1,5 miliardi di mascherine stanno finendo nell’oceano

 

 

 

 

Secondo un gruppo ambientalista che monitora il livello di inquinamento negli oceani del mondo, si prevede che circa 1,5 miliardi di mascherine verranno scaricate in mare in un solo anno. Lo scrive Summit News.

 

Un rapporto di OceansAsia ha concluso che il vasto numero di maschere usa e getta contaminerà ulteriormente gli oceani con plastica dannosa e danneggerà gli ecosistemi marini vulnerabili.

 

Si prevede che circa 1,5 miliardi di mascherine verranno scaricate in mare in un solo anno

«Le mascherine  monouso sono realizzate con una varietà di plastica soffiata a fusione e sono difficili da riciclare a causa sia della composizione che del rischio di contaminazione e infezione», sottolinea il rapporto di OceansAsia.

 

«Queste maschere entrano nei nostri oceani quando sono disseminate o  scartate in modo improprio, quando i sistemi di gestione dei rifiuti sono inadeguati o inesistenti o quando questi sistemi vengono sopraffatti a causa dell’aumento dei volumi di rifiuti».

 

Il rapporto sottolinea che sono già emerse prove di animali uccisi dalle maschere. L’organizzazione per la conservazione marina, l’Instituto Argonauta, ha riferito che un pinguino è stato trovato morto su una spiaggia brasiliana a settembre con una mascherina aggrovigliata nello stomaco.

 

Un pinguino è stato trovato morto su una spiaggia brasiliana a settembre con una mascherina aggrovigliata nello stomaco

Le maschere contribuiranno con circa 7.000 tonnellate di plastica agli oceani che si ritiene contengano già 5,25 trilioni di macro e micro pezzi di plastica e 46.000 pezzi più grandi in ogni miglio quadrato di acqua.

 

La plastica negli oceani pesa fino a 269.000 tonnellate e ogni giorno  vengono aggiunti circa 8 milioni di pezzi di plastica . Le cifre rivelano una catastrofe ambientale enormemente orrenda a livello globale.

 

OceansAsia stima che le maschere impiegheranno 450 anni per rompersi completamente.

 

«Questa plastica non “va via”, ma piuttosto si accumula, rompendosi in pezzi sempre più piccoli. Ogni anno, si stima che l’inquinamento marino da plastica uccida 100.000 mammiferi marini e tartarughe, oltre un milione di uccelli marini e un numero ancora maggiore di pesci, invertebrati e altre forme di vita marina», sottolinea il rapporto ambientalista.

Le maschere contribuiranno con circa 7.000 tonnellate di plastica agli oceani che si ritiene contengano già 5,25 trilioni di macro e micro pezzi di plastica e 46.000 pezzi più grandi in ogni miglio quadrato di acqua

 

«L’inquinamento da plastica ha anche un profondo impatto sulle comunità costiere, sulla pesca e sulle economie. Stime prudenti suggeriscono che potrebbe costare all’economia globale 13 miliardi di dollari all’anno e portare a un calo dell’1-5% dei servizi ecosistemici, a un valore compreso tra  500 e  2.500 miliardi di dollari», conclude il rapporto.

 

Il rapporto suggerisce che se è necessario indossare le mascherinee, devono essere utilizzate maschere di stoffa riutilizzabili e lavabili.