La rivista Time ammette una cospirazione elettorale contro Trump

 

 

 

Un articolo della rivista Time pubblicato lo scorso venerdì rivela esplicitamente, con le sue stesse parole, una «cospirazione» di una «cabala di potenti» per «fortificare» le elezioni dello scorso autunno contro l’ex presidente Donald Trump.

 

In un articolo intitolato «La storia segreta della campagna ombra che ha salvato le elezioni del 2020», l’autrice e giornalista di sinistra Molly Ball racconta «la storia interna della cospirazione per salvare le elezioni del 2020», che ha coinvolto una serie di gruppi politici, sindacali, attivisti e imprenditoriali che lavorano in coordinamento – con Mike Podhorzer , il direttore politico della più grande federazione di sindacati degli Stati Uniti, designato come «l’architetto».

 

Una «cospirazione» di una «cabala di potenti» per «fortificare» le elezioni dello scorso autunno contro l’ex presidente Donald Trump

Nell’introduzione della sua storia, Ball ha fornito un esempio della cospirazione: dopo i risultati del 3 novembre, quando Trump stava cercando di avere prove significative di frode elettorale adeguatamente giudicate, «l’America delle grandi aziende si è rivoltata contro di lui. Centinaia di importanti leader aziendali, molti dei quali avevano sostenuto la candidatura di Trump e sostenuto le sue politiche, lo hanno invitato a concedere».

 

Secondo la Ball, già nota come biografa di Nancy Pelosi, questo è stato il risultato di «una cospirazione che si sta svolgendo dietro le quinte, una che ha sia tempestivamente ridotto le proteste [Black Lives Matter] sia coordinato la resistenza dei CEO».

 

Si trattava di «un’alleanza informale tra attivisti di sinistra e titani del business».

 

Si trattava di «un’alleanza informale tra attivisti di sinistra e titani del business».

La Ball descrive questi gruppi che hanno lavorato insieme per molti mesi prima delle elezioni come una «cabala ben finanziata di persone potenti, che spaziano tra industrie e ideologie, che lavorano insieme dietro le quinte per influenzare le percezioni, cambiare regole e leggi, guidare la copertura dei media e controllare il flusso di informazioni».

 

«Il loro lavoro ha toccato ogni aspetto delle elezioni. Hanno convinto gli stati a cambiare i sistemi di voto e le leggi e hanno contribuito a garantire centinaia di milioni di finanziamenti pubblici e privati », ha scritto.

 

«Hanno respinto le cause di soppressione degli elettori, reclutato eserciti di lavoratori elettorali e hanno convinto milioni di persone a votare per posta per la prima volta».

 

Una «cabala ben finanziata di persone potenti, che spaziano tra industrie e ideologie, che lavorano insieme dietro le quinte per influenzare le percezioni, cambiare regole e leggi, guidare la copertura dei media e controllare il flusso di informazioni»

«Hanno spinto con successo le società di social media a prendere una linea più dura contro la disinformazione e hanno utilizzato strategie basate sui dati per combattere le diffamazioni virali. Hanno eseguito campagne nazionali di sensibilizzazione del pubblico che hanno aiutato gli americani a capire come si sarebbe svolto il conteggio dei voti per giorni o settimane, impedendo alle teorie del complotto di Trump e alle false affermazioni di vittoria di ottenere più trazione».

 

Nel suo articolo, che celebra ripetutamente la «cacciata di Trump», la Ball trascura di menzionare l’illegalità di queste e misure. Infatti, quando i repubblicani hanno citato in giudizio nel tentativo di mantenere la sicurezza e l’integrità delle elezioni, come hanno fatto in Pennsylvania con un appello fallito alla Corte Suprema degli Stati Uniti, Ball loda trionfalmente lo sforzo della «cabala» per respingere queste «cause di soppressione degli elettori».

 

Oltre a lodare il successo di questa «cospirazione» nel convincere il CEO di Facebook Mark Zuckerberg – e altre grandi società tecnologiche, come Twitter – a censurare il discorso politico sfavorevole ai Democratici, Ball continua lodando la «filantropia» della fondazione di Zuckerberg che «ha incassato 300 milioni di dollari» per le attività elettorali locali.

 

Come è stato svelato alla fine dell’anno scorso dal Progetto Amistad, un gruppo di osservazione elettorale, Zuckerberg ha iniettato impropriamente 400 milioni di dollari nei processi elettorali in tutto il paese nel 2020, in gran parte a vantaggio dei Democratici. Le sovvenzioni negli stati oscillanti monitorati dal Progetto Amistad sono andate quasi esclusivamente alle contee vinte da Hillary Clinton nel 2016.

 

Zuckerberg ha iniettato impropriamente 400 milioni di dollari nei processi elettorali in tutto il paese nel 2020, in gran parte a vantaggio dei Democratici

Funzionari statali e locali in città e contee fortemente democratiche «hanno stipulato un contratto con Center for Tech and Civic Life (CTCL), un’organizzazione no profit finanziata dal CEO di Facebook Mark Zuckerberg per fare piani elettorali contro quelli legalmente previsti dalle legislature statali in base agli statuti federali», ha detto il progetto Amistad in un rapporto di dicembre.

 

«La fornitura di fondi Zuckerberg-CTCL ha permesso a queste roccaforti democratiche di spendere circa $ 47 per elettore, rispetto ai $ 4 a $ 7 per elettore nelle aree tradizionalmente repubblicane dello Stato», sostiene  il gruppo.

 

I finanziamenti di Zuckerberg hanno ulteriormente aiutato i democratici di stato nella loro ricerca di annullare la legge elettorale attraverso programmi di regolamentazione e di voto legalmente infondati. Come riferito dal Progetto Amistad, le sovvenzioni CTCL «hanno permesso a Filadelfia di “curare” le schede elettorali assenti in un modo non previsto nelle aree repubblicane dello stato».

 

«È l’opposto di Democrazia quando una cabala segreta di élite ricche e politicamente connesse cospirano per manipolare le regole e leggi di un’elezione per vincere»

In risposta alle rivelazioni di Ball nell’articolo di Time magazine,  il giornalista Tim Pool ha osservato che «è l’opposto di Democrazia quando una cabala segreta di élite ricche e politicamente connesse cospirano per manipolare le regole e leggi di un’elezione per vincere».

 

«Quindi le elezioni non sono state truccate – ha scritto un utente Twitter  – C’era solo una cabala segreta di potenti élite e interessi aziendali che hanno lavorato insieme per rivedere le leggi elettorali, influenzare la copertura dei media e convincere la grande tecnologia a schiacciare il dissenso».

 

 

 

 

 

 

Immagine di Gage Skidmore via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)