Connettiti con Renovato 21

Gender

Grecia, il battesimo dei figli di una coppia gay divide gli ortodossi

Pubblicato

il

Il 7 luglio il vescovo Elpidoforo, primate dell’arcidiocesi greca degli Stati Uniti, sotto il Patriarcato ecumenico di Costantinopoli, ha battezzato i figli della coppia gay formata dallo stilista norvegese Peter Dundas e dal suo compagno greco Evangelis Bousis, presso la chiesa di San Theotokos Phaneromeni, nel quartiere balneare di Atene di Vouliagmeni.

 

 

Entrambi i bambini sono nati da madri surrogate e la «coppia» vive negli Stati Uniti.

 

Il battesimo è stato ampiamente pubblicizzato per la presenza di un gran numero di celebrità greche. Il fratello di Bousis, George, ha ringraziato il vescovo Elpidoforo e ha detto: «questo è il progresso e la guida di cui abbiamo bisogno nella nostra chiesa».

 

«Ieri è stato un momento davvero speciale, non solo per me e la mia famiglia, ma anche per tutta la nostra Chiesa greco-ortodossa», ha ulteriormente commentato George su Facebook. «Mio fratello Evangelo Bousis e Peter Dundas sono diventati la prima coppia apertamente gay a celebrare un battesimo per i loro figli, il mio figlioccio Alexios e mia nipote Eleni».

 

Quasi il 50% dei greci pensa che la società dovrebbe accettare le coppie dello stesso sesso. Lo scandalo del battesimo pubblicizzato coincide con l’aggiornamento del progetto «matrimonio gay» in Grecia. Nel maggio di quest’anno, il governo ha discusso nuovamente della legalizzazione dell’unione civile tra coppie dello stesso sesso, respinta dalla Corte Suprema nel 2017.

 

Reazione ecclesiastica locale

Il metropolita di Glifada – quartiere dove si trova la chiesa battesimale – Antonius, ha rilasciato una dichiarazione indirizzata all’arcivescovo di Atene Hieronymus e ai membri del Santo Sinodo.

 

In esso, esprime il suo dispiacere per essere stato fuorviato dall’arcivescovo americano Elphidophore, che «ha agito in modo arbitrario e anti-canonico» nella sua diocesi.

 

Ha appreso solo dai media che erano una coppia omosessuale.

 

 

Il Patriarca di Costantinopoli sostiene l’Arcivescovo

La Chiesa greco-ortodossa ha tenuto un sinodo alla fine di luglio, alla presenza del patriarca Bartolomeo.

 

Come riporta il National Journal, altri gerarchi ortodossi hanno sollevato preoccupazioni per questo arcivescovo e la sua posizione su questioni così delicate come l’aborto e la famiglia.

 

«Il Patriarca ecumenico Bartolomeo, durante la riunione del Santo Sinodo a Costantinopoli lo scorso giovedì e venerdì 21 e 22 luglio, ha ricevuto dai gerarchi sinodali osservazioni, preoccupazioni, rivelazioni e lamentele quasi unanimi, in merito alle azioni arbitrarie di Elpidoforo che hanno posto l’Ecumenico Patriarcato e lo stesso Patriarca in una posizione difficile. È uno dei rari momenti in cui così tanti vescovi si sono espressi in questo modo».

 

Ma il patriarca Bartolomeo, che ha presieduto l’incontro, «ha ignorato la questione e non ha permesso che fosse inclusa nelle discussioni, inviando il messaggio in tutte le direzioni che copre e sostiene l’arcivescovo Elpidoforo».

 

Come possiamo vedere, la questione LGBT sta cominciando a dividere l’Ortodossia, poiché già divide il protestantesimo e l’anglicanesimo.

 

Ciò rende tanto più infelice e miserabile l’azione del Cammino sinodale e di tutti i suoi emulatori, che getta i semi della divisione all’interno del cattolicesimo, semi che non vengono soffocati dalla massima autorità della Chiesa, lo stesso papa.

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

Continua a leggere

Gender

Cuba dice sì al matrimonio gay e all’utero in affitto

Pubblicato

il

Da

Con quasi il 67% dei voti a favore, i cubani hanno detto un massiccio «sì» alla riforma del Codice della Famiglia, rendendo lo stato insulare il trentaquattresimo paese al mondo ad approvare il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

 

 

Il fumo inebriante dei famosi Habanos potrebbe aver fatto girare la testa agli elettori cubani.

 

Quel che è certo è che il referendum volto a promulgare un nuovo Codice della Famiglia – il più progressista mai visto nell’isola – ha raccolto il 66,87% dei voti favorevoli, secondo i risultati definitivi annunciati il ​​26 settembre 2022 dal Consiglio elettorale nazionale.

 

Massiccia anche la partecipazione, attestandosi al 74,01% degli iscritti.

 

Il nuovo codice – che abroga quello precedente del 1975 – legalizza ora il matrimonio tra persone dello stesso sesso, autorizza l’adozione di bambini da parte di coppie dello stesso sesso e dà il via libera alla maternità surrogata (GPA) per tutte le coppie.

 

Il testo, ampiamente sostenuto dal governo, definisce ora il matrimonio come «l’unione di due persone» e introduce la possibilità di riconoscere padri e madri diversi dai genitori biologici.

 

«Giustizia è stata fatta. […] Si tratta di saldare un debito nei confronti di diverse generazioni di cubani, i cui progetti familiari aspettano da anni questa legge», ha esultato Miguel Diaz-Canel, il Capo di Stato cubano. «Da oggi saremo una nazione migliore», ha aggiunto.

 

Risultati non sorprendenti, visto il clamore mediatico organizzato dall’esecutivo diverse settimane prima delle elezioni: spot promozionali alla radio e alla televisione, cartelloni pubblicitari inneggianti alla «diversità», manifestazioni a favore del «sì», nulla è stato lasciato al caso – con i soldi dei contribuenti – per influenzare la scelta degli elettori, fino anche alla nipote di Fidel Castro, Mariela Castro, che ha messo in gioco tutto il suo peso per far trionfare una riforma contro la quale la Chiesa, questa volta, non avrà nulla da fare: nel 2018 e nel 2019, ricordiamo che l’episcopato era riuscito respingere il potere su un primo progetto di riconoscimento del matrimonio omosessuale, denunciato come rientrante nel «colonialismo ideologico».

 

La politica dell’ateismo di Stato, attuata da Fidel Castro dal 1959 agli anni ’90, non è rimasta quindi priva di tracce, consentendo la secolarizzazione accelerata dello Stato insulare: nel 2015, se il 60% dei cubani si dichiarava cattolico, solo il 5% praticava la fede del loro battesimo…

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Nature pubblica una veemente critica alla politica anti-trans

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Il co-editore fondatore di TSQ: Transgender Studies Quarterly ha scritto un articolo di opinione sulla rivista Nature lamentando che le politiche anti-transgender non sono basate sulla scienza.

 

Paisley Currah, professoressa di scienze politiche e studi sulle donne e sul genere al Brooklyn College, lamenta che mentre «è ingenuo pensare che la politica e i costumi sociali non abbiano posto nel processo legislativo, ma raramente la politica è stata così disconnessa dalla scienza e dai dati. I diritti delle persone trans, me compreso, sono stati usati come armi in una guerra culturale».

 

È solo di recente che la marea dei diritti trans ha iniziato a diminuire, crede. Dagli anni ’70 in poi, i responsabili politici statali e federali sono stati guidati dalla scienza. Più recentemente, tuttavia, questo è cambiato. «L’attuale ondata di posizioni anti-trans ha poco a che fare con la ricerca, la scienza o i dati basati sull’evidenza».

 

Il dottor Currah seleziona diverse aree politiche per le critiche. Uno è la controversia sul consentire alle persone transgender di utilizzare i bagni e gli spogliatoi del sesso con cui si identificano. Questo non è empiricamente fondato, dice, citando due studi.

 

Tuttavia, la sua stessa prova non è affatto al di sopra delle critiche.

 

Uno di questi studi, pubblicato su Sexuality Research and Social Policy, esamina la sicurezza e la privacy nei bagni pubblici, negli spogliatoi e negli spogliatoi del Massachusetts. Ma il Massachusetts è uno degli stati più trans-friendly degli Stati Uniti. È improbabile che sia rappresentativo.

 

L’altro, pubblicato su una delle principali riviste, Pediatrics, si basava su un sondaggio su Internet, una delle forme più deboli di raccolta di dati.

 

Il dottor Currah conclude che:

 

«Molte ricerche basate sull’evidenza sono già disponibili. È ancora necessario fare di più, ma è una bugia o una scappatoia dire che non c’è abbastanza ricerca per prendere decisioni politiche informate. Invece di sollevare argomenti per sfornare guerre culturali, i funzionari eletti e coloro che li circondano dovrebbero guardare alle prove».

 

Ma nella ricerca nelle scienze sociali, il problema è raramente la mancanza di ricerca, ma la mancanza di una solida ricerca. Una tempesta di prove basate su studi di convenienza sottodimensionati può andare alla deriva oltre le finestre e impedire ai responsabili politici di vedere il paesaggio.

 

Questo è un problema con molte borse di studio transgender.

 

Come ha osservato qualche mese fa Hilary Cass, presidente dell’Independent Review of Gender Identity Services for Children and Young People del Regno Unito, in un contesto correlato, ci sono «lacune nella base di prove riguardanti tutti gli aspetti dell’assistenza di genere per bambini e giovani persone, dall’epidemiologia alla valutazione, diagnosi, supporto, consulenza e trattamento».

 

Sebbene le posizioni anti-trans potrebbero essere motivate dalla transfobia, ciò non dovrebbe oscurare il fatto che anche gli oppositori delle politiche trans-friendly potrebbero avere argomentazioni basate sull’evidenza.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di Ted Eytan via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Il compagno della Meloni dichiara che farebbe vedere alla figlia Peppa Pig con due mamme

Pubblicato

il

Da

Dopo la sorella di Giorgia Meloni, è l’ora del compagno. Continuano le dichiarazioni di famigli della vincitrice delle elezioni che sembrano mostrare la prossimità del Meloni alla sensibilità moderna (diciamo così) sui temi bioetici.

 

Come riportato da Renovatio 21, in un’intervista post-elettorale a La Stampa, Arianna Meloni, 47enne sorella maggiore della probabile futura premier, aveva smentito seccamente l’idea che la capa di FdI sia contraria all’aborto.

 

«Hanno detto che Giorgia è contro la legge 194 sull’aborto, ma non è vero. Lei è dalla parte delle donne e dei diritti acquisiti. Chi l’ha accusata lo ha fatto per renderla ridicola ma ha perso perché mia sorella dimostrerà il suo valore e i suoi principi».

 

Ora sui temi etici si esprime anche il compagno della Meloni, Andrea Giambruno, giornalista TV che dal 2020 fa il conduttore, dopo anni di sole figure femminili, del TG Mediaset Studio Aperto.

 

Il Giambruno è stato intervistato dal Corriere della Sera.

 

«Non sono di sinistra, è solo che abbiamo opinioni divergenti su alcuni temi etici, come il suicidio assistito. Io penso che lo Stato debba riflettere se sia giusto che una persona possa morire a casa sua, coi familiari, o sia costretta ad andare a morire in Svizzera» dice il compagno della Meloni.

 

Poi, se mai ci fosse bisogno, una riconferma nettissima della posizione di Giorgia sull’aborto di Stato.

 

«Sull’aborto non c’è alcuna discussione: non troverà una riga in cui Giorgia contesta la 194. Sul resto, non si litiga, si parla e ognuno motiva la sua posizione».

 

A questo punto, il giornalista del Corriere fa una domanda sull’argomento che ha assillato PD e FdI ala fine di questa breve campagna elettorale.

 

«Lei farebbe vedere a Ginevra la puntata di Peppa Pig con due mamme?» chiede il quotidiano di Via Solferino.

 

Risposta: «posso anche fargliela vedere e, se dovesse chiedere perché ci sono due madri, glielo spiego. Però, una cosa è una scelta spiegata da un genitore, un’altra è far passare forzatamente un concetto».

 

È da notare che, in una curiosa sincronia, un certo avvicinamento alle coppie omosessuali è avvertibile non solo nella destra, ma perfino nella curia.

 

In un’intervista sempre al Corriere della Sera il cardinale Ruini, un uomo che sulla stampa passa per «conservatore», ha dichiarato che «le unioni civili dovrebbero essere differenziate realmente, e non solo a parole, dal matrimonio tra persone dello stesso sesso. Devono essere unioni non matrimoni», esternando così la piena accettazione, sua e financo di tutta la curia, alla legge Cirinnà.

 

Tornando ai Melonis, infine, ammettiamo che, in generale, dall’intervista parrebbe trattarsi di una bella coppia, una bella famiglia. Il problema è la devastazione biologica che sta intorno, e che nessuno sembra più aver intenzione di combattere.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari