Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

Città senza cibo in Sri Lanka

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Si prevede che le riserve di riso si esauriranno entro ottobre. Incentivati gli orti domestici nelle metropoli. Per far fronte alla crisi il governo sarà costretto a importare tonnellate del cereale, ma è necessario cambiare anche i modelli di consumo alimentari della popolazione, sostengono gli esperti.

 

 

 

Gli abitanti delle città dello Sri Lanka saranno i più colpiti dalla scarsità di cibo, a cui il governo sta cercando di porre rimedio dando priorità alle importazioni di riso e cercando di cambiare i modelli di consumo dei cittadini.

 

A differenza dei villaggi, dove la popolazione riesce a essere quasi autosufficiente, la popolazione urbana, soprattutto coloro che vivono in condomini, non hanno spazio per coltivare ortaggi.

 

Nei giorni scorsi il premier Ranil Wickremesinghe ha dichiarato che le aree più popolose saranno più colpite dalla «imminente carenza di cibo», che con ogni probabilità si farà maggiormente sentire quando si prevede finiscano le riserve alimentari a ottobre di quest’anno.

 

Per far fronte al problema il governo intende garantire migliori collegamenti tra le campagne e le città in modo da evitare ritardi nel trasporto di prodotti agricoli.

 

Secondo fonti governative interpellate da AsiaNews il primo ministro ha chiesto al sindaco di Colombo, Rosy Senanayake, presente alla discussione, «di assicurare la coltivazione di qualche tipo di prodotto negli orti domestici delle famiglie» per ridurre la carenza di alimenti.

 

La maggior parte dei cittadini sostiene di non avere né spazio né fertilizzanti adeguati per coltivare ortaggi. Alcuni fanno notare inoltre che i negozi che vendono le sementi sono chiusi per gli alti costi dei trasporti, a loro volta causati dall’aumento del prezzo del carburante.

 

Il professor Buddhi Marambe dell’Università di Peradeniya ha espresso preoccupazione riguardo la scarsità di generi alimentari nel Paese e ha sottolineato la necessità di disporre di quantità adeguate di riso fino al marzo 2023, poiché il riso è alla base della dieta della popolazione in Sri Lanka.

 

A suo parere il governo dovrà essere pronto a importare grosse quantità del cereale: «se si cambiano i modelli di consumo, le quantità importate saranno minori e anche i costi di importazione si ridurranno», ha spiegato, sottolineando che in ogni caso si riuscirà a coprire il fabbisogno totale solo in parte.

 

L’esperto ha inoltre evidenziato che a causa delle bassissime riserve di valuta estera, il governo dovrà dare priorità all’importazione di riso per nutrire i propri cittadini piuttosto che a quella di altri prodotti.

 

Secondo gli analisti economici, se non verranno alterati i modelli di consumo, sarà necessario importare 195mila tonnellate di riso al mese.

 

Il professor Marambe è dell’idea che se gli srilankesi consumassero una combinazione di diversi tipi di prodotti di stagione, come il jackfruit e la manioca, contribuirebbero a ridurre l’import totale di riso. Ha infine affermato che è necessario acquistare fertilizzanti per la stagione Maha (da settembre a marzo) poiché «il tempo» per la coltivazione durante l’attuale stagione Yala (da maggio ad agosto) «sta per scadere».

 

Alcuni esperti di agricoltura hanno spiegato ad AsiaNews che le scorte di riso dello Sri Lanka verranno esaurite entro ottobre a causa del divieto assoluto di importazione di prodotti chimici e fertilizzanti imposto dal governo l’anno scorso.

 

L’agricoltura dello Sri Lanka ha fatto «un’inversione da un giorno all’altro»” verso il biologico senza considerare le potenziali conseguenze negative del divieto di importazione.

 

Per queste ragioni, affermano gli esperti, è necessario che nel preparare il prossimo bilancio venga data priorità non solo al riso, ma anche ai fertilizzanti.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Il principale fornitore indiano di fertilizzanti è ora la Russia

Pubblicato

il

Da

In un’altra indicazione dei cambiamenti tettonici in corso nell’economia fisica mondiale, la politica delle sanzioni della NATO globale ha portato la Russia a diventare il più grande fornitore di fertilizzanti dell’India, secondo un resoconto di Reuters del 21 novembre.

 

L’articolo cita un funzionario governativo che ha affermato che gli esportatori russi hanno offerto «prezzi ragionevoli».

 

L’India è fortemente dipendente dalle importazioni di fertilizzanti per produrre cibo sufficiente per i suoi 1,393 miliardi di abitanti.  Lo scorso anno fiscale, la Russia deteneva circa il 6% di tutte le importazioni indiane di fertilizzanti.

 

«L’India stava lottando per assicurarsi fertilizzanti a prezzi ragionevoli dopo l’escalation del conflitto tra Russia e Ucraina. Le forniture russe erano puntuali e a prezzi ragionevoli. Ci ha aiutato a evitare una possibile scarsità», ha detto la fonte di Reuters.

 

Le esportazioni russe sono cresciute di oltre il 370% raggiungendo un record di 2,15 milioni di tonnellate da aprile a ottobre, con l’India che secondo quanto riferito ha ricevuto sconti di oltre 70 dollari a tonnellata.

 

La Cina era stata in precedenza il principale esportatore di fertilizzanti in India.

 

Dal punto di vista russo, ha spiegato il funzionario del governo, l’India è ora un grande acquirente per sostituire le nazioni europee che si sono tagliate fuori dalle forniture russe.

 

Si tratta dell’ennesima conseguenza delle sanzioni antirusse, che costituiscono un vero e proprio suicidio europeo.

 

Nove mesi fa, la Russia aveva sospeso le esportazioni di fertilizzanti. Russia e Bielorussia  rappresentano un’enorme quota della produzione globale di fertilizzanti. Perfino la più grande cooperativa agricola USA ha ammesso che le sanzioni causeranno gravi carenze di fertilizzanti per l’agricoltura.

 

Impianti di produzione di fertilizzanti hanno chiuso in questi mesi in Gran Bretagna, nei Paesi Baltici e in Polonia.

 

Come riportato da Renovatio 21, la crisi del fertilizzante è una delle sfide più paurose che ci si parano dinanzi: niente fertilizzanti, niente agricoltura, niente cibo. Per cui, non è sbagliato pensare che le sanzioni potrebbero portare la fame, o un’estrema scarsità di alimenti, anche in Europa, oltre al miliardo di affamati in tutto il pianeta previsti dall’economista cinese Liu Zhiqun, che parla del «più grande abuso di diritti umani della storia».

 

I prezzi del fertilizzante, saliti a dismisura, possono in parte spiegare il fenomeno dei campi incolti che abbiamo discusso su Renovatio 21, ma non del tutto.

 

Qualcuno è arrivato a parlare di «attacco organizzato alle forniture globali» di fertilizzante. È possibile. Nel frattempo, però, l’Asia si prende ciò che l’Europa, ebete e masochista, ha lasciato sul piatto.

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

50 gruppi prendono di mira Bill Gates su agricoltura e tecnologia: «Fai parte della creazione del problema che denunci»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Cinquanta organizzazioni dedicate alla sovranità alimentare e alle questioni di giustizia alimentare hanno firmato una lettera aperta richiamando Bill Gates per la sua ultima affermazione secondo cui la tecnologia è la soluzione alla fame nel mondo e alla sovranità alimentare e chiedendo ai media di fare un lavoro migliore per coprire la questione.

 

 

Cinquanta organizzazioni dedicate alla sovranità alimentare e alle questioni di giustizia alimentare stanno richiamando Bill Gates per la sua ultima affermazione secondo cui la tecnologia è la soluzione alla fame nel mondo e alla sovranità alimentare.

 

In una «lettera aperta» pubblicata all’inizio di questo mese, i gruppi hanno affrontato i commenti fatti da Gates, durante le interviste con il New York Times e l’Associated Press, sul rapporto 2022 della Bill & Melinda Gates Foundation .

 

Gli autori principali della lettera, Community Alliance for Global Justice/AGRA Watch e Alliance for Food Sovereignty in Africa, hanno scritto:

 

«In entrambi gli articoli, fai una serie di affermazioni che sono imprecise e devono essere contestate. Entrambi i pezzi ammettono che il mondo attualmente produce abbastanza cibo per nutrire adeguatamente tutti gli abitanti della terra, ma tu continui a diagnosticare fondamentalmente erroneamente il problema come relativo alla bassa produttività; non abbiamo bisogno di aumentare la produzione quanto di garantire un accesso più equo al cibo».

 

Gli autori hanno anche criticato le affermazioni di Gates secondo cui abbiamo «sottoinvestito nell’innovazione agricola» e che la Rivoluzione verde è stata «una delle cose più grandi mai accadute».

 

Gates ha dichiarato al New York Times:

 

«Aiutare gli agricoltori deve essere la priorità assoluta dell’agenda per l’adattamento climatico. E all’interno di questo, hai un sacco di cose come il credito per fertilizzanti, fertilizzanti economici, semi migliori a cui dovremmo essere molto concentrati – finanziando queste cose e fissando obiettivi ambiziosi».

 

Ma gli autori della lettera aperta non sarebbero d’accordo:

 

«Ci sono già molte proposte e progetti concreti e in corso che lavorano per aumentare la produttività e la sicurezza alimentare –– dagli impianti di produzione di biofertilizzanti e biopesticidi, ai programmi di formazione agroecologica degli agricoltori, alla sperimentazione di nuove tecniche di gestione dell’acqua e del suolosistemi agricoli a basso input, e specie vegetali che dissuadono i parassiti».

 

Non sarebbero nemmeno d’accordo con l’affermazione di Gates secondo cui la Rivoluzione Verde è stata un «clamoroso successo»:

 

«Sebbene [la Rivoluzione Verde] abbia svolto un certo ruolo nell’aumentare i raccolti di cereali in Messico, India e altrove dagli anni ’40 agli anni ’60, ha fatto ben poco per ridurre il numero di persone affamate nel mondo o per garantire un’equa e sufficiente accesso al cibo».

 

Gli autori hanno ricordato a Gates che con la Rivoluzione Verde è arrivata «una miriade di altri problemi, da questioni ecologiche come il degrado del suolo a lungo termine a quelle socio-economiche come l’aumento della disuguaglianza e l’indebitamento (che ha contribuito in modo determinante all’epidemia di suicidi di agricoltori in India)».

 

Hanno anche criticato la spinta di Gates per i semi geneticamente modificati, affermando che «i semi resistenti al clima esistono già e vengono sviluppati dagli agricoltori e scambiati attraverso mercati di semi informali».

 

«Fai parte della creazione dello stesso problema che denunci», hanno scritto i gruppi. «L’iniziativa AGRA (Alliance for a Green Revolution in Africa), che la vostra fondazione continua a finanziare, ha anche promosso una legislazione restrittiva sui semi che limita e limita l’innovazione delle colture a laboratori e aziende dotati di risorse adeguate».

 

Queste iniziative non aumentano l’innovazione diffusa, ma piuttosto contribuiscono alla privatizzazione e al consolidamento dei monopoli aziendali sullo sviluppo delle sementi e sui mercati delle sementi, hanno affermato.

I gruppi hanno sfidato Gates a «fare un passo indietro e imparare da quelli sul campo» e hanno invitato i media a considerare come coprono Gates e la sua visione per il futuro del cibo.

 

Hanno scritto: «invitiamo le testate giornalistiche di alto profilo a essere più caute nel prestare credibilità alle supposizioni imperfette, all’arroganza e all’ignoranza di un uomo bianco ricco, a spese delle persone e delle comunità che vivono e si adattano a queste realtà mentre parliamo».

 

(…)

 

 

Ron Friedmann

 

 

© 21 novembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Fame, «la peggiore crisi umanitaria dalla Seconda Guerra Mondiale»

Pubblicato

il

Da

Il direttore del Programma alimentare mondiale (PAM) David Beasley ha messo in guardia contro la peggiore crisi umanitaria dalla Seconda guerra mondiale in un’intervista al quotidiano francese Le Monde il 14 novembre.

 

Beasley, invitato a parlare al Forum per la pace di Parigi l’11 novembre, ha affermato che «la Somalia è in cima alla lista dei Paesi che bussano alla porta della carestia. Non hanno avuto stagioni delle piogge, il che ha decimato le loro piantagioni e i loro raccolti, e soffre di prezzi alimentari inflazionistici, conflitti e shock climatici».

 

«Stiamo intervenendo ora con aiuti senza precedenti. Se saremo in grado di evitare la carestia è probabilmente improbabile. Ma faremo di tutto per invertirlo il più rapidamente possibile».

 

«La situazione della sicurezza in Somalia è molto, molto fragile. Chiediamo ad al-Shabab e a tutti i gruppi là fuori che bloccano il nostro accesso di rispettare i diritti umanitari. Ci sono luoghi in cui abbiamo difficoltà a raggiungere le persone bisognose e stiamo negoziando mentre parliamo».

 

Per quanto riguarda la situazione generale della fame nel mondo, Beasley ha affermato: «Non abbiamo ancora visto il peggio della tempesta». Nel 2021 aveva ulteriormente annunziato una «fame di proporzioni bibliche».

 

Il Beasley quattro mesi fa aveva parlato dell’arrivo imminente di una «carestia di massa» causata dalla situazione internazionale. Un rapporto del Fondo Monetario Internazionale di un mese fa parlava apertis verbis di ritorno della fame in Africa. Il rapporto annuale ONU sulla fame parlava invece di «2,3 miliardi di persone insicure da un punto vista alimentare», con almeno 20 «hotspot», cioè zone della fame dove urgerebbero aiuti alimentari immediati.

 

Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha predetto che la crisi alimentare porterà una nuova crisi migratoria con immense massa terzomondiali che tenteranno di entrare nei territori dei Paesi sviluppati. Secondo l’economista cinese Liu Zhiqun, le sanzioni alla Russia porteranno alla fame 1 miliardo di persone, in quella che sarà ricordata come «la più grande violazione dei diritti umani della storia».

 

Quanto alla situazione somala, come riportato da Renovatio 21, il gruppo islamista al-Shabaab («la gioventù») è quello pagato dal governo Conte bis per la liberazione della cooperante italiana rapita e tornata convertita all’Islam e vestita, secondo alcuni osservatori, come una donna Shabaab. Dopo il riscatto milionario, il nome del gruppo affiliato ad Al-Qaeda  si è fatto notare per la continuazione della sequela di attentati sanguinari per cui è conosciuto.

 

 

 

 

 

 

Immagine di Oxfam East Africa via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari