Connettiti con Renovato 21

Fertilità

Giudice del Regno Unito rifiuta la richiesta di recupero postumo dello sperma

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Con poche leggi che lo regolano, i giudici spesso concedono il permesso a partner o genitori in lutto di recuperare lo sperma di giovani uomini che sono morti inaspettatamente. Ma in un ultimo incidente, i genitori di un moribondo in Inghilterra non sono riusciti a convincere un giudice della Court of Protection.

 

X (i nomi sono stati omessi in giudizio) era uno studente universitario di 22 anni. Era l’unico figlio di genitori cinesi che parlava poco inglese. Ha subito un ictus mentre praticava sport ed era morto nel tronco cerebrale quando il giudice ha esaminato il caso (è morto poco dopo).

 

I suoi genitori sono stati devastati e hanno chiesto al tribunale il permesso di recuperare il suo sperma. Hanno affermato che voleva avere figli. Dissero che la sua ragazza avrebbe potuto portare il bambino in grembo e che si sarebbero presi la responsabilità di allevarlo. Il padre ha detto alla corte.

 

«Chiarisco alla corte che io e mia moglie cresceremmo il bambino, ma la fidanzata, che è a conoscenza di questa domanda, ha espresso il desiderio di portare suo figlio. Mi rendo conto che non possiamo parlare per lei e che il tribunale non ha prove da parte sua, ma mi sembra giusto che ne informiamo il tribunale e che in ogni caso, ciò su cui siamo chiari è che nostro figlio ha sempre voluto una famiglia e vorremmo davvero esaudire quel desiderio in ogni caso».

 

Tuttavia, il giudice Poole ha stabilito che non sarebbe stato nel «migliore interesse» di X far eseguire su di lui una procedura invasiva alla quale non poteva acconsentire.

 

«Non ci sono prove davanti al tribunale per convincermi che (lui) avrebbe desiderato che il suo sperma fosse raccolto e conservato nelle sue attuali circostanze. Non posso accettare che ci dovrebbe essere una posizione predefinita secondo cui lo sperma dovrebbe essere raccolto e conservato in circostanze tali da essere generalmente nel migliore interesse di una persona».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Fertilità

La salute dello sperma umano è nettamente diminuita durante gli anni della vaccinazione COVID: studio

Pubblicato

il

Da

Uno studio pubblicato all’inizio di questo mese sulla rivista scientifica Huma Reproduction ha analizzato campioni di sperma ottenuti da potenziali donatori di sperma in Danimarca tra il 2017 e il 2022 scoprendo un massiccio calo della motilità degli spermatozoi (la capacità delle cellule di muoversi) dal 2019.

 

«La concentrazione di spermatozoi mobili e la conta totale degli spermatozoi mobili (TMSC) negli eiaculati, entrambe misure della qualità dello sperma, sono diminuite fino al 22% dal 2019 al 2022», afferma la ricerca nel riepilogo.

 

«Non possiamo determinare dai dati disponibili le cause del declino della qualità dello sperma dei candidati donatori dal 2019 al 2022» scrivono i ricercatori danesi, cioè provenienti da un Paese campione per le esportazioni di sperma da «donatore». «Tuttavia, poiché questo periodo coincide con i lockdown e i cambiamenti nei modelli di lavoro durante la pandemia della malattia da coronavirus 2019, è possibile che i cambiamenti nella motilità la concentrazione di sperma e il TMSC erano il risultato di cambiamenti nello stile di vita degli uomini il cui seme è stato analizzato».

Iscriviti al canale Telegram

Il lasso di tempo considerato, notiamo, è sovrapponibile alla vaccinazione di massa con sieri genici sperimentali mRNA, i cui effetti sugli apparati riproduttivi maschili e femminili sono piuttosto discussi.

 

Qualche giorno fa il popolare youtuber sanitario australiano dottor John Campbell ha pubblicato un video intitolato «Minaccia alla fertilità umana», in cui ha analizzato lo studio e discusso il probabile collegamento con la vaccinazione COVID.

 

«Naturalmente la motilità degli spermatozoi è essenziale perché è una lunga nuotata fino alle tube uterine dove avviene la fecondazione», ha detto il medico prima di parlare dell’elevata diffusione del vaccino in Danimarca, il paese in cui è stato condotto lo studio.

 

Campbell ha ipotizzato che la vaccinazione contro il COVID sia probabilmente collegata al declino spermatico e ha raccomandato un’analisi retrospettiva dei dati per vedere se esiste un collegamento.

 

«Se il numero degli spermatozoi diminuisce, non avremo molti discendenti,», ha detto. «Non so voi, ma io amo la mia razza, amo la mia razza e voglio vederla andare avanti per almeno un altro milione di anni. Speriamo che non ci sia nulla che interferisca con questo».

 

Il medico ha concluso il suo video sostenendo che si conducano ricerche sugli effetti dei vaccini anti-COVID e sulla motilità degli spermatozoi.

 

Sebbene l’impatto della vaccinazione anti-Covid sullo sperma si possa considerare come notevole, non si tratta dell’unico sospettato: gli scienziati da qualche anno denunciano i danni generati dalla microplastica scoperta in tutti i campioni di sperma, mentre anche effetti del glifosato – controverso erbicida ancora consentito in Europa – sono pure stati visti sul seme dell’uomo.

 

Secondo il medico legale tedesco Arne Burkhardt (mancato l’anno passato) gli spermatozoi negli uomini che hanno ricevuto un’iniezione anti-COVID-19 verrebbero sostituiti da proteine ​​​​spike.

 

«Qui vedete il caso in cui mostriamo i testicoli», diceva il Burkhardt in una conferenza prima di morire, indicando una diapositiva, «e potete vedere che in questo uomo di 28 anni che aveva un figlio sano e che è morto 140 giorni dopo l’iniezione, il picco la proteina è fortemente espressa nell’organo spermatogeno dei testicoli, e potete vedere che qui non ci sono quasi spermatozoi, ma è fortemente espressa dalla proteina spike nel tessuto spermatoconico».

Sostieni Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, riguardo all’effetto dei vaccini sugli spermatozoi, la questione era stata trattata dal medico e ricercatore dottor Paul Marik quando si cominciò a parlare dello «shedding», cioè diffusione, propagazione delle proteine spike dai vaccinati ai non vaccinati, anche per contatto intimo.

 

«Non c’è dubbio che la propagazione sia un fenomeno reale. Ciò può essere orribile. Tuttavia le autopsie hanno mostrato che la quantità di proteine spike negli spermatozoi dopo la vaccinazione è davvero sbalorditiva» ha dichiarato il dottor Marik. «Così uomini vaccinati che fanno sesso con partner non vaccinate possono trasferire le proteine spike. Sappiamo di donne che hanno avuto rapporti con il proprio partner e hanno sviluppato sintomi di malattia da spike. Quindi può succedere».

 

Possibili effetti del vaccino mRNA sulla fertilità sono stati discussi da Janci Chunn Lindsay, direttore di tossicologia e biologia molecolare per Toxicology Support Services LLC, che nell’aprile 2021 ha presentato un commento pubblico al Comitato consultivo dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti su Pratiche di immunizzazione (ACIP), evidenziando l’alto potenziale di effetti avversi sulla fertilità.

 

Altre ricerche hanno scoperto che il vaccino Pfizer COVID «altera temporaneamente la concentrazione dello sperma e il conteggio della motilità degli spermatozoi» negli uomini.

 

In conseguenza a queste scoperte, la prospettiva della preziosità che va ad assumere sperma non vaccinato ha cominciato a circolare in maniere anche impreviste.

 

Alcune persone erano state viste ad una manifestazione con un cartello «Unvaxxed sperm is the new Bitcoin» («Lo sperma dei non vaccinati è il nuovo Bitcoin») a sottolineare come si possa trattare di qualcosa che salirà di valore in maniera verticale, insomma un investimento da fare.

 

Come riportato da Renovatio 21, una diminuzione del testosterone e del numero degli spermatozoi è stata notata anche per il vaccino trivalente MPR.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine su licenza Envato

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Come sarà il futuro del mondo a «bassa fertilità»?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.   Decenni di preoccupazione per la sovrappopolazione e di incoraggiamento alla contraccezione e all’aborto hanno avuto successo. Ma il sogno di una crescita demografica pari a zero è diventato un incubo, suggerisce un nuovo studio pubblicato su The Lancet. Invece di stabilizzarsi, il numero della popolazione continua a diminuire.   Anche se entro il 2100 oltre il 97% dei paesi e territori avrà tassi di fertilità inferiori a quelli di sostituzione, tassi relativamente elevati nei Paesi a basso reddito, soprattutto nell’Africa subsahariana occidentale e orientale, continueranno a guidare l’aumento della popolazione in queste località per tutto il secolo. Questo «mondo demograficamente diviso» avrà enormi conseguenze per le economie e le società.   The Lancet ha pubblicato le stime del Global Burden of Disease, Injuries, and Risk Factors Study (GBD) 2021, uno sforzo di ricerca globale guidato dall’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) presso la School of Medicine dell’Università di Washington.   Per mantenere la propria popolazione i paesi devono avere un tasso di fertilità totale (TFR) di 2,1 figli per donna. I ricercatori stimano che entro il 2050, 155 Paesi e territori su 204 (76%) saranno al di sotto del livello di sostituzione. Il numero di Paesi e territori al di sotto della sostituzione aumenterà fino a 198 su 204 (97%) entro il 2100.   Solo l’immigrazione – che è sempre una questione altamente controversa – impedirà loro di ridursi.

Aiuta Renovatio 21

Queste nuove previsioni sulla fertilità sottolineano le enormi sfide per la crescita economica in molti paesi a medio e alto reddito, con una forza lavoro in diminuzione e il crescente onere sui sistemi sanitari e di sicurezza sociale dovuto all’invecchiamento della popolazione.   Nel 2021, il 29% dei bambini del mondo è nato nell’Africa subsahariana; entro il 2100, si prevede che questa percentuale aumenterà fino a raggiungere oltre la metà (54%) di tutti i bambini.   «Stiamo affrontando un cambiamento sociale sconcertante nel 21° secolo», ha affermato l’autore principale, il professor Stein Emil Vollset, dell’IHME. «Il mondo si troverà ad affrontare contemporaneamente un “baby boom” in alcuni Paesi e un “baby bust” in altri. Mentre la maggior parte del mondo si confronta con le gravi sfide legate alla crescita economica di una forza lavoro in contrazione e alle modalità di assistenza e pagamento per l’invecchiamento della popolazione, molti dei Paesi con risorse più limitate dell’Africa sub-sahariana saranno alle prese con il modo di sostenere l’invecchiamento della popolazione. popolazione più giovane e in più rapida crescita del pianeta in alcuni dei luoghi politicamente ed economicamente più instabili, stressati dal caldo e con problemi di sistema sanitario sulla terra».   «Le implicazioni sono immense», ha affermato la co-autrice principale, la dott.ssa Natalia V. Bhattacharjee. «Queste tendenze future nei tassi di fertilità e nelle nascite vive riconfigureranno completamente l’economia globale e l’equilibrio di potere internazionale e richiederanno una riorganizzazione delle società. Il riconoscimento globale delle sfide legate alla migrazione e alle reti di aiuto globali sarà ancora più critico quando c’è una forte concorrenza per i migranti per sostenere la crescita economica e mentre il baby boom dell’Africa sub-sahariana continua a ritmo sostenuto».  

Solo sei paesi sopra il livello di sostituzione nel 2100

Il TFR globale si è più che dimezzato negli ultimi 70 anni, da circa cinque figli per ogni femmina nel 1950 a 2,2 bambini nel 2021, con oltre la metà di tutti i Paesi e territori al di sotto del livello di sostituzione della popolazione di 2,1 nascite per femmina a partire dal 2021. Questa tendenza è particolarmente preoccupante per luoghi come la Corea del Sud e la Serbia, dove il tasso è inferiore a 1,1 figli per ogni donna.   Ma per molti Paesi dell’Africa sub-sahariana, i tassi di fertilità rimangono elevati: il TFR della regione è quasi il doppio della media globale, con quattro figli per donna nel 2021. In Ciad, il TFR di sette nascite è il più alto del mondo.   Nei prossimi decenni, si prevede che la fertilità globale diminuirà ulteriormente, raggiungendo un TFR di circa 1,8 nel 2050 e 1,6 nel 2100, ben al di sotto del livello di sostituzione. Si prevede che entro il 2100 solo sei dei 204 paesi e territori (Samoa, Somalia, Tonga, Niger, Ciad e Tagikistan) avranno tassi di fertilità superiori a 2,1 nascite per femmina. In 13 paesi, tra cui Bhutan, Bangladesh, Nepal e Arabia Saudita, si prevede che i tassi scenderanno addirittura al di sotto di un figlio per donna.

Sostieni Renovatio 21

Si prevede che il TFR in Europa occidentale sarà pari a 1,44 nel 2050, scendendo a 1,37 nel 2100, con Israele, Islanda, Danimarca, Francia e Germania che dovrebbero avere i tassi di fertilità più alti tra 2,09 e 1,40 alla fine del secolo. Si prevede che le tariffe saranno molto più basse nel resto dell’Europa e in alcune parti dell’Asia.   La maggior parte del mondo sta attraversando una fase di declino naturale della popolazione (quando il numero di morti supera il numero di nati vivi); si prevede che nel 2100 solo 26 paesi continueranno a crescere in termini di popolazione, tra cui Angola, Zambia e Uganda.  

Politiche pro natali

Lo studio ha inoltre esaminato l’impatto delle politiche pro-natali progettate per fornire sostegno finanziario e assistenza ai bambini e alle famiglie. L’esperienza dei paesi che hanno implementato tali politiche suggerisce che queste impediranno solo ai paesi di scendere a livelli di fertilità estremamente bassi (con solo 30 paesi e territori al di sotto di un TFR di 1,3 nel 2100 se le politiche pro-natali vengono implementate rispetto ai 94 della maggior parte dei paesi). scenario probabile).   «Non esiste una soluzione miracolosa», ha detto Bhattacharjee. «Le politiche sociali volte a migliorare i tassi di natalità, come il miglioramento del congedo parentale, l’assistenza all’infanzia gratuita, gli incentivi finanziari e ulteriori diritti occupazionali, potrebbero fornire un piccolo impulso ai tassi di fertilità, ma la maggior parte dei paesi rimarrà al di sotto dei livelli di sostituzione. E una volta che la popolazione di quasi tutti i paesi diminuirà, sarà necessario fare affidamento sull’immigrazione aperta per sostenere la crescita economica. I paesi dell’Africa sub-sahariana hanno una risorsa vitale che le società che invecchiano stanno perdendo: una popolazione giovane».   «C’è una reale preoccupazione che, di fronte al calo demografico e all’assenza di soluzioni chiare, alcuni paesi potrebbero giustificare misure più draconiane che limitano i diritti riproduttivi», ha avvertito.   Michael Cook   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Continua a leggere

Fertilità

Le nascite ai minimi del 1941 in Ispagna

Pubblicato

il

Da

La Spagna ha registrato il numero più basso di nascite nel 2023 da quando sono diventati disponibili dati affidabili. I dati dell’Istituto nazionale di statistica (INE) rivelano che lo scorso anno ci sono state 6.629 nascite in meno rispetto al 2022, il che significa che il numero di nascite è diminuito del 2% lo scorso anno.

 

Secondo l’INE, la Spagna ha registrato 322.075 nascite nel 2023, la cifra più bassa dal 1941, data della prima raccolta di dati attendibili. Inoltre, dal 2013, che ha visto 424.440 nascite, il numero delle nascite è diminuito del 24,1%. Dal 2014 le nascite diminuiscono ogni anno.

 

Per comunità autonome (regioni), il numero di nascite è aumentato nel 2023 solo nella comunità di Madrid (2,7%) – che ha attuato una politica di incentivi alle nascite nel gennaio 2022 – e in Estremadura (0,6%).

 

Inoltre, nel 2023 il numero dei decessi è diminuito del 5,8%. Tuttavia, nel 2023 il saldo naturale (nascite meno decessi) è negativo, come dal 2017, aggiunge l’INE.

Sostieni Renovatio 21

Un tasso di fertilità sempre più basso

Il tasso di fertilità in Spagna è il secondo più basso tra i Paesi dell’Unione Europea. Secondo Eurostat, questo tasso è stato di 1,19 figli per donna nel 2021, rispetto a 1,13 a Malta e 1,25 in Italia.

 

Anche l’età della maternità è aumentata. Negli ultimi dieci anni le nascite di bambini da madri di età pari o superiore a 40 anni sono aumentate del 19,3%.

 

La popolazione spagnola, tuttavia, ha continuato a crescere nel 2022, superando i 48 milioni di abitanti secondo l’INE, a causa della forte immigrazione, in particolare ucraina.

 

Le cause di questo declino

Quali sono le cause concrete di questo calo dei tassi di natalità? In primo luogo, l’emancipazione è stata tardiva e non è avvenuta fino a 30 anni fa in Spagna. Il concepimento del primo figlio è quindi successivo. Va aggiunto che la fertilità diminuisce irrimediabilmente con l’età, il che, in definitiva, riduce il numero di figli per donna nelle generazioni attuali.

 

Poi, la crisi degli affitti. Dopo la pandemia, i prezzi degli affitti hanno continuato a salire, in parte a causa dell’elevata inflazione che ha portato a politiche volte a promuovere affitti più alti per aiutare i piccoli proprietari. Questo aumento penalizza i giovani spagnoli.

 

Infine la situazione occupazionale. Nel 2021, circa il 30% dei giovani sotto i 25 anni era disoccupato. Anche con un lavoro, la situazione non è stabile: la penisola iberica registra un numero record di contratti a tempo determinato dall’inizio della pandemia. Queste prospettive economiche non incoraggiano i giovani a fondare una famiglia.

 

Questa situazione è molto preoccupante, come accade ovunque dove il tasso di natalità è basso. Da un lato, per quanto riguarda le pensioni, diminuisce il numero dei lavoratori attivi. Questo squilibrio attivo/inattivo peserà pesantemente su una generazione che sta già attraversando molte difficoltà.

 

D’altro canto, le conseguenze dell’invecchiamento della società sulla struttura economica sono irreversibili. Un aumento del numero degli anziani porta ad un aumento delle infrastrutture, come le case di riposo, a scapito, ad esempio, delle scuole.

 

Con l’aumento della percentuale di anziani, l’economia si adatta: il 38% dell’occupazione viene mobilitato per soddisfare la domanda. La Spagna rischia quindi di ritrovarsi alla fine con un sistema produttivo adatto agli anziani, che non potrà essere riutilizzato se la popolazione continua a diminuire.

Aiuta Renovatio 21

Secolarizzazione abbagliante

La Spagna attraversa da 30 anni un’intensa secolarizzazione. La pratica religiosa e il sentimento di appartenenza cattolica sono diminuiti. Secondo Informe 2018, la percentuale di persone che si definiscono cattoliche è scesa dal 99% nel 1981 al 73% nel 2011 e al 67,3% nel 2017. La pratica è scesa a circa il 13% e un intervistato su quattro non crede all’esistenza di Dio.

 

Uno studio del Pew Research Center di Washington (maggio 2018) rileva: «Nell’arco di un decennio, l’aumento della “nessuna religione” ha posizionato la Spagna allo stesso livello dei quattro paesi più secolarizzati dell’Europa occidentale: Olanda, Norvegia, Svezia e Belgio».

 

Con la Costituzione del 1978, lo Stato spagnolo è diventato «aconfessionale». Tuttavia, secondo Informe 2018, «l’educazione cattolica e l’intervento sociale attraverso numerose istituzioni caritative mantengono un alto livello di riconoscimento e stima».

 

L’avvento al potere di Pedro Sánchez, leader del Partito Socialista Operaio Spagnolo (PSOE), ha scosso gli ambienti religiosi. Il 2 giugno 2018, durante la cerimonia di ascesa al potere, il nuovo primo ministro ha rifiutato di prestare giuramento di fedeltà davanti alla Bibbia e al crocifisso. Una prima nella storia spagnola.

 

Il programma di Sanchez promette di eliminare i benefici fiscali offerti alla Chiesa, rimuovere tutti i simboli religiosi dalle istituzioni pubbliche ed eliminare i finanziamenti per l’istruzione religiosa nelle scuole pubbliche.

 

Il risultato di questa secolarizzazione è palpabile: «I giovani non credenti (53,5%) hanno per la prima volta superato coloro che credono in un Dio», nota Agustín Blanco, coordinatore di Informe 2018.

 

Questa secolarizzazione non è certo cosa da poco se si parla di perdita di speranza nel futuro, che è uno dei motori della salute di una Nazione – e del suo tasso di natalità.

 

Privare le anime della prospettiva cristiana della salvezza eterna e della Regalità di Cristo non può che farle precipitare nel letargo e nell’individualismo.

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Bjaglin via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Continua a leggere

Più popolari