Connettiti con Renovato 21

Guerra cibernetica

Il green pass dei parlamentari e gli hacker della Regione Lazio

Pubblicato

il

 

 



Quanti parlamentari si sono vaccinati? Una domanda che ogni italiano si sarà posto almeno una volta.

 

Noi però abbiamo una domanda ancora più balzana che ci vaga per la testa:  la questione è collegabile al recente caso di hackeraggio negli archivi sanitari del Lazio?

 

Partiamo da quanto sostenuto  Paolo Mieli  durante la trasmissione In Onda su La7 del 9 agosto parlando coi giornalisti Parenzo, De Gregorio e Cuzzocrea:



«Ci sono delle cose che non sappiamo e questo va detto con onestà. Un’altra cosa che dobbiamo dire è che i nostri consessi privati – e io conosco anche i vostri – sono consessi molto più dubbiosi del vostro atteggiamento pubblico. Cioè noi pubblicamente ci mostriamo come paladini della verità, ma quando andiamo a cena con degli amici, sentiamo dei dubbi e delle obiezioni».



Le persone nelle stanze dei bottoni – diceva Mieli – hanno dubbi sui vaccini, anche se in pubblico sostengono il contrario. E va da sé che chi ha dubbi sui vaccini, tendenzialmente, non si vaccina.

 

Paolo Mieli: «dobbiamo dire è che i nostri consessi privati – e io conosco anche i vostri – sono consessi molto più dubbiosi del vostro atteggiamento pubblico. Cioè noi pubblicamente ci mostriamo come paladini della verità, ma quando andiamo a cena con degli amici, sentiamo dei dubbi e delle obiezioni»

Ci sono stati casi eclatanti a conferma di quanto sosteneva Mieli.  Ad esempio il Ministro Speranza (il Ministro della Salute!) al 15 giugno 2021 non era ancora vaccinato. Lo Speranza si sarebbe poi vaccinato dal medico di famiglia il giorno successivo (non è una cosa comune) in fretta e furia onde sedare la polemica che andava crescendo. Attaccato  per questo motivo anche da virostar come Bassetti, il ministro della Salute rigorista era volato alla siringa il giorno dopo che Massimo Giannini in un’intervista  su La Stampa gli aveva rifilato (e pubblicato) l’imbarazzante domanda a bruciapelo: «Lei è vaccinato?».

 

Indicativo anche il caso di Maria Stella Gelmini che il 4 luglio affermava «È un errore drammatico che va scongiurato: se necessario andando a trovare a casa queste persone». Ma anche lei si era vaccinata con comodo al 7 giugno (prima dose?). Al momento della dichiarazione aveva già fatto il richiamo?

 

 

Conta osservare che mentre gli stessi imponevano l’obbligo vaccinale tramite green pass, fino a pochi giorni prima ne sarebbero stati sprovvisti. Nel caso del Ministro Speranza, vaccinatosi il 16 di Giugno – a meno che non abbia scelto il vaccino Johnson che è monodose – alla data del 22 luglio  mentre annunciava ai microfoni con Draghi l’obbligo green pass, avrebbe potuto essere ancora sprovvisto della seconda dose. Sarà un caso che pochi giorni dopo hanno corretto i requisiti per ottenere il green pass, abbonando il periodo che intercorre tra la prima dose e il richiamo?

 

Domande che di certo non depongono a favore della coerenza di coloro che, per usare l’espressione di Mieli, si propongono come «paladini della verità».

 

Quanti parlamentari sono stati o sono ancora in queste condizioni di «incoerenza» rispetto al green pass?

 

Non possiamo saperlo. Ma gli hacker che hanno messo le mani sui sistemi informatici della Regione Lazio forse sì. E qui l’episodio dell’hackeraggio potrebbe prendere una piega molto interessante.

 

In un contesto di segregazione vaccinale, poter accusare pubblicamente un politico di non essere vaccinato è un’arma politica non da poco

Di certo non depone a favore di questa domanda malfidente il fatto che in tre occasioni il Parlamento abbia respinto l’introduzione del green pass per i parlamentari, nonostante sarebbe stato un segnale indubbiamente distensivo verso il popolo italiano. La buonafede.

 

La prima volta l’ipotesi di green pass per i parlamentari è stata respinta dal Presidente della Camera Fico in data 21 luglio dopo che Confindustria aveva ventilato l’opportunità di introdurlo per i parlamentari. La motivazione addotta da Fico era deboluccia: «è impossibile chiedere ai parlamentari chi si è vaccinato e chi no» (La Repubblica, 21 luglio).

 

La seconda volta  la possibilità di introdurre il green pass in Parlamento viene negata il 23 luglio – il giorno dopo l’annuncio di Draghi – niente meno che da Pierpaolo Sileri, vice-ministro della Salute. L’argomento di Sileri era già più cogente nel contesto: «Non ho dubbi che gli onorevoli dovrebbero essere tutti vaccinati, ma il Parlamento è un luogo di lavoro, come tale non ha obbligo di green pass. Non metterei obbligo vaccinale nelle aziende».

 

Ed eccoci alla terzo diniego. Dal 23 luglio di acqua sotto i ponti ne è passata e da settimane è stato esteso il green pass a molte categorie di lavoratori. I docenti a scuola lavorano e sono tenuti ad avere il green pass. Non solo, ma il Governo ha già preannunciato l’estensione del green pass  ad altre categorie di lavoratori (ristoratori, camerieri, capitreno etc.).

 

Ora, sebbene l’argomento di Sileri sia ormai contraddetto dai criteri ufficiali dell’obbligo di green pass, in data 7 settembre il Governo ha  nuovamente escluso di introdurre il green pass per i parlamentari. O meglio, sarà obbligatorio il green pass per frequentare il ristorante del Parlamento e per andare alla biblioteca. Lo hanno stabilito il collegio dei questori di Camera e Senato.

 

«È l’attacco informatico più violento e pericoloso mai subito dall’Italia. E non solo per le prenotazioni per il vaccino andate in tilt, ma perché dentro al sistema della Regione Lazio c’è un tesoro»

Il Corriere del 7 settembre riassume così:

 

«Entrambi si sono riuniti prima della pausa ferragostana e hanno approvato una delibera, in vigore dal 6 agosto. In sostanza, spiega il questore Gregorio Fontana, “siamo in linea con quanto succede fuori”. Ne consegue che l’obbligo della certificazione verde sarà previsto per entrare al ristorante, come detto, così come per la partecipazione a iniziative culturali: ad esempio, per tutti i convegni e le conferenze stampa che si svolgono all’interno di Camera e Senato. O ancora: se si vuole accedere alla sedi della biblioteca e dell’archivio storico. Infine, se si è convocati per svolgere un concorso all’interno dell’edificio».

 

E qui l’episodio dell’hackeraggio si fa molto interessante. Perché, visti i fatti,  è intuibile che una buona parte dei parlamentari non sarebbe in regola col green pass obbligatorio. Perché darci la possibilità di scrivere un articolo come questo, se in Parlamento fossero ampiamente già vaccinati?

 

Ora, in un contesto di segregazione vaccinale, poter accusare pubblicamente un politico di non essere vaccinato è un’arma politica non da poco.  Ad alcuni non farà piacere il parallelo, ma sarebbe stato come poter accusare un politico di avere un nonno ebreo quando erano in vigore le Leggi Razziali.

 

Prendiamo Carlo Calenda che ha tentato di screditare Virginia Raggi pochi giorni fa, quando emerse che Virginia Raggi non ha ancora programmato la vaccinazione perché risulta avere gli anticorpi alti.


Vista la retorica e il clima da caccia agli untori non vaccinati, rimane evidente che con questa accusa possono finire alla gogna pubblica sia personalità politiche favorevoli all’obbligo, sia personalità che cercano di non prendere posizione.



I casi più eclatanti sono stati Matteo Salvini e Giorgia Meloni, i quali – dopo avere temporeggiatao per mesi –hanno fatto sapere (o almeno fatto credere perché nessuno ha mai scansionato i loro QR code) di essersi vaccinati con la prima dose dopo pochi giorni dal discorso di Draghi del 22 luglio, quella della mancata vaccinazione come contagio e uccisione.

 

«La minaccia è molto seria. Perché in quel database ci sono tante persone qualunque, certo, ma anche l’intera classe dirigente che andando a fare l’iniezione contro il  coronavirus ha fornito i propri dati sensibili. Dagli onorevoli ai ministri della Repubblica. Dai vertici delle forze armate e dei Servizi Segreti, ai grandi dirigenti delle aziende, pubbliche o private. Ci sono i vertici delle banche e della diplomazia»

Niente male per mantenere una linea di opposizione al green pass. Il lettore può pacificamente capire che avrebbero potuto vaccinarsi per legittimi motivi personali, senza darne pubblico annuncio.

 

Il fatto che Salvini e Meloni abbiano ritenuto opportuno, non tanto legittimamente vaccinarsi, quanto farlo sapere pubblicamente è indice che qualcosa dal 22 luglio è cambiato. Che cosa sia cambiato dal quel giorno è sotto gli occhi di tutti: è il nuovo schema di Draghi con cui la stampa opera i killeraggi politici: «L’appello a non vaccinarsi è un appello a morire, sostanzialmente: non ti vaccini, ti ammali e muori. Oppure, fai morire: non ti vaccini, contagi, lui o lei muore».

 

Se non ti vaccini, sei un nemico della Patria.

 


Visti gli antefatti, in data 1 agosto accade qualcosa di molto anomalo; specialmente considerando la concomitanza degli eventi.

 

Scrive Repubblica il 2 agosto:

 

«È l’attacco informatico più violento e pericoloso mai subito dall’Italia. E non solo per le prenotazioni per il vaccino andate in tilt, ma perché dentro al sistema della Regione Lazio c’è un tesoro. Ci sono i dati del 70 per cento degli abitanti di Roma e delle Province vicine. La loro anamnesi, la loro storia clinica, il loro stato di salute. Ma anche indirizzi, residenza, numeri di telefono, mail. Tutto».

 

«Ci sono i file sensibili di tutte le persone vaccinate nel Lazio, anche solo con una dose. Gli hacker sono arrivati fino a lì, alle porte di quello scrigno che custodisce i dettagli personali di questi cittadini. E ancora sono al lavoro, l’attacco è cominciato nella notte tra sabato e domenica, per provare a rubare quella cassaforte così preziosa».

 

L’Italia annuncia l’obbligo vaccinale e dopo una settimana si verifica un attacco terroristico informatico alla sanità che coinvolge «l’intera classe dirigente» nazionale.

«L’immagine, descritta dai tecnici, è quella di chi sta attaccato alla serranda e cerca una via per entrare. E la paura è che possano riuscirci. O che, nei giorni in cui hanno preparato l’assedio, siano riusciti a prendere qualcosa. La minaccia è molto seria. Perché in quel database ci sono tante persone qualunque, certo, ma anche l’intera classe dirigente che andando a fare l’iniezione contro il  coronavirus ha fornito i propri dati sensibili. Dagli onorevoli ai ministri della Repubblica. Dai vertici delle forze armate e dei Servizi Segreti, ai grandi dirigenti delle aziende, pubbliche o private. Ci sono i vertici delle banche e della diplomazia». Il corsivo è nostro.

 

Basti pensare che a Roma si sono immunizzati anche i presidenti della Repubblica Sergio Mattarella (che si è vaccinato all’ospedale Spallanzani) e quello del Consiglio Mario Draghi, che l’iniezione anti-COVID l’ha fatta all’hub della stazione Termini. E ora anche i loro dati sensibili rischiano di finire nelle mani sbagliate».



Insomma, gli hacker potrebbero aver messo le mani sulla lista di quei potenziali potenti e abbienti «dubbiosi» di cui parlava Paolo Mieli.

 

Coloro che sono entrati nel CED della Regione Lazio, chissà, forse ne conoscono i nomi.

 

L’Italia annuncia l’obbligo vaccinale e dopo una settimana si verifica un attacco terroristico informatico alla sanità che coinvolge «l’intera classe dirigente» nazionale.

 

Curioso.

 

 

Gian Battista Airaghi

Continua a leggere

Guerra cibernetica

Hacker nordcoreani attaccano Gmail?

Pubblicato

il

Da

Gli hacker nordcoreani starebbero utilizzando metodi mai visti prima per aggirare le misure di sicurezza della posta elettronica di Google per leggere e scaricare messaggi e allegati, il tutto senza che Google lo rilevi. 

 

L’agghiacciante prospettiva è riportata dal sito Futurism.

 

Gli hacker di Pyongyang starebbero usando semplici estensioni del browser per rubare direttamente i dati della Posta e, secondo un post sul blog della società di sicurezza informatica Volexity, starebberonno prendendo di mira utenti negli Stati Uniti, in Europa e in Corea del Sud, con attacchi sofisticati.

 

Sebbene questo tipo di attacchi, noto come «spear phishing», abbia richiesto agli utenti inconsapevoli di scaricare volontariamente estensioni del browser non autorizzate in passato, questi attacchi sono diversi, perché il malware coinvolto può scaricarsi sui computer di destinazione all’insaputa delle vittime.

 

Peggio ancora, i browser di Google e Microsoft non sono in grado di rilevare che sono stati infiltrati da malintenzionati.

Anche il malware si è costantemente evoluto dalla sua scoperta, osserva Volexity, ed è già alla sua terza versione.

 

In un’e-mail alla testa tecnologica  Ars Technica, l’azienda di cybersecurity ha notato che l’attuale iterazione degli attacchi soprannominati SharpTongue colpisce solo gli utenti Windows

 

Il presidente di Volexity Steven Adair ha avvertito, tuttavia, che non c’è motivo per cui gli utenti MacOS o Linux non possano essere i prossimi.

 

«C’è una buona ragione per suggerire che gli hacker siano supportati da attori statali nordcoreani e affiliati al gruppo di hacker nordcoreano Kimsuky» scrive Futurism.

 

Volexity ha affermato nel suo post che si «osserva spesso SharpTongue prendere di mira e vittimizzare individui che lavorano per organizzazioni negli Stati Uniti, in Europa e in Corea del Sud che lavorano su argomenti che coinvolgono la Corea del Nord, questioni nucleari, sistemi d’arma e altre questioni di interesse strategico per la Corea del Nord».

Come riportato da Renovatio 21, il Sud Corea si è recentemente unito alla NATO per quanto riguarda la guerra cibernetica.

 

A inizio anno era stato riportato che un hacker americano avrebbe messo in ginocchio l’intera rete del Nord Corea con un attacco cibernetico mirato.

 

Pyongyang è stata accusata anche del grande attacco elettronico subito dal ramo cinematografico della Sony a Los Angeles, che in quei mesi stava facendo uscire un film che si prendeva giuoco del leader Kim Jong-un e ne raffigurava la morte con dettagli violentissimi. Alcuni tuttavia ritengono che gli autori dell’attacco vadano ricercati altrove.

 

 

 

Continua a leggere

Guerra cibernetica

Grecia, scandalo telefonini hackerati: il quarto governo NATO che cade in poche settimane?

Pubblicato

il

Da

Il governo greco del primo ministro Kyriakos Mitsotakis potrebbe diventare il quarto governo NATO a crollare dal vertice NATO del 29 giugno a Madrid quest’anno.

 

Quello che viene chiamato il «Watergate di Mitsotakis» è uno scandalo coinvolge le intercettazioni telefoniche di Nikos Androulakis, leader del PASOK, il terzo grande partito politico del Paese, e del giornalista Thanasis Koukakis.

 

I due in precedenza avevano affermato che il governo stava monitorando i loro cellulari. In effetti, Androulakis, che si dice sia stato intercettato mentre era membro del Parlamento europeo, ha mostrato documenti del dipartimento di sicurezza del Parlamento europeo che mostravano che il suo telefono è stato violato con uno spyware.

 

Il governo Mitsotakis è stato il più pro-USA e pro-NATO dai tempi della dittatura militare negli anni Sessanta e Settanta. La sua decisione di inviare armi pesanti in Ucraina non è stata affatto popolare.

 

Il 5 agosto, il segretario generale del primo ministro Mitsotakis, Grigoris Dimitriadis (che è anche il nipote del primo ministro), ha rassegnato le sue dimissioni sostenendo che il «clima tossico» che si era creato intorno alla sua persona e il suo bersaglio rendevano impossibile il trasporto fuori i suoi doveri.

 

La realtà è che i servizi segreti greci sono sotto la sua responsabilità. Le sue dimissioni sono state rapidamente seguite da quelle del comandante del Servizio di Intelligence Nazionale, Panagiotis Kontoleon, «a seguito di azioni sbagliate riscontrate nel processo di collegamenti legali», come ha affermato in un briefing del governo.

 

Sebbene Kontoleon abbia affermato che un pubblico ministero aveva approvato le intercettazioni, il motivo non è stato rivelato.

 

Fonti governative anonime hanno cercato di diffondere la voce che le intercettazioni siano state effettuate su richiesta di un servizio di intelligence «alleato» su presunti collegamenti con individui cinesi «loschi», una scusa non considerata credibile dall’opposizione, riporta EIRN.

 

Androulakis ha chiesto una commissione parlamentare per condurre un’indagine approfondita.

 

Anche Alexis Tsipras, a capo del principale partito di opposizione SYRIZA, ha chiesto un’indagine approfondita, definendo il caso «il Watergate di Mitsotakis».

 

Il fatto che il primo atto del governo Mitsotakis, quando è salito al potere nel 2019, sia stato quello di portare il Servizio di Intelligence Nazionale sotto il controllo dell’ufficio del Primo Ministro, ha accresciuto il calore sul governo.

 

Si tratterebbe quindi del quarto governo di un Paese NATO – dopo Italia, Gran Bretagna, Estonia– a cadere nel giro di pochi giorni.

 

Come riportato da Renovatio 21, è un momento molto caldo per gli spyware dei telefonini, detti anche trojan, con il principale produttore al mondo, gli israeliani di NSO, sotto pressione per gli utilizzi del loro software Pegasus: mesi fa, prima che le relazioni tra Israele e Russia deteriorassero, NSO aveva rifiutato di vendere lo spyware ai Paesi Baltici e all’Ucraina.

 

I trojan, programmi di spionaggio in grado di assorbire tutta l’attività di un telefonino, in Italia sono stati di fatto spinti dal ministro della Giustizia Bonafede a febbraio 2020, quando la Nazione era narcotizzata dalle notizie sul coronavirus non ancora trasformatosi in lockdown.

 

 

 

 

Continua a leggere

Guerra cibernetica

Hacker di Stato e Spyware, dietro all’accordo fallito per l’acquisizione dell’israeliano Pegasus da parte degli USA

Pubblicato

il

Da

Un appaltatore della difesa statunitense, L3Harris, ha interrotto i colloqui con la nota società di spionaggio informatico israeliana NSO per l’acquisto dell’azienda di hacking informatico a causa dell’opposizione della Casa Bianca all’accordo.

 

Si tratta di un fatto rilevante, perché la NSO è divenuta controversa negli ultimi anni, e perché il suo prodotto – un software di spionaggio per gli smartphone – è un’arma di rara potenza e sofisticazione, desiderato ed acquistato da molti governi del mondo, e forse non solo dai governi.

 

La testata governativa russa si chiede perché l’appaltatore militare americano si fosse impegnato in trattative commerciali con una società di spyware che era entrata in una blacklist nell’autunno 2021.

 

I negoziati tra NSO e L3Harris erano stati riportati congiuntamente dal giornale britannico Guardian, dal Washington Post e dall’israeliano Haaretz lo scorso 14 giugno. All’epoca, il Guardian aveva citato un alto funzionario della Casa Bianca: «Una tale transazione, se dovesse aver luogo, solleva seri problemi di controspionaggio e sicurezza per il governo degli Stati Uniti».

 

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti aveva inserito nella lista nera l’azienda israeliana NSO Group nel novembre 2021 per aver fornito uno spyware chiamato Pegasus a governi stranieri che «hanno utilizzato questi strumenti per prendere di mira maliziosamente» giornalisti, lavoratori dell’ambasciata e attivisti.

 

Secondo l’amministrazione Biden, la NSO ha agito «contrariamente alla sicurezza nazionale o agli interessi di politica estera degli Stati Uniti».

 

«Pegasus è uno strumento di hacking “zero clic” che può estrarre in remoto qualsiasi cosa dal telefono cellulare di un bersaglio, inclusi messaggi, contatti, foto e video senza che l’utente debba fare clic su un collegamento di phishing per concedergli l’accesso remoto», ha scritto The New York Times, aggiungendo che il poderoso strumento di spionaggio israeliano potrebbe anche trasformare il telefono cellulare della persona spiata «in un dispositivo di localizzazione e registrazione».

 

Ciononostante, riporta sempre il quotidiano di Nuova York, L3Harris ha avviato colloqui segreti con la NSO, sostenendo che i funzionari dell’intelligence statunitense hanno appoggiato silenziosamente i suoi piani per l’acquisto della tecnologia spyware di base dell’azienda, nonché un possibile trasferimento del personale della NSO all’appaltatore della difesa americana.

 

Inoltre, la tecnologia di NSO sarebbe stata a lungo «di intenso interesse» per l’FBI e la CIA, dice il giornale.

 

Pertanto, nel marzo 2022, il direttore dell’FBI Christopher Wray ha testimoniato al Congresso che l’agenzia aveva acquistato lo spyware Pegasus della NSO, sostenendo che l’agenzia ha acquisito lo strumento per la valutazione ma non lo ha utilizzato.

 

I negoziati L3Harris-NSO sono proseguiti in segreto fino a giugno 2022, quando la stampa mainstream statunitense e israeliana ha fatto trapelare informazioni sulla possibile vendita, suscitando una tempesta di critiche da parte della Casa Bianca.

 

Secondo il Guardian, Washington ha negato che la comunità dell’Intelligence statunitense fosse mai stata di «sostegno» all’accordo. Tuttavia, questa possibilità non può essere esclusa, secondo l’analista del Pentagono Karen Kwiatkowski.

 

«La protesta dei cittadini e dei media statunitensi per la sorveglianza illegale e dannosa da parte del gruppo NSO ha guidato le sanzioni Biden; i burocrati della comunità dell’Intelligence i loro appaltatori hanno interessi molto diversi, vogliono utilizzare gli strumenti di monitoraggio e monitoraggio del software più capaci (e convenienti) là fuori», spiega.

 

La Kwiatkowski non ha dubbi sul fatto che se la tecnologia di hacking NSO fosse stata acquisita, sarebbe stata utilizzata su cittadini americani. Inoltre, non esclude che «sia già in uso, come prima delle sanzioni, e l’acquisto è in parte finalizzato a garantire che il suo utilizzo possa continuare ed essere ampliato».

 

Apparentemente quindi, tale accordo «ipocrita ed egoista» è stato rallentato e interrotto a causa del fatto che è stato ampiamente pubblicizzato, secondo l’ex analista del Pentagono.

 

Nel frattempo, si dice che il gruppo NSO sia coinvolto in un’ampia campagna di lobbying  negli Stati Uniti per uscire dalla lista nera di Washington, secondo l’organizzazione di giornalismo investigativo senza scopo di lucro ProPublica e Shomrim, un’organizzazione di notizie apartitica con sede in Israele.

 

«NSO ha investito centinaia di migliaia di dollari nell’ultimo anno in pagamenti a lobbisti, società di pubbliche relazioni e studi legali negli Stati Uniti, nella speranza di annullare la decisione dell’amministrazione Biden di novembre, secondo i registri pubblici archiviati ai sensi del Foreign Agent Registration Act e conversazioni con persone che hanno familiarità con lo sforzo», hanno riferito ProPublica e Shomrim il 12 luglio.

 

Inoltre, la NSO avrebbe cercato di sollevare la questione durante l‘incontro tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro israeliano Yair Lapid di pochi giorni fa.

 

«Finora, la campagna di lobbying ha generato poca risposta», afferma l’articolo.

 

Come riportato da Renovatio 21, la stampa israeliana 5 mesi fa aveva affermato che la polizia aveva utilizzato lo spyware NSO Pegasus contro addirittura l’ex premier del Paese Benjamin Netanyahu.

 

La potenza del software è tale che la NSO pare aver rifiutato di avrebbe rifiutato di vendere una l’arma cibernetica ai governi di Ucraina ed Estonia, per paura che questi lo usino contro la Russia.

 

La NSO, come tante aziende tecnologiche israeliane, è una società dove è forte la presenza di personale ex Mossad ed ex dell’Unità 8200, il corpo d’élite di hacker dell’Esercito dello Stato Ebraico.

 

Qualcuno potrebbe pensare che si tratti di una forma di hacking di Stato sotto la copertura dell’azienda privata. Il confine tra hacker ed hacker di Stato è tuttavia sempre più labile: e questa è un accusa che sempre più spesso sentiamo fare contro la Russia.

 

Ricordiamo al lettore italiano di Renovatio 21 che durante i primi giorni del coronavirus il governo, su spinta dell’allora ministro di Grazia e Giustizia pentastellato Alfonso Bonafede, estese la possibilità per gli inquirenti di utilizzare i Trojan, cioè gli spyware che come il Pegasus prendono il totale controllo (possono ascoltare conversazioni, leggere email e messaggini, scaricare foto, nonché agire anche da microfono-spia e da geolocalizzatore anche quando il dispositivo è spento) del telefono della persona obbiettivo.

 

Sempre rimanendo in Italia, vogliamo ricordare come un concorrente italiano di NSO, il milanese Hacking Team, nel 20014 fu vittima di uno stranissimo colpo degli hacker che portarono via quantità impressionanti di dati altamente riservati dell’azienda (circa 400 giga) e li piazzarono su piattaforme peer-to-peer come BitTorrent, con rilancio su WikiLeaks.

 

Secondo i resoconti dell’epoca,  anche Hacking Team, come NSO, aveva clienti in tutto il mondo, e, sempre come NSO e i suoi aspiranti compratori, legami con i servizi di sicurezza.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari