Carattere antidivino della rivoluzione medico-biologica: attacco al cuore della legge naturale

 

 

 

L’incontro delle due istanze della rivoluzione biomedica e della sovversione sociale, che è emerso chiaramente anche sul piano storico e della cronaca politica (gruppi lesbici rivendicano l’autoinseminazione, organizzazioni gay in prima linea nella battaglia per la fecondazione artificiale), trova una comune ispirazione che è e si proclama apertamente anticristica anche e soprattutto in quanto eversiva della legge naturale e della retta ragione: tesa alla cancellazione del diritto naturale.

 

Attacco al cuore della legge naturale

Si tratta di un attacco al cuore della legge e del diritto naturale (cioè Divino): la Rivoluzione si caratterizza dunque come antidivina prima di qualsiasi altra cosa (solo secondariamente anche antiumana), come espressamente dichiarato dai suoi divulgatori.

 

L’incontro delle due istanze della rivoluzione biomedica e della sovversione sociale,trova una comune ispirazione che è e si proclama apertamente anticristica in quanto eversiva della legge naturale e della retta ragione: tesa alla cancellazione del diritto naturale

La base comune è il rigetto della legge naturale come emanazione del Diritto Divino: chè tale essa rimane e questo carattere va riaffermato con forza contro le attuali tendenze naturalistiche.

 

Va infatti rimarcato come nella sua visione restrittiva ed intramondana la concezione moderna di legge naturale si riveli inadeguata a garantire i binari dell’etica, e come si presti a supportare l’equivoco concetto di dignità umana.

 

Inoltre dopo la caduta del peccato originale la ragione umana solo con fatica può riconoscere le inclinazioni naturali, poiché siamo nell’errore del razionalismo (culto disordinato della ragione senza la luce della fede).

 

Non sarà dunque fuori luogo un riepilogo dottrinale al riguardo. La legge si distingue in: 

 

La base comune è il rigetto della legge naturale come emanazione del Diritto Divino

Legge eterna

Volontà divina che comanda di osservare l’ordine e proibisce di turbarlo (S.Agostino, Contro Faustop Manicheo, 22,27). Per la legge eterna ogni singola creatura è, secondo la propria natura, ordinata e diretta al proprio fine. Da essa promanano come da fonte universale e necessaria tutte le altre leggi.

 

Legge naturale

San Tommaso la definisce come la partecipazione della creatura razionale (l’uomo) alla legge eterna intesa quest’ultima come l’ordinanza della divina saggezza che indica e dirige tutti gli esseri al loro fine.

La legge naturale vive nella coscienza umana (è iscritta da Dio stesso nel cuore di tutti gli uomini), e si è affermata in tutta la storia del genere umano

 

La legge naturale vive nella coscienza umana (è iscritta da Dio stesso nel cuore di tutti gli uomini), e si è affermata in tutta la storia del genere umano.

 

Essa è una (fare il bene e fuggire il male), universale (abbraccia indistintamente tutti gli uomini), evidente (conosciuta da tutti almeno nei suoi principi generali), immutabile (non sopporta alcuna abrogazione, derogazione e dispensa).

 

Legge positiva

Quella che dall’autorità divina e dall’autorità umana è sovrapposta alle leggi naturali. Può essere divina e umana. 

La legge naturale esprime sotto forma di precetti le inclinazioni naturali che Dio ha messo nella natura ragionevole dell’uomo

 

La legge naturale esprime sotto forma di precetti le inclinazioni naturali che Dio ha messo nella natura ragionevole dell’uomo.

 

Nel cuore di ogni uomo, indipendentemente dalla Fede, si trova indelebile questa inclinazione fondamentale al bene che si traduce in questo ordine conosciuto da tutti: «Bisogna fare il bene ed evitare il male» (primo principio dell’ordine morale).

 

Il bene per un essere è di perseguire il proprio fine agendo secondo la propria natura.

 

Nel cuore di ogni uomo, indipendentemente dalla Fede, si trova indelebile questa inclinazione fondamentale al bene che si traduce in questo ordine conosciuto da tutti: «Bisogna fare il bene ed evitare il male» (primo principio dell’ordine morale).

Per l’uomo, essere ragionevole, il bene è dunque di agire secondo la sua natura razionale (principio sequi naturam delle antiche scuole filosofiche, punto di vista poi adottato ed approfondito dai Padri della Chiesa alla luce della rivelazione).

 

 

Le inclinazioni naturali, espressioni della legge naturale

Innanzitutto c’è una inclinazione comune all’uomo e a tutti gli esseri che è di tendere alla conservazione del proprio essere: appartiene dunque alla legge naturale tutto ciò che l’uomo deve fare per conservare la propria vita ed evitare la morte.

 

Questa è alla base dell’amore spontaneo e naturale di sé. Su di essa poggia il diritto alla legittima difesa, ma anche la ricerca di tutto ciò che è utile per la nostra sussistenza: vitto, vestiti, alloggio.

 

Per l’uomo, essere ragionevole, il bene è dunque di agire secondo la sua natura razionale

In secondo luogo viene una inclinazione che l’uomo condivide con gli altri esseri viventi: è l’unione del maschio con la femmina in vista della generazione e dell’educazione dei figli.

 

È dunque prescritto dalla legge naturale (ed è perciò una istituzione naturale) il matrimonio con le sue proprietà che sono l’unità e l’indissolubilità.

 

Nella sua propria natura, a prescindere dal peccato originale e dalla concupiscenza disordinata, la sessualità è dunque buona e può essere fonte di qualità morali: è la virtù della temperanza sotto forma di castità che si svilupperà su di essa e il suo uso nel matrimonio potrà diventare meritorio, in particolare per il compimento del dovere matrimoniale e la moltiplicazione dei figli in vista del culto di Dio (San Tommaso, Summa Theologiae, Suppl., q. 41, a. 4).

 

I doveri morali iscritti nei nostri cuori attraverso la legge naturale obbligano tutti gli uomini quali che siano

Resta nondimeno che la ferita del peccato originale si fa sentire molto fortemente in questo ambito: per questa ragione Dio ha ricordato nel Decalogo i limiti oltre i quali questa inclinazione si eserciterebbe in modo irragionevole ed ingiusto, e di conseguenza peccaminoso (Non commettere adulterio, non commettere atti impuri).

 

Infine in quanto creatura razionale, l’uomo possiede una inclinazione a lui solo propria che è quella di conoscere la verità riguardo a Dio e di vivere in società. Vincere l’ignoranza religiosa, rispettare quelli con cui vive ed altre cose similari sono dunque obbligazioni che vengono dalla legge naturale.

 

Importante notare che se certo la legge morale naturale comporta dei precetti, essa non però per questo si oppone alla nostra libertà, come si crede spesso a ragione di una falsa concezione erronea moderna che pone un antagonismo tra legge e libertà. Ciò che si oppone alla libertà sono in verità le passioni, quando sono disordinate e spingono l’uomo verso un bene apparente che è contrario alla ragione.

Una legislazione umana che sia ad essi contraria perde con ciò stesso ogni forza obbligante.

 

La volontà si trova allora in una contraddizione ineluttabile tra il bene cui è attratta per propria natura e il male che essa fa. Schiava delle passioni, alla rincorsa di un bene apparente immediato, non c’è più pace per lei. La vera libertà è quella dal peccato: sarà totale e completa solo in Paradiso.

 

I doveri morali iscritti nei nostri cuori attraverso la legge naturale obbligano tutti gli uomini quali che siano.

La legge umana deve essere un’eco della legge naturale di cui essa può tirare delle conclusioni o a cui può apportare precisazioni, senza mai però contraddirla.

 

Una legislazione umana che sia ad essi contraria perde con ciò stesso ogni forza obbligante.

 

La legge umana deve essere un’eco della legge naturale di cui essa può tirare delle conclusioni o a cui può apportare precisazioni, senza mai però contraddirla.

 

E non solo la legge, ma anche tutte le altre attività umane – segnatamente la Medicina – devono rispettare la Legge e la Morale Naturali.

E non solo la legge, ma anche tutte le altre attività umane – segnatamente la Medicina – devono rispettare la Legge e la Morale Naturali

 

 

Dott. Luca Poli

Medico

 

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

 

 

In affiliazione Amazon