Vaccino coronavirus, competizione globale

 

 

 

È in corso una corsa agli armamenti globale per un vaccino contro il coronavirus.

 

Nei tre mesi da quando il virus ha iniziato la sua diffusione mortale, Cina, Europa e Stati Uniti stanno correndo per essere i primi a produrre un vaccino, gettando «l’ombra di un approccio nazionalistico che potrebbe dare al vincitore la possibilità di favorire la propria popolazione e potenzialmente ottenere il sopravvento nel trattare con le ricadute economiche e geostrategiche della crisi» scrivono in un’analisi per il New York Times David D. Kirkpatrick, Sui-Lee Wee and Katrin Bennhold e David E. Sanger, quest’ultimo prestigiosa firma in materia di intelligence. Il vaccino per il Coronavirus, del resto, non può che degenerare in una guerra di spie, e domani in una guerra di nazioni.

«Un approccio nazionalistico potrebbe dare al vincitore la possibilità di favorire la propria popolazione e potenzialmente ottenere il sopravvento nel trattare con le ricadute economiche e geostrategiche della crisi»

 

Tutto è iniziato come una domanda su chi otterrebbe i riconoscimenti scientifici, i brevetti e, in definitiva, le entrate derivanti da un vaccino di successo, poi è divenuto «improvvisamente una questione più ampia di urgente sicurezza nazionale».

 

Dietro c’è una dura realtà politica: qualsiasi nuovo vaccino che si dimostri potente contro il coronavirus – sono già in corso studi clinici negli Stati Uniti, in Cina e in Europa – è certo che scarseggerà man mano che i governi cercano di assicurarsi che la propria gente sia vaccinata per prima.

 

In Cina, 1.000 scienziati stanno lavorando a un vaccino e la questione è già stata militarizzata: i ricercatori affiliati all’Accademia delle Scienze mediche militari hanno sviluppato quello che è considerato il candidato per il successo della nazione e sta reclutando volontari per studi clinici.

 

Qualsiasi nuovo vaccino che si dimostri potente contro il coronavirus – sono già in corso studi clinici negli Stati Uniti, in Cina e in Europa – è certo che scarseggerà man mano che i governi cercano di assicurarsi che la propria gente sia vaccinata per prima

Lo sforzo cinese ha assunto toni propagandistici. È molto circolata in rete una fotografia dellla dottoressa Chen Wei, una virologa dell’Esercito Popolare di Liberazione immortalata nell’atto di ricevere un’iniezione di quello che è stato pubblicizzato come il primo vaccino. Ora pare che l’immagine sia un falso, scattata prima di un viaggio fatto a Wuhan. La foto era stata fatta circolare anche nell’account Twitter del Global Times, organo di propaganda del Partito Comunista Cinese presso le masse occidentali.

Renovatio 21 ne ha scritto un articolo di qualche giorno fa.

 

Il presidente americano Donald J. Trump ha parlato durante gli incontri con i dirigenti farmaceutici per assicurarsi che un vaccino venga prodotto sul suolo americano, per assicurare che gli Stati Uniti controllino le sue scorte.

Vi sono già segnali che la Cina sta sfruttando il momento per un vantaggio geopolitico, offrendo aiuto a paesi che un tempo avrebbero guardato in Europa o negli Stati Uniti

 

Funzionari del governo tedesco hanno dichiarato di ritenere che abbia tentato di prendere all’amo una società tedesca, CureVac, per fare ricerca e produzione  negli Stati Uniti. La società ha negato di aver ricevuto un’offerta di acquisizione, ma il suo principale investitore ha chiarito che un qualche tipo di approccio c’è stato. Alla domanda della rivista tedesca Sport 1 su come si era aperto il contatto con Trump, Dietmar Hopp, la cui Dievini Hopp BioTech Holding possiede l’80% dell’azienda, ha dichiarato: «personalmente non ho parlato con il signor Trump. Ha parlato con l’azienda e me ne hanno subito parlato e mi hanno chiesto cosa ne pensassi, e ho capito subito che era fuori questione». 

 

Le voci sul tentativo di approccio approccio sono state sufficienti per indurre la Commissione europea a impegnare altri 85 milioni di dollari a favore dell’azienda, che ha già ottenuto il sostegno di un consorzio europeo per i vaccini.

 

In Cina, 1.000 scienziati stanno lavorando a un vaccino e la questione è già stata militarizzata: i ricercatori affiliati all’Accademia delle Scienze mediche militari hanno sviluppato quello che è considerato il candidato per il successo della nazione e sta reclutando volontari per studi clinici

Lo stesso giorno, una società cinese ha offerto  133,3 milioni di dollari per una partecipazione azionaria e altre considerazioni da un’altra società tedesca nella corsa al vaccino, BioNTech.

 

I farmaci ora sono visti come un bene strategico da produrre internamente, come i propri droni, i propri aerei da caccia e le proprie armi informatiche. Dopo due decenni di produzione di farmaci in Cina e India, gli USA si muovono per riportare la filiere sotto la sovranità nazionale. 

 

Alcuni analisti ricordano cosa è successo durante l’epidemia di influenza suina nel 2009, quando ad una società in Australia che fu tra i primi a sviluppare un vaccino monodose fu richiesto di soddisfare la domanda in Australia prima di soddisfare gli ordini di esportazione negli Stati Uniti e altrove.

 

Nell’aria aleggia pure lo spettro, totalmente impensabile fino a qualche settimana fa, della nazionalizzazione di Big Pharma.

Il presidente americano Donald J. Trump ha parlato durante gli incontri con i dirigenti farmaceutici per assicurarsi che un vaccino venga prodotto sul suolo americano, per assicurare che gli Stati Uniti controllino le sue scorte

 

«I dirigenti delle principali aziende farmaceutiche mondiali hanno dichiarato giovedì di lavorare insieme e con i governi per assicurare che un vaccino venga sviluppato il più rapidamente possibile e distribuito equamente – scrive il NYT – ma hanno implorato i governi di fare scorte del vaccino una volta sviluppato, dicendo che farlo sarebbe devastante per il più ampio obiettivo di eliminare la pandemia di coronavirus».

 

La questione del vaccino è, per via delle tempistiche minime, spinosa. Mentre farmaci antivirali per il trattamento degli effetti del coronavirus possono essere testati secondo le linee guida sull’uso compassionevole che consentono la sperimentazione su pazienti malati terminali, un vaccino richiede almeno 12-18 mesi.

 

I farmaci ora sono visti come un bene strategico da produrre internamente, come i propri droni, i propri aerei da caccia e le proprie armi informatiche. Dopo due decenni di produzione di farmaci in Cina e India, gli USA si muovono per riportare la filiere sotto la sovranità nazionale.

Un elemento di competizione nazionale per lo sviluppo di farmaci vi è sempre, anche nel tempi pre-pandemici. È il caso di ricordare che nei mesi precedenti alla catastrofe di Wuhan la FBI iniziò uno sforzo per stanare e perseguire quegli scienziati che credevano stessero rubando la ricerca biomedica dagli Stati Uniti. I federali si focalizzarono principalmente su scienziati di origine cinese, compresi cittadini americani naturalizzati, e in un anno indagaraono bem 180 persone.

 

«La Cina ha chiarito che sta cercando un campione nazionale, equivalente al ruolo che Huawei, un gigante cinese delle telecomunicazioni, svolge nella corsa alla costruzione di reti 5G in tutto il mondo» è l’analisi da cui tirare le somme. Se il modello Huawei è valido, la Cina potrebbe concludere accordi per aumentare la propria influenza sui paesi più poveri o meno sviluppati, che altrimenti potrebbero non avere un accesso economico a un vaccino.

Della Cina e del grande gioco di penetrazione del 5G nel nostro Paese, persino nel Decreto Cura Italia di pochi giorni fa,  Renovatio 21 ha scritto diffusamente.

 

Vi sono già segnali che la Cina sta sfruttando il momento per un vantaggio geopolitico, offrendo aiuto a paesi che un tempo avrebbero guardato in Europa o negli Stati Uniti. La sua decisione di spedire kit diagnostici nelle Filippine, un alleato degli Stati Uniti, e di aiutare la Serbia sono indicatori di ciò che potrebbe avvenire con farmaci e vaccini quando saranno disponibili.

Durante l’epidemia di influenza suina nel 2009,ad una società in Australia che fu tra i primi a sviluppare un vaccino monodose fu richiesto di soddisfare la domanda in Australia prima delle  esportazioni negli Stati Uniti e altrove

 

Parlando in una teleconferenza giovedì, i dirigenti delle cinque maggiori aziende farmaceutiche hanno affermato che stavano lavorando per aumentare le capacità produttive del settore condividendo la capacità disponibile per aumentare la produzione una volta identificato un vaccino o un antivirale di successo. Una volta approvato un vaccino, «avremo bisogno di vaccinare miliardi di persone in tutto il mondo, quindi stiamo cercando alternative a dove e come produciamo», ha dichiarato David Loew, vice presidente esecutivo di Sanofi Pasteur in Francia

 

Ma sono alla fine i governi a decidere come approvare un vaccino e dove e come può essere venduto. 

«La Cina ha chiarito che sta cercando un campione nazionale, equivalente al ruolo che Huawei, un gigante cinese delle telecomunicazioni, svolge nella corsa alla costruzione di reti 5G in tutto il mondo»

 

Consapevoli della tortuosità del percorso, tuttavia, diversi governi e gruppi no profit europei hanno già preso provvedimenti per impedire agli Stati Uniti o alla Cina di imprigionare il monopolio di un potenziale vaccino contro il coronavirus.

 

All’indomani della peste dell’Ebola che si è diffusa in tutta l’Africa occidentale dal 2014 al 2016, Norvegia, Gran Bretagna e altri paesi prevalentemente europei, nonché l’immancabile  Bill e Melinda Gates Foundation hanno iniziato a contribuire con milioni di dollari a un’organizzazione multinazionale atta a per finanziare la ricerca sui vaccini, la Coalition for Epidemic Preparedness Initiatives.

 

All’indomani della peste dell’Ebola che si è diffusa in tutta l’Africa occidentale dal 2014 al 2016, Norvegia, Gran Bretagna e altri paesi prevalentemente europei, nonché l’immancabile  Bill e Melinda Gates Foundation hanno iniziato a contribuire con milioni di dollari a un’organizzazione multinazionale atta a per finanziare la ricerca sui vaccini, la Coalition for Epidemic Preparedness Initiatives.

Tutti i suoi accordi di finanziamento includevano disposizioni per la parità di accesso per assicurare che «i vaccini appropriati siano disponibili per la prima volta alle popolazioni quando e dove sono necessari per porre fine a un’epidemia o ridurre un’epidemia, indipendentemente dalla capacità di pagare», afferma l’organizzazione

 

Negli ultimi due mesi, la coalizione ha già finanziato la ricerca su otto dei candidati più promettenti per bloccare il coronavirus, tra cui CureVac, la società tedesca interessata da Trump. CureVac ha peraltro licenziato il suo amministratore delegato americano, Daniel Menichella, giorni che aveva incontrato la task force coronavirus della Casa Bianca.

 

L’incontro, come ricordavamo sopra, ha avuto anche l’effetto di far cadere una pioggia di milioni dell’Unione Europea sull’azienda: «Il fatto che altri Paesi abbiano provato ad acquistare quella compagnia dimostra che sono i primi nella ricerca – ha affermato Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Europea – È un’azienda europea: vorremmo mantenerla. È stato molto importante dargli il finanziamento necessario e questo è successo».