Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

27enne morto dopo il vaccino, la famiglia pensa ad un’azione legale

Pubblicato

il

 

La famiglia britannica di un ingegnere di 27 anni morto per emorragie cerebrali catastrofiche dopo aver fatto il vaccino COVID-19 di AstraZeneca sta valutando un’azione legale, in attesa di un’imminente revisione preliminare del caso del figlio.

 

Jack Last, vaccinato il 30 marzo 2021, è morto tre settimane dopo aver ricevuto la puntura di AstraZeneca.

 

Una TAC del 10 aprile 2021 ha rivelato che Last aveva sviluppato una trombosi del seno venoso cerebrale, che si verifica quando si forma un coagulo di sangue nei seni venosi del cervello e impedisce al sangue di defluire dal cervello.

 

È morto l’ultima volta all’Addenbrooke’s Hospital di Cambridge, nel Regno Unito, il 20 aprile 2021, 11 giorni dopo aver cercato cure mediche per forti mal di testa.

 

La sua famiglia ha mantenuto la consulenza legale dopo aver sollevato preoccupazioni sulle circostanze che hanno portato alla morte di Jack, ha riferito l’East Anglian Daily Times. 

 

L’11 agosto si terrà una revisione pre-inquest (pre-inchiesta), dopo di che sarà programmata un’inchiesta completa.

 

Un’inchiesta (inquest) è un’indagine formale condotta da un medico legale per determinare come è morto qualcuno.

 

Lo scopo di un’inchiesta è limitato a stabilire l’identità dell’individuo deceduto, nonché dove, quando e come è morto.

 

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 8 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Attrice colpita da paralisi facciale dopo il vaccino: «lo rifarei»

Pubblicato

il

Da

È riemerso in rete in questi giorni un video del maggio 2021 in cui l’attrice canadese Jennifer Gibson si riprende con il volto paralizzato due settimane dopo aver ricevuto l’iniezione del vaccino anti-COVID.

 

«Questo non è un video che voglio fare», dice la Gibson ai suoi follower su Instagram, scoppiando in lacrime.

 

«Mi è stata diagnosticata la paralisi di Bell, che è la paralisi su un lato del viso. Per me è la sinistra, ovviamente».

 

 

La Gibson dice di aver fatto il vaccino per aiutare le cose a tornare alla normalità. Come riportato da Renovatio 21, il Canada è stato uno dei Paesi che più ha molestato la sua popolazione con lockdown e vessazioni, insulti e privazioni di ogni sorta contro i non vaccinati.

 

Nonostante la terrificante reazione avversa, l’attrice sostiene di non aver cambiato idea.

 

«Devo dire che lo rifarei perché è quello che dobbiamo fare per vedere le persone».

 

In un’intervista con la testata CityNews Toronto, la Gibson ha ribadito ancora una volta che non avrebbe scoraggiato le persone dal fare il vaccino, nonostante la sua paralisi facciale.

 

L’attrice sembra aver preso il vaccino AstraZeneca, nonostante il Canada un mese prima avesse annunciato che avrebbe sospeso la distribuzione del vaccino AstraZeneca alle persone sotto i 55 anni citando problemi di coaguli di sangue. Era stato riportato nel 2022 che gli USA avevano in programma di inviare milioni di dosi del vaccino anglosvedese in Canada e Messico. Il vaccino AZ non è autorizzato all’uso negli USA, scrive il sito dell’ente regolatorio del farmaco FDA.

 

La paralisi di Bell è stata segnalata immediatamente come una delle possibili reazione avverse al vaccino già due anni fa. Una dozzina di casi emersero subito fra i vaccinati israeliani.

 

Si sono avute anche in Italia casi finiti sui giornali di persone colpite dalla paralisi facciale.

 

 

 

Immagine screenshot da Instagram

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Vaccino, donna sviluppa coaguli di sangue, allucinazioni, mini-ictus dopo l’iniezione mRNA

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Nell’aprile 2021, la suocera di 84 anni di Cathy Nagy ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer.

 

Secondo Nagy, «circa una settimana e mezzo dopo, Marilyn ha sperimentato un episodio di allucinazioni, vedendo persone che non c’erano».

 

Nagy ha detto a The Defender:

 

«La famiglia di Marilyn ha attribuito [l’episodio] alla sua demenza, anche se non aveva avuto episodi precedent … [Loro] non hanno stabilito un collegamento con la vaccinazione».

 

Ma l’opinione della famiglia è cambiata poche settimane dopo, dopo che Marilyn ha ricevuto il suo secondo vaccino Pfizer e «ha avuto una reazione più drammatica», vivendo «un altro episodio di allucinazioni quello stesso giorno, estrema debolezza e dolore alla gamba», ha detto Nagy.

 

Marilyn sembrava riprendersi, ma nelle successive settimane ha continuato a sperimentare allucinazioni occasionali e un aumento del declino della sua cognizione, ha detto Nagy, spingendo una visita a un neurologo.

 

Una risonanza magnetica «ha rivelato che stava avendo coaguli di sangue, sanguinamento e mini-ictus nel cervello, ed è stata inviata direttamente al pronto soccorso per l’osservazione e il trattamento» ha detto Nagy.

 

In ospedale, a Marilyn sono stati somministrati farmaci per fluidificare il sangue e gli appuntamenti erano programmati «con diversi specialisti».

 

Circa un mese dopo, ha sviluppato una trombosi venosa profonda nella gamba sinistra, che secondo Nagy era «la stessa gamba che aveva sofferto di dolore dal suo secondo vaccino».

 

«Anche la sua gamba destra si è gonfiata dolorosamente, sebbene non sia stato trovato alcun coagulo di sangue», ha detto Nagy.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 23  settembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Infiammazione cerebrale a una donna causata dal vaccino COVID: studio

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

A una donna sana di 35 anni che ha avuto un attacco epilettico due giorni dopo che alla sua seconda dose del vaccino COVID-19 di Moderna è stata diagnosticata l’encefalite limbica, una rara forma di infiammazione cerebrale.

 

Gli autori del rapporto hanno affermato che il vaccino ha causato le condizioni della donna.

 

Secondo il case report, quando la donna è arrivata in ospedale aveva la febbre, seguita da convulsioni tonico-cloniche generalizzate che sono durate per circa cinque minuti e una fase di confusione post-critica (post-crisi) che è durata circa 30 minuti.

 

Mentre era al pronto soccorso, ha avuto altre due crisi generalizzate ed era stabile. Al ricovero in ospedale, è stata eseguita una puntura lombare che ha rivelato una significativa linfocitosi.

 

Ha poi sviluppato anisocoria, una condizione in cui la pupilla di un occhio differisce per dimensioni dalla pupilla dell’altro occhio.

 

Una TC urgente della testa ha mostrato possibili ipodensità del lobo temporale (aree più scure sulla TC). Una risonanza magnetica della testa ha mostrato caratteristiche che suggerivano un’encefalite limbica. Un successivo elettroencefalogramma ha mostrato gravi alterazioni encefalitiche post-crisi.

 

Durante il ricovero, il paziente ha sviluppato un comportamento anomalo associato all’encefalite limbica ed è stata diagnosticata un’encefalite limbica autoimmune.

 

I ricercatori hanno concluso che l’encefalite limbica del paziente – che si è verificata rapidamente dopo la vaccinazione contro il COVID-19 – è un effetto collaterale non comune del vaccino in base alla tempistica dei sintomi e all’assenza di altre cause identificabili.

 

 

 

© 23 settembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari