La grande manovra tribale per la distruzione della classe media

 

 

Avrete visto tutti il video di quella ragazza ligure, titolare di una panetteria, che scoppia in lacrime perché oramai certa di non poter riaprire più. Il video è stato condiviso ovunque, ed è solo l’eco di tante grida di imprenditori e partite IVA intorno che sento intorno a me.

 

In breve, stiamo cominciando a capire tutti che i mirabolanti 750 miliardi promessi da Conte non sono altro, in ultima analisi, che un trasferimento ulteriore di danaro dal privato al pubblico.

 

La cosa mica è nuova: era implicitamente invocata da Monti ed è perfino oggi rivendicata apertis verbis dalla Fornero («prima o poi sarà necessario un intervento straordinario, una forma di trasferimento dalla ricchezza privata alla riduzione del debito pubblico»). On connait la chanson: sono le omelie sui troppi risparmi degli italiani a fronte del debito pubblico da ripianare come da diktat di Bruxelles, Francoforte e dei «mercati». Ce lo chiede la finanza, ce lo chiede l’Europa di mettervi le mani in tasca.

 

I 750 miliardi promessi da Conte non sono altro che un trasferimento ulteriore di danaro dal privato al pubblico

Ragioniamo: le centinaia di miliardi di Conte non sono uno stimolo fatto da una Zecca indipendente, denaro «fiat», non sono un piano Marshall. Sono prestiti.

 

A differenza del pur pessimo Emmanuel Macron, che a Marzo annunziava a reti unificate di rinviare le tasse a tutti gli imprenditori che lo volessero, in Italia una simile proposta non è stata presa in considerazione. C’è stato il balletto dell’IVA offerto dal Ministro Gualtieri: comunicato stampa il venerdì sera alle 18:30 per dire che il saldo IVA era rinviato a tempo indeterminato, quando la scadenza era lunedì, e i commercialisti già a casa in famiglia. Molti avevano già pagato, perché l’italiano spesso è certosino e teme le multe draconiane del fisco, e ora pure i server della pubblica amministrazione (caso INPS). A questa enorme presa per i fondelli, si aggiunge il fatto che lo slittamento è stato poi deciso di pochi giorni..

 

C’est-à-dire: le tasse non sono rinviate per alleviare il disastro coronavirale abbattutosi sulle imprese. Sono state spostate di qualche giorno…

 

Molti  finiranno per cascarci, e indebitarsi, sorvolando sulla logica che un danno immenso prodotto da chi non ha saputo difenderci non dovrebbe essere risolto con il nostro indebitamento

Ora, se questo è il pattern, è chiaro che una certa porzione di quei miliardi finiranno impegnati a pagare le tasse. Si tratta insomma di un rifinanziamento dello Stato tramite i risparmi privati contenuti nelle banche. Le quali banche, almeno sentendo le dichiarazioni del presidente dell’Associazione Banche Italiane Antonio Patuelli, non paiono essere state così coinvolte nella discussione di questa manovra. Dilettanti allo sbaraglio: Conte fa i conti senza l’oste? 

 

Ma torniamo a noi: il risparmio privato, quindi, s’invola verso il pubblico. Molti spergiurano che non chiederanno il prestito. Il popolo italiano è molto più di altri allergico ai debiti. Fino a non troppi anni fa, solo il 3% degli italiani usava una carta di credito. Oltre il 70% vive in una casa di proprietà, talvolta comprata senza mutuo, ma con l’accumulo formichino in banca di decenni di stipendi (alla faccia di chi ci chiama «cicale»).

 

Molti, presi dalla medesima disperazione di quella ragazza, finiranno per cascarci, e indebitarsi, sorvolando sulla logica che un danno immenso prodotto da chi non ha saputo difenderci non dovrebbe essere risolto con il nostro indebitamento.

 

Ci cascheranno anche perché il governo ha lanciato un’esca bonaria: 600 euro dall’INPS, quelli sì a fondo perduto. Un gesto di buona volontà. Eccoti 600 euro, ora indebitati per 25.000, o molto di più.

 

Il governo ha lanciato un’esca bonaria: 600 euro dall’INPS. Eccoteli, ora indebitati per 25.000, o molto di più

Perché lo Stato deve rifinanziarsi? La risposta, credo, non sia quella che pensate di primo acchito: lo Stato si alimenta per sopravvivere, fare andare i servizi primari (acqua-luce-gas), gli ospedali, e garantire l’ordine nelle strade. Ciò decisamente è vero, ma c’è sicuramente un calcolo ulteriore.

 

Lo Stato userà i danari delle tasse, per le quali gli imprenditori si sono indebitati, per pagare gli stipendi ai dipendenti pubblici, che solo in minima parte fanno parte del metabolismo basale della Nazione. Impiegati dei ministeri, degli uffici pubblici, degli enti più  o meno inutili, insegnanti. Cioè, il proprio bacino elettorale.

 

Si tratta, insomma, di una manovra tribale: la ricchezza verrà rubata ad una tribù, quella delle partite IVA che di certo non vota PD e nemmeno ora M5S (che potrebbe aver creato il suo bacino feudale di voti con i recipienti del Reddito di Cittadinanza), e sarà data a quanti invece votano i partiti di governo.

 

Si useranno i danari delle tasse, per le quali gli imprenditori si sono indebitati, per pagare gli stipendi ai dipendenti pubblici. Cioè, il bacino elettorale dei partiti al governo

Una considerazione simile sarebbe da fare per i supermercati, che sono chiaramente luoghi di contagio tenuti aperti. Non si può stare da soli in un bosco, ma si può stare in una giungla di migliaia di persone dentro ad un luogo chiuso. Non ti fanno uscire di casa come nemmeno in guerra, ma non sanno organizzare – come in guerra – una distribuzione razionale degli alimenti, fatta nelle piazza con i camion dell’esercito, o con delle app non intasate. Boh.

 

L’enigma sparisce quando pensate che il 30% o più della Grande Distribuzione Organizzata è in mano a cooperative, che sono enti che si riferiscono di solito ad un certo partito di governo. Pensate non solo ai supermercati cooperativi, ma a tutta la filiera, packaging, trasporto, etc. Un polmone finanziario enorme – e come qualcuno sostiene riguardo alle scorse regionali in Emilia Romagna, un bacino di voti non indifferente. Questione di interessi della fazione, evidentemente.

 

La cosa è in tutto e per tutto simile a quello che mi raccontavano quando ero in Africa. Se vince le elezioni un uomo di una determinata tribù (le nazioni africane hanno confini geografici  disegnati per lo più dal colonialismo, e confini etnici di razzismo totale da un villaggio all’altro) stai tranquillo che gli aiuti che arrivano dalla carità mondialista (ONU, ONG, UE o Stati singoli come l’Italia etc.) non finiranno mai alla tribù che del presidente eletto è nemica giurata da secoli.

 

Manovra economica tribale: in Africa se vince le elezioni un uomo di una determinata tribù stai tranquillo che gli aiuti che arrivano dalla carità mondialista non finiranno mai alla tribù che del presidente eletto è nemica giurata da secoli

Alcuni mica lo hanno nascosto. Un intellettuale di sinistra è andato in TV a urlare la sua gioia per la distruzione del tessuto industriale lombardo, le odiate PMI degli industrialotti. Non abbiamo idea se individui così abbiano mai lavorato in fabbrica in vita loro, tuttavia percepiamo in modo netto, il loro odio tribale. L’Italia si sta africanizzando, sì, e non solo con l’immigrazione selvaggia.

 

L’Italia assomiglia sempre più all’Africa anche per un motivo ulteriore: l’imprevidenza folle dei suoi governanti. Spazzoleranno via i danari dei privati per darli al pubblico, ma la cosa non può durare, perché i conti correnti delle partite IVA si esauriranno (e, con probabilità, anche la stoica pazienza che stanno dimostrando).

 

Si tratta quindi di un arraffo apocalittico? Lo Stato nel pallone che prende senza dare indietro nulla, per tirare avanti senza nessun piano preciso che non sia il controllo sociale elettronico proposto dalle sue task force che chiedono immunità penale per le loro decisioni? (A proposito: forse che scopriremo che saranno anticostituzionali?)

 

Da un punto di vista politico ed economico, potrebbe essere. C’è tuttavia un piano storico, e metastorico, da considerare. Procediamo spediti verso la disintegrazione definitiva della classe media. Come da programma.

 

Nemmeno questa è una novità: un sinonimo di distruzione della classe media occidentale è la parola globalizzazione. Come ho ripetuto varie volte, la globalizzazione è cinese o non è.

L’Italia assomiglia sempre più all’Africa anche per un motivo ulteriore: l’imprevidenza folle dei suoi governanti. Spazzoleranno via i danari dei privati per darli al pubblico, ma la cosa non può durare

 

Tante famiglie del tessuto produttivo dell’Alta Italia, come quella dello scrivente, hanno iniziato a vedere gli effetti di quello che stava succedendo 30 anni fa. Nei mercati cominciarono a immettersi manifatture di Paesi mai visti, come la Turchia, che – si mormorava – apriva fabbriche enormi con danari di Stato, ci faceva lavorare i bambini e poi otteneva dagli americani (interessati a tenere i loro missili al confine con la Russia meridionale) abolizione di dazi ed agevolazioni varie.

 

Poi venne la Cina. Altro mistero: era un Paese comunista, un Regno oscuro dove poco prima il più liberale dei Presidenti cinesi, Deng, aveva massacrato migliaia di studenti a Piazza Tian’An Men, senza che nessuna diplomazia occidentale reagisse davvero.

 Il virus cinese, la globalizzazione, devastò la classe media. Ad essere trasferita in Cina fu più che la ricchezza, fu l’intera manifattura

 

La Cina di lì a poco sarebbe entrata nel WTO. Ricordate? Era l’era del cosiddetto «Ulivo Mondiale». Bill Clinton, Blair, Prodi… Lasciando perdere un secondo Blair, che pare venne portato a letto dalla moglie cinese di Rupert Murdoch Wendi Deng, sospettatissima di essere un’agente segreto della Repubblica Popolare, ricordiamo come ci sia una controversia sulle elezione del 1996, con la campagna Clinton accusata di aver preso danari da Pechino (altro che Russiagate). A parlarne fu Bob Woodward, quello del Watergate, non un complottista a caso. Per Prodi invece vi saranno cattedre in Cina, e gioiosi memorandum d’intesa ed eventi all’Università di Bologna con l’ambasciatore cinese Ding Wei. A Prodi piacciono gli eventi all’Alma Mater Studiorum di Bologna. Come sapete, nel 1995 vi si premiò con una laurea ad honorem George Soros, quello che distrusse la Lira italiana.

Procediamo spediti verso la disintegrazione definitiva della classe media. Come da programma

 

Nel governo a Roma ora ci sono gli stessi poteri, più alcuni di nuovi, che sono – pur se biodegradabili – pure pericolosi, perché ancora più filocinesi.

 

Avrete capito cosa si vuol dire: venti o trenta anni fa come oggi stesso, qualcuno la globalizzazione, cioè la Cina, l’ha fatta entrare. Esattamente come per il Coronavirus.

Venti o trenta anni fa come oggi stesso, qualcuno la globalizzazione, cioè la Cina, l’ha fatta entrare. Esattamente come per il Coronavirus

 

Ne son seguite, allora come oggi, morte e distruzione. Il virus cinese, la globalizzazione, devastò la classe media. Un altro trasferimento a suo carico, come quello dei risparmi dati in prestito al fine di pagare le tasse: ad essere trasferita in Cina fu più che la ricchezza, fu l’intera manifattura. Fu disintegrata la possibilità di produrre e creare, fu lo spirito di homo faber del cittadino imprenditore, e soprattutto dei suoi operai. Fu la fine della Civiltà del fare, della Civiltà del concreto e della Civiltà dell’Essere, a favore del magma asiatico, il dumping, la finanza derivativa conseguente, e la maledizione di internet a mangiarsi tutto.

Questa rapina africana, questo mondo infettato dal virus cinese prima del Coronavirus, quest’Italia di poveri e traditori che non assomiglia più in nulla a quel Paese, complicato ma splendido, nel quale siamo cresciuti

 

Chi vi scrive questa storia di distruzione massiva l’ha vissuta sulla sua pelle. L’ha vista sulla sua famiglia, e su tanti conoscenti a cui è andata peggio che a noi. Siamo, in qualche modo, sopravvissuti – ma non con la malinconia annoiata del principe del Gattopardo, siamo andati avanti con le ossa rotte, impoveriti nelle sostanze e nell’animo, con la morte intorno a noi.

 

Non so se la classe media italiana, specie quella del Lombardo-veneto, potrà sopravvivere alla trappola tribale che le sta servendo ora lo Stato centrale.

 

Non so cosa dire, se non che dovremmo ritenere inaccettabile questa rapina africana, questo mondo infettato dal virus cinese prima del Coronavirus, quest’Italia di poveri e traditori che non assomiglia più in nulla a quel Paese, complicato ma splendido, nel quale siamo cresciuti.

 

Non so cosa dire, se non che l’ira è tanta. E non da ieri. Da tre decenni almeno.

 

 

Roberto Dal Bosco