Cellule di feti abortiti nei vaccini, intervista a Stefano Montanari

 

 

Dottor Montanari, occupandosi di scienza e ricerca da tutta la vita lei è d’accordo con quanto ha sostenuto il Dr. Ricciardi durante il Meeting di Comunione  e Liberazione a Rimini cioè che non vi è nessuna controindicazione di carattere scientifico nel produrre vaccini con linee cellulari di feti abortiti inoculandoli poi nel corpo dei bambini?

Non so se essere imbarazzato, indignato o divertito. Partiamo dall’aspetto puramente tecnico: i vaccini sono prodotti usando ogni sorta di porcheria, da antibiotici controindicati nei bambini a sostanze non utilizzabili per uso umano o animale come il Medium 199, passando per sostanze dichiarate cancerogene da molti anni come la formaldeide, transitando per altre sostanze come l’alluminio che l’Istituto Superiore di Sanità stesso ha dichiarato neurotossico (cosa nota da tempo immemorabile ma qui stiamo parlando di burocrati e non di scienziati) per finire ad inquinanti assortiti, dal glifosato alle nanoparticelle. Questo per non fare che una cernita operata tra un numero incredibile di veleni di ogni specie. A chi avesse qualche dubbio consiglio la lettura delle schede tecniche compilate dai produttori stessi che sono pubbliche anche se i medici, commettendo una grave scorrettezza deontologica, non le fanno leggere ai loro clienti. Dunque, tutto sommato, dal punto di vista tecnico usare tessuti di feti umani non aggiunge molto al cocktail. Un po’ di DNA estraneo non cambierà sostanzialmente un panorama già di per sé non proprio rassicurante. Ma, se tolgo il camice e faccio l’uomo della strada, non posso non restare esterrefatto del quoziente intellettivo e dell’onestà di chi ha sostenuto un’assurdità davvero insostenibile e offensiva verso coloro ai quali è indirizzata.

Che feti umani abortiti siano impiegati per fabbricare vaccini è dichiarato apertamente dai produttori. Che si debbano forzatamente usare feti sani è un’ovvietà

Io non sono certamente un esperto di questioni religiose e mi limito umilmente a restare in ambito logico. Che feti umani abortiti siano impiegati per fabbricare vaccini è dichiarato apertamente dai produttori e di quei vaccini è pubblica la non certo breve lista. Che si debbano forzatamente usare feti sani è un’ovvietà. Che i feti sani si possano ottenere solo abortendo volontariamente è altrettanto ovvio perché un aborto spontaneo è di norma legato ad un evento patologico e usare feti potenzialmente malati non sarebbe opportuno. Che la religione cristiana condanni l’aborto mi pare di averlo sempre sentito e di non averlo mai sentito smentire. Che d’improvviso un peccato classificato come mortale diventi qualcosa d’irrilevante se non addirittura un merito mi lascia a dir poco perplesso. Che a pronunciare un’enormità simile sia un personaggio come Ricciardi, uomo sulla cui morale e sulla cui cultura mi lasci sorvolare, non mi stupisce né mi stupisce che il Comitato Nazionale di Bioetica dimostri tutta la sua incompetenza proprio in campo bioetico. Volutamente non entro in questioni diverse ma, se si potesse parlare liberamente, tanto altro ci sarebbe da aggiungere. Resto perplesso, invece, davanti al silenzio delle autorità religiose e non posso non interrogarmi su che cosa ci stia dietro. Certo tacere è un bell’autogol.

Resto perplesso, invece, davanti al silenzio delle autorità religiose e non posso non interrogarmi su che cosa ci stia dietro. Certo tacere è un bell’autogol.

 

Non è il suo campo, lo so, ma è coerente per un cattolico affermare che tutto ciò è eticamente lecito?

Indipendentemente da qualunque mia posizione religiosa, credo sia indispensabili essere coerenti. Se un cristiano crede nella sua religione e non la considera una sorta di decorazione sociale, non gli è consentito vaccinarsi con quei vaccini che, ripeto, non sono pochi. Peggio ancora fanno coloro che, essendo al corrente di come stanno le cose, offrono del tutto illecitamente la loro assoluzione. Se un Aldilà esiste e se esiste un giudizio, spetterà a chi giudica fare il suo dovere. Certo, in quelle condizioni io non vorrei essere nei panni di chi dovrà subire quel giudizio, anche perché forse non mi rivolgerei a qualche milione di gonzi per difendere la mia posizione. Mi permetta, però, di aggiungere qualcosa per dimostrare che i cristiani non sono lasciati soli. Musulmani ed ebrei vietano il contatto con il maiale, eppure la gelatina di pelle di quell’animale impuro è presente in moltissimi vaccini nel silenzio assoluto di imam e rabbini. Insomma, l’ipocrisia non sta da una parte sola e, con la filosofia del mal comune mezzo gaudio, forse qualcuno troverà in questa che a mio parere è una mortificante pagliacciata, elemento di consolazione.

I cristiani non sono lasciati soli. Musulmani ed ebrei vietano il contatto con il maiale, eppure la gelatina di pelle di quell’animale impuro è presente in moltissimi vaccini nel silenzio assoluto di imam e rabbini

 

In un’intervista al quotidiano La Verità, l’anno scorso, aveva parlato di donne fatte abortire volontariamente per vendere i pezzi di feto ai laboratori di ricerca. Tutto questo corrisponde al vero? Esistono delle prove?

Ci sono addirittura i tariffari di cui io mostro copia alle mie conferenze.

 

Per gentile concessione del ricercatore, rendiamo nota una fattura della Planned Parenthood.

 

Modulo e fattura per il reperimento di feti abortiti

 

 

 

Cristiano Lugli