Connettiti con Renovato 21

Farmaci

Giudice costringe ospedale a curare un uomo morente con l’ivermectina

Pubblicato

il

 

 

Una donna di Cincinnati, Ohio, il cui marito è stato messo in coma farmacologico a causa di COVID-19, ha vinto una causa la scorsa settimana, costringendo il personale ospedaliero a curare suo marito con l’ivermectina.

 

Jeffrey Smith, 51 anni, è risultato positivo al COVID-19 il 9 luglio ed è stato ricoverato in terapia intensiva il 15 luglio.

 

In ospedale, Smith è stato curato con l’unico farmaco approvato dalla FDA per COVID-19, remdesivir, oltre a plasma e steroidi.

 

Come riportato da Infowars, la salute di Jeffrey è peggiorata e il 1° agosto il personale ospedaliero lo ha sedato e messo su un ventilatore.

 

Secondo i documenti del tribunale , Smith è stato messo in coma farmacologico il 20 agosto e tre giorni dopo i medici hanno riscontrato un’infezione secondaria.

Il medico di Smith, Fred Wagshul, ha scritto una prescrizione per l’ivermectina per curare il suo paziente, ma l’ospedale ha rifiutato di somministrarla

 

L’infezione secondaria sarebbe stata causata dal personale ospedaliero che si era dimenticato di riempire di nuovo il farmaco sedativo di Smith, permettendogli di svegliarsi mentre era attaccato ad un ventilatore, «strappando il tubo dell’aria dall’esofago, disturbandoe/o rompendo il tubo di alimentazione, che ha causato la fuga di particelle di cibo e tossine nei suoi polmoni».

 

Inizialmente, il medico di Smith, Fred Wagshul, ha scritto una prescrizione per l’ivermectina per curare il suo paziente, ma l’ospedale ha rifiutato di somministrarla.

 

Come riporta il sito Gizmodo , il dottor Wagshul è un pneumologo dell’area di Dayton, Ohio, che è elencato come uno dei fondatori della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCA).

 

FLCCA è un gruppo che supporta l’ivermectina sia come prevenzione che come terapia per il COVID-19.

 

La moglie di Smith, Judy, ha affermato che i medici hanno dato a Jeffrey una possibilità di sopravvivenza inferiore al 30% e che era «alle porte della morte».

«L’insabbiamento del governo americano dei benefici dell’ivermectina per i pazienti COVID è equivalente al «genocidio»

 

Lo stesso giorno in cui è stata trovata l’infezione secondaria di Jeffrey, il 23 agosto, il giudice Gregory Howard della Butler County Common Pleas Court ha stabilito che il West Chester Hospital di Cincinnati doveva trattarlo con ivermectina.

 

Il dottor Wagshul ha dichiarato al quotidiano di Cincinnati The Enquirerche l’insabbiamento del governo americano dei benefici dell’ivermectina per i pazienti COVID è equivalente al «genocidio».

 

«Se fossimo un paese che guarda a un altro paese che consente quelle morti ogni giorno… avremmo urlato, “Genocidio!”», ha dichiarato il medico.

 

Un notiziario locale di Cincinnati sulla storia di Smith ha attaccato l’uso dell’ivermectina descrivendo il farmaco come uno «sverminatore per il bestiame» che è «probabile che faccia più male che bene».

 

Abbiamo avuto modo di sentire queste accuse infamanti anche sui media italiani, dove l’ivermectina – sulla quale non sono più riusciti  riusciti a mantenere la spirale del silenzio calata nei tanti mesi durante i quali se ne è parlato, anche su Renovatio 21 – è ormai descritta come un medicinale per cavalli, definizione che ricorda quella che i giornali danno di droghe illegali usate ai rave party come la chetamina.

 

Tuttavia sull’ivermectina ora pende una ben più intensa maledizione pubblica: i rave party sono ora tollerati dal governo e la chetamina sta per essere usata in ambito psicoterapico.

 

L’ivermectina invece da tabù è divenuto un farmaco di difficile reperibilità in ambito italiano, dove il ministero della Salute per mesi ha raccomandato il sofisticato protocollo «tachipirina più vigile attesa» arrivando a ricorrere al TAR  – incredibile – contro le cure domiciliari.

 

Lasciamo al lettore ogni considerazione in merito.

 

 

Continua a leggere

Farmaci

14 medicinali che si crede utilizzino linee cellulari fetali abortite, ma non è vero

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Jose Trasancos su gentile concessione del sito di Children of God for Life

 

 

 

La linea cellulare da feto abortito HEK-293 è stata resa disponibile per la prima volta ai ricercatori nel 1977, molto tempo dopo lo sviluppo di questi prodotti.

 

Il loro sviluppo non poteva dipendere dall’uso di HEK-293.

 

 

1) L’idrossiclorochina è stata approvata per la prima volta per uso medico negli Stati Uniti nel 1955.

 

2) La scoperta e lo sviluppo dell’Ivermectina hanno utilizzato ampi esperimenti su animali. Cfr.Pesticide Synthesis Through Rational Approaches (acs.org)

 

3) L’albuterolo (Ventolin) è stato scoperto nel 1966, commercializzato nel Regno Unito come Ventolin nel 1969. Cfr. Landau R (1999).  Pharmaceutical innovation: revolutionizing human health. Philadelphia: Chemical Heritage Press. p. 226.

 

4) L’aspirina è stata scoperta per la prima volta nel 1853. Un brevetto statunitense è stato assegnato a Bayer nel 1900. Cfr.  Aspirina – Wikipedia

 

5) La lidocaina è stata scoperta nel 1946 e immessa sul mercato nel 1948. Rif: Scriabine, Alexander (1999). Cfr.  «Discovery and development of major drugs currently in use». In Ralph Landau; Basil Achilladelis; Alexander Scriabine (eds.). Pharmaceutical Innovation: Revolutionizing Human Health. Philadelphia: Chemical Heritage Press. p. 211.

 

6) La metformina è stata scoperta nel 1922 e commercializzata per la prima volta in Francia nel 1957. CFr Analogue-based Drug Discovery II. John Wiley & Sons. p. 49.

 

7) Il metoprololo è stato sviluppato per la prima volta nel 1969 e brevettato nel 1970. Cfr. Fischer, Jnos; Ganellin, C. Robin (2006). Analogue-based Drug Discovery. John Wiley & Sons. p. 461

 

8) Tums  non è altro che carbonato di calcio e zucchero. È stato sviluppato nel 1928 da James Harvey Howe, nel seminterrato della sua casa e prodotto per la prima volta in vendita nel 1930 dalla Lewis Howe Company. Cfr.  Tums – Wikipedia.

 

9) L’acetaminofene (paracetamolo) ha qualche disaccordo sulla data della scoperta, ma il consenso generale è 1877. Cfr. Morse, H.N. (1878). «Ueber eine neue Darstellungsmethode der Acetylamidophenole» [On a new method of preparing acetylamidophenol]. Berichte der deutschen chemischen Gesellschaft (in German). 11 (1): 232–233.

 

10) L’ibuprofene è stato scoperto nel 1961 e commercializzato per la prima volta nel Regno Unito nel 1969. Cfr.  Halford GM, Lordkipanidzé M, Watson SP (2012). «50th anniversary of the discovery of ibuprofen: an interview with Dr Stewart Adams – PubMed (nih.gov)»Platelets23 (6): 415–422.

 

11) Il destrometorfano è stato brevettato nel 1949 e approvato per uso medico nel 1953. Cfr. Fischer, Jnos; Ganellin, C. Robin (2006). Analogue-based Drug Discovery. John Wiley & Sons. p. 527.

 

12) Il Pepto Bismol è stato venduto per la prima volta nel 1900 come Bismosal. Ribattezzato Pepto-Bismol nel 1919. Cfr. Bismuth subsalicylate – Wikipedia

 

13) Il Maalox è stato prodotto commercialmente per la prima volta nel 1949. Cfr.  Maalox – Wikipedia

 

14) La pseudoefedrina è stata scoperta nel 1889, la maggior parte degli OTC con contenuto di pseudoefedrina è sostanzialmente precedente al 1977. Cfr. Ladenburg, A.; Oelschlägel, C. (1889). «Ueber das “Pseudo-Ephedrin»Berichte der Deutschen Chemischen Gesellschaft  (in tedesco).

 

 

Mentre qualsiasi uso dei resti di bambini abortiti dovrebbe essere rifiutato da chiunque dia valore alla dignità della vita umana, queste medicine non esistono «se non per l’uso» dei corpi di quei bambini.

 

Questi medicinali sono stati sviluppati indipendentemente da tale uso.

 

In seguito, altri ricercatori potrebbero aver condotto test sui farmaci già esistenti utilizzando HEK-293 o qualche altra linea cellulare fetale abortita, ma c’è una distinzione tra i farmaci che non sarebbero qui se non per l’uso di bambini abortiti e quelli che sono stati successivamente testati.

 

In definitiva, è quella pratica che deve essere terminata – anzi l’intera pratica dell’aborto – e questo è il motivo per cui  in Children of God for Life ci concentriamo sulla causa alla radice.

 

FR. L’articolo di Schneider è stato rimosso da Internet da organizzazioni che cercano di imporre obblighi di vaccinazione a dipendenti e studenti.

 

Vi sentiamo ogni giorno a centinaia, molti di voi in preda al panico e confusi. Possiamo aiutare, ma spetta a ciascuno di voi prendere posizione davanti a voi.

 

Speriamo che queste informazioni aiutino a sfidare quei leader che non hanno fatto la ricerca da soli.

 

 

Jose Trasancos

CEO Children of God for Life

Continua a leggere

Farmaci

Google e Facebook censurano i contenuti che non sono in linea con la narrativa COVID approvata dal governo: le critiche dal comico TV

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Bill Maher ha dichiarato in un video che YouTube non ha alcun diritto di censurare le informazioni sui trattamenti COVID come l’ivermectina o prove che il SARS-CoV2 possa essere fuggito da un laboratorio.

 

 

 

Il comico Bill Maher ha affermato in un video su «Real Time» che le «vergognose» piattaforme di social media stanno censurando i contenuti sull’ivermectina, un farmaco antiparassitario dimostratosi efficace per il trattamento del COVID.

 

Maher ha anche criticato la censura dei social media sui contenuti che suggeriscono che il virus SARS-CoV2 sia uscito dall’Istituto di virologia di Wuhan in Cina.

 

Maher ha fatto riferimento ai commenti del capo della divisione sanitaria di Google, David Feinberg, che ha dichiarato a un giornalista del Wall Street Journal a giugno che Google non compila automaticamente le ricerche per «fuga coronavirus dal laboratorio» perché non vuole condurre «le persone lungo percorsi» verso le informazioni non «autorevoli».

 

Maher ha respinto l’idea che YouTube possa decidere quali informazioni mostrare agli utentisui  trattamenti COVID, inclusa l’ivermectina

Feinberg ha affermato che Google vuole che gli utenti vedano le informazioni di autorità come i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

 

«Proprio chi sto indagando con una ricerca», ha detto Maher. «L’OMS è stata corrotta per un sacco di roba . Il CDC [Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie] si è sbagliato su un sacco di roba».

 

Per quattro mesi, Facebook ha vietato tutti i post sulla teoria della fuoriuscita del COVID dal laboratorio, ha affermato Maher. È «vergognoso» che non riesca a cercare queste informazioni, si è infuriato Maher. «E ora stanno facendo lo stesso per questo farmaco, l’ivermectina».

 

«YouTube non dovrebbe dirmi cosa posso vedere sull’ivermectina. L’ivermectina non è un iscritto al partito repubblicano. È un farmaco»

Maher ha respinto l’idea che YouTube possa decidere quali informazioni mostrare agli utentisui  trattamenti COVID, inclusa l’ivermectina.

 

 

Le piattaforme private utilizzano le linee guida governative per controllare i contenuti 

«Hanno cacciato Bret Weinstein da YouTube, o quasi», ha detto Maher. «YouTube non dovrebbe dirmi cosa posso vedere sull’ivermectina. L’ivermectina non è un iscritto al partito repubblicano. È un farmaco».

 

Weinstein, conduttore del «DarkHorse Podcast», ha detto a Joe Rogan che YouTube ha «demonetizzato» i suoi canali, rimosso alcuni dei suoi video e ha emesso avvisi per i contenuti che menzionavano l’ivermectina, etichettandoli come «spam» e «informazioni mediche ingannevoli».

 

«Se piattaforme come YouTube stanno basando le politiche di regolamentazione del discorso sulle linee guida del governo e le agenzie governative possono essere preda dell’industria, esiste il potenziale per un nuovo tipo di acquisizione: l’acquisizione cognitiva, in cui il denaro aziendale può teoricamente acquistare non solo la semplificazione degli obblighi normativi ma anche prevenzione della critica pubblica»

Weinstein non è solo.

 

Come ha osservato il giornalista Matt Taibii in un recente articolo sulle piattaforme private che utilizzano le linee guida del governo per controllare i contenuti, la decisione di YouTube di censurare Weinstein e altri che parlano di trattamenti COVID diversi dal vaccino è «parte di un butterfly-effect generale».

 

Taibii ha scritto:

 

«L’ospite di Weinstein, il dottor Robert Malone, un ex ricercatore del Salk Institute spesso accreditato per aver contribuito allo sviluppo della tecnologia dei vaccini mRNA, è stato sospeso da LinkedIn, e l’ospite di Weinstein, il dottor Pierre Kory della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance, ha visto rimuovere le sue apparizioni da YouTube. Anche Satoshi Ōmura, vincitore del Premio Nobel nel 2015 per il suo lavoro sull’ivermectina, secondo quanto riferito, questa settimana ha visto un suo video rimosso da YouTube».

 

Il problema con le aziende tecnologiche che si affidano alle linee guida del governo, ha affermato Taibii, è che tali linee guida dipendono «in modo significativo» dalle informazioni dell’industria farmaceutica – famosa per «essere per nulla onesta con il pubblico».

 

Consentire alle aziende di censurare ciò che le persone affermano online sui loro prodotti, ha continuato Taibii, promuove un ambiente che elimina le critiche pubbliche.

 

Taibii ha scritto:

 

«Oggi sono i vaccini, e questa questione è abbastanza importante, ma cosa accadrebbe se in futuro le domande riguardassero l’esecuzione di un costoso programma di armi, o una società finanziaria incaricata di amministrare fondi di salvataggio, o i rischi per la salute posti da un inquinatore privato?»

«Se piattaforme come YouTube stanno basando le politiche di regolamentazione del discorso sulle linee guida del governo e le agenzie governative possono essere preda dell’industria, esiste il potenziale per un nuovo tipo di acquisizione: l’acquisizione cognitiva, in cui il denaro aziendale può teoricamente acquistare non solo la semplificazione degli obblighi normativi ma anche prevenzione della critica pubblica».

 

«Oggi sono i vaccini, e questa questione è abbastanza importante, ma cosa accadrebbe se in futuro le domande riguardassero l’esecuzione di un costoso programma di armi, o una società finanziaria incaricata di amministrare fondi di salvataggio, o i rischi per la salute posti da un inquinatore privato?».

 

 

Il team di Children’s Health Defense

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

© 23 luglio 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Contraccezione

I nuovi anticoncezionali: nanomateriali magnetici iniettati nei testicoli

Pubblicato

il

Da

 

 

 

 

 

La creazione di un contraccettivo medico per uomini, talvolta chiamato dai giornali «pillolo», non ha mai dato esiti positivi, generando effetti collaterali indesiderati e creando involontariamente il consumo ricreativo di certe sostanze – i SARM (acronimo che sta per modulatori selettivi dei recettori degli androgeni) – presso atleti e culturisti quando si è scoperto che taluni di questi farmaci sperimentali potevano aiutare i muscoli.

 

Ora un team di scienziati dell’Università cinese di Nantong ha appena completato i test sugli animali per un nuovo approccio alla contraccezione maschile. Si tratta di una tecnica totalmente differente, e cha ha un accento che ben stiamo imparando a conoscere con la vaccinazione COVID: l’uso di sostanze magnetiche

 

La tecnica cinese consiste nell’iniettare nei topi nanomateriali magnetici, usando magneti esterni per guidare le particelle nei loro testicoli, e poi usando un altro campo magnetico per riscaldare i loro genitali al punto tanto che i topi hanno temporaneamente smesso di produrre sperma

La tecnica cinese consiste nell’iniettare nei topi nanomateriali magnetici, usando magneti esterni per guidare le particelle nei loro testicoli, e poi usando un altro campo magnetico per riscaldare i loro genitali al punto tanto che i topi hanno temporaneamente smesso di produrre sperma.

 

La ricerca  è stata pubblicata questo mese sulla rivista Nano Letters .

 

Il mondo scientista è pronto ad abbracciare immediatamente la magnetizzazione dei testicoli: del resto in ballo c’è uno dei valori più alti e più belli del mondo moderno, del progresso, : l’infertilità.

 

Senza contraccettivi, come sarebbe possibile diminuire il numero di esseri umani sul pianeta? Sarebbe quasi impossibile, anche qualora istituissero un lockdown sessuale non dissimile a quello a cui hanno sottoposto l’universo in questi due anni di demente clausura.

 

«Che ci crediate o no, questo approccio alla contraccezione maschile è in realtà molto meno sgradevole di tentativi simili» scrive Futurism, house organ dell’ente transumanista californiano Singularity University, riportando il comunicato stampa della ricerca.

 

Il mondo scientista è pronto ad abbracciare immediatamente la magnetizzazione dei testicoli: del resto in ballo c’è uno dei valori più alti e più belli del mondo moderno, del progresso, : l’infertilità

«Altri esperimenti utilizzavano temperature più elevate per ottenere risultati più duraturi, ma rischiavano anche di causare ustioni o richiedevano iniezioni dolorose direttamente nei testicoli stessi, entrambi evitati da questo nuovo esperimento».

 

Capito? Cari uomini, per impedirvi di fare figli, o accettate che vi magnetizziamo le pudenda, oppure vi cuociamo i testicoli.

 

Nell’esperimento, i ricercatori cinesi hanno avuto successo dopo aver riscaldato a 40°C i piccoli magneti iniettati nei testicoli dei topi.

 

Bisogna quindi gioire: «sicuramente una notevole quantità di calore e considerevolmente più calda della temperatura corporea tipica, ma è comunque apparentemente sicura. Secondo il National Institute of Standards and Technologies, la tua pelle inizierà a sperimentare ustioni di primo grado 47°C , quindi è ragionevole suggerire che i magneti riscaldati non danneggeranno nulla che non dovrebbero».

Cari uomini, per impedirvi di fare figli, o accettate che vi magnetizziamo le pudenda, oppure vi cuociamo i testicoli

 

Come usiamo dire su Renovatio 21: non una grinza.

 

Pare che il trattamento avvia funzionato per mesi , dopodiché i topi a cui sono stati iniettati i nanomateriali magnetici sono tornati alla loro normale salute riproduttiva.

 

La promessa dell’infertilità reversibile, insomma, è mantenuta: come per la pillola prescritta in libertà a tutte le donne, un potente steroide di cui ovviamente non si dicono degli effetti collaterali irreversibili, tipo la trombosi (ora invocata magari in coppia con il vaccino COVID per giustificare i danni), le modifiche al cervello delle donne, il cancro, la depressione, l’inquinamento ambientale, o anche la morte.

 

La promessa dell’infertilità reversibile, insomma, è mantenuta: come per la pillola prescritta in libertà a tutte le donne, un potente steroide di cui ovviamente non si dicono degli effetti collaterali non reversibili, tipo la trombosi, le modifiche al cervello delle donne, il cancro, la depressione, l’inquinamento ambientale, o anche la morte.

La contraccezione globale, come riportato da Renovatio 21, è da sempre un obbiettivo della Bill & Melinda Gates Foundation, che per lo scopo ha appena annunciato la donazione 2,1 miliardi di dollari. Sai quante calamite ci compri con quei soldi.

 

Qualcuno di recente ha definito i no-vax «sorci». In realtà, topi lo sono soprattutto quelli che accettano la biotecnologia imposta dalla Necrocultura che governa il mondo moderno. Topi da laboratorio, cavie, a cui giustamente anticipano ciò che vogliono fare poi all’umanità tutta.

 

 

 

Coaguli, «la pillola anticoncezionale è centinaia di volte più pericolosa del vaccino»

La pillola anticoncezionale provoca il cancro

Il Coronavirus e la Gates Foundation

Vaccinazione e contraccezione: Melinda Gates comincia a gettare la maschera

Principessa tedesca si scaglia contro la pillola

Le millennial rifiutano la pillola

Prendete la pillola contraccettiva contro il COVID-19, dice un dottore alla TV britannica

La contraccezione favorisce gli stupri? Lo sostiene il Wall Street Journal

 

Continua a leggere

Più popolari