Connettiti con Renovato 21

Cina

La Cina chiude Tianjin. Con le Olimpiadi dietro l’angolo

Pubblicato

il

 

 

Il Partito Comunista Cinese ha imposto nuove restrizioni epidemiche alla città di Tianjin, che si trova a soli 30 minuti di auto da Pechino.

 

Le autorità cinesi lunedì hanno confermato 2 casi di Omicron a Tianjin, ma ne sospettano più di 30 in più.

 

Finora, nella città di Tianjin – località vicinissima a Pechino che un tempo fu sede della concessione italiana in Cina – ha confermato un totale di 31 casi locali di COVID e 10 infezioni asintomatiche, secondo l’agenzia di stampa cinese Xinhua.

 

I viaggi in entrata e in uscita dalla città sono stati sospesi a meno di non disporre di un permesso speciale. Più di 75.000 persone sono state messe in quarantena

I viaggi in entrata e in uscita dalla città sono stati sospesi a meno di non disporre di un permesso speciale. Più di 75.000 persone sono state messe in quarantena.

 

Tianjin non è l’unica città cinese in cui stanno aumentando i nuovi casi di omicron. Sabato sono stati confermati anche due casi di omicron nella provincia cinese centrale dell’Henan.

 

Anche la città portuale di Ningbo è alle prese con un lockdown parziale.

 

Le autorità sono anche preoccupate per un focolaio a Shenzhen, il centro della produzione tecnologica cinese e mondiale, dove sono stati trovati quattro casi della variante delta.

 

Secondo il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post, un’indagine epidemiologica ha stabilito che l’origine del ceppo scoperto a Shenzen non è la stessa che ha causato altri casi locali altrove in Cina. I nuovi casi a Shenzen sono i primi ad essere segnalati nella città da maggio 2020.

 

La carenza mondiale di chip potrebbe quindi intensificarsi, con catastrofici effetti su tantissimi settori

Il giornale di Hong Kong riferisce che si ritiene che la prima persona risultata positiva sia stata infettata dopo essere entrata in contatto con «merci contaminate»: si tratta degli argomenti usati già nel 2020 dalla Cina secondo cui l’imballaggio su prodotti importati – pesci, frutti di mare, prodotti a base di carne, perfino gelati – sono stati i responsabili di focolai di COVID nel Paese. La malattia, insomma, viene da fuori – e il laboratorio di Wuhan nemmeno viene preso in considerazione.

 

Le autorità hanno sigillato i condomini in cui vivevano le persone infette e hanno imposto test di massa obbligatori per i 12,5 milioni di residenti di Shenzen in conformità allo schema «COVID Zero» di Pechino. Ai residenti è stato chiesto di non viaggiare e chiunque voglia farlo deve avere un test COVID negativo delle ultime 48 ore.

 

Il rischio sistemico globale è che un lockdown di Shenzhen può bloccare ulteriormente l’intera catena mondiale di approvvigionamento dei circuiti elettronici, e quinti di tantissimi settori industriali: Samsung e Micron hanno recentemente fatto sapere quanto il lockdown di Xi’an, per esempio, abbia avuto impatto sulle operazioni dei loro impianti di produzione.

 

La carenza mondiale di chip potrebbe quindi intensificarsi, con catastrofici effetti su tantissimi settori, come quello dell’auto – ogni macchina, di fatto, necessità migliaia di circuiti, che in questo momento non si trovano.

 

Le Olimpiadi invernali di Pechino stanno per cominciare. Difficile capire cosa potrebbe succedere a questo punto

In tutta la Cina, lunedì sono stati segnalati 157 nuovi casi di COVID, di cui 97 derivanti da infezioni locali, secondo il quotidiano in lingua inglese del Partito Comunista Cinese Global Times.

 

15 di questi casi provenivano da Xi’an, a dimostrazione che nonostante il lockdown, il virus è comunque riuscito a diffondersi. Teniamo sempre a mente la tendenza  governo cinese a minimizzare drasticamente i numeri dei casi.

 

Come riportato da Renovatio 21, la città di Xi’an sta vivendo in questo momento il lockdown draconiano di milioni di persone, con voci di gente chiusa in casa senza cibo, dettato dalla politica del «COVID Zero».

 

Le Olimpiadi invernali di Pechino stanno per cominciare. Difficile capire cosa potrebbe succedere a questo punto.

 

 

 

 

Immagine di Nangua via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

Continua a leggere

Cina

Xi continua a eliminare avversari politici: prepara il campo al suo 3° mandato

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews.

 

 

Incriminato un ex alto ufficiale legato a Bo Xilai, nemico del presidente cinese condannato all’ergastolo nel 2013. Xi non avrebbe il pieno controllo dell’apparato politico-legale del regime. Attacchi velati dal fronte liberista e da esperti di politica estera.

 

 

 

Xi Jinping ha preso di mira un’altra figura legata a un suo avversario politico. Il prossimo autunno si terrà il 20° congresso del Partito Comunista Cinese (PCC) e il presidente cinese sembra impegnato a liberare il campo da ogni ostacolo al suo terzo mandato da leader supremo. La modifica della Costituzione nel 2018 ha cancellato il limite dei due mandati, permettendogli di continuare a servire come presidente e segretario generale del Partito.

 

Il 23 gennaio la Commissione disciplinare centrale, l’organo anti-corruzione grazie al quale Xi ha cementato il proprio potere, ha incriminato per corruzione Xu Ming, ex vice direttore dell’Amministrazione nazionale alimentare. Il Partito ha già espulso Xu, che aveva lasciato l’incarico nel 2018. Egli era un protetto di Bo Xilai, ex ministro del Commercio e capo del PCC di Chongqing.

 

Nel 2012, a pochi mesi dalla prima nomina di Xi alla guida del Paese, le autorità avevano rimosso Bo, per poi condannarlo all’ergastolo nel 2013 per corruzione ed errori politici. All’epoca Bo era una stella in ascesa del Partito, e un possibile concorrente di Xi. Per i suoi detrattori, Bo stava organizzando un vero e proprio colpo di Stato.

 

Incriminato un ex alto ufficiale legato a Bo Xilai, nemico del presidente cinese condannato all’ergastolo nel 2013

Secondo il noto sinologo Willy Lam, Xi non avrebbe il pieno controllo dell’apparato politico-legale del regime. Lo dimostrerebbero le continue sostituzioni di alti ufficiali al ministero della Pubblica sicurezza. Dopo l’arresto nel 2018 del vice ministro – e capo dell’Interpol –  Meng Hongwei, nell’aprile 2020 è arrivato il fermo di Sun Lijun, inviato pochi mesi prima a Wuhan per coordinare la risposta alla prima ondata della pandemia da COVID-19. Oltre che per crimini economici, Sun è accusato anche di aver messo in piedi una cospirazione contro Xi.

 

L’arresto più eccellente si è avuto però a ottobre e ha riguardato un altro ex vice ministro per la Pubblica sicurezza: Fu Zhenghua. Egli era considerato uno stretto collaboratore di Xi, avendo avuto un ruolo fondamentale nel far cadere Zhou Yongkang, un altro acerrimo nemico di Xi nel Partito. Ex membro del Comitato permanente del Politburo e «zar» della sicurezza interna, Zhou è stato condannato all’ergastolo nel 2015 per corruzione, abuso di potere e rivelazione di segreti di Stato.

 

Il prossimo bersaglio, sostiene Lam, potrebbe essere l’attuale ministro della Pubblica sicurezza Zhao Kezhi, legato a Sun e Fu.

 

Analisti osservano che i rigurgiti maoisti di Xi avrebbero provocato divisioni all’interno del PCC.

Xi non avrebbe il pieno controllo dell’apparato politico-legale del regime. Attacchi velati dal fronte liberista e da esperti di politica estera

 

L’ala più «liberista» del Partito spingerebbe per mantenere il sistema di liberalizzazioni economiche lanciato da Deng Xiaoping alla fine degli anni Settanta e rafforzato a partire dal 1992. Colpisce che in un articolo pubblicato il 9 dicembre dal Quotidiano del popolo, si esaltino le riforme di Deng, Jiang Zemin e Hu Jintao come necessari correttivi agli eccessi della Rivoluzione culturale di Mao. Tutto ciò senza nemmeno nominare Xi.

 

Un’altra crepa si avverte nel campo della sicurezza nazionale. In un recente articolo Jia Qingguo, ex preside della Scuola di affari internazionali dell’università di Pechino e attuale membro del Comitato permanente della Conferenza politica consultiva del popolo cinese, ha criticato le posizioni estremiste in politica estera – un velato attacco alla diplomazia dei «wolf warrior» di Pechino.

 

Come riporta il South China Morning Post, egli ammonisce che troppa enfasi sulla spesa per la difesa porterà a più insicurezza. Jia ricorda che gli alti costi militari dell’Urss hanno contribuito alla sua disintegrazione.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Cina

La Cina sta costruendo una luna artificiale che simula magneticamente la gravità

Pubblicato

il

Da

 

La Cina sta pianificando future missioni lunari per competere con la NASA e sta persino lavorando su una «Luna artificiale» per prepararsi meglio alla missione lunare.

 

I ricercatori cinesi stanno sviluppando una struttura in grado di simulare la gravità della superficie lunare, come riporta il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post. La Luna artificiale sarà una camera a vuoto che utilizza un potente campo magnetico per ricreare l’ambiente a bassa gravità. 

 

Il simulatore lunare può essere costruito in pochi mesi. Una volta avviato, farà «scomparire» la gravità, ha dichiarato al giornale di Hong Kong Li Ruilin, ingegnere geotecnico presso la China University of Mining and Technology. 

 

La questione riguarda le dimensioni: avrà solo 60 centimetri di diametro. Non abbastanza per ospitare un astronauta.

 

Tutto sommato però sarà sufficientemente grande per i ricercatori che vogliono testare determinate apparecchiature e strumenti per vedere la loro reazione all’ambiente a bassa gravità, risolvendo eventuali problemi prima di un vero allunaggio. 

 

«Alcuni esperimenti come un test di impatto richiedono solo pochi secondi», ha detto Li al giornale di Hong Kong. «Ma altri come il test di scorrimento possono richiedere diversi giorni».

 

Come riporta Futurism, è interessante notare che la struttura è stata in parte ispirata da precedenti ricerche condotte dal fisico russo Andrew Geim, il quale fece «fluttuare» una rana con un magnete. L’esperimento è valso a Geim il premio Ig Nobel (cioè, «ignobile») in fisica, un premio satirico assegnato a ricerche scientifiche insolite. 

 

È sorprendente che un bizzarro esperimento come quello dello scienziato russo possa ispirare la costruzione di una camera antigravitazionale. 

 

La corsa internazionale verso la Luna si sta intensificando in grande stile e la Cina si pone tra i paesi più avvantaggiati nella sfida cosmonautica che poche potenze al mondo sono in grado di portare avanti.

 

Come ripete Renovatio 21, l’accesso allo spazio sarà un fattore determinante per la sovranità dei Paesi nei prossimi anni.

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Lo «scudo microchip» per l’indipendenza di Taiwan da Pechino

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews.

 

 

L’isola è il più grande produttore mondiale dei preziosi componenti usati per le principali tecnologie civili e militari. Cina e USA entrambi dipendenti dalla produzione taiwanese. Un’invasione cinese metterebbe a rischio la filiera tecnologica globale. Esperti: la «polizza» chip non esclude lo scoppio di un conflitto.

 

 

Con la pandemia e il relativo incremento nella richiesta di articoli tecnologici, Taiwan ha ampliato la produzione di microchip.

 

Secondo TrendForce, nel 2021 il mercato globale dei preziosi componenti elettronici è salito a quasi 79 miliardi di euro. Il 64% è riconducibile a vendite taiwanesi; il 92% se si considerano i chip più avanzati: secondo molti osservatori, una polizza assicurativa per la sopravvivenza di Taipei come Stato di fatto indipendente dalla Cina comunista.

 

Taiwan Semiconductor Manufacturing Company Ltd (TSMC) produce il 90% dei chip (o semiconduttori) usati nel globo. È l’11ma impresa al mondo per capitalizzazione di mercato. Nel 2021 ha investito 26 miliardi di euro, quasi il doppio del budget di Taipei per la propria difesa.

 

Il 64% è riconducibile a vendite taiwanesi; il 92% se si considerano i chip più avanzati: secondo molti osservatori, una polizza assicurativa per la sopravvivenza di Taipei come Stato di fatto indipendente dalla Cina comunista

L’export di Taiwan verso la Cina è arrivato a 110 miliardi di euro nel 2021, una crescita di quasi il 23% rispetto all’anno precedente. L’incremento delle vendite di componentistica elettronica è stato del 23,3%.

 

Secondo dati del Congresso USA, nel 2020 dalla Cina è arrivato il 60% della domanda mondiale di semiconduttori. Più del 90% dei microchip usati dal gigante asiatico è importato o prodotto in territorio cinese da aziende straniere (compresa TSMC). Come riporta Reuters, nei primi tre mesi del 2021 metà dell’export taiwanese diretto in Cina erano chip.

 

Per ridurre la dipendenza dai microchip prodotti a Taiwan, da tempo Pechino ha annunciato un rafforzamento della propria industria del settore: i dati sugli acquisti tecnologici da Taipei mostrano per ora il fallimento dei propositi cinesi. Secondo diversi analisti, l’industria dei chip cinesi è indietro di una decina d’anni rispetto a quella taiwanese, un gap che tende ad allargarsi.

 

Al momento paiono insuperabili le capacità taiwanesi di produrre chip a meno di 10 nanometri, utilizzati in diverse tecnologie civili e militari, soprattutto nell’intelligenza artificiale. Di solito però i componenti sono sviluppati e disegnati da laboratori statunitensi. TSMC ha già avviato la produzione pilota di semiconduttori a 3 nanometri e la ricerca per realizzarne a 2 nanometri. Secondo le autorità taiwanesi, compagnie locali e straniere progettano d’investire nell’industria nazionale dei chip 94 miliardi di euro da qui al 2025.

Più del 90% dei microchip usati dal gigante asiatico è importato o prodotto in territorio cinese da aziende straniere (compresa TSMC). Come riporta Reuters, nei primi tre mesi del 2021 metà dell’export taiwanese diretto in Cina erano chip.

 

I ritardi della Cina nello sviluppare la produzione domestica, sommati alle sanzioni Usa nei confronti delle imprese hi-tech cinesi, portano le autorità taiwanesi a pensare che le importazioni di microchip da parte di Pechino continueranno a crescere. Contribuisce a questo trend anche la domanda di semiconduttori delle imprese straniere presenti sul territorio cinese.

 

Il risvolto della medaglia è che così Taipei non riuscirà a realizzare uno dei suoi principali obiettivi: emanciparsi dal mercato cinese e diversificare i propri partner commerciali. Per il momento l’isola ha ridotto la sua quota d’investimenti nella Cina continentale: nei primi 11 mesi del 2021 è stata di 4,2 miliardi di euro, un calo annuo del 14,5%.

 

La Cina considera Taiwan una «provincia ribelle», e non ha mai escluso di riconquistarla con l’uso della forza.

 

L’isola è di fatto indipendente da Pechino dal 1949; all’epoca i nazionalisti di Chiang Kai-shek vi hanno trovato rifugio dopo aver perso la guerra civile sul continente contro i comunisti, facendola diventare l’erede della Repubblica di Cina fondata nel 1912 (che a sua volta aveva messo fine al bimillenario impero cinese).

 

Inizialmente una dittatura a partito unico (il Kuomintang di Chiang), tra fine anni ’80 e metà anni ’90 del secolo scorso Taiwan è diventata una vibrante democrazia, oltre che un’economia di mercato molto dinamica.

Come i cinesi, anche gli USA dipendono dai microchip made in Taiwan, fatto che rende l’isola indispensabile a entrambe le potenze in competizione

 

Agli occhi della leadership cinese, la presidente taiwanese Tsai Ing-wen è una pericolosa secessionista. Tsai non riconosce il «principio dell’unica Cina», secondo il quale esiste una sola Cina, quella rappresentata dal governo di Pechino.

 

Come i cinesi, anche gli USA dipendono dai microchip made in Taiwan, fatto che rende l’isola indispensabile a entrambe le potenze in competizione.

 

Nel 2021 la scarsità di semiconduttori – dovuta all’alta domanda di prodotti tecnologici generata dalla pandemia – ha creato problemi per la produzione di molti beni, come le automobili: un avvertimento di cosa potrebbe accadere alla filiera tecnologica globale se la produzione taiwanese si arrestasse per un conflitto.

 

Gli USA hanno legami diplomatici ufficiali con Pechino, ma senza accettare la posizione cinese secondo cui Taiwan è parte della Cina. Con il Taiwan Relations Act, gli Stati Uniti hanno promesso di difendere Taipei, soprattutto con forniture militari.

 

I taiwanesi parlano del loro «scudo di silicio» contro un colpo di mano cinese e a garanzia del sostegno statunitense. Esperti, soprattutto negli Usa, ammoniscono però che l’interdipendenza economica spesso non basta a prevenire lo scoppio di guerre

Adottato nel 1979 dopo il formale riconoscimento diplomatico della Cina comunista, il provvedimento non specifica l’effettiva natura dell’impegno USA: una «ambiguità strategica» che produce continue tensioni con il governo cinese.

 

In caso di conflitto gli scenari sono cupi per Washington come per Pechino. Con la riconquista dell’isola da parte cinese, gli USA potrebbero perdere le forniture di chip. Anche se l’invasione riuscisse, la Cina rischierebbe invece di trovare gli stabilimenti della TSMC distrutti, vittime dei combattimenti.

 

Per questo motivo, i taiwanesi parlano del loro «scudo di silicio» contro un colpo di mano cinese e a garanzia del sostegno statunitense. Esperti, soprattutto negli Usa, ammoniscono però che l’interdipendenza economica spesso non basta a prevenire lo scoppio di guerre.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari