaccine Alliance, OMS e Coalition for Epidemic Preparedness Innovations – praticamente tutta roba di Bill Gates) hanno rivelato che i vaccini sperimentali sono distribuiti in più di 130 paesi, ma la Tanzania non è nell’elenco, nonostante fosse ammissibile per ricevere i vaccini COVAX.

 

I commenti del Ministro della Salute supportano le stesse parole di Magufuli contro i vaccini, che aveva espresso profondo sospetto sulle iniezioni. «Se l’uomo bianco fosse stato in grado di inventare le vaccinazioni, allora sarebbero state portate le vaccinazioni per l’AIDS, la tubercolosi sarebbe stata una cosa del passato, i vaccini per la malaria e il cancro sarebbero stati inventati», ha dichiarato in precedenza.

«Se l’uomo bianco fosse stato in grado di inventare le vaccinazioni, allora sarebbero state portate le vaccinazioni per l’AIDS, la tubercolosi sarebbe stata una cosa del passato, i vaccini per la malaria e il cancro sarebbero stati inventati» John Magufuli, presidente della Tanzania

 

In un modo che ha allarmato autorità come l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Magufuli ha anche rifiutato di seguire l’esempio e chiudere il Paese. Sebbene ci sia stata una chiusura iniziale che ha interessato scuole, sport e confini, i mercati, le imprese e le chiese del paese sono rimasti aperti a differenza della maggior parte degli altri paesi che hanno segnalato la presenza del virus.

 

«Noi tanzaniani non ci siamo chiusi e non ci aspettiamo di chiuderci», ha detto Magufuli. «Non mi aspetto di annunciare alcun lockdown perché il nostro Dio è vivo e continuerà a proteggere i tanzaniani».

 

Il Paese non ha riportato alcuna informazione su COVID-19 all’OMS dal 29 aprile 2020. In quel giorno sono stati segnalati 509 casi e 21 decessi.

 

A giugno, Magufuli ha dichiarato che il Paese aveva debellato il virus. Ha attribuito l’evento all’intervento divino, pronunciando un discorso in una chiesa nella capitale di Dodoma, dove ha detto: «Voglio ringraziare i tanzaniani di tutte le fedi. Abbiamo pregato e digiunato affinché Dio ci salvi dalla pandemia che ha afflitto il nostro paese e il mondo. Ma Dio ci ha risposto».

 

«Non mi aspetto di annunciare alcun lockdown perché il nostro Dio è vivo e continuerà a proteggere i tanzaniani».

Una tale risposta è stata definita «angosciante» dalla prestigiosa rivista medica The Lancet , e le principali società di stampa hanno costantemente impiegato un tono ostile nel riferire sulla decisione di infliggere restrizioni relativamente minori alla vita normale e all’economia.

 

Nel frattempo, l’OMS ha aumentato la pressione sul Paese affinché tornasse all’ovile e prendesse parte alla risposta dell’organizzazione al contagio. Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha rilasciato una dichiarazione «esortando la Tanzania ad alzarele misure di salute pubblica contro il COVID-19 e a prepararsi per la vaccinazione».

 

Il Paese non ha riportato alcuna informazione su COVID-19 all’OMS dal 29 aprile 2020

Un giorno dopo la dichiarazione del Direttore generale, e in seguito alla morte di Maalim Seif Sharif Hamad, il primo vicepresidente di Zanzibar in Tanzania, Magufuli ha commentato l’uso delle mascherine, dando ancora la priorità alla «fede» come risposta al virus, ma anche consigliando alle persone quali mascherine indossare.

 

«Non ho detto che le persone non dovrebbero indossare mascherine, non citatemi male, tuttavia, alcune maschere sono scadenti, se dovete indossarle, per favore considerate quelle fatte localmente. La maggior parte delle persone colpite si trova nelle aree urbane. Sconfiggeremo questo virus per fede».