Monsanto-Bayer, il matrimonio infernale

 

 

Pubblichiamo questa intervista alla filosofa ed attivista indiana Vandana Shiva sui pericoli della fusione tra le due discusse multinazionali Bayer e Monsanto. Il conglomerato, con i suoi prodotti che vanno dai pesticidi alle sementi OGM, vanterà un’influenza senza precedenti sull’agricoltura e sull’alimentazione. Vandana Shiva ha studiato i paradigmi nell’agricoltura e nell’alimentazione e i loro cambiamenti; si è occupata di diritti sulla proprietà intellettuale, biodiversità, bioetica, nonché alle implicazioni sociali, economiche e geopolitiche connesse all’uso di biotecnologie ed ingegneria genetica.

 

 

Mentre gran parte del mondo e dei media si è concentrata sul matrimonio del principe Harry e Meghan Markle, un’altra «coppia reale» è sul punto di completare il proprio accordo matrimoniale dopo un impegno di 21 mesi.

 

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha recentemente autorizzato il passaggio della compagnia farmaceutica e chimica tedesca Bayer a fondersi con il gigante agricolo con sede in Stati Uniti Monsanto, in un affare di acquisizione del valore di oltre $ 60 miliardi.

 

Una volta che la partnership raggiungerà l’approvazione anti-trust degli Stati Uniti, probabilmente entro pochi giorni, emergerà una nuova entità, che detiene più di un quarto del mercato mondiale combinato di sementi e pesticidi. Sarebbe una cerimonia di matrimonio tradizionale?

 

Con profonde ragioni per opporsi a questo matrimonio, un robusta alzata di mani si scatenerà quando verrà richiesto di «parlare ora o ptacere per sempre».

 

Secondo un recente sondaggio di 48 Stati USA, il 94% degli agricoltori è preoccupato per la fusione, con L’83% è molto preoccupato. Le loro prime tre preoccupazioni: il dominio del mercato per spingere altri prodotti, il controllo sui dati degli agricoltori e una maggiore pressione per fare affidamento su pratiche agricole basate su sostanze chimiche.

Vandana Shiva

Questa fusione ha implicazioni non solo per ciò che accade sul piatto della nostra cena. Ci sono domande di controllo economico e politico che devono essere affrontate.

 

I critici sostengono che il potere di questi giganti economici è tale da aver «catturato» le agenzie di regolamentazione. Le risorse finanziarie illimitate consentono a queste e ad aziende simili di comprare accademici, media e politici.

 

Global Research: Dr. Shiva, sono molto interessato a molto di ciò che ha dovuto dire nel suo recente discorso e nei suoi scritti su questa interfaccia tra il modello aziendale for-profit e come si interseca con questa necessità di provvedere al nostro bisogni alimentari di base e al fabbisogno energetico di base. Immagino sia solo … introdurre qualcosa che sia abbastanza attuale, questa fusione tra Monsanto, con cui sei stato molto esplicito, e Bayer. Potrebbe forse quantificare esattamente come  la fusione peggiora la situazione, passando dalla padella alla brace? Cosa, in particolare, pensi siano le preoccupazione per gli agricoltori e per la sicurezza alimentare in generale?

 

Vandana Shiva: la prima cosa che la gente dovrebbe ricordare è che Monsanto e Bayer ne furono una cosa sola durante la guerra. Si chiamavano Mobay. Hanno lavorato insieme per vendere veleni su entrambi i lati della guerra. È solo dopo il processo IG Farben a Norimberga che è avvenuta la separazione. Quindi, in un certo senso, la fusione Bayer-Monsanto dei tempi contemporanei è solo un incontro in un modo aperto di un matrimonio nascosto che era sempre lì.

La gente dovrebbe ricordare è che Monsanto e Bayer ne furono una cosa sola durante la guerra. Si chiamavano Mobay. Hanno lavorato insieme per vendere veleni su entrambi i lati della guerra. È solo dopo il processo IG Farben a Norimberga che è avvenuta la separazione

 

In secondo luogo, anche se si guardano gli accordi di cross-licensing, hanno lavorato insieme. Quando il BT Cotton Monsanto fallì in India nel 2015-16 negli stati del Punjab, l’80% del cotone fu colpito dalle White Fly [le mosche bianche dette aleirodidi, flagello per molte piante di importanza economica, ndr]. Chi ha venduto i pesticidi? Bayer. Quindi lavorano come una cosa sola.

 

Come una sorta di cartello del veleno. In questo momento, gli acquirenti cercano di spingere una senape OGM. Allo stesso tempo, Monsanto sta cercando di smantellare le nostre leggi sui brevetti che dicono che non possiamo permettere brevetti e semi, piante, animali, perché queste non sono invenzioni umane.

 

Hanno la loro capacità di auto-organizzarsi per organizzare la vita, regolano la vita, riproducono la vita, moltiplicano i semi.

 

Cosa significa questa nuova fusione ? In primo luogo, penso che i numeri come 66 miliardi siano solo giochi per il pubblico. Ho fatto un’analisi. Uscirà nel mio nuovo libro sul risorgere del rial. I veri proprietari di tutte queste società, fino alla Coca Cola e alla Pepsi, sono tutti i nuovi giganti dell’investimento, che sono il cartello dei ricchi, che ora hanno progettato modi di usare i loro soldi per controllare fondamentalmente il futuro di umanità.

I veri proprietari di tutte queste società, fino alla Coca Cola e alla Pepsi, sono tutti i nuovi giganti dell’investimento, che sono il cartello dei ricchi, che ora hanno progettato modi di usare i loro soldi per controllare fondamentalmente il futuro di umanità.

 

E, per loro, c’è più futuro nella raccolta di rendite da semi che non hanno mai inventato, dalla vendita di altri veleni, inclusi i governi corrotti, incluso il fatto che persino l’OMS ha detto che il glifosato è un cancerogeno. Quindi stanno mettendo i loro soldi nelle menzogne per difendere le uccisioni e distruggere la democrazia.

 

In effetti, la fusione significa  più potere nelle mani delle società criminali.

 

Non solo per spingere l’agenda, ma i governi corrotti, e sovvertire la democrazia. Stiamo assistendo proprio ora in India con il caso di mostarda GM. Distruggono  la scienza, e in nome della scienza, dicono che la scienza richiede OGM, ma stanno eliminando qualsiasi scienziato che fa vera ricerca su A) il fatto che gli OGM non producono di più e B) che non hanno messo sotto controllo gli insetti nocivi o erbacce, hanno creato super-parassiti e super-insetti, C) che sono modi migliori attraverso la biodiversità, attraverso l’agroecologia, per produrre effettivamente abbastanza cibo per le persone e avere abbastanza per altre specie, che è ciò che è il sistema alimentare.

In effetti, la fusione significa  più potere nelle mani delle società criminali.

 

Quindi, vedo la fusione di Bayer e Monsanto come, in un certo senso, il culmine di una competizione tra un secolo di ecocidio e genocidio senza fermarsi, contro la democrazia della Terra in cui tutte le specie hanno i loro diritti riconosciuti.

 

Perché la maggior parte della sovversione dell’agenda di Monsanto non ha avuto luogo perché la gente ha marciato nei campi della soia Round-Up, ma perché l’amaranto di Palmer è salito e ha sconfitto il progetto.

 

È per questo che insisto, ci sono 300 milioni di specie e se si assume che anche metà dell’umanità continuerà a pensare e difendere la propria libertà,  significherebbe 3,5 miliardi di persone, cioè molta intelligenza contro la criminalità di un cartello di Bayer-Monsanto, Dow-Dupont, Syngenta-ChemChina che lavorano insieme a un’agenda fallita di spingere gli OGM.

Non hanno messo sotto controllo gli insetti nocivi o erbacce, hanno creato super-parassiti e super-insetti

 

Global Research: Trovo che ci sia una sorta di sviluppo parallelo forse – stai parlando del sistema alimentare, ma c’è anche l’economia energetica. E ho notato che si parla molto della transizione e del tempo, della transizione dai combustibili fossili, ma ho notato che molti investimenti, corruzione, sovversione, forse, stanno avvenendo sotto le spoglie di grandi investitori come i Rockefeller e Warren Buffett e tutti questi player importanti. Come la Bill Gates Mission Innovation, stanno tutti cercando di investire, entrare in questa economia rinnovabile, ma non vedono l’economia rinnovabile come un … Beh, sembra che il loro obiettivo più grande sia trovare una nuova frontiera per l’espansione capitalistica. E così, se guardo a questo genere di sviluppi quando si vedono importanti donazioni per le maggiori ONG ambientali e così via, mi chiedo se non stiamo guardando allo stesso modo se è qualcosa di cui dobbiamo stare in guardia. Per evitare che questo tipo di pillola velenosa divenga un altro tipo di cartello velenoso, bisogna muoversi in modo tale che l’economia rinnovabile sia in realtà qualcosa che è allineata con i sistemi naturali e l’intelligenza naturale, e non semplicemente un altro meccanismo per la crescita del profitto e l’espansione capitalista. Potresti rispondere a queste preoccupazioni?

 

VS: La prima cosa è che il cibo è energia. Ci dà energia quando mangiamo cibo nutriente. Purtroppo, il cibo stesso è diventato la fonte di maggiore fiducia in un modello energetico non sostenibile. Il 90% del grano nel suolo, coltivato nel mondo in questo momento, sta andando per il biocarburante. Quindi abbiamo già deviato il cibo in un modello energetico non sostenibile.

Il 90% del grano nel suolo, coltivato nel mondo in questo momento, sta andando per il biocarburante. Quindi abbiamo già deviato il cibo in un modello energetico non sostenibile.

 

Quando si parla di energia rinnovabile, che in realtà è iniziata come piccole iniziative che cercavano di costruire alternative energetiche ai combustibili fossili, negli incontri di Parigi era così chiaro che questa sarebbe stata la prossima piattaforma per i Gates e i Buffett del mondo. E fanno mulini a vento? No, non lo fanno. Si tengono le mani in tasca e si mangia hamburger. Realizzano pannelli solari? No. Per cosa corrono? Qual è la loro innovazione? Afferrare i brevetti.

 

Quindi, stanno cercando un futuro in cui ci saranno molte energie rinnovabili nel mondo, ma raccoglieranno le rendite dall’espansione delle energie rinnovabili come se cercassero di riscuotere le rendite dalle sementi, che è l’unico programma per gli OGM e i brevetti di seme Quello che stiamo vedendo è l’emergere di una nuova economia che è un’economia locativa basata sulla proprietà intellettuale, e le persone che non lavorano fanno i soldi enormi e diventano l’1%, e le persone che lavorano e lavorano e sono creative e innovative punito solo perché sono esseri umani che lavorano sodo.

Quello che stiamo vedendo è l’emergere di una nuova economia che è un’economia locativa basata sulla proprietà intellettuale, e le persone che non lavorano fanno i soldi enormi e diventano l’1%, e le persone che lavorano e lavorano e sono creative e innovative punito solo perché sono esseri umani che lavorano sodo.

 

È che non la chiamo disuguaglianza perché è peggio della disuguaglianza. È una bugia, è una brutalizzazione, è una disumanizzazione. È una disumanizzazione di coloro che sono derubati della loro parte di questa Terra e del benessere della Terra, ma è una brutalizzazione di quei pochi che pensano di essere signori e padroni dell’universo. In questo momento critico, con in gioca la sopravvivenza della specie, i loro profitti vengono prima di tutto, non l’umanità del pianeta.

 

GR: Hai sollevato il termine antropocentrismo nelle prime ore del tuo discorso, ed è una seria preoccupazione in quanto è qualcosa a cui non facciamo molta attenzione o che pensiamo sia l’acqua in cui nuotiamo. E io sto scoprendo che molte di queste tecnologie hanno quel tipo di rivestimento antropocentrico. Mi chiedo se queste tecnologie siano irrimediabilmente antropocentriche, o possiamo trovare qualche aspetto in cui possiamo continuare a utilizzarle?

 

VS: Sai, per me le tecnologie non sono un fenomeno magico che viene inviato dai cieli a pochi uomini privilegiati, come Bacon pensava alle nuove tecnologie. Il modo in cui il mondo funziona è, le persone sono creative e innovative e hanno sviluppato strumenti. Il problema con gli strumenti che provengono dai beni comuni… Microsoft non è l’inventore del software. È il detentore del brevetto del software. Monsanto non è l’inventore del seme e sicuramente nemmeno del DNA ricombinante. È l’acquirente del brevetto di altri, che potrebbero aver avuto il brevetto prima di loro. Quindi, è davvero una corsa alla proprietà attraverso qualsiasi mezzo.

Bill Gates

E la ragione per cui mi preoccupo delle tecnologie digitali non è che gli umani abbiano elaborato modi per gestire le tecnologie digitali, ma che coloro che controllano le tecnologie digitali vogliono usarlo come strumento di controllo. Ad esempio, l’intera economia indiana è messa in shutdown l’8 novembre 2016 per avviare un’economia digitale. Le banconote di grande taglio furono bandite. Tutti i risparmi di milioni e miliardi di persone sono stati spazzati via. Questo privilegio del digitale significa fondamentalmente che il sistema finanziario globale in cui i soldi vanno negli Stati Uniti a Wall Street, a questi fondi di investimento, che quelle persone ottengono il 6% di percentuale per ogni transazione, e la persona laboriosa, attraverso lo scambio, perde. Deve pagare di più.

 

La seconda ragione per cui l’economia digitale viene utilizzata come nuova dittatura digitale, e ne ho scritto, è la nuova fusione tra tecnologie digitali e tecnologie dell’informazione da un lato, e agricoltura e biotecnologie dall’altro, ma anche tecnologia digitale e finanza.

In questo momento di crisi, mettere il tuo destino dell’umanità in combinazioni di zeri e uno, e macchine possedute e brevettate, e algoritmi posseduti da un pugno di uomini che non hanno esperienza reale di ciò che la vita è, è molto, molto pericoloso.

In questo momento, l’economia finanziaria non ha nulla a che fare con il denaro. Non ha niente a che fare con la ricchezza. Ha tutto a che fare con speculazioni, fili, algoritmi rapidi. E penso che stia restringendo le nostre possibilità non permettendo alle ampie intelligenze che non sono unidimensionali, che non sono lineari, che si sviluppano in tutti i tipi di combinazioni di cuori e teste e mani che lavorano come un unico strumento per guidarci fuori dalla crisi. In questo momento di crisi, vedo  il mettere il tuo destino dell’umanità in combinazioni di di cuori e teste e mani che lavorano come un unico strumento per guidarci fuori dalla crisi. In questo momento di crisi, mettere il tuo destino dell’umanità in combinazioni di zeri e uno, e macchine possedute e brevettate, e algoritmi posseduti da un pugno di uomini che non hanno esperienza reale di ciò che la vita è, è molto, molto pericoloso.

 

 

Fonte: Globalresearch.ca