Il Pentagono classifica i cattolici come estremisti

 

 

 

 

In seguito all’attacco del Campidoglio del 6 gennaio 2021, il Pentagono ha ordinato uno studio sui movimenti estremisti che potrebbero essersi infiltrati nelle forze armate.

 

Già a giugno 2020 venne distribuito all’esercito un manuale ove s’individuavano 21 gruppi suprematisti.

 

Il seminario convocato a inizio marzo dal segretario alla Difesa USA conteneva uno schema dei principali gruppi estremisti cui le forze armate devono oggi far fronte: il Ku Klux Klan, Hamas, Al Qaeda, la setta Christian Identity e… i cattolici

La presentazione audiovisiva del DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency), usata durante il seminario convocato a inizio marzo dal segretario alla Difesa USA, generale Lloyd Austin, conteneva uno schema dei principali gruppi estremisti cui le forze armate devono oggi far fronte: il Ku Klux Klan, Hamas, Al Qaeda, la setta Christian Identity e… i cattolici.

 

Il consulente giuridico dell’associazione First Liberty, avvocato Michael Berry, in un’audizione alla Commissione per le Forze Armate della Camera dei Rappresentanti del 24 marzo 2021 ha sostenuto che il Pentagono giudica inaccettabili le posizioni della Chiesa cattolica sulle questioni di genere e per questa ragione ritiene che i cattolici potrebbero commettere attentati contro le forze armate che ammettono al loro interno i transgender.

 

Il presidente Joe Biden è cattolico, ma in rotta con la maggioranza del clero USA.

Il Pentagono giudica inaccettabili le posizioni della Chiesa cattolica sulle questioni di genere e per questa ragione ritiene che i cattolici potrebbero commettere attentati contro le forze armate che ammettono al loro interno i transgender

 

 

 

Sull’argomento si legga:

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

 

Fonte: «Il Pentagono classifica estremisti i cattolici», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 1 aprile 2021, 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.