Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Bioetica del «pulsante del piacere»

Pubblicato

il

Un numero crescente di scienziati crede che una sorta di «pulsante del benessere» – un dispositivo che può essere impiantato nel cervello e innescare automaticamente sensazioni di piacere – potrebbe diventare una realtà nel prossimo futuro.

 

«Alcune ricerche – in gran parte derivanti da sperimentazioni cliniche o mediche indicano che la controversa tecnologia è già in arrivo» scrive Futurism. «Diversi esperti, inclusi alcuni degli scienziati che conducono quegli studi, hanno detto a Futurism che pensano che la stimolazione neurale fatta puramente per scopi ricreativi non sarà solo possibile, ma che sarà un grande successo e che riscontrerà i favori della gente».

 

La domanda passa alla bioetica: tutto questo deve essere tranquillamente permesso?

 

«Ci sono persone che usano la stimolazione elettrica a scopo ricreativo in diversi modi», ha detto al sito l’ingegnere biomedico dell’Università del Michigan, Tim Bruns. «Può essere o meno ricreativo, ma le persone stanno facendo cose off-label per se stesse ora».

 

Un numero crescente di scienziati crede che una sorta di «pulsante del benessere» – un dispositivo che può essere impiantato nel cervello e innescare automaticamente sensazioni di piacere – potrebbe diventare una realtà nel prossimo futuro

«Vedremo pubblicità in TV o prodotti sullo scaffale? Credo di sì».

 

Bruns ha condotto diversi studi di riferimento che hanno utilizzato la stimolazione elettrica su nervi specifici per trattare e migliorare la funzione della vescica. Ma presto si è reso conto che quelle stesse identiche stimolazioni – sia vicino alla vescica stessa che, misteriosamente, sulla caviglia – sembravano trattare anche i disturbi della disfunzione sessuale che rendono difficile provare l’eccitazione, specialmente nelle donne.

 

In breve, parrebbe aver inventato un pulsante elettronico per la libido.

 

E una volta che qualcuno riesca a proseguire gli studi clinici e migliorare la sicurezza e l’efficacia di un dispositivo del genere, Bruns e i suoi colleghi sospettano che una versione ricreativa e a misura di consumatore non sarà da meno.

 

«Sta già accadendo», ha detto sempre a Futurism l’ingegnere meccanico e neuroscienziato della Carnegie Mellon University, Douglas Weber.

 

«Puoi trovare molti dispositivi di neurostimolazione su Amazon. Alcuni ti renderanno più forte, allevieranno il tuo dolore, ti aiuteranno a perdere peso e altri ti renderanno persino più intelligente», ha aggiunto Weber, ex consulente post-dottorato di Bruns. «Non possiedo nessuno di questi dispositivi. Ma mi aspetto che verranno sviluppati dispositivi neurostim, probabilmente nei prossimi due decenni, che offriranno vantaggi reali e preziosi ai consumatori».

 

«Il piacere derivato dalla stimolazione elettrica può assumere molte forme. Ci possono essere potenti impulsi elettrici sui muscoli che, con l’aumento della dopamina derivante dall’utilizzo di una tecnologia, potrebbe renderti più veloce, più forte e più intelligente oppure una sonda elettrica nel profondo del tuo cervello che possa renderti semplicemente felice» scrive il sito.

 

Ad esempio, gli scienziati hanno recentemente trattato la grave depressione di una paziente con un impianto neurale che le colpisce il cervello 300 volte al giorno e che le ha permesso di ridere e provare gioia spontaneamente per la prima volta da anni.

 

«Una grande domanda che rimane senza risposta è se la sextech alla fine diventerà un complemento alla nostra vita sessuale o un sostituto»

Naturalmente, il trattamento richiede un elettrodo impiantato in profondità nel cervello, che attualmente è riservato ai casi medici più estremi, ma poiché la tecnologia dell’interfaccia cerebrale diventa inesorabilmente più avanzata e ampiamente disponibile, non c’è motivo per cui un dispositivo del genere non possa diventare di largo consumo.

 

All’attuale livello di ricerca, la tecnologia potrebbe arrivare sul mercato in pochi anni. Ma quello che non sappiamo è cosa significherà per noi, psicologicamente come individui e sociologicamente come società, quando potremmo provare piacere semplicemente premendo un pulsante. E tutte queste domande diventano ancora più complesse se applicate al disordinato mondo del sesso.

 

«Una grande domanda che rimane senza risposta è se la sextech alla fine diventerà un complemento alla nostra vita sessuale o un sostituto», dice  ricercatore del Kinsey Institute Justin Lehmiller, esperto di sesso e psicologia.

 

«Anche se è facile immaginare come questo tipo di sextech possa avvantaggiare le persone con disabilità o difficoltà sessuali, ci sono alcune preoccupazioni», ha aggiunto Lehmiller. «Ad esempio, se avessi accesso a un dispositivo che potrebbe darti orgasmi istantanei, ti avvicineresti al sesso in modo diverso? In che modo questo influenzerà l’intimità?».

 

Già la perversione del mondo moderno ha sdoganato dei robot bambini per deliziare le perversioni pedofile e gli appagamenti sessuali osceni degli adulti, come riportato tempo fa Renovatio 21. Una storia che non fa presagire nulla di buono all’orizzonte.

«Ad esempio, se avessi accesso a un dispositivo che potrebbe darti orgasmi istantanei, ti avvicineresti al sesso in modo diverso? In che modo questo influenzerà l’intimità?»

 

Quello su cui gli esperti hanno concordato è che questo tipo di tecnologia diventerà probabilmente popolare, che sia una buona idea o meno. Ciò significa che queste sono conversazioni importanti da avere ora, prima che i miglioramenti nelle dimensioni degli elettrodi, nella resistenza della batteria e nella sicurezza dell’impianto che saranno necessari per creare un dispositivo di consumo vadano a buon fine.

 

Perché, nel bene e nel male, le persone utilizzeranno sempre la tecnologia di derivazione medica in modi che i suoi creatori non intendevano far loro.

 

«Voglio dire che tutti hanno desideri e bisogni», ha detto Bruns. «Alcune persone possono andare più lontano per qualunque cosa sia».

 

Ha paragonato l’idea di un pulsante di benessere a misura di consumatore con le persone che prendono il Viagra. Bruns non pensa necessariamente che sarà un disastro, ma pensa che accadrà presto. Pensa anche che quando emergeranno dispositivi medici migliori, sarà facile per le aziende costruire gadget di consumo e per il pubblico accettarli.

 

«Le persone si sentono anche più a loro agio con l’inserimento della tecnologia nei loro corpi in generale quando si pensa a cose come pacemaker, impianti contraccettivi e impianti di insulina», ha detto Lehmiller, «quindi più le persone si sentono a proprio agio con questo genere di cose, più è probabile che saranno aperti ad altre possibilità che emergono».

 

La connessione umana è, per usare un eufemismo, importante. E poiché la tecnologia come un pulsante di benessere diventa fattibile, sicura e popolare, le persone potrebbero correre un rischio maggiore di chiudersi in se stessi, di premere un pulsante per sentirsi bene, invece di creare rapporti umani e sociali con gli altri e con il mondo che li circonda.

 

Ciò potrebbe, in teoria, essere disastroso per la salute pubblica e sollevare interrogativi inquietanti su chi è responsabile del benessere: l’individuo, l’azienda che impianterà la tecnologia neurale ricreativa nei loro corpi o le agenzie di regolamentazione che interverranno per regolamentare la tecnologia cerebrale come fanno oggi con le droghe.

 

O forse non ci sarà alcun problema.

 

La ricerca, dopotutto, ha dimostrato che anche i topi preferiscono la connessione sociale all’eroina. Forse queste nuove frontiere della tecnologia per la ricerca del piacere virtuale non saranno un problema se l’uomo continuerà a essere uomo e ad intessere rapporti sociali come è sempre stato, ripudiando questo visione dispotica di un mondo alienante, antisociale e transumano.

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Continuano gli esami pelvici non autorizzati negli ospedali americani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Negli Stati Uniti vengono ancora effettuati esami pelvici non autorizzati su donne nell’ambito dell’educazione medica.

 

Nel 2020 il New York Times ha pubblicato un articolo che descriveva l’esperienza di diverse donne che si sono sentite violate quando hanno appreso che gli studenti avevano eseguito su di loro esami intimi mentre erano anestetizzate.

 

Sulla scia della denuncia, un certo numero di stati ha approvato leggi che richiedono esplicito consenso informato. Ma la pratica continua, anche se è difficile sapere quanto sia diffusa oggi.

 

Il bioeticista Art Caplan ha scritto un editoriale a sostegno di tale legge nel Connecticut l’anno scorso:

 

«Un esame intimo senza consenso significa che un medico o uno studente di medicina effettua un esame sulle parti intime del corpo di un paziente di solito a scopo didattico quando i pazienti sono svegli o sotto anestesia senza chiedere al paziente il permesso esplicito. L’American College of Obstetricians and Gynecologists, l’American Medical Association e l’Association of American Medical Colleges, insieme a studiosi di diritto ed etica, hanno condannato la pratica, ma continuano a emergere casi di esami senza consenso eseguiti su pazienti con altri presenti».

 

Alcuni medici sostengono che gli organi sessuali sono come qualsiasi altra parte del corpo e chiedono perché i pazienti dovrebbero opporsi. Caplan spiega che questi esami sono straordinariamente delicati:

 

«Se vogliamo che i pazienti si fidino di noi e se vogliamo assicurarci che rispettino ciò che medici e scienziati hanno da dire e ciò che fanno, dobbiamo assolutamente assicurarci che non facciamo loro qualcosa che non facciano completamente capire, toccando il loro corpo o esaminando il loro corpo, o peggio, approfittando del fatto che sono sotto anestesia e facendo qualcosa lì a scopo di addestramento senza dirglielo. È una regola morale di base per garantire la fiducia, che se hai intenzione di toccare il corpo di qualcuno, hai il suo permesso».

 

In un recente numero di The New Bioethics, due filosofi della Purdue University, nell’Indiana, prendono una linea decisa sugli esami pelvici non autorizzati (UPE). La chiamano violenza.

 

«In qualsiasi altra situazione, la penetrazione digitale senza autorizzazione è violenza sessuale. Che le UPE siano educative o benefiche e che il paziente abbia acconsentito al coinvolgimento generale di uno studente di medicina non le rende ammissibili, né impedisce loro di subire aggressioni sessuali. Pertanto, nella misura in cui si è contrari alle aggressioni sessuali, si dovrebbe essere contrari alle UPE».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Il nuovo corso dell’aborto aumenterà la mortalità materna in USA?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

In uno studio ampiamente citato, i ricercatori dell’Università del Colorado Boulder hanno scoperto che un divieto totale di tutti gli aborti negli Stati Uniti aumenterà il tasso di mortalità materna del 24%. Per le donne afroamericane, la loro previsione è ancora più terribile: un aumento del 39%.

 

Tuttavia, in un editoriale del New York Times, uno studioso britannico afferma che i dati europei suggeriscono che questo potrebbe non essere vero. Molti Paesi limitano l’aborto e solo una manciata lo vieta a titolo definitivo, ma i loro tassi di mortalità materna sono molto più bassi che negli Stati Uniti. Come hanno anche notato gli studiosi del Colorado, gli Stati Uniti hanno «livelli di mortalità materna astronomicamente alti».

 

Il professor David Albert Jones, professore di bioetica alla St. Mary’s University, Twickenham, e direttore dell’Anscombe Bioethics Institute, a Oxford, scrive che «non vi è alcuna differenza significativa nella mortalità materna tra i paesi europei sulla base di quanto sono restrittive le loro leggi sull’aborto».

 

Continua sottolineando che «la Polonia, che ha una delle leggi sull’aborto più restrittive in Europa, ha il tasso di mortalità materna più basso in Europa: solo due morti ogni 100.000 nascite».

 

«Le prove provenienti dall’Europa dimostrano che non è necessario o inevitabile che limitare l’aborto porti a esiti negativi per la salute delle donne».

 

Il professor Jones sottolinea che gli attivisti americani per la vita non devono essere compiaciuti: «otto dei 10 stati con la mortalità materna più bassa sono stati blu [cioè con governo del Partito Democratico, ndr], mentre otto dei 10 stati con la più alta sono stati rossi [cioè con governo del Partito Repubblicano, ndr]».

 

«Se il Mississippi e gli altri stati rossi desiderano dimostrare di essere veramente “pro-vita”, allora devono affrontare i loro vergognosi livelli di mortalità materna. La prima priorità è affrontare lo “svantaggio concentrato” tra i cittadini più poveri, e in particolare tra le donne di colore. Questa misura ha dimostrato di essere un importante determinante della salute materna».

 

«In secondo luogo, è essenziale garantire che le donne abbiano accesso all’assistenza sanitaria non solo prima e durante, ma anche nelle settimane successive al parto».

 

«In terzo luogo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i servizi di maternità guidati dall’ostetrica forniscono un approccio basato sull’evidenza per ridurre la mortalità materna. Attualmente ci sono solo quattro ostetriche ogni 1.000 nascite negli Stati Uniti, rispetto al 43 per 1.000 nascite nel Regno Unito».

 

«C’è molto che si potrebbe fare, ma non viene fatto e la mortalità materna negli Stati Uniti non sta diminuendo ma sta aumentando».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Aborto farmacologico, nuova battaglia in USA

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Con le cliniche per l’aborto che chiudono i battenti negli Stati Uniti e più della metà degli stati che limitano l’aborto in una certa misura, i sostenitori della scelta stanno promuovendo «aborti farmacologici» o «aborti chimici».

 

Questi non richiedono una visita a una clinica per aborti; i farmaci possono essere prescritti tramite telemedicina, possono anche essere ordinati online da medici e farmacie all’estero, sebbene ciò sia  illegale.

 

Secondo il  Guttmacher Institute, un think tank sull’aborto, gli aborti farmacologici rappresentano attualmente più della metà degli aborti americani.

 

Tuttavia, anche questi sono limitati. In due dei 50 stati sono banditi; in 29 stati devono essere prescritti da un medico; e in 19 stati devono essere presi in presenza di un medico – che è un divieto effettivo di telemedicina.

 

Poiché la Corte Suprema degli Stati Uniti ha annullato Roe v. Wade, il presidente Joe Biden ha messo il peso del governo federale dietro l’opzione dell’aborto farmacologico.

 

In un ordine esecutivo dell’8 luglio , ha ordinato al Dipartimento della salute e dei servizi umani di «proteggere ed espandere l’accesso alle cure per l’aborto, incluso l’accesso ai farmaci che la FDA ha approvato come sicuri ed efficaci oltre vent’anni fa».

 

La FDA ha approvato l’uso dei farmaci gemelli Mifepristone e Misoprostolo nel 2000 e i sostenitori dell’aborto affermano che sono sicuri ed efficaci se usati a nove settimane di gestazione o meno.

 

Il New York Times, insieme ad altri media e politici, raccomanda che l’approvazione della FDA prevenga divieti e restrizioni statali. C’è un precedente per questo, ha sostenuto in un editoriale: nel 2014 il Massachusetts ha cercato di vietare Zohydro, un antidolorifico approvato dalla FDA. La mossa è stata annullata in un tribunale distrettuale federale.

 

In realtà, Zohydro è una scelta strana come precedente. La FDA lo ha approvato nel 2013, ma dopo aver  ignorato le obiezioni di un comitato scientifico, che aveva votato 11 contro 2 contrari.

 

Come ogni altra cosa nel dibattito sull’aborto, i fatti sull’aborto farmacologico sono controversi. Chiaramente non è privo di rischi. Secondo la FDA, 26 donne americane sono morte dopo aver usato Mifepristone per i loro aborti.

 

Il  Charlotte Lozier Institute, un think tank pro-life, afferma che «l’aborto chimico ha un tasso di complicanze quattro volte quello dell’aborto chirurgico e fino a una donna su cinque subirà una complicazione».

 

Sottolinea inoltre che gli aborti farmacologici hanno effetti sociali imprevedibili. «Senza la supervisione medica, le pillole abortive possono cadere nelle mani di trafficanti e partner violenti. Ci sono già resoconti di donne a cui sono state somministrate pillole abortive a loro insaputa e contro la loro volontà».

 

Il Texas ha approvato una legge che  limita l’aborto farmacologico alle donne in gravidanza di sette settimane.

 

Il suo preambolo dichiara che «l’uso di Mifeprex o mifepristone presenta complicazioni mediche significative tra cui, a titolo esemplificativo, emorragia uterina, infezioni virali, dolore addominale, crampi, vomito, mal di testa, affaticamento e malattie infiammatorie pelviche; e il tasso di fallimento e il rischio di complicanze aumentano con l’avanzare dell’età gestazionale».

 

Gli attivisti pro-aborto  descrivono tali affermazioni come «disinformazione» o semplicemente come bugie. Ma sono ben documentati nelle riviste mediche.

 

Speriamo di scoprire chi sta disinformando chi il prima possibile.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari