Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

La disfatta dell’Afghanistan, Zalmay Khalilzad e il Grande Reset

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Gran parte del mondo è scioccato dall’apparente incompetenza dell’amministrazione Biden nella catastrofe umana e geopolitica che si sta verificando in Afghanistan. Mentre Biden parla secondo una sceneggiatura, affermando che tutti gli altri sono da biasimare tranne le  sue decisioni, e poi affermando che «il dollaro si ferma qui», non fa che aumentare l’impressione che l’unica superpotenza sia in un collasso terminale. Potrebbe essere che tutto questo faccia parte di una strategia a lungo termine per porre fine allo stato nazionale in preparazione del modello totalitario globale a volte chiamato il Grande Reset dalla cabala di Davos? La storia di 40 anni della guerra afghana degli Stati Uniti e dei pashtun afghani che hanno plasmato la politica fino ad oggi è rivelatrice.

 

 

Le onde radio dei principali media di tutto il mondo sono piene di domande sull’incompetenza militare o sul fallimento dell’intelligence o su entrambi.

 

Vale la pena esaminare il ruolo del rappresentante speciale di Biden per la riconciliazione dell’Afghanistan presso il Dipartimento di Stato, Zalmay Khalilzad, nato afghano.

 

Per essere l’unica figura che ha plasmato la politica estera strategica degli Stati Uniti dal 1984 nell’amministrazione di Bush Sr., ed è stata ambasciatore degli Stati Uniti sia in Afghanistan che in Iraq in momenti chiave durante le guerre statunitensi lì, nonché la figura chiave nel presente debacle, sorprendentemente poca attenzione da parte dei media è stata data al settantenne operativo afghano.

 

 

L’ombroso Khalilzad

Khalilzad, di etnia pashtun nato e cresciuto in Afghanistan fino al liceo, è senza dubbio l’attore chiave nel dramma afghano in corso, a partire dal tempo in cui è stato l’architetto della trasformazione radicale sotto Bush Jr della dottrina strategica degli Stati Uniti in «guerre preventive». È stato coinvolto in ogni fase della politica statunitense in Afghanistan, dall’addestramento della CIA ai talebani mujaheddin islamisti (organizzazione bandita in Russia) negli anni ’80 all’invasione statunitense dell’Afghanistan nel 2001 all’accordo di Doha con i talebani e all’attuale disastroso crollo.

 

Il New York Times dell’8 maggio 1992 riportò una bozza trapelata dal Pentagono, in seguito chiamata Dottrina Wolfowitz in onore del funzionario del Pentagono sotto l’allora Segretario alla Difesa Dick Cheney.

 

Paul Wolfowitz era stato incaricato da Cheney di redigere una nuova posizione militare globale degli Stati Uniti dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Secondo lo scoop del Times, il documento sosteneva che «gli Stati Uniti devono diventare l’unica superpotenza mondiale e devono intraprendere un’azione aggressiva per impedire alle nazioni concorrenti, anche alleate come Germania e Giappone, di sfidare la supremazia economica e militare degli Stati Uniti».

Potrebbe essere che tutto questo faccia parte di una strategia a lungo termine per porre fine allo stato nazionale in preparazione del modello totalitario globale a volte chiamato il Grande Reset dalla cabala di Davos?

 

Inoltre affermatva: «Dobbiamo mantenere il meccanismo per dissuadere i potenziali concorrenti persino dall’aspirare a un ruolo regionale o globale più ampio». Era di fatto una dichiarazione di imperialismo unilaterale.

 

All’epoca Zalmay Khalilzad lavorava sotto Wolfowitz come assistente vice sottosegretario alla difesa per la pianificazione politica, dove era incaricato di redigere la nuova dottrina, lavorando con Wolfowitz e consulenti esterni, tra cui il professore di dottorato di Khalilzad all’Università di Chicago, «padrino» del neoconservatore RAND, Alfred Wohlstetter. Wolfowitz aveva anche studiato a Chicago sotto Wohlstetter.

 

Questo gruppo divenne il nucleo dei cosiddetti warhawks [falchi di guerra , ndr] neoconservatori. Khalilzad una volta disse che Cheney aveva personalmente attribuito al giovane afghano il merito del documento strategico, presumibilmente dicendo a Khalilzad: «Hai scoperto una nuova logica per il nostro ruolo nel mondo». Quella «scoperta» avrebbe trasformato il ruolo dell’America nel mondo in modo disastroso.

 

La proposta politica altamente controversa di Khalilzad, mentre è stata successivamente cancellata dal documento pubblicato dalla Casa Bianca di Bush, è riapparsa un decennio dopo come Dottrina Bush sotto Bush Jr., nota anche come «guerra preventiva» ed è stata utilizzata per giustificare le invasioni statunitensi di Afghanistan e poi Iraq.

 

Bush jr., il cui vicepresidente era Dick Cheney, iniziò l’invasione dell’Afghanistan nell’ottobre 2001, spinto dal suo consigliere afghano, Zalmay Khalilzad, usando la scusa che Osama bin Laden, il presunto artefice degli attentati dell’11 settembre, si nascondeva sotto protezione del regime talebano in Afghanistan, quindi i talebani devono essere puniti.

 

Nel maggio 2001, circa quattro mesi prima del 911, il consigliere per la sicurezza nazionale di Bush, Condoleezza Rice, aveva nominato Khalilzad «Assistente speciale del presidente e direttore senior per il Golfo, l’Asia sudoccidentale e altre questioni regionali».

 

Le «altre questioni regionali» sarebbero diventate enormi.

 

Il vero guadagno in questa follia è l’agenda globalista della cosiddetta cabala del «Grande Reset» di Davos che la sta usando per distruggere l’influenza globale degli Stati Uniti, mentre Biden distrugge internamente l’economia dall’interno.

Khalilzad aveva guidato la squadra di transizione Bush-Cheney per il Dipartimento della Difesa. La sua influenza vent’anni fa era enorme e in gran parte nascosta alla vista del pubblico. L’ex capo di Khalilzad Wolfowitz era il numero due al Pentagono di Bush Jr. e l’ex cliente di consulenza di Khalilzad, Don Rumsfeld era segretario alla Difesa.

 

Bush ha dichiarato guerra al regime talebano per essersi rifiutato di estradare il jihadista saudita Bin Laden. Non c’era nessun ruolo delle Nazioni Unite, nessun dibattito al Congresso. Era la nuova dottrina statunitense di Khalilzad e Wolfowitz e la loro cabala neo-con, che potrebbe fare bene. Qui è iniziata la debacle degli Stati Uniti in Afghanistan, durata 20 anni, che non avrebbe mai dovuto iniziare in nessun mondo sano di regole legali.

 

 

Le origini dei talebani

Le origini dei talebani derivano dal progetto della CIA, avviato dal consigliere per la sicurezza di Carter Zbigniew Brzezinski nel 1979, di reclutare e armare islamisti radicali dal Pakistan, dall’Afghanistan e persino dall’Arabia Saudita, per condurre una guerra irregolare contro l’Armata Rossa sovietica poi in Afghanistan.

 

La CIA la chiamò in codice Operazione Cyclone e durò dieci anni fino al ritiro dell’Armata Rossa nel 1989.

 

Una risorsa della CIA saudita, Osama bin Laden, era stata portata in Pakistan per lavorare con l’intelligence pakistana ISI per prelevare denaro e jihadisti dal Stati arabi in guerra. Un numero significativo di studenti pashtun afghani radicalizzati chiamati talebani o «cercatori» sono stati reclutati da madrasse radicali, alcuni in Pakistan dove l’ISI li ha protetti.

 

Quella guerra della CIA divenne l’operazione della CIA più lunga e costosa della sua storia.

 

Durante l’ultima parte della guerra della CIA in Afghanistan degli anni ’80, lavorando con mujaheddin radicali islamici e mercenari talebani, Khalilzad è emerso come la figura politica statunitense più influente in Afghanistan. Nel 1988 Khalilzad era diventato il «consigliere speciale» del Dipartimento di Stato per l’Afghanistan sotto l’ex capo della CIA, George Bush Sr. In quel incarico era colui che trattava direttamente con i mujaheddin, compresi i talebani.

 

A quel punto era diventato vicino allo stratega di guerra afghano di Jimmy Carter, Zbigniew Brzezinski. Entrato nel Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel 1984 dopo aver insegnato alla Columbia University di Brzezinski, Khalilzad è diventato Direttore Esecutivo dell’influente lobby degli Amici dell’Afghanistan di cui Brzezinski e il socio di Kissinger, Lawrence Eagleburger, erano membri. Gli Amici dell’Afghanistan, con i soldi dell’USAID, fecero pressioni sul Congresso per un maggiore sostegno degli Stati Uniti ai Mujaheddin.

 

Khalilzad ha anche fatto pressioni con successo per fornire ai mujahideen missili americani avanzati Stinger. Durante questo periodo Khalilzad ebbe rapporti con i mujaheddin, i talebani, Osama bin Laden e quella che sarebbe diventata Al Qaeda (un’organizzazione terroristica bandita in Russia).

Nessuna nazione, né Taiwan, né il Giappone, né le Filippine, né l’India, né l’Australia, né nessun’altra nazione che spera nella protezione degli Stati Uniti in futuro, potrà fidarsi che Washington manterrà le sue promesse

 

Nell’amministrazione di George W. Bush, Khalilzad è stato nominato inviato presidenziale speciale in Afghanistan all’inizio del 2002, ed è stato direttamente responsabile dell’insediamento di Hamid Karzai, una risorsa della CIA come presidente afghano nel 2002. Il fratello di Hamid, signore della guerra della più grande provincia di oppio del paese, Kandahar, era pagato dalla CIA almeno dal 2001. Khalilzad ne era chiaramente consapevole.

 

Secondo quanto riferito, lo stesso Khalilzad era stato «selezionato» dal reclutatore della CIA, Thomas E. Gouttierre, quando Zalmay era uno studente in scambio culturale nella scuola superiore AFS a Ceres, in California, negli anni ’60. Goutttierre era a capo del Centro per gli studi sull’Afghanistan finanziato dalla CIA presso l’Università del Nebraska a Omaha. Ciò spiegherebbe la sua successiva ascesa alla straordinaria influenza della sua carriera nella politica afghana degli Stati Uniti e oltre.

 

In particolare, l’attuale «presidente in fuga» afghano caduto in disgrazia, Ashraf Ghani Ahmadzai, il «copresidente» dell’Afghanistan nominato dagli americani, era un compagno di classe di Khalilzad nei primi anni ’70 come studente universitario presso l’Università americana di Beirut, come lo erano entrambi delle loro future mogli. Il mondo è piccolo.

 

Nel 1996, dopo diversi anni di guerra civile tra le fazioni rivali dei mujaheddin sostenuti dalla CIA, i talebani, sostenuti dall’ISI pachistano, presero il controllo di Kabul.

 

La conquista dell’Afghanistan da parte dei talebani nel 1996 è stata una diretta conseguenza dell’armamento e del sostegno di Khalilzad ai mujaheddin negli anni ’80, compreso Osama bin Laden. Non è stato un incidente o un errore di calcolo. La CIA si occupava di armare l’Islam politico e Khalilzad era ed è un attore chiave in questo. Khalilzad è stato membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Afghanistan durante gli anni di Clinton, che sosteneva che i talebani unissero le forze con i gruppi di resistenza anti-talebani dei mujaheddin.

 

Durante la fine della Presidenza Clinton Khalilzad ha svolto un ruolo chiave nel plasmare l’agenda militare del prossimo presidente con il suo ruolo nel Progetto per un Nuovo Secolo Americano (PNAC), insieme a Cheney, Wolfowitz, Don Rumsfeld, Jeb Bush e altri che ha svolto ruoli politici chiave nella presidenza di George W. Bush.

 

Nessuno è stato più responsabile dell’ascesa di gruppi terroristici islamici radicali dai talebani ad Al Qaeda in quei due Paesi di Zalmay Khalilzad.

Dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, Khalilzad ha orchestrato la guerra di Bush contro i talebani in Afghanistan ed è diventato inviato di Bush in Afghanistan. Nel novembre 2003 Khalilzad era ambasciatore degli Stati Uniti in Afghanistan, dove si insediò il suo presidente scelto, Karzai. Nel febbraio 2004 l’ambasciatore Khalilzad ha accolto a Kabul il segretario alla Difesa statunitense Rumsfeld e il generale di brigata Lloyd Austin. Austin conosce Khalilzad.

 

Nel dicembre 2002 Bush aveva nominato Khalilzad ambasciatore in libertà per gli iracheni liberi per coordinare «i preparativi per un Iraq post-Saddam Hussein». Khalilzad ei suoi compari neocon del PNAC avevano sostenuto una guerra per rovesciare Saddam Hussein in Iraq dalla fine degli anni ’90, ben prima dell’11 settembre. Due anni dopo, dopo l’inizio della guerra degli Stati Uniti contro l’Iraq, Khalilzad fu nominato ambasciatore in Iraq.

 

Nessuno è stato più responsabile dell’ascesa di gruppi terroristici islamici radicali dai talebani ad Al Qaeda in quei due Paesi di Zalmay Khalilzad.

 

 

Nessun «fallimento dell’intelligence»

Nel 2018 Khalilzad è stato raccomandato dal Segretario di Stato americano ed ex capo della CIA Mike Pompeo, come «Rappresentante speciale per la riconciliazione dell’Afghanistan» degli Stati Uniti per l’amministrazione Trump.

 

Non c’era alcun accenno di riconciliazione da Khalilzad o dai talebani. Qui l’astuto Khalilzad ha avviato colloqui esclusivi tra Stati Uniti e talebani con i loro inviati in esilio a Doha in Qatar, lo stato del Golfo filo-talebano che ospita figure di spicco dei Fratelli musulmani e talebani. Secondo quanto riferito, il Qatar è una delle principali fonti di denaro per i talebani.

Secondo quanto riferito, il Qatar è una delle principali fonti di denaro per i talebani

 

Khalilzad ha spinto con successo il Pakistan a rilasciare il co-fondatore dei talebani, il mullah Abdul Ghani Baradar, lo stratega chiave della vittoria dei talebani nel 1996, in modo che Baradar potesse guidare i colloqui con Khalilzad a Doha.

 

Secondo quanto riferito, l’allora presidente Trump avrebbe approvato che Khalilzad avrebbe negoziato a Doha esclusivamente con i talebani, senza la presenza del regime di Kabul.

 

Baradar ha firmato l’«accordo» del febbraio 2020 negoziato da Khalilzad e talebani, il cosiddetto accordo di Doha, in cui gli Stati Uniti e la NATO hanno concordato un ritiro totale, ma senza alcun accordo di condivisione del potere dei talebani con il governo di Kabul Ghani, poiché i talebani hanno rifiutato per riconoscerlo. Khalilzad ha dichiarato al New York Times del suo accordo che i talebani si erano impegnati a «fare ciò che è necessario per impedire all’Afghanistan di diventare una piattaforma per gruppi o individui terroristi internazionali».

 

Questo era molto dubbio e Khalilzad lo sapeva, poiché i talebani e Al Qaeda sono stati intimamente legati dall’arrivo di Osama bin Laden in Afghanistan negli anni ’80. Secondo quanto riferito, l’attuale leader di Al Qaeda, Ayman al-Zawahiri, è vivo e si trova nel rifugio sicuro dei talebani all’interno dell’Afghanistan.

 

In breve, questo è l’«accordo» che Khalilzad ha stretto con i talebani per l’allora presidente Trump, un accordo che è stato accettato dall’amministrazione Biden con solo una piccola modifica, stabilendo inizialmente che l’11 settembre 2021 sarebbe stata la data del ritiro definitivo degli Stati Uniti. Parliamo di simbolismo.

 

La caduta dell’Afghanistan non è stata il risultato di un «fallimento dell’intelligence» da parte della CIA o di un errore di calcolo militare da parte del segretario Austin e del Pentagono.

 

Entrambi sapevano, come Khalilzad, cosa stavano facendo. Quando Austin ha approvato l’abbandono segreto nel buio della notte della strategica base aerea di Bagram, la più grande base militare statunitense in Afghanistan, il 4 luglio, senza notificare il governo di Kabul, ha chiarito all’esercito afghano addestrato dagli Stati Uniti che gli Stati Uniti avrebbero dato loro niente più copertura d’aria. Gli Stati Uniti hanno persino smesso di pagarli mesi fa, facendo crollare ulteriormente il morale.

 

Questo non è stato un incidente. Era tutto deliberato e Zalmay Khalilzad era al centro di tutto. Negli anni ’80 il suo ruolo ha contribuito a creare l’acquisizione talebana del 1996, nel 2001 la distruzione dei talebani e ora nel 2021 la restaurazione dei talebani

Questo non è stato un incidente. Era tutto deliberato e Zalmay Khalilzad era al centro di tutto. Negli anni ’80 il suo ruolo ha contribuito a creare l’acquisizione talebana del 1996, nel 2001 la distruzione dei talebani e ora nel 2021 la restaurazione dei talebani.

 

Il vero guadagno in questa follia è l’agenda globalista della cosiddetta cabala del «Grande Reset» di Davos che la sta usando per distruggere l’influenza globale degli Stati Uniti, mentre Biden distrugge internamente l’economia dall’interno.

 

Nessuna nazione, né Taiwan, né il Giappone, né le Filippine, né l’India, né l’Australia, né nessun’altra nazione che spera nella protezione degli Stati Uniti in futuro, potrà fidarsi che Washington manterrà le sue promesse.

 

La caduta di Kabul è la fine del secolo americano. Non c’è da stupirsi che i media cinesi siano pieni di schadenfreude e giubilo mentre discutono gli accordi per la Nuova Via della Seta con i talebani.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geopolitica

Arabia Saudita, religioso dissidente morto in carcere per le torture subite

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

La vittima è il 66enne intellettuale Musa al-Qarni, deceduto in seguito alle gravi ferite riportate. Egli ha ricevuto percosse al volto e alla testa con oggetti appuntiti, che hanno provocato fratture al cranio. Nel 2018 era stato vittima di un infarto, ma non aveva ricevuto cure adeguate. Le autorità del carcere lo avevano bollato come malato di mente. 

 

 

 

Musa al-Qarni, studioso dissidente e leader religioso saudita, è morto a causa delle gravi ferite riportate durante le torture subite in prigione. È la denuncia lanciata da alcune associazioni pro-diritti umani, secondo le quali egli avrebbe subito percosse, violenze e pesanti maltrattamenti all’interno delle carceri del Paese.

 

La morte del 66enne risale al 12 ottobre scorso, mentre si trovava in cella nonostante una salute in progressivo peggioramento per la condanna a 15 anni inflitta dalle autorità.

 

La morte del 66enne risale al 12 ottobre scorso, mentre si trovava in cella nonostante una salute in progressivo peggioramento per la condanna a 15 anni inflitta dalle autorità

Secondo quanto riferisce Alqst, una ONG indipendente che promuove i diritti umani nel regno wahhabita, Qarni ha subito violente percosse al volto e alla testa con oggetti appuntiti, che hanno procurato numerose ferite comprese fratture al cranio che ne hanno causato il decesso.

 

Il rapporto cita numerose testimonianze di persone che, dietro anonimato, confermano di aver visto il leader religioso mentre veniva torturato in cella.

 

«Invochiamo con urgenza una indagine indipendente – affermano gli attivisti – su questo crimine, sia per assicurare la giusta punizione ai responsabili che per proteggere gli altri prigionieri di coscienza da nuove tragedie di questo tipo».

 

Secondo Alqst, Qarni  aveva subito un infarto nel maggio 2018 e aveva ricevuto cure sbagliate dal personale sanitario della prigione, per poi essere trasferito in un ospedale psichiatrico nel tentativo di dipingerlo come un malato di mente.

 

Lo studioso dissidente era stato arrestato nel 2007 e condannato a 15 anni di galera nel 2011, durante un maxi-processo a carico dei «riformisti di Jeddah». Il gruppo, disciolto nel 2007 per mano della magistratura con fermi e sentenze giudiziarie, era stato accusato di voler rovesciare il governo saudita

Lo studioso dissidente era stato arrestato nel 2007 e condannato a 15 anni di galera nel 2011, durante un maxi-processo a carico dei «riformisti di Jeddah». Il gruppo, disciolto nel 2007 per mano della magistratura con fermi e sentenze giudiziarie, era stato accusato di voler rovesciare il governo saudita.

 

Nel 2012 i membri avevano ricevuto la libertà condizionata o una grazia reale, previa firma di una lettera in cui chiedevano scusa e ringraziavano per l’atto di clemenza.

 

Tuttavia, sei elementi del gruppo hanno declinato la proposta, mentre il pubblico ministero rilanciava la richiesta di condanna a morte per i rei.

 

Il regno saudita è ancora in cima alla lista delle nazioni che violano i diritti umani

A dispetto delle riforme promosse dal principe ereditario Mohammed bin Salman (MS) che attraverso l’economia tenta di cancellare un passato – ancora attuale – di estremismo, sharia e pena di morte, il regno saudita è ancora in cima alla lista delle nazioni che violano i diritti umani.

 

Riyadh continua a incarcerare attivisti, pacifisti, intellettuali e usa la pena di morte con decapitazione per reati che vanno dallo spaccio di droga all’omosessualità.

 

Lo stesso bin Salman, pur sostenendo maggiori aperture all’economia e al turismo, ha rafforzato la repressione del dissenso politico interno e dell’attivismo pacifico.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Geopolitica

I nordcoreani lanciano un missile balistico da un sottomarino

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

La Corea del Nord ha lanciato un altro missile balistico verso il Mar del Giappone. Lo ha riferito Il Joint Chief of Staff (JCS) di Seoul, spiegando che il razzo è stato lanciato da un sottomarino dal porto di Sinpo (nella Corea orientale) alle 10.17 di questa mattina.

 

«Le autorità di Intelligence della Corea del Sud e degli Stati Uniti stanno attualmente conducendo un’analisi approfondita per quanto riguarda informazioni aggiuntive», si legge in una nota del JCS inviata ai giornalisti.

 

La Corea del Nord ha lanciato un altro missile balistico verso il Mar del Giappone

Nel frattempo gli inviati diplomatici di Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti si trovano a Washington per discutere una strategia comune verso Pyongyang e convincere il regime comunista a tornare al tavolo dei negoziati.

 

«Gli Stati Uniti continuano a tendere la mano a Pyongyang per riprendere il dialogo», ha detto ieri il rappresentante USA Sung Kim dopo l’incontro con la controparte sudcoreana, Noh Kyu-duk. «Non nutriamo alcun intento ostile nei confronti della Corea del Nord, e siamo aperti al dialogo senza precondizioni».

 

I due hanno discusso la recente proposta del presidente sudcoreano Moon Jae-in di firmare un trattato di pace con Pyongyang per porre fine alla guerra di Corea del 1950-53, mai formalmente chiusa, e Kim Sung ha in programma di recarsi a Seoul alla fine di questa settimana.

 

«Pyongyang tende a concentrarsi su una grande questione strategica alla volta, quindi l’ultimo test potrebbe suggerire una priorità militare ora e poi di politica estera».

Nelle ultime settimane il regime comunista ha aumentato l’attività militare, testando il mese scorso un missile da crociera a lungo raggio e un (presunto) missile ipersonico. Nonostante la ripresa delle linee di comunicazione tra Nord e Sud, i test missilistici degli ultimi tempi hanno stemperato l’ottimismo di Seoul.

 

Secondo Chad O’Carroll, capo del Korea Risk Group, i recenti test missilistici della Corea del Nord potrebbero indicare che Pyongyang sta superando la fase di crisi data dalla pandemia da COVID-19: «le difficoltà interne delle estati del 2020 e 2021 potrebbero essere finite», ha scritto su Twitter.

 

«Pyongyang tende a concentrarsi su una grande questione strategica alla volta, quindi l’ultimo test potrebbe suggerire una priorità militare ora e poi di politica estera».

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Cina

La «spina» Taipei e la «grana» Lituania mettono alla prova i rapporti tra Ue e Pechino

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

Il 15 ottobre Xi Jinping e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel hanno avuto un colloquio telefonico. Obiettivo: ridurre la tensione. Punita dai cinesi per i suoi crescenti rapporti con Taiwan, Vilnius chiede l’intervento unito della Ue. Deputato lituano: Non siamo come loro, non dobbiamo rispondere con misure coercitive simmetriche.

 

 

Taiwan è un tema sempre più spinoso nelle relazioni tra Cina e Unione europea. Sarà con ogni probabilità argomento di discussione nella telefonata del 15 ottobre tra il presidente cinese Xi Jinping e quello del Consiglio europeo Charles Michel.

 

La tensione tra Pechino ed Europa si è accentuata dopo che i cinesi hanno adottato misure coercitive contro la Lituania, con Vilnius che chiede un approccio comune della UE più duro nei confronti della Cina.

 

Lo scorso 10 agosto Pechino ha richiamato in patria il proprio ambasciatore a Vilnius: una protesta contro la decisione del governo lituano di permettere a quello taiwanese di aprire un ufficio di rappresentanza con il nome «Taiwan».

 

Gli operatori ferroviari cinesi non stanno organizzando treni merci per la Lituania; sul territorio della Repubblica baltica passano solo treni di transito dalla Cina

Come sottolineato ad AsiaNews dal deputato lituano Matas Maldeikis, pur senza un’indicazione ufficiale del proprio governo gli operatori ferroviari cinesi non stanno organizzando treni merci per la Lituania; sul territorio della Repubblica baltica passano solo treni di transito dalla Cina.

 

Per il Partito comunista cinese, Taipei è una provincia «ribelle» da riunificare con la forza se necessario. Dopo le recenti massicce incursioni aeree cinesi nei pressi dell’isola, ieri le truppe di Pechino hanno simulato operazioni di sbarco e attacco nel Fujian, la provincia costiera che si trova di fronte a Taiwan.

 

Lo scorso 6 ottobre, il ministro taiwanese della Difesa Chiu Kuo-cheng ha affermato che la Cina sarà in grado di lanciare un attacco su «vasta scala» contro l’isola entro il 2025.

 

Ieri in collegamento video con la Conferenza Forum 2000, Tsai Ing-wen è tornata a chiedere la conclusione di un accordo bilaterale sugli investimenti tra il proprio Paese e la UE. Secondo la presidente taiwanese, Taiwan può diventare un partner indispensabile per l’Europa in settori chiave come biotecnologie, energie rinnovabili, protezione dei dati, conservazione degli oceani e soprattutto microchip.

 

Per non urtare la sensibilità di Pechino, la UE non sembra intenzionata a sottoscrivere un patto commerciale di ampia portata con Taipei. Malgrado ciò, le frizioni sino-europee continuano a moltiplicarsi.

 

Lo scorso 6 ottobre, il ministro taiwanese della Difesa taiwanese Chiu Kuo-cheng ha affermato che la Cina sarà in grado di lanciare un attacco su «vasta scala» contro l’isola entro il 2025

Il ministero cinese degli Esteri ha condannato la visita a Taiwan di una delegazione parlamentare francese, conclusasi il 10 ottobre. La diplomazia di Pechino ha ribadito che l’isola è una parte «inalienabile» della Cina e che il capo delegazione transalpino, il senatore Alain Richard, o ignora le regole del diritto internazionale o vuole «sabotare» le relazioni franco-cinesi per scopi personali.

 

Richard si è recato più volte a Taiwan. In febbraio, quando è emersa la notizia della sua visita a Taipei, l’ambasciatore cinese in Francia Lu Shaye gli ha scritto una lettera intimandogli di abbandonare il proposito.

 

Maldeikis, capo del gruppo di amicizia con Taiwan del Parlamento di Vilnius, guiderà una delegazione lituana che visiterà Taipei nella prima metà di dicembre.

 

Secondo il politico lituano Matas Maldeikis, l’Europa deve fronteggiare Pechino cooperando con chi gioca secondo le regole, diversificando le catene di approvvigionamento e trovando mercati alternativi a quello cinese

Alla domanda se la UE deve rispondere agli atti coercitivi della Cina con misure commerciali simmetriche, Maldeikis dice che sarebbero controproducenti: «non siamo come loro e non possiamo sacrificare persone e imprese».

 

Secondo il politico lituano, l’Europa deve fronteggiare Pechino cooperando con chi gioca secondo le regole, diversificando le catene di approvvigionamento e trovando mercati alternativi a quello cinese.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da Asianews

Continua a leggere

Più popolari