Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Il coronavirus è il tema centrale nella candidatura elettorale di Biden

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Oltre a dipingere le elezioni presidenziali del 2020 come una battaglia tra le forze dell’oscurità e le forze della luce, il discorso di accettazione di Joe Biden alla Convenzione Nazionale Democratica di Milwaukee questa settimana ha riguardato in gran parte la battaglia americana con il COVID-19.

 

Si è trattato di una convention virtuale, con tutti i suoi relatori online, e Biden e la  sua compagna di corsa Kamala Harris hanno dovuto salutare piccoli gruppi proiettati su uno schermo gigante invece che una folla che cantava. Non sorprende che abbia incolpato delle morti e degli sconvolgimenti della pandemia proprio il presidente Trump.

 

«Giudicate questo presidente in base ai fatti. 5 milioni di americani infettati da COVID-19. Sono morti più di 170.000 americani. Di gran lunga la peggiore performance di qualsiasi nazione sulla Terra», ha dichiarato Biden.

 

«La tragedia di dove siamo oggi è che non doveva essere così grave. Guardati intorno. Non è così male in Canada. O l’Europa. O il Giappone. O quasi in qualsiasi altra parte del mondo. Il presidente continua a dirci che il virus sta per scomparire. Continua ad aspettare un miracolo. Bene, ho una notizia per lui, nessun miracolo è in arrivo. Guidiamo il mondo nei casi confermati. Guidiamo il mondo nelle morti. La nostra economia è a pezzi, con le comunità di neri, latini, asiatici americani e nativi americani che ne sopportano il peso. E dopo tutto questo tempo, il presidente non ha ancora un piano».

Le questioni bioetiche sono state spesso presenti nelle campagne presidenziali statunitensi, in particolare l’aborto e l’assistenza sanitaria pubblica. Ma questo potrebbe essere il primo in cui sono quasi le uniche

 

Biden ha affermato di avere un piano per porre fine alla pandemia: test rapidi, abbondanti forniture mediche made in USA e mascheramento obbligatorio.

 

Il fallimento del presidente nel proteggere gli americani dal COVID-19 è «imperdonabile» ha dichiarato. «In qualità di presidente, vi farò questa promessa: proteggerò l’America. Ci difenderò da ogni attacco. Visibile ed invisibile. Sempre. Senza eccezioni. Ogni volta».

 

Le questioni bioetiche sono state spesso presenti nelle campagne presidenziali statunitensi, in particolare l’aborto e l’assistenza sanitaria pubblica. Ma questo potrebbe essere il primo in cui sono quasi le uniche. Biden ha alluso alla giustizia razziale, all’ingerenza russa, al cambiamento climatico, alla tassazione dei ricchi e alla devastazione economica, ma è tornato più volte su due temi: il COVID-19 e il carattere del presidente.

Mancano solo 10 settimane alle elezioni del 3 novembre. Il sito statistico FiveThirtyEight ha dato a Biden una probabilità del 73% di vincere a partire da ieri.

 

Mancano solo 10 settimane alle elezioni del 3 novembre. Il sito statistico FiveThirtyEight ha dato a Biden una probabilità del 73% di vincere a partire da ieri.

 

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Continuano gli esami pelvici non autorizzati negli ospedali americani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Negli Stati Uniti vengono ancora effettuati esami pelvici non autorizzati su donne nell’ambito dell’educazione medica.

 

Nel 2020 il New York Times ha pubblicato un articolo che descriveva l’esperienza di diverse donne che si sono sentite violate quando hanno appreso che gli studenti avevano eseguito su di loro esami intimi mentre erano anestetizzate.

 

Sulla scia della denuncia, un certo numero di stati ha approvato leggi che richiedono esplicito consenso informato. Ma la pratica continua, anche se è difficile sapere quanto sia diffusa oggi.

 

Il bioeticista Art Caplan ha scritto un editoriale a sostegno di tale legge nel Connecticut l’anno scorso:

 

«Un esame intimo senza consenso significa che un medico o uno studente di medicina effettua un esame sulle parti intime del corpo di un paziente di solito a scopo didattico quando i pazienti sono svegli o sotto anestesia senza chiedere al paziente il permesso esplicito. L’American College of Obstetricians and Gynecologists, l’American Medical Association e l’Association of American Medical Colleges, insieme a studiosi di diritto ed etica, hanno condannato la pratica, ma continuano a emergere casi di esami senza consenso eseguiti su pazienti con altri presenti».

 

Alcuni medici sostengono che gli organi sessuali sono come qualsiasi altra parte del corpo e chiedono perché i pazienti dovrebbero opporsi. Caplan spiega che questi esami sono straordinariamente delicati:

 

«Se vogliamo che i pazienti si fidino di noi e se vogliamo assicurarci che rispettino ciò che medici e scienziati hanno da dire e ciò che fanno, dobbiamo assolutamente assicurarci che non facciamo loro qualcosa che non facciano completamente capire, toccando il loro corpo o esaminando il loro corpo, o peggio, approfittando del fatto che sono sotto anestesia e facendo qualcosa lì a scopo di addestramento senza dirglielo. È una regola morale di base per garantire la fiducia, che se hai intenzione di toccare il corpo di qualcuno, hai il suo permesso».

 

In un recente numero di The New Bioethics, due filosofi della Purdue University, nell’Indiana, prendono una linea decisa sugli esami pelvici non autorizzati (UPE). La chiamano violenza.

 

«In qualsiasi altra situazione, la penetrazione digitale senza autorizzazione è violenza sessuale. Che le UPE siano educative o benefiche e che il paziente abbia acconsentito al coinvolgimento generale di uno studente di medicina non le rende ammissibili, né impedisce loro di subire aggressioni sessuali. Pertanto, nella misura in cui si è contrari alle aggressioni sessuali, si dovrebbe essere contrari alle UPE».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Il nuovo corso dell’aborto aumenterà la mortalità materna in USA?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

In uno studio ampiamente citato, i ricercatori dell’Università del Colorado Boulder hanno scoperto che un divieto totale di tutti gli aborti negli Stati Uniti aumenterà il tasso di mortalità materna del 24%. Per le donne afroamericane, la loro previsione è ancora più terribile: un aumento del 39%.

 

Tuttavia, in un editoriale del New York Times, uno studioso britannico afferma che i dati europei suggeriscono che questo potrebbe non essere vero. Molti Paesi limitano l’aborto e solo una manciata lo vieta a titolo definitivo, ma i loro tassi di mortalità materna sono molto più bassi che negli Stati Uniti. Come hanno anche notato gli studiosi del Colorado, gli Stati Uniti hanno «livelli di mortalità materna astronomicamente alti».

 

Il professor David Albert Jones, professore di bioetica alla St. Mary’s University, Twickenham, e direttore dell’Anscombe Bioethics Institute, a Oxford, scrive che «non vi è alcuna differenza significativa nella mortalità materna tra i paesi europei sulla base di quanto sono restrittive le loro leggi sull’aborto».

 

Continua sottolineando che «la Polonia, che ha una delle leggi sull’aborto più restrittive in Europa, ha il tasso di mortalità materna più basso in Europa: solo due morti ogni 100.000 nascite».

 

«Le prove provenienti dall’Europa dimostrano che non è necessario o inevitabile che limitare l’aborto porti a esiti negativi per la salute delle donne».

 

Il professor Jones sottolinea che gli attivisti americani per la vita non devono essere compiaciuti: «otto dei 10 stati con la mortalità materna più bassa sono stati blu [cioè con governo del Partito Democratico, ndr], mentre otto dei 10 stati con la più alta sono stati rossi [cioè con governo del Partito Repubblicano, ndr]».

 

«Se il Mississippi e gli altri stati rossi desiderano dimostrare di essere veramente “pro-vita”, allora devono affrontare i loro vergognosi livelli di mortalità materna. La prima priorità è affrontare lo “svantaggio concentrato” tra i cittadini più poveri, e in particolare tra le donne di colore. Questa misura ha dimostrato di essere un importante determinante della salute materna».

 

«In secondo luogo, è essenziale garantire che le donne abbiano accesso all’assistenza sanitaria non solo prima e durante, ma anche nelle settimane successive al parto».

 

«In terzo luogo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i servizi di maternità guidati dall’ostetrica forniscono un approccio basato sull’evidenza per ridurre la mortalità materna. Attualmente ci sono solo quattro ostetriche ogni 1.000 nascite negli Stati Uniti, rispetto al 43 per 1.000 nascite nel Regno Unito».

 

«C’è molto che si potrebbe fare, ma non viene fatto e la mortalità materna negli Stati Uniti non sta diminuendo ma sta aumentando».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Aborto farmacologico, nuova battaglia in USA

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Con le cliniche per l’aborto che chiudono i battenti negli Stati Uniti e più della metà degli stati che limitano l’aborto in una certa misura, i sostenitori della scelta stanno promuovendo «aborti farmacologici» o «aborti chimici».

 

Questi non richiedono una visita a una clinica per aborti; i farmaci possono essere prescritti tramite telemedicina, possono anche essere ordinati online da medici e farmacie all’estero, sebbene ciò sia  illegale.

 

Secondo il  Guttmacher Institute, un think tank sull’aborto, gli aborti farmacologici rappresentano attualmente più della metà degli aborti americani.

 

Tuttavia, anche questi sono limitati. In due dei 50 stati sono banditi; in 29 stati devono essere prescritti da un medico; e in 19 stati devono essere presi in presenza di un medico – che è un divieto effettivo di telemedicina.

 

Poiché la Corte Suprema degli Stati Uniti ha annullato Roe v. Wade, il presidente Joe Biden ha messo il peso del governo federale dietro l’opzione dell’aborto farmacologico.

 

In un ordine esecutivo dell’8 luglio , ha ordinato al Dipartimento della salute e dei servizi umani di «proteggere ed espandere l’accesso alle cure per l’aborto, incluso l’accesso ai farmaci che la FDA ha approvato come sicuri ed efficaci oltre vent’anni fa».

 

La FDA ha approvato l’uso dei farmaci gemelli Mifepristone e Misoprostolo nel 2000 e i sostenitori dell’aborto affermano che sono sicuri ed efficaci se usati a nove settimane di gestazione o meno.

 

Il New York Times, insieme ad altri media e politici, raccomanda che l’approvazione della FDA prevenga divieti e restrizioni statali. C’è un precedente per questo, ha sostenuto in un editoriale: nel 2014 il Massachusetts ha cercato di vietare Zohydro, un antidolorifico approvato dalla FDA. La mossa è stata annullata in un tribunale distrettuale federale.

 

In realtà, Zohydro è una scelta strana come precedente. La FDA lo ha approvato nel 2013, ma dopo aver  ignorato le obiezioni di un comitato scientifico, che aveva votato 11 contro 2 contrari.

 

Come ogni altra cosa nel dibattito sull’aborto, i fatti sull’aborto farmacologico sono controversi. Chiaramente non è privo di rischi. Secondo la FDA, 26 donne americane sono morte dopo aver usato Mifepristone per i loro aborti.

 

Il  Charlotte Lozier Institute, un think tank pro-life, afferma che «l’aborto chimico ha un tasso di complicanze quattro volte quello dell’aborto chirurgico e fino a una donna su cinque subirà una complicazione».

 

Sottolinea inoltre che gli aborti farmacologici hanno effetti sociali imprevedibili. «Senza la supervisione medica, le pillole abortive possono cadere nelle mani di trafficanti e partner violenti. Ci sono già resoconti di donne a cui sono state somministrate pillole abortive a loro insaputa e contro la loro volontà».

 

Il Texas ha approvato una legge che  limita l’aborto farmacologico alle donne in gravidanza di sette settimane.

 

Il suo preambolo dichiara che «l’uso di Mifeprex o mifepristone presenta complicazioni mediche significative tra cui, a titolo esemplificativo, emorragia uterina, infezioni virali, dolore addominale, crampi, vomito, mal di testa, affaticamento e malattie infiammatorie pelviche; e il tasso di fallimento e il rischio di complicanze aumentano con l’avanzare dell’età gestazionale».

 

Gli attivisti pro-aborto  descrivono tali affermazioni come «disinformazione» o semplicemente come bugie. Ma sono ben documentati nelle riviste mediche.

 

Speriamo di scoprire chi sta disinformando chi il prima possibile.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari