Connettiti con Renovato 21

Politica

Possibile impiccagione di assassino in diretta TV

Pubblicato

il

Un tribunale in Egitto ha chiesto l’impiccagione in diretta televisiva di un assassino condannato, sostenendo che potrebbe aiutare a scoraggiare altri aspiranti assassini.

 

Durante un processo di due giorni molto pubblicizzato all’inizio di questo mese, il 21enne Mohamed Adel è stato condannato per aver ucciso la compagna di studi Nayera Ashraf fuori dall’Università di Mansoura, nel nord dell’Egitto, alla fine di giugno. È stato riferito che Adel avrebbe perseguitato la ragazza per un po’ di tempo, e quando questa si è rifiutata di sposarlo, avrebbe escogitato un orribile complotto per ucciderla.

 

Secondo il filmato dell’incidente, che è diventato virale sui social media e ha suscitato indignazione in tutto il Paese, Adel ha accoltellato ripetutamente la povera Ashraf mentre scendeva da un autobus vicino all’università, le è saltato addosso e le ha tagliato la gola di fronte a un certo numero di spettatori inorriditi e terrorizzati.

 

Adel si è dichiarato colpevole dell’omicidio ed è stato condannato a morte il 6 luglio. Tuttavia, a causa della natura atroce dell’omicidio, la corte ora vuole fare di Adel un esempio e ha chiesto al governo di consentire una trasmissione televisiva nazionale in diretta dell’esecuzione.

 

Il tribunale di Mansoura ha scritto una lettera al pParlamento egiziano spiegando che la pubblicità data alla sentenza non era sufficiente per impedire che crimini simili si verificassero in futuro.

 

«La trasmissione, anche se solo in parte dell’avvio del procedimento, potrebbe raggiungere l’obiettivo della deterrenza, che non è stato raggiunto trasmettendo la sentenza stessa», si legge nella lettera, riportata dai media egiziani.

 

L’avvocato di Adel, Farid El-Deeb, che era un avvocato difensore del defunto ex presidente egiziano Hosni Mubarak, insiste sul fatto che il suo cliente non merita la pena di morte e ha promesso di appellarsi contro il verdetto.

 

L’ultima volta che una pena capitale è stata trasmessa dalla televisione nazionale egiziana è stata nel 1998, quando lo stato ha giustiziato tre uomini che hanno ucciso una donna ei suoi due figli nella loro casa al Cairo, riporta Sputnik.

 

L’omicidio di Ashraf, così come altri omicidi di donne di alto profilo in Giordania e negli Emirati Arabi Uniti avvenuti nello stesso mese hanno causato scalpore in tutta la regione e sui social media. Gli attivisti per i diritti delle donne ora chiedono giustizia e denunciano la recente ondata di violenze contro le donne nel mondo arabo.

 

Secondo un’indagine delle Nazioni Unite del 2015, quasi otto milioni di donne egiziane affermano di aver subito violenze perpetrate dai loro mariti o parenti o da estranei per strada.

 

Secondo Amnesty International nel 2021 sono state emesse nel mondo 2.052 condanne a morte in 56 Paesi del mondo, con un significante aumento del 40% rispetto al 2020.

 

Il rapporto Amnesty dell’anno passato sosteneva che al mondo vi siano ancora 55 nazioni che prevedono la pena capitale.

 

Secondo la sopramenzionata ONG, in Paesi come Brasile, Burkina Faso, Cile, El Salvador, Guatemala, Israele, la pena capitale, qualora ci si trovi in tempo di pace, è possibile solamente per reati di estrema gravità come l’omicidio, il genocidio e l’alto tradimento. In altri Paesi lo Stato può invece dare la morte anche per crimini di violenza come la rapina, lo stupro, il narcotraffico.

 

Vi è infine una classe di nazioni dove la pena di morte può essere comminata per reati di opinione (nell’Islam fondamentalista, ad esempio, l’apostasia) e per comportamenti sessuali come l’omosessualità e l’incesto.

 

Come riportato da Renovatio 21, cinque mesi fa, nel silenzio assoluto dei media occidentali asserviti, l’Arabia Saudita ha realizzato la più grande esecuzione di massa della sua storia, uccidendo 81 persone che avrebbero commesso crimini che andavano dall’omicidio all’appartenenza a gruppi militanti.

 

Non è stato rivelato dove fosse avvenuta l’ecatombe, tuttavia è nota la funzione di Piazza Deera, nel centro di Riyadh, conosciuta localmente come «piazza Chop-chop», che solitamente diviene il luogo delle decapitazioni pubbliche con boia dotato di scimitarra.

 

Come scriveva nel 2015 un intervento del 2015: «Arabia Saudita, un ISIS che ce l’ha fatta».

 

Nel silenzio più orrendo dei Paesi occidentali e dei politici «democratici» che si inchinano al grande produttore di petrolio teocratico takfirista.

Continua a leggere

Politica

Gatekeeper vs Houserunner: il disastro dei partiti degli infiltrati e degli scappati di casa

Pubblicato

il

Da

C’è un semplice calcolo che nessuno sembra aver fatto.

 

Lo scenario da tener presente è il seguente: la Repubblica Italiana, uno Stato democratico che in teoria aiuta la libera associazione dei cittadini (non ridete),  deve giocoforza controllare che queste non costituiscano un pericolo per lo Stato stesso.

 

Da sempre, lo Stato infiltra le associazioni di cittadini in odore di sovversione, e forse non solo quelle.

 

Lo Stato può piazzare segretamente  i suoi uomini in ogni forma organizzazione civile. È naturale che sia così, perché come ogni organismo, lo Stato vuole proteggere se stesso, o più prosaicamente, i controllori devono proteggere i loro stipendi.

 

Questo processo è definito con una parola semplice: infiltrazione. Se preferite, potete chiamarle «operazioni sotto copertura».

 

Possiamo immaginare che grandi quantità di insiemi di cittadini, dai Centri sociali ai circoli estremisti etc., siano infiltrati dallo Stato italiano per controllo ed eventuale repressione.

 

Bisogna comprendere che non c’è solo un ufficio che svolge questo lavoro. Ci sono plurimi dipartimenti nei plurimi enti atti all’ordine: immaginiamo che abbiano un ramo per le infiltrazioni i Carabinieri, la Polizia, la Guardia di Finanza, la Direzione Investigativa Antimafia, soprattutto i servizi segreti.

 

Parliamo quindi non di un ufficio, ma di tanti. Tanta, tanta gente, palazzine intere magari – che, ovviamente, non comunicano fra loro, o comunicano a enti esterni ed oscuri, come quando si parlava di «servizi segreti deviati» – dedite a infiltrare gruppi di cittadini.

 

Ora, senza parlare di sovversione, è chiaro che lo Stato che nel biennio pandemico ha negato la sua stessa base materiale – la Costituzione – non può che vedere nella protesta attuale (no-vax, no-green pass, chiamatela come volete), un oggetto di interesse.

 

Quindi, il lettore deve calcolare: quanti dei nuovi partiti che intendono raccogliere il voto della protesta sono infiltrati dallo Stato contro cui dovrebbero protestare in Parlamento?

 

Di più: ci sono per caso dei partiti, tra questi che scalpitano per il voto dei no-green pass, che potrebbero essere stati creati direttamente dallo Stato per inscatolare il dissenso e reprimere la protesta tramite la pratica dell’«opposizione sintetica»?

 

In pratica, lo Stato manovra i suoi stessi avversari, aiutando e innalzando leader e strutture partitiche fintamente contrarie, di modo che il popolo dissidente finisca a volare lì, nella carta moschicida, così da essere individuato, schedato e, infine, «normalizzato»: il partito della protesta cede, quei cittadini divenuti militanti seguono, altri invece sprofondano in un’amarezza paralizzante, e da lì riparte la giostra – si cerca un nuovo leader, un nuovo partito, mentre il dissenso è destinato ad un altro ciclo di impotenza, anni senza rappresentanza vera, l’agenda del potere portata avanti senza intoppi.

 

Abbiamo visto da vicino questo processo in forma macroscopica, potrebbe dire qualcuno, con il Movimento 5 Stelle. Chi scrive è stupito di come nessuno si rende conto che il disegno di Schwab, Draghi, Colao – la decrescita, la virtualizzazione informatica dell’esistenza, la trasformazione dello Stato in piattaforma di controllo elettronico dell’identità e del danaro, da cui si è perennemente dipendenti, pena l’emarginazione totale – fosse quello di cui discuteva Casaleggio.

 

Ora, riguardiamo il panorama dei partitini, che dovrebbero raccogliere centinaia di migliaia di firme e certificarle nel mese di agosto. Qualcuno ce la farà pure: ci sono in giro gabole alla Tabacci per cui, magari, le firme non dovranno nemmeno raccoglierle – fidatevi.

 

Tuttavia, ci chiediamo, davvero: è possibili che ci siano partiti di infiltrati, creati in laboratorio dal potere?

 

Mica lo sappiamo, noi. Abbiamo visto però come, all’apparire di certe figure durante gli episodi di protesta più delicati, il dissenso si sgonfiava…

 

Ecco che salta fuori l’espressione gergale americana, usatissima negli anni del complottismo duro e puro: gatekeeper. Il gatekeeper (in inglese, guardiano del cancello) è colui che controlla l’accesso al sistema: setaccia, filtra, ferma le informazioni, decide chi può entrare davvero nel processo politico.

 

Secondo la vulgata, il potere costituito crea gatekeeper – camuffandoli da giornalisti, attivisti, politici vicini ai temi della protesta – per controllare e contenere il processo sociale.

 

Gatekeeper è la parola che sentiamo in questi giorni spessissimo nelle accuse contro i partitini, i quali stanno dando uno spettacolo grottesco fino all’improbabile.

 

Esiste un antico adagio Internet chiamato «legge di Godwin». Esso afferma che «a mano a mano che una discussione online si allunga, la probabilità di un paragone riguardante i nazisti o Hitler tende ad 1». Cioè, i dibattiti online di qualsiasi tipo, alla lunga, prima o poi generano un riferimento da parte di qualcuno a Hitler e ai nazisti, come paragone, altro. (La cosa deve valere anche per i robot: come noto, l’Intelligenza Artificiale di Microsoft, messa su Twitter dopo pochi minuti inneggiava a Trump e a Hitler).

 

Ora, nel dissenso del XXI secolo, introduciamo la «legge di Giorgio». Essa afferma che «a mano a mano che una discussione online sul gatekeeping si allunga, la probabilità di veder citato Giorgio Soros tende a 1».

 

Ecco che fioccano le accuse: leaderini della protesta (magari anche solo a livello virtuale, magari wannabe leaderini) al servizio del miliardario magliaro magiaro?

 

Il bello è che potrebbe pure essere. Non è sbagliato pensare che i servizi interni dei Paesi europei siano allineati a Soros: la cosa è evidente riguardo al tema dell’immigrazione, che invece che essere combattuta dai servizi di sicurezza, è lasciata andare liberamente, come da volontà delle ONG sorosiane che «aiutano» la grande migrazione. Mica dimentichiamo quando il Soros incontrò, out of the blue, il premier Gentiloni (come Draghi che ha incontrato Schwab). Pensare che lo Stato profondo non possa no essere allineato con i miliardi e le politiche delle Fondazioni dello squalo ungherese che distrusse lira e sterlina, non è un’eresia.

 

Tuttavia, non è questo il punto a cui volevamo arrivare.

 

Vogliamo dire qualcosa di nuovo: certo, ci sono i gatekeeper. Che sono infidi, e pericolosi, e personalmente ci fanno ribrezzo – il lettore lo sa, perché magari pure capisce telepaticamente di chi parliamo.

 

Ci sono però anche gli houserunner. Non cercate il termine su Google, questa è una parola inventata da noi: houserunner sta per «scappati di casa».

 

Ebbene sì: una quantità di partitelli del dissenso sono creati e riempiti da houserunner, da scappati di casa. Lo «scappato di casa»  è espressione di origine incerta (qualcuno dice Genova, qualche decennio fa) che si riferisce a qualcuno incompetente, inaffidabile, impresentabile, inaffrontabile, inguardabile, tendenzialmente cretino.

 

Ora, gli houserunner dominano completamente il discorso politico del dissenso che vuol farsi parlamentare, e con probabilità superano di numero i gatekeeper.

 

Anzi, si potrebbe qui consumare il paradosso per cui anche i partiti dei gatekeeper sono in realtà gestiti da houserunner. Cioè, anche i guardiani messi lì dallo Stato profondo sono in realtà degli scappati di casa. La cosa potrebbe avere un suo senso strategico piuttosto acuto.

 

Molte delle cose che stiamo vedendo a destra e a manca – scissioni, candidature improbabili, marchi ridondanti, insulti, discorsi osceni, sindromi di Munchausen elettorali – ce lo stanno a dimostrare: il domofugismo, il fenomeno degli scappati di casa, vince in ogni dove.

 

Gli houserunner sono pericolosi tanto quanto i gatekeeper, se non di più. Sono, più o meno involontariamente, diabolici. Perché, come dice l’antico adagio medievale, «lo stupido è la cavalcatura del diavolo».

 

Avevamo pensato di iniziare a scrivere una sorta di bestiario elettorale, per dare cronaca delle cose che stiamo vedendo, che sono al livello delle celeberrime «cose che voi umani…», ma ci siamo accorti che è ancora troppo presto, perché la velleità tossica di capetti e gruppetti deve ancora dare il meglio (il peggio) di sé.

 

Il pudore, la coerenza, la decenza sembrano per sempre dimenticate nell’orgia di houserunning in corso. Non c’è vergogna alcuna, nemmeno quando il grottesco diventa parossistico, e le figure da cioccolataio titaniche.

 

Ora, avrete capito che questo pezzo di analisi è stato scritto con la volontà di ridere un po’, di fare un po’ di satira.

 

Purtroppo ritengo che ci sia poco da ridere. Parlo proprio di un pensiero personale, una valutazione, amarissima, fatta su più di un decennio di concrete osservazioni personali.

 

Chi scrive una decina di anni fa uscì con uno dei primi libri sul M5S, Incubo a 5 stelle. Grillo Casaleggio e la Cultura della Morte.

 

Il tomo, di circa 300 pagine, è ancora oggi citato nelle bibliografie di Wikipedia sul partito (un tempo era brevissima, ora sono arrivati tutti). Era stata un’analisi lunga e sentita, perché avevo cominciato ad osservare con inquietudine il movimento di Grillo anni prima – anzi posso dire la data, 7 settembre 2007, quando Grillo lanciò un raduno oceanico in Piazza Maggiore a Bologna – il «Vaffa Day» – e c’era talmente tanta gente invasata che il comico si lanciò sulla folla con un gommone, e questa lo sorreggeva mentre lui rideva felice.

 

Il libro, per questioni dell’editore, uscì con un po’ di ritardo. Il M5S era già in Parlamento, sia pur all’opposizione, con incredibili milionate di voti. Tuttavia, nel testo scrivevo di tante cose che potevano aiutare a capirne le dinamiche culturali, nonché l’identità profonda tra quella che sembrava la «cultura» profonda del partito e i diktat del globalismo.

 

Qualcuno, del mio libro, parlò: grazie a Camillo Langone, finii in prima pagina su Il Foglio, quando ancora c’era Ferrara, con una lunga e sentita intervista dove riuscii a dire cose che mi costarono attacchi da tutte le parti (ma davvero l’Italia è diventata più povera da quando c’è la rete? Qualcuno si è sconvolto…). Fui chiamato perfino a La Zanzara, per il consueto trappole di Cruciani, da cui mi difesi come potevo.

 

Un amico che aveva letto il libro e si era impaurito, con certe entrature dentro un grosso partito, mi chiese delle copie da mostrare ai papaveri partitici con i quali aveva relazioni. La cosa non ebbe alcun effetto.

 

Il libro perse quota, si inabissò. Il grande studio sulle origini culturali del Reich dei Meetup in fondo non interessava a nessuno – anche se questi avevano preso un mostruoso 25,5%, che sarebbe divenuto 35,6% nell’elezione successiva.

 

La verità è che, al di là di tutto, alla politica, e  all’establishment mediatico, la questione dell’ascesa del partito di grillo non interessava. Le spiegazioni che mi davo erano essenzialmente due:

 

1) Destra e sinistra interpretavano il M5S come un congelatore di voti, comodo assai perché concentrava il voto di protesta, per quanto gargantuesco, in un unico punto, pronto ad essere scongelato per tornare all’ovile dei grandi partiti storici. Il succo era «sappiamo che facciamo schifo, sappiamo che quegli elettori adesso non ci voteranno mai, perché effettivamente facciamo schifo, ma non abbiamo voglia di riconquistarli, per cui mettiamoli nel frigo a cinque stelle»

 

2) Più oscuro: in fondo, da qualche parte qualcuno sapeva che i 5 stelle sarebbero stati digeriti dal potere, ci avrebbero fatto governi insieme, vuoi perché dei parlamentari ragazzini (anche qui) scappati di casa prima o poi cedono; vuoi perché forse l’origine dello stesso partito era, come dire, controllata.

 

Anche qui, la legge di Giorgio non perdonò, e il nome di Soros saltò fuori: «Sarà pure un caso, ma l’unico studio scientifico di decine di pagine fatto finora sul Movimento 5 Stelle nel febbraio 2013 è stato commissionato al think tank inglese Demos. Il supporto è stato dato proprio dalla Open Society di Soros» scrisse in un suo libro dell’epoca il mitico faccendiere Luigi Bisignani.

 

A questo punto devo dirvi che, a differenza, di un tempo non mi interessa in alcun modo l’origine del M5S e la sua matrice culturale.

 

Quello che mi sta a cuore è vedere che sono passati dieci anni. Mi fermo. Guardo. Vedo un film sconcertante. Guardate anche voi.

 

Un decennio completamente perso, dove la protesta contro l’establishment è stata surrogata e disintegrata senza problemi. Ricordate? Votavano Grillo, in massa, perché lì era l’unico posto, ad esempio, dove si parlava, sia pur confusamente, di vaccini, di uscita dall’euro, di politica corrotta.

 

Una decade perduta. Questo è l’effetto congiunto di gatekeeper e houserunner, qualora lasciati liberi di raggiungere il Parlamento.

 

Noi adesso un altro decennio da buttare non ce lo abbiamo. Se dal 2013 abbiamo visto la distruzione delle banche popolari, l’mRNA obbligatorio, l’annullamento dei diritti costituzionali, cosa vedremo con altri dieci anni di opposizione sintetica?

 

Non ce lo possiamo permettere, per nessun motivo.

 

Quindi, chiediamo al lettore, dal cuore: attenti agli infiltrati venduti, e ai cretini scappati di casa.

 

Perché in gioco c’è più di un’elezione. Ci sono le ore fondamentali per la sopravvivenza della libertà umana, della dignità umana, della vita umana stessa.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Immagine di Ivw115 via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

 

 

 

Continua a leggere

Guerra cibernetica

Grecia, scandalo telefonini hackerati: il quarto governo NATO che cade in poche settimane?

Pubblicato

il

Da

Il governo greco del primo ministro Kyriakos Mitsotakis potrebbe diventare il quarto governo NATO a crollare dal vertice NATO del 29 giugno a Madrid quest’anno.

 

Quello che viene chiamato il «Watergate di Mitsotakis» è uno scandalo coinvolge le intercettazioni telefoniche di Nikos Androulakis, leader del PASOK, il terzo grande partito politico del Paese, e del giornalista Thanasis Koukakis.

 

I due in precedenza avevano affermato che il governo stava monitorando i loro cellulari. In effetti, Androulakis, che si dice sia stato intercettato mentre era membro del Parlamento europeo, ha mostrato documenti del dipartimento di sicurezza del Parlamento europeo che mostravano che il suo telefono è stato violato con uno spyware.

 

Il governo Mitsotakis è stato il più pro-USA e pro-NATO dai tempi della dittatura militare negli anni Sessanta e Settanta. La sua decisione di inviare armi pesanti in Ucraina non è stata affatto popolare.

 

Il 5 agosto, il segretario generale del primo ministro Mitsotakis, Grigoris Dimitriadis (che è anche il nipote del primo ministro), ha rassegnato le sue dimissioni sostenendo che il «clima tossico» che si era creato intorno alla sua persona e il suo bersaglio rendevano impossibile il trasporto fuori i suoi doveri.

 

La realtà è che i servizi segreti greci sono sotto la sua responsabilità. Le sue dimissioni sono state rapidamente seguite da quelle del comandante del Servizio di Intelligence Nazionale, Panagiotis Kontoleon, «a seguito di azioni sbagliate riscontrate nel processo di collegamenti legali», come ha affermato in un briefing del governo.

 

Sebbene Kontoleon abbia affermato che un pubblico ministero aveva approvato le intercettazioni, il motivo non è stato rivelato.

 

Fonti governative anonime hanno cercato di diffondere la voce che le intercettazioni siano state effettuate su richiesta di un servizio di intelligence «alleato» su presunti collegamenti con individui cinesi «loschi», una scusa non considerata credibile dall’opposizione, riporta EIRN.

 

Androulakis ha chiesto una commissione parlamentare per condurre un’indagine approfondita.

 

Anche Alexis Tsipras, a capo del principale partito di opposizione SYRIZA, ha chiesto un’indagine approfondita, definendo il caso «il Watergate di Mitsotakis».

 

Il fatto che il primo atto del governo Mitsotakis, quando è salito al potere nel 2019, sia stato quello di portare il Servizio di Intelligence Nazionale sotto il controllo dell’ufficio del Primo Ministro, ha accresciuto il calore sul governo.

 

Si tratterebbe quindi del quarto governo di un Paese NATO – dopo Italia, Gran Bretagna, Estonia– a cadere nel giro di pochi giorni.

 

Come riportato da Renovatio 21, è un momento molto caldo per gli spyware dei telefonini, detti anche trojan, con il principale produttore al mondo, gli israeliani di NSO, sotto pressione per gli utilizzi del loro software Pegasus: mesi fa, prima che le relazioni tra Israele e Russia deteriorassero, NSO aveva rifiutato di vendere lo spyware ai Paesi Baltici e all’Ucraina.

 

I trojan, programmi di spionaggio in grado di assorbire tutta l’attività di un telefonino, in Italia sono stati di fatto spinti dal ministro della Giustizia Bonafede a febbraio 2020, quando la Nazione era narcotizzata dalle notizie sul coronavirus non ancora trasformatosi in lockdown.

 

 

 

 

Continua a leggere

Politica

Deputata messicana: «La NATO va sciolta»

Pubblicato

il

Da

Il membro del Congresso messicano Yeidckol Polevnsky Gurwitz, una schietta leader nel partito Morena del presidente López Obrador, ha concluso il suo discorso del 3 agosto a sostegno del candidato del governo come ambasciatore in Russia, con un breve ma fervente appello per una campagna per lo scioglimento della NATO:

 

«Tutti quelli qui che parlano di pace e di tante cose, perché non si sono espressi contro la NATO? Perché la NATO avrebbe dovuto cessare di esistere con lo scioglimento del Patto di Varsavia!»

 

«La NATO non è altro che un pretesto per intervenire e creare conflitti ovunque, per continuare a vendere armi ed commettere abusi. E il nostro governo non ci andrà. Noi – e vi esorto – portiamo avanti una campagna per dire “Niente più NATO!” e poi non avremo più conflitti».

 

I commenti della deputata messicana si aggiungono a quelli del presidente boliviano Evo Morales, che in un’intervista ha definito la NATO uno strumento strumento degli Stati Uniti che «non è una garanzia per l’umanità o per la vita».

 

Come riportato da Renovatio 21, il presidente messicano López Obrador due mesi fa ha annunciato che avrebbe chiesto a Biden di liberare Julian Assange; due settimane fa ha invece offerto direttamente asilo politico al giornalista-hacker australiano. Il presidente si è spesso espresso contro la follia pandemica, denunciando i lockdown come «una forma di dittatura» e rifiutandosi categoricamente di vaccinare i bambini,

 

López Obrador a inizio anno ha nazionalizzato le riserve di litio del Messico.

 

 

 

 

Immagine di De Troya via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0); immagine modificata.

 

 

Continua a leggere

Più popolari