I francesi vogliono sostituire l’inglese con il latino come lingua ufficiale dell’Europa. Ci hanno ragione

 

 

 

 

In Francia si sta preparando un movimento anti-inglese. Il  mese scorso Clement Beaune, ministro francese degli Affari europei, ha guidato una campagna per la «diversità linguistica europea», sottolineando la mancanza di bisogno dell’inglese dopo la Brexit.

 

«Abituiamoci a parlare di nuovo le nostre lingue», ha detto il ministro transalpino. È stato sommerso di critiche, da destra e da sinistra.

 

 Le Figaro sostiene che l’ inglese dovrebbe essere abolito all’interno dell’UE, se non fosse adottato il francese, dovrebbe esserlo il latino

Il ministro è stato raggiunto dal commentatore di destra francese Eric Zemmour, che ha chiesto un boicottaggio dell’inglese post-Brexit, che secondo lui avrebbe «schiacciato» il francese.

 

Zemmour sostiene in modo convincente che solo due paesi dell’UE utilizzano l’inglese come prima lingua: Malta e l’Irlanda. Continua chiedendo il ritorno al francese come lingua ufficiale dell’UE.

 

«Penso che questo sia il momento di lanciare una controffensiva a favore del francese, per ricordare che il francese era la lingua originale delle istituzioni dell’UE», osserva Zemmour.

Il latino è l’ideale. Come si fa a far rivivere una lingua antica, in gran parte morta? Il caso della rinascita israeliana dell’ebraico moderno è usato come prova che è possibile

 

Non è certo la prima volta che in Francia sono emersi sentimenti anti-inglesi. Realizzarli è impedito dalla rigorosa legislazione dell’UE. Nell’UE, qualsiasi modifica alla lingua franca ufficiale delle sue organizzazioni e procedure deve essere approvata dal Consiglio europeo con voto unanime.

 

Più recentemente, un articolo pubblicato sulla rivista Le Figaro sostiene che l’ inglese dovrebbe essere abolito all’interno dell’UE, se non fosse adottato il francese, dovrebbe esserlo il latino.

 

L’articolo, scritto da Sundar Ramanadane, afferma che il divorzio dell’Europa dall’inglese è completo e afferma che la sensazione che il francese dovrebbe essere la lingua franca europea non è affatto unica, indicando articoli di tedeschi che chiedono se il tedesco debba essere la lingua principale dell’UE.

Dall’Impero Romano e Cristianesimo, al Rinascimento e all’Illuminismo, il latino era presente ovunque

 

Ma per Ramandane, il latino è l’ideale. Come si fa a far rivivere una lingua antica, in gran parte morta? Il caso della rinascita israeliana dell’ebraico moderno è usato come prova che è possibile.

 

Ciò è percepito come cruciale e necessario se l’Europa potrà mai realizzare il suo sogno di diventare qualcosa di più di un mercato comune. Il problema è un’identità basata su un linguaggio e un passato comuni, e questo non potrà mai materializzarsi nello status quo, dice.

 

Il latino, sostiene, è una scelta naturale. Ciò è particolarmente dato che ogni esperienza politica storica condivisa in Europa riconduce al latino. Dall’Impero Romano e Cristianesimo, al Rinascimento e all’Illuminismo, il latino era presente ovunque.

La ragione principale di tutte sarebbe l’unità simbolica. Una singola lingua potrebbe unificare l’Europa e farla evolvere nella prossima grande unione politica, piuttosto che in una dispersione dispersa di stati riuniti da interessi finanziari condivisi

 

Non manca neanche la cultura, dice Ramandane, utilizzata in quasi 2000 anni di storia come unico legame comune tra menti, leader e studiosi europei. Continua sostenendo che le lingue moderne non sono estranee, avendole plasmate profondamente.

 

Ancora più importante, sostiene, il latino è adatto alla politica. In effetti, alcuni dei più grandi oratori ed esperti legali hanno parlato in latino, e uno che consentirà di formare leader politici e funzionari pubblici nella retorica e nella logica, proprio come l’antica Grecia e Roma.

 

La ragione principale di tutte sarebbe l’unità simbolica. Una singola lingua potrebbe unificare l’Europa e farla evolvere nella prossima grande unione politica, piuttosto che in una dispersione dispersa di stati riuniti da interessi finanziari condivisi.

 

Non menzionato dallo scrittore, il latino era in realtà la lingua principale dell’Europa fino a quando non fu ucciso dagli studiosi del Rinascimento che si lamentavano del fatto che il latino moderno non era affatto vicino alla forza del latino classico. I loro sforzi videro la lingua relegata ai musei e allo studio dei classici antichi, poiché si trasformò nelle moderne lingue romantiche di oggi.

I primi fautori del nazionalismo credevano anche nello sviluppo di lingue alternative che dessero identità allo Stato-nazione

 

I primi fautori del nazionalismo credevano anche nello sviluppo di lingue alternative che dessero identità allo Stato-nazione.

 

Il giornalista del Figaro forse crede di essere il primo ad avere questa idea, tuttavia essa fu rilanciata anni fa dai finlandesi in senso antitedesco: agli eurodeputati germanici che chiedevano che l’idioma di Goethe – di fatto la più parlata nella UE – assurgesse a lingua ufficiale, i finlandesi (un popolo le cui fiabe vedono i tedeschi come i nemici ingannatori) risposero con  discorsi e comunicati in latino.

 

Il latino è molto stranamente popolarissimo presso i finnici. Esiste in Finlandia una radio che trasmette solo in latino, comprese – si narra – canzoni pop come quelle di Elvis tradotte nella lingua di Cicerone.

 

Un’Europa che parla latino sarebbe, di fatto, la prima cosa buona partorita dalla UE. Ma lasciamo comunque perdere: il prezzo da pagare è, come il cambio euro-lira, troppo alto

Le cronache raccontano anche di un episodio ai limiti del mito: Gianni Brera, la più grande penna sportiva del Novecento, intervistò lo  sciatore Paavo Nurmi  finnico proprio in latinorum.

 

Un’Europa che parla latino sarebbe, di fatto, la prima cosa buona partorita dalla UE. Ma lasciamo comunque perdere: il prezzo da pagare è, come il cambio euro-lira, troppo alto.