Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

Canadese di 45 anni paralizzato dopo il vaccino mRNA

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Julian Scholefield è rimasto paralizzato dalla vita in giù nel luglio 2021, 12 giorni dopo la seconda dose del vaccino COVID-19 di Pfizer. Quasi un anno dopo, è ancora in attesa che il governo risponda alla sua richiesta di risarcimento.

 

 

Più di 11 mesi dopo essere rimasto paralizzato dalla vita in giù 12 giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose del vaccino COVID-19 Pfizer-BioNTech, Julian Scholefield è in attesa della decisione del governo canadese sulla sua richiesta di risarcimento.

 

«Ora sono paralizzato, non a causa di un incidente sconsiderato, ma perché ho seguito le linee guida del nostro governo, e quindi la convalida e il riconoscimento sono sicuramente qualcosa che significherebbe molto per me», ha detto Scholefield a CBC News.

 

A Scholefield, 45enne della British Columbia, è stata diagnosticata l’encefalomielite disseminata acuta (ADEM), un raro disturbo neurologico che causa infiammazione del cervello e del midollo spinale che danneggia la mielina, il rivestimento protettivo delle fibre nervose.

 

«La mia vita è diventata una lotta quotidiana e mia moglie e i miei figli devono fornirmi cure e assistenza», ha detto Scholefield.

 

Secondo il governo canadese, ci sono state 46.149 segnalazioni di reazioni avverse ai vaccini COVID-19. Solo una manciata di canadesi che hanno riportato lesioni ha ottenuto un risarcimento.

 

 

«Nel giro di due ore, sono rimasto paralizzato».

Scholefield ha notato per la prima volta una sensazione di formicolio alla gamba il 25 luglio 2021, mentre lui e la sua famiglia navigavano sul lago Okanagan.

 

«Anziché migliorare, la situazione è andata peggiorando ed è passato dall’essere solo nella gamba sinistra a tutta la gamba destra», ha raccontato Scholefield a CBC News il 22 giugno.

 

«Nel giro di due ore, sono rimasto paralizzato dalla metà della vita in giù».

 

Un neurologo in seguito gli ha diagnosticato una forma mielitica di ADEM, che può portare a paralisi, perdita della vista e difficoltà nel coordinare i movimenti muscolari volontari, secondo i National Institutes of Health.

 

È noto che la condizione si verifica a volte al momento della vaccinazione COVID-19, in base a questo caso studio del 2021 su una paziente di 56 anni anonima che ha sviluppato la condizione due settimane dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer.

 

Nell’aprile 2021, una donna di 33 anni sana di Bethel Park, Pennsylvania, che ha chiesto di rimanere anonima, ha sperimentato la paralisi 12 ore dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer e un uomo di 54 anni del Kansas nel maggio 2021 ha riferito una paralisi temporanea dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer.

 

 

Ignorato e «nascosto sotto il tappeto»

Scholefield ha detto che CBC News locale e i funzionari del governo federale non hanno risposto alle sue e-mail e lettere in cui spiega il suo caso.

 

«Essere ignorati e sentirsi come se fossi stato nascosto sotto il tappeto è davvero difficile, soprattutto dopo aver passato una cosa del genere», dice.

 

«Ecco perché penso che sia [importante] che venga riconosciuto dal programma di supporto per le lesioni da vaccino [VISP] che questo è accaduto, ed è successo a me a causa del vaccino».

 

Nell’ottobre 2021, Scholefield ha presentato una richiesta al VISP, il programma di risarcimento per lesioni da vaccino del governo canadese.

 

Ha detto che è in congedo medico dal lavoro per concentrarsi sul recupero, che attualmente prevede trattamenti chemioterapici volti a ripristinare il suo sistema immunitario, oltre ad agopuntura e trattamenti da un naturopata e osteopata.

 

Ha detto che la sua famiglia ha sostenuto spese significative dopo il danno, tra cui il costo della sua sedia a rotelle e l’installazione di un ascensore nella sua casa in modo da poter arrivare dal suo ingresso al piano terra alla sua abitazione e alla camera da letto.

 

 

Un canadese su 774 in attesa di ricevere un risarcimento per le lesioni causate dal vaccino COVID-19

Scholefield è una delle 774 persone che hanno presentato un reclamo al VISP.

 

Finora, la commissione di revisione medica VISP ha approvato otto reclami come aventi un probabile legame tra una lesione grave e permanente e un vaccino, tra cui il caso di un uomo di 40 anni con diagnosi di sindrome di Guillain-Barré a cui è stato concesso un risarcimento finanziario il mese scorso per la sofferenza e la perdita del reddito da lavoro.

 

L’Agenzia di sanità pubblica del Canada ha istituito il VISP nel luglio 2021 per fornire sostegno finanziario alle persone che hanno subito una lesione grave e permanente a seguito della somministrazione di un vaccino autorizzato Health Canada.

 

Prima di luglio 2021, il governo canadese era l’unico paese del G7 che non aveva un programma di risarcimento per lesioni da vaccino.

 

Più di 11,9 milioni di dosi dei vaccini COVID-19 sono state somministrate nella Columbia Britannica il 21 giugno, secondo il rilevatore COVID-19 del governo canadese.

 

 

Gli effetti collaterali neurologici delle vaccinazioni COVID sono una «preoccupazione per la sicurezza»

L’autore di uno studio del gennaio 2022 che esamina gli effetti collaterali neurologici delle vaccinazioni COVID-19 ha concluso che le preoccupazioni sulla sicurezza dei vaccini sono «sostenute da un numero crescente di studi che riportano effetti collaterali neurologici».

 

Il ricercatore, Dr. Joself Finsterer, M.D. Ph.D., professore di neuroscienze cliniche e medicina preventiva presso la Danube University di Krems in Austria, ha eseguito una ricerca online utilizzando i database PubMed e Google Scholar per studi scientifici utilizzando i termini «vaccinazione», «SARS-CoV-2», «vaccinazione anti-covid» e «immunizzazione» in combinazione con i termini «effetti collaterali», «reazioni avverse», «neurologico», «cervello» e «nervi» utilizzati tra dicembre 2020 e settembre 2021.

 

Dai risultati della ricerca iniziale del periodo dicembre 2020-settembre 2021, l’autore ha raccolto 28 «articoli originali che hanno riportato in modo convincente una reazione avversa neurologica».

 

Nei 28 studi è stato incluso uno studio del settembre 2021 che documenta un paziente che ha sviluppato ADEM due settimane dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino COVID-19 Pfizer-BioNTech (Comirnaty) e un altro studio, pubblicato nel luglio 2021, che ha riportato che a tre pazienti è stata diagnosticata l’encefalite dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca.

 

«Gli operatori sanitari, in particolare i neurologi coinvolti nella gestione dei pazienti sottoposti a vaccinazioni SARS-CoV-2, dovrebbero essere consapevoli di questi effetti collaterali e rimanere vigili per riconoscerli precocemente e trattarli adeguatamente», ha scritto Finsterer.

 

 

ADEM «una complicanza grave ma molto rara di tutti i vaccini»

Mentre i casi di ADEM sono estremamente rari, possono accadere, ha detto il dottor Brian Conway, direttore medico della clinica di malattie infettive di Vancouver.

 

«Purtroppo si verificano — molto raramente — [da] uno su 100.000 [casi] a uno su un milione», ha detto Conway a CBC News.

 

«Non sono affatto specifici per il vaccino COVID. Si tratta di qualcosa che abbiamo identificato come una complicazione grave ma molto rara di tutti i vaccini».

 

Secondo il BC Center for Disease Control (BCCDC), l’insorgenza di ADEM può avvenire fino a sei settimane dopo la vaccinazione COVID-19.

 

CBC News ha contattato il BCCDC per sapere a quante persone è stata diagnosticata ADEM a seguito di un vaccino COVID-19, ma l’agenzia non ha risposto, ha riferito CBC News mercoledì.

 

Secondo il Vaccine Adverse Event Reporting System, o VAERS, gestito dal governo degli Stati Uniti, ci sono state 213 segnalazioni di ADEM dopo i vaccini COVID-19, di cui 155 dopo il vaccino Pfizer, 45 dopo il vaccino di Moderna e 12 dopo il vaccino Johnson & Johnson.

 

 

Suzanne Burdick

Ph.D.

 

 

 

© 24 giugno 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

L’EMA afferma che il vaccino Novavax deve riportare un avviso per l’infiammazione cardiaca

Pubblicato

il

Da

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) mercoledì ha raccomandato di aggiungere un avviso per due tipi di infiammazione cardiaca al vaccino COVID-19 di Novavax, commercializzato con i marchi Nuvaxovid e Covovax, sulla base di un piccolo numero di casi segnalati in coloro che hanno ricevuto il vaccino.

 

Secondo una dichiarazione , il comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza dell’EMA, responsabile della valutazione e del monitoraggio della sicurezza dei medicinali per uso umano, ha concluso che «la miocardite e la pericardite possono verificarsi in seguito alla vaccinazione con NuvaxovidÅ.

 

«Il comitato raccomanda quindi di elencare miocardite e pericardite come nuovi effetti collaterali nelle informazioni sul prodotto di Nuvaxovid, insieme a un avvertimento per sensibilizzare gli operatori sanitari e le persone che ricevono questo vaccino», afferma la dichiarazione.

 

Il comitato ha anche chiesto al «titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio di Nuvaxovid di fornire dati aggiuntivi sul rischio che si verifichino effetti collaterali».

 

Secondo Reuters, la FDA ha segnalato il rischio di infiammazione cardiaca di Novavax all’inizio di giugno.

 

Tuttavia, il 13 luglio l’agenzia ha concesso la richiesta di Novavax per l’autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino per gli adulti di età pari o superiore a 18 anni negli Stati Uniti

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 5 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Donna si sente «come una morta che cammina» dopo il danno da vaccino COVID

Pubblicato

il

Da

In un’intervista esclusiva con The Defender, Catherine Parker, 48 anni, ha affermato di aver avuto una vita completa e appagante prima di ricevere la sua prima dose di vaccino COVID-19 il 1 aprile 2021.

 

Entro due settimane dalla vaccinazione con J&J, la Parker ha detto che ha iniziato ad avere affaticamento cronico e insonnia, ma i medici hanno detto che i suoi sintomi erano legati alla menopausa.

 

Dopo aver ricevuto un richiamo Pfizer il 9 novembre 2021, i suoi sintomi sono peggiorati.

 

I suoi capelli iniziarono a cadere, ha avuto brain fog [nebbia cerebrale, ndr] e sviluppato tremori, spasmi ed emicranie incontrollabili al punto che non poteva camminare o comunicare.

 

La Parker ha sviluppato una «lista della lavanderia dei disturbi» ed è risultata positiva al virus di Epstein-Barr, nonostante «non abbia mai avuto la mono in tutta la mia vita», e agli anticorpi antinucleari e alle anomalie renali.

 

I sintomi della Parker – e l’atteggiamento sprezzante di gran parte dell’establishment medico – l’hanno portata ad avviare il gruppo di supporto per lesioni da vaccino/effetti collaterali su Facebook all’inizio di quest’anno.

 

Inoltre, Parker ha presentato la sua storia personale sulle piattaforme di social media, tra cui Facebook , YouTube e TikTok , e ha lanciato una campagna di crowdfunding online per aiutare a sostenere l’aumento delle sue spese mediche.

 

The Defender ha intervistato altre tre persone ferite dai vaccini COVID-19 che sono membri del gruppo di Parker. Leggi le loro storie qui .

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 8 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

27enne morto dopo il vaccino, la famiglia pensa ad un’azione legale

Pubblicato

il

Da

 

La famiglia britannica di un ingegnere di 27 anni morto per emorragie cerebrali catastrofiche dopo aver fatto il vaccino COVID-19 di AstraZeneca sta valutando un’azione legale, in attesa di un’imminente revisione preliminare del caso del figlio.

 

Jack Last, vaccinato il 30 marzo 2021, è morto tre settimane dopo aver ricevuto la puntura di AstraZeneca.

 

Una TAC del 10 aprile 2021 ha rivelato che Last aveva sviluppato una trombosi del seno venoso cerebrale, che si verifica quando si forma un coagulo di sangue nei seni venosi del cervello e impedisce al sangue di defluire dal cervello.

 

È morto l’ultima volta all’Addenbrooke’s Hospital di Cambridge, nel Regno Unito, il 20 aprile 2021, 11 giorni dopo aver cercato cure mediche per forti mal di testa.

 

La sua famiglia ha mantenuto la consulenza legale dopo aver sollevato preoccupazioni sulle circostanze che hanno portato alla morte di Jack, ha riferito l’East Anglian Daily Times. 

 

L’11 agosto si terrà una revisione pre-inquest (pre-inchiesta), dopo di che sarà programmata un’inchiesta completa.

 

Un’inchiesta (inquest) è un’indagine formale condotta da un medico legale per determinare come è morto qualcuno.

 

Lo scopo di un’inchiesta è limitato a stabilire l’identità dell’individuo deceduto, nonché dove, quando e come è morto.

 

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 8 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari