La guerra spirituale dietro al vaccino. Intervista al fondatore di Renovatio 21

 

 

 

 

Il giornalista campano Gianluca Martone, presidente dell’associazione Crociata Cattolica, ha intervistato il fondatore di Renovatio 21 Roberto Dal Bosco sul tema degli aspetti spirituali del vaccino anti-COVID.

 

Durante l’intervista, Dal Bosco ha cercato di delineare il disegno (fisico, tecnologico, metafisico) dietro alla pandemia e all’attacco alla vita, pur essendo molto precedente, sta ora perdendo ogni freno inibitorio.

 

È legittimo assumere le sostanze contenute nei vaccini? L’antivaccinismo è un fenomeno recete? Quale rapporto ha la massoneria con la storia della vaccinazione? Come si connette il tema delle linee cellulari da feto abortito con i bambini prodotti in provetta? Ha senso parlare ancora di obiezione di coscienza?

È legittimo assumere le sostanze contenute nei vaccini? L’antivaccinismo è un fenomeno recete? Quale rapporto ha la massoneria con la storia della vaccinazione? Come si connette il tema delle linee cellulari da feto abortito con i bambini prodotti in provetta? Ha senso parlare ancora di obiezione di coscienza? A tutte queste domande si è cercato di dare una risposta.

 

La Cultura della Morte impera, e ha piegato vasta parte del mondo sedicente cattolico, e probabilmente la quasi totalità della gerarchia romana, oramai corrotta e infiltrata come non mai. I «cattolici», quindi, vanno di fatto ignorati: a nulla servono persone che bruciano all’imperatore il granello d’incenso del XXI secolo, cioè gli embrioni umani.

 

Non resta che affrontare senza paura la realtà brutale del mondo moderno, con in mente sempre la propria fedeltà alla Verità: essa attira non solo le persone religiose, ma anche gli uomini di buona volontà che sono oggi più che mai necessari in questa battaglia del Bene contro il Male.