Connettiti con Renovato 21

Eutanasia

La Colombia spinge per l’eutanasia. La chiedono i «devoti cattolici»

Pubblicato

il

Da mesi la Colombia discute sulla questione dell’eutanasia. Il valzer della dolce morte, come riportato da Renovatio 21, continua il suo giro nel Paese da mesi, da anni.

 

La Colombia è una nazione che un tempo – come tutti i Paesi latinoamericani – era considerabile, quantomeno a livello popolare, profondamente cattolico,

 

Il panorama sta cambiando con velocità. Il suicidio medico sta divenendo una prassi accettata anche a Bogotà.

 

Finora, questo gennaio, solo due cittadini colombiani, afflitti da condizioni difficili, definite «degenerative» ma non «terminali», sono stati «legalmente soppressi», riporta l’agenzia britannica Reuters.

 

La storia è stata ampiamente riportata a livello internazionale come un grande progresso per la causa del «diritto a morire» per mano di un altro cioè per l’eutanasia, per la quale l’Italia sta per votare ad un referendum che di fatto depenalizzerebbe l’esecutore in caso di omicidio del consenziente.

 

Come ha osservato il British Medical Journal:

 

La donna «che si considera una devota cattolica, aveva iniziato a leggere di un’opzione che pensava potesse alleviare la sua paura di ciò che sarebbe successo: l’eutanasia»

«Due persone che avevano malattie gravi ma non una prognosi terminale hanno concluso legalmente la loro vita in Colombia con l’assistenza di medici. La nuova politica del Paese lo rende il quarto Paese al mondo, dopo Belgio, Canada e Paesi Bassi, a consentire all’eutanasia volontaria di porre fine alla sofferenza di persone che altrimenti non morirebbero presto».

 

Newsweek ha titolato: «Una morte dignitosa». La ABC ha rassicurato i suoi lettori che la morte era “tranquilla”.

 

Il Washington Post ha salutato la «lotta legale storica» ​​che ha aperto la porta per consentire a più persone l’accesso al «diritto» della soppressione on demand.

 

Oxford Analytica prevede che «i casi di eutanasia in Colombia stabiliranno un nuovo precedente».

 

Il mutamento in atto è stato preparato a dovere con il solito uso di ONG e propaganda sui «diritti» (in un momento in cui i diritti umani più primari sono calpestati in tutto il pianeta).

 

«La filiale colombiana della World Federation of Right to Die Association che guida la carica per il “diritto alla morte”, è uno studio legale che si fa chiamare DescLab, il Laboratorio dei diritti economici, sociali e culturali, che sta già tenendo una serie di webinar in Ibero-America, promuovendo la legislazione sul “diritto a morire” e il suo programma educativo per indottrinare gli scolari sul loro “diritto” di scegliere di morire, piuttosto che contribuire alla società» riporta EIRN.

 

«Non è un caso che questo attacco frontale al più fondamentale dei diritti umani, quello del diritto alla vita, si stia intensificando nel mezzo di una pandemia a cui i governi occidentali in generale si sono rifiutati di fare ciò che era necessario per schiacciare il malattia».

 

L’eutanasia è legale in Colombia dal 1997, quando, tre anni dopo che il Paese aveva legalizzato l’uso di cocaina. All’epoca la Corte Costituzionale della Colombia ha legalizzato l’eutanasia in «determinate circostanze».

 

Nel 2014, il tribunale ha ordinato la regolamentazione della «procedura», che è l’uccisione medica deliberata di un altro essere umano.

 

Dal 2015, sono 178 le persone con malattie dichiarate terminali che sono state legalmente «soppresse» in Colombia. Nel luglio 2021, la Corte costituzionale della Colombia ha stabilito che il sistema sanitario pubblico colombiano può uccidere chiunque abbia una malattia «incurabile» che causa un grande dolore fisico o psicologico, per ora la persona deve richiederlo.

 

Il principale campione di eutanasia al Congresso colombiano, il membro del Partito Liberale Juan Fernando Reyes Kuri, intende ripresentare il suo disegno di legge che regola l’eutanasia se verrà rieletto a marzo, in modo che chiunque cerchi di morire «non dovrà andare davanti a un giudice ; i medici dovranno metterlo in atto immediatamente».

La campagna internazionale per spingere l’eutanasia in Colombia, giocata con il favore dei massimi media mondiali, ha coinvolto anche la questione cattolica

 

La campagna internazionale per spingere l’eutanasia in Colombia, giocata con il favore dei massimi media mondiali, ha coinvolto anche la questione cattolica: i fedeli cattolici sono di fatto, almeno in teoria, ancora la maggioranza della popolazione colombiana.

 

Ecco che quindi sono cominciate a circolare storie riguardo al fatto che erano proprio pie persone cattoliche a chiedere di essere soppresse.

 

A ottobre 2021 il Washington Post dedicò un lungo articolo a Martha Sepulveda, 51enne della capitale Bogotà, e alla sua battaglia per «divenire la prima persona in Colombia – un Paese a maggioranza cattolica – a morire per eutanasia legalmente autorizzata senza una prognosi terminale». Alla signora era stata diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica generalmente nota con l’acronimo SLA.

 

Nell’articolo del giornale del gruppo Amazon abbandono descrizioni drammatiche della sua vita non più degna di essere vissuta (un tempo dicevano così): «piangeva la notte, sopraffatta dal pensiero di non poter andare a letto o andare in bagno da sola».

 

Tuttavia la donna «che si considera una devota cattolica, aveva iniziato a leggere di un’opzione che pensava potesse alleviare la sua paura di ciò che sarebbe successo: l’eutanasia».

 

Notate il lavoretto: la parola «eutanasia» e «devota cattolica» stanno nella stessa frase – e nello stesso «caso umano». Un caso che chiaramente doveva fare da guida per tutta la popolazione ancora ancorata al cattolicesimo: farsi uccidere dai medici non è un peccato

Notate il lavoretto: la parola «eutanasia» e «devota cattolica» stanno nella stessa frase – e nello stesso «caso umano». Un caso che chiaramente doveva fare da guida per tutta la popolazione ancora ancorata al cattolicesimo: farsi uccidere dai medici non è un peccato. La finestra di Overton sul suicidio ospedaliero dei cattolici colombiani è bella che aperta.

 

Di fatto, ci casca subito dentro qualche zucchetto: ecco che viene data notizia di un membro della Conferenza episcopale colombiana che esortava la Sepulveda a «riflettere con calma» sulla sua decisione e invitava i cattolici a pregare affinché Dio le concedesse misericordia.

 

Fino al 2021 in Colombia l’opzione era legalmente disponibile solo per coloro che avrebbero dovuto vivere per sei mesi o meno. Sebbene la SLA sia una malattia fatale senza cura, progredisce a ritmi variabili e i pazienti possono sopravvivere per anni o, in alcuni casi, decenni.

 

La corte costituzionale colombiana aveva stabilito a luglio 2021 che il diritto all’eutanasia si applicava non solo ai pazienti terminali, ma anche a quelli con «intense sofferenze fisiche o mentali per lesioni fisiche o malattie gravi e incurabili».

 

Tuttavia un comitato medico aveva stabilito che nel caso della Sepulveda la malattia non pregiudicava completamente «la funzionalità della paziente nelle attività strumentali o nella vita quotidiana come la paziente e la sua famiglia avevano espresso in precedenti cartelle cliniche». La signora, disse il comitato dei medici «ha un’alta probabilità di aspettarsi una vita di più di 6 mesi»; quindi il comitato ha stabilito che non era idonea per l’eutanasia.

 

La finestra di Overton sul suicidio ospedaliero dei cattolici colombiani è bella che aperta

I membri del comitato hanno basato la loro decisione almeno in parte sulla copertura mediatica del caso Sepulveda, partita da quando la sua decisione è diventata pubblica. L’aspirante eutanatizzata «era apparsa in televisione sorridendo e ridendo mentre cenava in un ristorante locale (…) nonostante la sua triste prognosi» ha scritto in occasione del decesso eutanatico il Washington Post.

 

Lo scorso 8 gennaio la signora Sepulveda ha vinto la sua battaglia per morire di eutanasia, ed è morta. Secondo i suoi avvocati lo ha fatto «secondo la sua idea di autonomia e dignità». Poco altro trapela, se non che la «procedura» è stata operata nella città di Medellin. Negli articoli sui giornali internazionali è definita, come lo scorso ottobre, «madre e devota cattolica».

 

Insomma, sono i «devoti cattolici» a chiedere di essere terminati.

 

Immagine ricca di insegnamenti, profondi e attualissimi, anche in termini storici e metastorici.

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Ansia ecologica: motivo per ottenere l’eutanasia?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Un cittadino di Vancouver di nome Howard Breen, 68 anni, ha presentato domanda di aiuto medico alla morte (MAiD), il percorso canadese verso l’eutanasia legale. Non è malato terminale, ma sta vivendo un’estrema sofferenza mentale a causa del cambiamento climatico.

 

Nel 2017, il suo medico gli ha diagnosticato una eco-ansia clinica e una depressione correlata alla biosfera, secondo la rivista Vice.

 

«Diventa debilitante», ha detto Breen a Vice. «La depressione che provo per lo stato delle cose e la mia incapacità di non essere apprensivo per il futuro dei miei figli in particolare, è una grande preoccupazione per me».

 

 

Breen è un attivista ambientale e un membro di Extinction Rebellion. Ma insiste sul fatto che la sua domanda non è una trovata pubblicitaria. «Ma ha assicurato a VICE News che avere autonomia sul proprio corpo e una morte dignitosa di fronte all’imminente catastrofe climatica non è un’acrobazia. Ha anche il supporto del suo medico di base, sua moglie, due figlie e un figlio».

 

Ha presentato domanda per l’accesso al MAiD nel febbraio 2017, ma la sua richiesta è stata respinta perché uno dei medici valutatori non credeva che l’eco-ansia fosse una condizione ammissibile.

 

Tuttavia, si dice che l’eco-ansia sia reale tra i canadesi, soprattutto dopo l’ondata di caldo e gli incendi boschivi dell’anno scorso.

 

All’inizio di quest’anno la Climate Change and Mental Health Alliance ha affermato che l’ondata di caldo ha aumentato l’ansia del 13%.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Eutanasia in tutti gli Stati australiani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Lo stato australiano del Nuovo Galles del Sud ha legalizzato l’eutanasia e il suicidio assistito la scorsa settimana. I membri della Camera Alta hanno sostenuto il Voluntary Assisted Dying Bill 2022 con un margine di 23 a 15.

 

Sia il Premier che il leader dell’opposizione si erano opposti al disegno di legge, ma hanno concesso ai parlamentari un voto di coscienza sulla questione estremamente divisiva. Il disegno di legge è passato alla Camera a novembre con un margine di 53 voti contro 36.

 

Ciò significa che la «morte assistita» è ora legale in ogni stato australiano. E le elezioni federali di sabato hanno messo al potere un governo laburista. Il nuovo parlamento subirà immediatamente pressioni per consentire all’Australian Capital Territory, dove si trova Canberra, e al vasto ma scarsamente popolato Northern Territory, di legalizzare anche lì.

 

La morte assistita è stata dibattuta in Australia almeno dal 1995, quando il Territorio del Nord l’ha legalizzata, sebbene il Parlamento federale abbia approvato una legge che l’ha ribaltata nel 1997, impiegando un potere costituzionale raramente utilizzato. All’epoca i parlamentari erano contrari al VAD [morte volontaria assistita, ndr] in modo schiacciante. Ma nel 2017 lo stato del Victoria ha legalizzato la morte assistita; nel 2019 Australia occidentale; nel 2021 Tasmania, Queensland e Australia Meridionale. Il cambiamento culturale è stato rapido.

 

Il deputato indipendente Alex Greenwich ha presentato il disegno di legge in parlamento alla fine dello scorso anno. Greenwich, che è stato anche responsabile della depenalizzazione dell’aborto nel Nuovo Galles del Sudin questo periodo, ha elogiato un «giorno in cui la compassione ha vinto».

 

«Ora la nostra attenzione deve spostarsi sul parlamento federale e spetta ai nostri colleghi e partner federali approvare leggi che consentano ai territori di essere in grado di legiferare per questa compassione», ha affermato.

 

Il ministro per le relazioni con i dipendenti Damien Tudehope ha dichiarato che il disegno di legge aveva «tradito» persone che soffrivano di una malattia terminale. “Alcuni diranno che questo è un grande momento per il Nuovo Galles del Sud», ha detto a The Guardian . «Andro via da qui oggi pensando che questo sia un giorno buio per il nostro Stato».

 

La nuova legge consentirà ai pazienti di scegliere tra suicidio assistito ed eutanasia. Le sue disposizioni sono più o meno le stesse degli altri stati, ma non consente alle istituzioni di rifiutare di consentire ai propri residenti di avere il VAD, con costernazione dei funzionari sanitari cattolici.

 

«Questa legge costringerà le organizzazioni che non sono d’accordo con la morte assistita a consentire ai medici nei loro locali di prescrivere e persino somministrare farmaci soggetti a restrizioni con l’intenzione di porre fine alla vita di un residente, senza nemmeno informare la struttura», ha affermato Brigid Meney, di Catholic Health Australia

 

«Queste leggi ignorano i diritti del personale e dei residenti che possono scegliere di lavorare e vivere in una particolare struttura residenziale a causa della loro opposizione alla morte assistita».

 

Ci vorranno probabilmente altri 18 mesi prima che le persone possano accedere alla morte assistita nel Nuovo Galles del Sud.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Paul Hocksenar via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

L’ex arcivescovo di Canterbury promuove l’eutanasia in Australia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

L’ex arcivescovo anglicano di Canterbury, George Carey, ha inviato un messaggio al parlamento dello stato australiano del New South Wales, esortandolo ad approvare un disegno di legge sull’eutanasia.

 

In una lettera ottenuta da The Australian indirizzata a tutti i membri della Camera alta del NSW, Lord Carey, che è anche membro della Camera dei Lord nel Regno Unito, ha dichiarato:

 

«“Non è mia intenzione interferire in una questione che appartiene propriamente ai cittadini australiani, ma scrivo come ex arcivescovo di Canterbury che ha cambiato radicalmente idea sulla morte assistita».

 

Lord Carey ha avuto un momento di conversione nel 2014 e successivamente ha pubblicato una lettera aperta in cui ha sostenuto con forza un disegno di legge sulla morte assistita sponsorizzato da Labour Peer Lord Falconer.

 

L’arcivescovo in carica di Canterbury, il capo de facto della Chiesa d’Inghilterra, Justin Welby, dichiarò che sarebbe stato un disastro per gli anziani.

 

Sembra che Lord Carey stia continuando la sua campagna per persuadere i cristiani di tutte le convinzioni a sostenere l’eutanasia.

 

Nella sua lettera del 2014 ha scritto di aver cambiato idea dopo aver parlato con diverse persone morenti:

 

«Ho cominciato a riconsiderare come interpretare la teologia cristiana sull’argomento. Mentre lo facevo, diventavo sempre meno sicuro della mia opposizione al diritto di morire. Mi sembrava che sia la Bibbia che il carattere di Dio attribuissero molta più importanza alla benevolenza a cuore aperto che al rispetto di questa legge particolare. Come ho ricordato a me stesso, uno dei temi chiave dei vangeli è l’amore per i nostri simili».

 

Ha affermato che consentire alle persone di soffrire è in realtà profondamente non cristiano:

 

«Osservando rigorosamente l’insegnamento accettato sulla santità della vita, la Chiesa potrebbe effettivamente sanzionare l’angoscia e il dolore – l’esatto opposto del messaggio cristiano».

 

Gli anni successivi hanno fatto ben poco per smorzare l’entusiasmo dell’ex arcivescovo per l’eutanasia. Semmai, si sente più fortemente al riguardo.

 

Nella sua lettera ai parlamentari del Nuovo Galles del Sud, dice:

 

«Vi esorto a non considerare che il punto di vista religioso sia stabilito su questo argomento e che tutti i leader cristiani e religiosi parlino con un’unica mente. Si pensa spesso che questa sia semplicemente una questione di santità della vita su cui la maggior parte dei cristiani è d’accordo. Eppure c’è un notevole divario tra la guida delle chiese e le opinioni di molti nelle congregazioni».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari