Connettiti con Renovato 21

Economia

Gay attivista per l’AIDS scriveva a Fauci nel 1988: «Lei è un idiota incompetente»

Pubblicato

il

 

 

Una critica feroce al dottor Anthony Fauci fu scritta da un importante attivista gay nel 1988 quando le devastazioni dell’AIDS continuavano a crescere: «Ho urlato al National Institutes of Health da quando ho visitato per la prima volta la vostra casa degli orrori nel 1984. Allora vi chiamavo mostri… e ora vi chiamo assassini».

 

«Sei responsabile della supervisione di tutti i programmi di ricerca sul trattamento dell’AIDS finanziati dal governo. In nome del diritto, prendi decisioni che costano la vita ad altri. Io lo chiamo omicidio» scriveva l’attivista parlando di Fauci.

 

«Durante le udienze del 29 aprile davanti al rappresentante Ted Weiss e alla sua sottocommissione per le risorse umane della Camera, dopo quasi otto anni della peggiore epidemia della storia moderna, forse la peggiore di tutta la storia, sei stato costretto ad ammettere pubblicamente ciò che alcuni di noi rivendicavano quando hai preso il potere più di tre anni fa».

 

«Ho urlato al National Institutes of Health da quando ho visitato per la prima volta la vostra casa degli orrori nel 1984. Allora vi chiamavo mostri… e ora vi chiamo assassini»

«Hai ammesso di essere un idiota incompetente».

 

Queste accuse a Fauci enumerate nella lettera di 1.900 parole che descrivevano la sua gestione di quella che allora fu definita «la peggiore epidemia della storia moderna» hanno una strana somiglianza con quelle recentemente lanciate contro di lui per la sua risposta alla pandemia di COVID-19.

 

Fauci è diventato direttore dell’Istituto Nazionale per le Allergie e le Malattie Infettive (NIAID) del National Institutes of Health (NIH) nel 1984 e da allora mai più si è schiodato.

 

«Hai ammesso di essere un idiota incompetente»

L’autore della lettera aperta, Larry Kramer, era un abile drammaturgo e autore che è diventato la vocedella nazione contro l’apatia degli uomini gay verso la crisi AIDS sia contro il blando ritmo con cui il NIAID gestito da Fauci rispondeva all’epidemia. Kramer ha co-fondato la Gay Men’s Health Crisis al fine di mobilitare risorse per affrontare efficacemente il flagello.

 

Kramer ha citato il rappresentante Henry Waxman durante un’udienza alla Camera degli Stati Uniti:

 

«Dr. Fauci, il suo comitato di selezione dei farmaci ha nominato 24 farmaci come priorità assoluta per lo sviluppo e le sperimentazioni. Per quanto posso dire, 11 di questi 24 non sono ancora in prova. Sei di questi farmaci sono in attesa da sei mesi a più di un anno. Perché i ritardi?».

«Abbiamo visto questo conflitto molto strano… che molti di quei trattamenti che potrebbero salvare vite umane, invece di essere promossi, studiati e studiati da le autorità sanitarie, vengono invece sabotate e rese… inaccessibili»

 

Passando al 2021, Robert F. Kennedy, Jr. , presidente della Children’s Health Defense (CHD), ha dichiarato a marzo che «abbiamo visto questo conflitto molto strano… che molti di quei trattamenti che potrebbero salvare vite umane, invece di essere promossi, studiati e studiati da le autorità sanitarie, vengono invece sabotate e rese… inaccessibili».

 

«La tragica ricaduta di questa strategia del governo sta diventando evidente. In un recente documento di lavoro che analizza le determinanti delle vittime di COVID-19 , gli autori – il professore di economia della Michigan State University Mark Skidmore e il coautore Hideki Toya – hanno stimato “se gli Stati Uniti avessero reso (idrossiclorochina) ampiamente disponibile all’inizio, da 80.000 a 100.000″  si sarebbero potute salvare delle vite».

 

Come scrive Lifesitenews, mentre la risposta guidata da Fauci all’epidemia di AIDS nell’ultima metà del 20° secolo è stata afflitta da paralisi burocratica, la risposta alla pandemia di coronavirus di oggi ha visto un movimento simile lento per quanto riguarda l’approvazione di farmaci non vaccini che si sono dimostrati efficaci nel trattamento di COVID.

 

La missiva di Kramer del 1988 continuava:

«La comunità gay, per cinque anni, ha detto al NIH quali farmaci testare perché sappiamo e sentiamo prima cosa sta funzionando su alcuni di noi. Non te ne potrebbe fregare di meno di quello che diciamo. Non risponderai alle nostre telefonate o lettere, né ascolterai nessuno nella nostra comunità colpita»

 

«La comunità gay, per cinque anni, ha detto al NIH quali farmaci testare perché sappiamo e sentiamo prima cosa sta funzionando su alcuni di noi. Non te ne potrebbe fregare di meno di quello che diciamo. Non risponderai alle nostre telefonate o lettere, né ascolterai nessuno nella nostra comunità colpita. Che tragica pomposità!»

 

Mutatis mutandis, stessa cosa nel 2021. Il rapporto CHD appena pubblicato suggerisce che il lento, «irragionevole» movimento per approvare farmaci come l’ idrossiclorochina e l’ ivermectina è dovuto a un conflitto di interessi che favorisce i produttori di vaccini di Big Pharma rispetto ai farmaci più economici che sono già esistenti e prontamente disponibili. Perché?

 

«Secondo la legge, la Food and Drug Administration (FDA) non è autorizzata a concedere lo stato di autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) a vaccini o altri prodotti medici non approvati a meno che l’agenzia non determini che “non ci sono alternative adeguate, approvate e disponibili”».

 

«La disponibilità di opzioni terapeutiche ha chiaramente confutato la tesi che i vaccini siano l’unico modo per andare avanti. Tuttavia, la FDA ha preso – in rapida successione – le decisioni dell’EUA che hanno permesso il lancio delle iniezioni COVID di Pfizer , Moderna e Janssen (Johnson & Johnson)»

 

«La disponibilità di opzioni terapeutiche ha chiaramente confutato la tesi che i vaccini siano l’unico modo per andare avanti»

«Le conseguenze di questa soppressione miope e molto probabilmente criminale dei trattamenti COVID non si limitano alle morti che avrebbero potuto essere evitate attraverso un trattamento appropriato. Molte delle persone che hanno accettato i vaccini COVID potrebbero aver preso una decisione diversa se avessero saputo e avuto accesso ai trattamenti COVID promettenti e convenienti identificati da McCullough, Kory e altri medici etici».

 

«La medicina sorprendentemente cattiva di Fauci e la cattiva politica medica su COVID… sono infatti costate migliaia di vite», ha scritto Monica Showalter di American Thinker a settembre.

 

«La soppressione da parte di Fauci degli studi sull’idrossiclorochina, la sua strana devozione al nuovo e redditizio farmaco Remdesivir (di cui abbiamo notato che molti funzionari NIH detengono partecipazioni monetarie) e i primi documenti di Fauci di anni fa che pubblicizzano l’importanza dell’idrossiclorochina su altri tipi di virus COVID dipingono un’immagine schiacciante di ciò che sta accadendo, un’orribile confluenza di interessi finanziari e il desiderio di estendere la pandemia per danneggiare Trump a un enorme costo della vita», afferma  Showalter.

La medicina sorprendentemente cattiva di Fauci e la cattiva politica medica su COVID… sono infatti costate migliaia di vite»

 

«La comunità gay ha costantemente avvertito che se non ti muovi rapidamente i tuoi studi saranno inutili perché stiamo già assumendo droghe nei nostri corpi che troviamo disperatamente in tutto il mondo (chi può aspettarti?!!)», diceva Kramer nel 1988.

 

Stessa cosa nel 2021: il dottor Peter McCullough, vice capo della medicina interna presso il Baylor University Medical Center, ha affermato a marzo che  «fino all’85% dei decessi COVID avrebbe potuto essere prevenuto con un trattamento precoce».

 

«Quanto sono malvagi i colpevoli di questa impresa COVID, che violano i nostri diritti e distruggono la nostra società, mentre ci fanno iniezioni sperimentali pericolose e ostacolano trattamenti sicuri, convenienti ed efficaci come Ivermectina?» si chiedeva il dottor Mark Trozzi, medico di medicina d’urgenza da 25 anni.

 

Quanto sono malvagi i colpevoli di questa impresa COVID, che violano i nostri diritti e distruggono la nostra società, mentre ci fanno iniezioni sperimentali pericolose e ostacolano trattamenti sicuri, convenienti ed efficaci come Ivermectina?»

Mentre si avvicinava alla conclusione della sua lettera, Kramer disse a Fauci: «Voglio che te ne vada? Sì».

 

Le famiglie devastate inutilmente dal COVID-19 e dai relativi lockdown potrebbero rispondere alla domanda di Kramer: «Sì, vogliamo che te ne vada».

 

La lettera aperta di Kramer è stata pubblicata sulle pagine di The Village Voice 33 anni fa

 

 

 

 

Immagine di NIAID via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Economia

Prezzi alla produzione in Germania a +34%

Pubblicato

il

Da

 

I prezzi alla produzione in Germania sono a +34% su base annua, tre punti in più rispetto al già record storico del mese scorso. Lo ha riferito l’Ufficio di statistica tedesco

 

Ciò si ripercuoterà automaticamente sui prezzi al consumo, dove i prezzi dei generi alimentari sono già superiori del 17% rispetto allo scorso anno.

 

Nel frattempo, il Regno Unito sta assistendo al tasso di inflazione più alto tra i membri del G7, con il 9%. Il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey ha affermato di temere presto un tasso di inflazione a due cifre e si è scusato per i suoi toni «apocalittici», secondo l’emittente pubblica tedesca Deutsche Welle.

 

Sarebbe  da confrontare l’inerzia dei governi di oggi con la reazione dei governi dopo lo shock petrolifero del 1973-74. A quel tempo, i governi videro arrivare l’inflazione e introdussero misure protettive per i redditi delle famiglie, come le scale mobili del costo della vita. Questi sistemi sono stati revocati durante la liberalizzazione degli anni 1980-90.

 

Ora, i governi occidentali hanno visto arrivare l’ondata di inflazione, ma non hanno fatto nulla per proteggere la popolazione.

 

La Germania, già locomotiva d’Europa, è con l’Italia il Paese più colpito dalla congiuntura presente, a cui si sono assommate le folli sanzioni alla Russia primo fornitore di energia del Paese, che ha appena preso in prestito altri 40 miliardi di euro per cercare di parare il colpo.

 

Le politiche energetiche «verdi» dei governi Merkel sono stati un ridicolo fallimento: la Germania non ha vento per far funzionare i mulini a vento. Aumenta il carbone.

 

I prezzi al supermercato sono già aumentati fino al 50%; i giornali spiegano ai cittadini tedeschi che devono lavarsi di meno per risparmiare energia.

 

I blackout totali sono dietro l’angolo. Le rivolte della popolazione, pure – e Berlino lo sa.

 

Si avvicina la realizzazione dell’incubo delle sinistre tedesche: il Tag X, il giorno del crollo dello Stato federale con conseguente inizio del piano di un network di estrema destra diffuso in tutto il Paese, ma mai trovato da indagini giornalistiche, poliziesche e giudiziarie.

 

 

Continua a leggere

Economia

Putin: l’Europa sta realizzando un «autodafé economico»

Pubblicato

il

Da

Il presidente della Federazione russa Vladimir Putin ha presieduto il 17 maggio una riunione dei membri chiave del suo gabinetto di economia ed energia.

 

Oltre a rivedere le politiche occidentali di guerra economica anti-Russia, che stanno prima di tutto distruggendo l’Europa, l’incontro ha anche affrontato la questione di una politica energetica lungimirante per la Russia nelle nuove circostanze.

 

Putin ha iniziato sottolineando che, «per la Russia, con le sue enormi riserve di idrocarburi, questa industria, così come il complesso di combustibili ed energia nel suo insieme, è stata e rimane una delle componenti principali dell’economia nazionale».

 

Putin ha quindi accusato l’Occidente di utilizzare il cambiamento climatico come scusa per prendere di mira questa capacità.

 

«In effetti, la cosiddetta classe politica in Occidente ha iniziato a sfruttare la preoccupazione del tutto naturale di molte persone nel mondo per i problemi del clima e dei cambiamenti climatici (…) La cosiddetta classe politica in Occidente ha iniziato a sopravvalutare le potenzialità dell’alternativa energia e sottovalutando l’importanza di tutte le fonti energetiche tradizionali, compresi gli idrocarburi».

 

Putin si è poi rivolto alla politica delle sanzioni: «Sotto la pressione del loro padrone, gli Stati Uniti, i Paesi europei stanno imponendo più sanzioni sui mercati del petrolio e del gas che porteranno a una maggiore inflazione».

 

I Paese europei stanno progettando di fare a meno dell’energia russa del tutto, ma «si sono posti questo obiettivo ignari del danno che stanno facendo alle rispettive economie. Si ha l’impressione che i politici e gli economisti occidentali semplicemente dimentichino le leggi economiche di base o semplicemente scelgano di ignorarle».

 

Di conseguenza, i prezzi dell’energia sono in aumento, come i prezzi spot del petrolio e del carburante diesel, per i quali cercano di incolpare la Russia.

 

«Dire no all’energia russa significa che l’Europa diventerà sistematicamente e a lungo termine la regione più costosa del mondo per le risorse energetiche (…) Alcuni analisti affermano che minerà gravemente o addirittura irrevocabilmente la competitività di una parte significativa dell’industria europea, che sta già perdendo terreno rispetto ad aziende di altre parti del mondo».

 

«Questo autodafé economico (…) è ovviamente un suicidio, un affare interno ai Paesi europei. Ma intanto bisogna agire in modo pragmatico, partendo anzitutto dai nostri stessi interessi economici».

 

Quindi il presidente russo è rivolto alla politica russa in questo settore. «Ora le azioni irregolari dei nostri partner – questo è quello che sono – hanno portato de facto a una crescita dei ricavi nel settore petrolifero e del gas russo oltre al danno per l’economia europea»

 

«I cambiamenti nel mercato petrolifero sono tettonici (…) In queste nuove condizioni, è importante non solo produrre petrolio, ma anche costruire un’intera catena verticale, fino al consumatore finale».

 

Tra le modifiche richieste ci sono «migliorare le opportunità logistiche e garantire transazioni in valute nazionali (…) e incoraggiare progetti sulla lavorazione avanzata delle materie prime e sul potenziamento della tecnologia dei servizi petroliferi nazionali, compreso lo sviluppo di giacimenti e l’estrazione».

 

«Capendo quali passi farà l’Occidente nel prossimo futuro, dobbiamo trarre conclusioni in anticipo ed essere proattivi, trasformando i passi caotici sconsiderati di alcuni dei nostri partner a nostro vantaggio a beneficio del nostro Paese».

 

«Naturalmente, non dobbiamo sperare nei loro infiniti errori. Dovremmo semplicemente, praticamente procedere dalle realtà attuali, come ho detto. A questo proposito, vorrei discutere un piano per misure aggiuntive che ci consentano di proteggere il più possibile i nostri interessi nazionali e rafforzare la nostra sovranità economica, in questo caso nel settore dei combustibili e dell’energia, in primo luogo l’industria petrolifera».

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0), immagine tagliata.

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Sanzioni, oltre la metà dei tedeschi ammette di essere più povera rispetto al 2021

Pubblicato

il

Da

Il 53% dei tedeschi ha affermato che la propria situazione finanziaria è peggiorata rispetto allo scorso anno a causa delle sanzioni imposte dai paesi occidentali alla Russia, ma il sostegno rispetto alle sanzioni rimane allo stesso livello. Lo dimostrerebbe un recentissimo sondaggio di Morning Consult.

 

Il 53% dei tedeschi intervistati tra il 27 aprile e il 3 maggio ha riconosciuto che la propria situazione finanziaria è peggiorata rispetto a un anno fa, mentre in un sondaggio condotto dal 23 al 26 febbraio, quando sono state imposte le prime sanzioni, solo il 36% degli intervistati affermava la stessa cosa.

 

Secondo il sondaggio, solo il 13% degli intervistati si aspetta «periodi positivi continui» per l’economia.

 

Il numero di tedeschi che sostengono le sanzioni contro il petrolio e il gas russi è rimasto quasi lo stesso rispetto a un sondaggio del 16-18 marzo, con il 40% degli intervistati che sostiene le sanzioni anche se provoca inflazione e il 32% delle persone sostiene la decisione solo se non porta a prezzi più alti, afferma un sondaggio condotto dal 5 al 10 maggio.

 

Il 45% dei tedeschi afferma di sostenere l’invio di più armamenti in Ucraina, mentre il 38% si è espresso contro questa misura.

 

I sondaggi sono stati condotti dal 27 aprile al 3 maggio e dal 5 al 10 maggio su campioni rappresentativi di circa 1.000 adulti tedeschi ciascuno, con margini di errore non ponderati di più o meno 3 punti percentuali.

 

La Germania è il Paese più colpito, assieme all’Italia, dallo sconquasso economico, finanziario, energetico e industriale delle sanzioni verso Mosca.

 

Paese ritenuto solitamente avverso al debito, la Germania tre settimana fa ha preso in prestito altri 40 miliardi di euro per contenere le conseguenze della guerra ucraina.

 

Come riportato da Renovatio 21, i supermercati tedeschi hanno già ufficialmente applicato un aumento dal 20% al 50% sui prodotti, mentre i prezzi alla produzione nel Paese sono in aumento del 31%.

 

La popolazione tedesca è per soprammercato costretta allo spettacolo osceno dei giornali che consigliano di lavarsi meno e del loro nuovo cancelliere che incassa fantozzianamente gli insulti dell’ambasciatore ucraino, che, in questo mondo rovesciato fino all’incomprensibile, come rappresentante del Paese più povero d’Europa e forse prossimo alla disfatta militare lancia ordini e sputi contro il vertice della fu locomotiva d’Europa.

 

La Germania sarà il primo Paese d’Europa ad andare verso il collasso, o meglio, quello che un presunto network di estrema destra locale chiama il Tag X, il giorno X?

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari