L’Economist sostiene gli aborti fai da te

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

The Economist, forse la rivista più influente del mondo, si è pronunciata con forza a sostegno degli aborti fai da te.

 

In un recente editoriale ha osservato che l’accesso alle cliniche per aborti durante la pandemia COVID-19 è stato difficile in molti paesi. Per renderlo più facile per le donne, un certo numero di paesi ha allentato le restrizioni sui farmaci per corrispondenza che rendono facile per le donne abortire senza mai consultare un medico faccia a faccia.

 

Per rendere l’aborto più facile per le donne, un certo numero di paesi ha allentato le restrizioni sui farmaci per corrispondenza che rendono facile per le donne abortire senza mai consultare un medico faccia a faccia

«COVID-19 ha cambiato la situazione. A marzo il segretario alla sanità britannico ha approvato una modifica delle regole che, in effetti, dava alla casa di una donna lo stesso status di una clinica per aborti. Invece di visitare un medico, le donne potrebbero organizzare un aborto per telefono e farsi consegnare le pillole per posta».

 

«L’Irlanda ha introdotto regole simili. La Francia ha esteso il limite per l’aborto a domicilio dalla settima alla nona settimana di gravidanza, anche se le pillole devono ancora essere ritirate da un medico o da una farmacia. A luglio un giudice federale americano ha revocato le norme che imponevano alle donne di prendere le pillole abortive da un ambulatorio, una clinica o un ospedale, stabilendo che questo era un “ostacolo sostanziale sul percorso delle donne” durante una pandemia».

 

Questo è uno sviluppo positivo, afferma The Economist. «Le modifiche al regime di aborto introdotte a seguito della pandemia non creano nuovi diritti; danno a una donna l’accesso ai suoi diritti esistenti in modo più sicuro ed efficiente. Come con qualsiasi cittadino, questo è il benvenuto».

 

I critici degli aborti fai-da-te sostengono che sono pericolosi, anche se l’Economist insiste sul fatto che «Non ci sono prove che le interruzioni domestiche siano pericolose, e molti suggeriscono che non lo siano».

L’Economist insiste sul fatto che «Non ci sono prove che le interruzioni domestiche siano pericolose, e molti suggeriscono che non lo siano»

 

Tuttavia, ci sono prove che due donne sono morte di recente nel Regno Unito dopo aver assunto pillole abortive.

 

In un’e-mail trapelata scritta il 21 maggio che è stata presentata in tribunale, un’ostetrica del Servizio Sanitario Nazionale ha scritto che erano indagati 13 incidenti, tra cui un possibile omicidio di un bambino abortito vivo, due morti materne e pillole abortive consegnate a un donna 22 settimane oltre il limite legale per l’aborto domiciliare. L’email diceva anche:

 

«Nella [nostra regione] siamo consapevoli che ci sono state anche 2 morti materne legate a questo problema. Un caso in cui una donna è stata trovata a casa la mattina dopo l’inizio della procedura e il secondo in cui una donna si è presentata con sepsi ed è morta molto rapidamente nel reparto di pronto soccorso. Nessuna di queste donne era nota ai nostri servizi di maternità o ginecologia, per quanto ne sappiamo».

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge