Talco per bambini e cancro: la Johnson&Johnson condannata a pagare 2 miliardi di dollari

 

 

Una corte d’appello nel Missouri ha sostenuto danni per oltre 2 miliardi di dollari contro Johnson & Johnson, affermando che la compagnia sapeva che c’era amianto nel suo talco per bambini, riporta il New York Times.

 

La scorsa settimana una corte d’appello del Missouri ha ordinato a Johnson & Johnson e una consociata di risarcire $ 2,1 miliardi di danni alle donne che hanno accusato dei loro tumori ovarici i  prodotti di talco dell’azienda, compresa la sua iconica polvere per bambini.

 

La decisione taglia di oltre metà i  $ 4,69 miliardi in danni compensativi e punitivi alle donne stabiliti nel luglio 2018.

Una corte d’appello del Missouri ha ordinato a Johnson & Johnson e una consociata di risarcire $ 2,1 miliardi di danni alle donne che hanno accusato dei loro tumori ovarici i  prodotti di talco dell’azienda, compresa la sua iconica polvere per bambini.

 

La Johnson & Johnson deve ancora affrontare migliaia di cause legali da parte di consumatori che affermano che i suoi prodotti a base di talco sono stati contaminati dall’amianto che ha causato il cancro. La società ha annunciato il mese scorso che avrebbe smesso di vendere polvere per bambini a base di talco in Nord America, sebbene continuerebbe a commercializzare il prodotto in altre parti del mondo.

 

Sei querelanti nella causa sono morte prima dell’inizio del processo e altre cinque donne sono morte dalla fine del processo con giuria nel 2018.

 

Nella sua decisione, la corte d’appello ha osservato che i memorandum interni dell’azienda risalenti agli anni ’60 indicavano che i suoi prodotti a base di talco – indicati come «uova d’oro», «marchio di fiducia dell’azienda» e «mucca sacra» – contenevano amianto.

Sei querelanti nella causa sono morte prima dell’inizio del processo e altre cinque donne sono morte dalla fine del processo con giuria nel 2018

 

I querelanti «hanno mostrato prove chiare e convincenti degli imputati impegnati in comportamenti scandalosi a causa di motivi malvagi o di indifferenza spericolata», ha affermato la corte.

 

Johnson & Johnson ha sostenuto che metodi di prova difettosi e una scienza scadente erano responsabili delle scoperte di amianto nei suoi prodotti. Ma migliaia di persone – principalmente donne con carcinoma ovarico – hanno fatto causa, affermando di non essere mai state avvisate dei potenziali rischi.

I querelanti «hanno mostrato prove chiare e convincenti degli imputati impegnati in comportamenti scandalosi a causa di motivi malvagi o di indifferenza spericolata», ha affermato la corte

 

L’ingrediente principale nella polvere per bambini e in molte altre polveri da bagno era il talco, un minerale naturale noto per la sua morbidezza. Il talco contribuiva a conferire al bambino la sua fragranza unica, che si dice sia una delle più riconoscibili al mondo.

 

Nel 1980, dopo che associazioni di consumatori  avevano sollevato preoccupazioni sul fatto che il talco contenesse tracce di amianto, un famigerato cancerogeno, la società ha sviluppato una polvere alternativa a base di amido di mais.

Nel 1980  associazioni di consumatori  avevano sollevato preoccupazioni sul fatto che il talco contenesse tracce di amianto

 

Sebbene la polvere di talco sia stata promossa come morbida e delicata per i bambini, e sia venduta con altri prodotti per l’infanzia nei negozi, le donne adulte sono state a lungo le principali acquirenti, usando la polvere per bambini nelle aree pubiche e per prevenire sfregamenti tra le gambe. Molte donne in climi caldi usano polvere per bambini per rimanere asciutte.

 

Il talco è utilizzato in molti prodotti cosmetici

Il talco è utilizzato in molti prodotti cosmetici, tra cui rossetto, mascara, ombretto, fard e fondotinta. L’anno scorso, la Food and Drug Administration (FDA – l’agenzia USA per il controllo di cibi e farmaci) ha emesso diversi avvisi che avvertivano che l’amianto era stato trovato nel trucco, incluso l’ombretto venduto  da un rivenditore popolare tra le ragazze adolescenti.

 

L’amianto è stato collegato per la prima volta al carcinoma ovarico nel 1958

Il talco e l’amianto sono minerali naturali e i loro depositi sotterranei si sviluppano in condizioni geologiche simili. Di conseguenza, le vene di amianto possono incrociare i depositi di talco nelle miniere. In effetti, i memorandum interni rinvenuti durante il contenzioso hanno rivelato che Johnson & Johnson era preoccupata per la possibilità di contaminazione dell’amianto nel suo talco da almeno 50 anni.

 

L’amianto è stato collegato per la prima volta al carcinoma ovarico nel 1958 e l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha affermato che era cancerogeno in un rapporto del 2011.

 

A partire da marzo, Johnson & Johnson ha affrontato più di 19.000 azioni legali relative alle polveri di talco

A partire da marzo, Johnson & Johnson ha affrontato più di 19.000 azioni legali relative alle polveri di talco. Finora, i risultati legali sono variegati, con la società che prevale in alcuni casi e perde in altri. Va in appello in quasi tutti i casi che ha perso.

 

Alla fine dell’anno scorso, Johnson & Johnson ha richiamato 33.000 bottiglie di polvere per bambini dopo che gli investigatori FDA  hanno affermato di aver scoperto l’amianto in una bottiglia acquistata da un rivenditore online. In seguito la società ha dichiarato che i suoi test hanno esonerato il prodotto, continua il New York Times.

 

Johnson & Johnson sta respingendo azioni legali anche su altri fronti, in particolare quelli relativi agli oppioidi

Johnson & Johnson sta respingendo azioni legali anche su altri fronti, in particolare quelli relativi agli oppioidi.

 

Nell’agosto 2019, un giudice dell’Oklahoma ha stabilito che la società aveva esagerato i benefici delle droghe mentre minimizzava i rischi e ha ordinato a Johnson & Johnson di pagare $ 572 milioni in danni.

 

Johnson & Johnson è una delle numerose aziende che corrono per sviluppare un vaccino per la protezione contro il coronavirus

In ottobre, in un caso non correlato che ha coinvolto la droga antipsicotica Risperdal, una giuria di Filadelfia ha ordinato alla compagnia di pagare $ 8 miliardi a un uomo del Maryland che ha affermato di essere stato ferito dall’uso della droga.

 

Johnson & Johnson è una delle numerose aziende che corrono per sviluppare un vaccino per la protezione contro il coronavirus.

 

La società ha recentemente annunciato che avrebbe spostato la data di inizio delle sue prove di sicurezza sugli esseri umani alla fine di luglio.

Johnson & Johnson ha già firmato accordi con il governo federale per creare una capacità produttiva sufficiente a produrre oltre un miliardo di dosi di un vaccino

 

Johnson & Johnson ha già firmato accordi con il governo federale per creare una capacità produttiva sufficiente a produrre oltre un miliardo di dosi di un vaccino, una volta trovato sicuro ed efficace.