Connettiti con Renovato 21

Fertilità

L’inquinamento atmosferico legato alla scarsa qualità del seme maschile

Pubblicato

il

 

 

Gli uomini che vivono in aree con un inquinamento atmosferico più elevato hanno anche maggiori probabilità di avere una percentuale maggiore di spermatozoi di forma anormale.

 

Ricercatori dell’Università di Hong Kong hanno analizzato la qualità dello sperma in campioni di oltre 6500 uomini taiwanesi di età compresa tra 15 e 49 anni. Lo hanno abbinato a dati di immagini satellitari per determinare i livelli di inquinamento atmosferico da particolato fine (PM2.5) attorno ai loro le case.

«Abbiamo trovato una solida associazione tra esposizione all’inquinamento atmosferico da PM2,5 e bassa percentuale di morfologia normale degli spermatozoi negli uomini in età riproduttiva»

 

«Abbiamo trovato una solida associazione tra esposizione all’inquinamento atmosferico da PM2,5 e bassa percentuale di morfologia normale degli spermatozoi negli uomini in età riproduttiva», hanno scritto gli scienziati nel documento, pubblicato sulla rivista Occupational and Environment Medicine.

 

Se c’erano solo 5 microgrammi di particelle fini per metro cubo per 2 anni intorno alla casa di un uomo, c’era un aumento del 26% del rischio di trovarsi nel 10% degli uomini per la normale morfologia dello sperma.

I ricercatori hanno anche trovato un’associazione tra aumento di PM2,5 e maggiore concentrazione di spermatozoi.

 

«Sebbene le stime degli effetti siano piccole e il significato potrebbe essere trascurabile in ambito clinico, questa è una sfida importante per la salute pubblica», hanno scritto gli autori.

Da questo e da altri studi, continuo a ritenere che l’inquinamento atmosferico probabilmente abbia il potenziale per influenzare negativamente la salute riproduttiva maschile»

«Data l’ubiquità dell’esposizione all’inquinamento atmosferico, una piccola dimensione dell’effetto di PM2,5 sulla morfologia normale dello sperma può determinare un numero significativo di coppie con infertilità».

 

Le misurazioni dell’inquinamento sono state effettuate vicino alle case degli uomini, con una risoluzione di circa 1 chilometro.

 

Il professor Allan Pacey, ricercatore di andrologia all’Università di Sheffield, ha aggiunto: «Da questo e da altri studi, continuo a ritenere che l’inquinamento atmosferico probabilmente abbia il potenziale per influenzare negativamente la salute riproduttiva maschile».

Continua a leggere

Contraccezione

l’Iran spinge per favorire le nascite con leggi pro-famiglia

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

La nuova «Legge sul sostegno alla famiglia e ai giovani» dell’Iran è un chiaro esempio di come le diverse prospettive possono variare la copertura delle notizie.

 

Il regime teocratico dell’Iran ha pochi amici a livello internazionale. Quindi i titoli globali riflettono una visione debole della nuova legislazione, che limita fortemente l’accesso all’aborto, alla contraccezione e alla sterilizzazione volontaria.

 

«Il governo iraniano sta adottando ulteriori misure per utilizzare il diritto penale per limitare i diritti delle donne, al fine di aumentare il numero di nascite, il che costringerà effettivamente molte donne e ragazze a portare a termine gravidanze indesiderate che sarebbero intrinsecamente discriminatorie», hanno dichiarato gli esperti delle Nazioni Unite.

 

Un titolo sul sito web curdo RUDAW diceva che si trattava di una «chiara violazione del diritto internazionale»; sul Times of Israel, scrivono che«esperti delle Nazioni Unite avvertono che limiterà i diritti delle donne»; in Radio Free Europe (un sito web del governo americano) «”È la mia scelta: la nuova legge sulla popolazione dell’Iran è stata fatta saltare per limitare l’accesso a contraccettivi e aborti».

 

I media ufficiali iraniani hanno esposto il motivo alla base della decisione del loro governo: un allarmante calo del tasso di natalità

Tuttavia, i media ufficiali iraniani hanno esposto il motivo alla base della decisione del loro governo: un allarmante calo del tasso di natalità.

 

In effetti, il Teheran Times non ha nemmeno menzionato l’aborto. Ecco alcuni degli incentivi previsti dalla normativa per avere più figli:

 

  • Assicurazione sanitaria per coppie infertili

 

  • Servizi per le donne che lavorano

 

  • Pacchetti di supporto per la salute e la nutrizione

 

  • Opportunità educative per le studentesse madri

 

  • Sostegno al sostentamento delle famiglie

 

  • Servizi medici per le donne incinte

 

  • Sconti per famiglie con tre o più bambini

 

  • Promozioni per dipendenti da tre a cinque figli

 

  • Congedo di maternità di 9 mesi a piena retribuzione

 

  • Trattamento gratuito dell’infertilità

 

  • Prestiti speciali per la casa per le giovani coppie per incoraggiare i giovani a sposarsi

 

Il governo iraniano è chiaramente spaventato da un calo di 550.000 nel numero di nascite annuali tra il 2016 e il 2021.

  • Uno sconto del 20% per il tutoraggio per le scolaresche

 

  • Parto naturale gratuito di qualità negli ospedali statali

 

  • Ci si aspetta che tutte le agenzie governative promuovano gli «aspetti positivi e preziosi del matrimonio»

 

  • Le pubblicità devono presentare famiglie con 3 o più bambini

 

  • Un «Premio Nazionale Giovani per la Popolazione» per le istituzioni che aiutano ad aumentare la natalità

 

  • I media governativi devono promuovere la gravidanza e denunciare il celibato, la contraccezione e l’aborto. Il dieci per cento della programmazione deve essere dedicato alla promozione dell’aumento della popolazione.

 

Il governo iraniano è chiaramente spaventato da un calo di 550.000 nel numero di nascite annuali tra il 2016 e il 2021.

 

Altri Paesi hanno tentato di aumentare la natalità con incentivi finanziari e sociali. Ma probabilmente nessuno di essi è arrivato ai livelli dell’Iran.

L’implosione demografica è iniziata dopo la guerra Iran-Iraq, negli anni ’90. Il governo ha incoraggiato le piccole famiglie perché gli esperti avevano avvertito di un’esplosione demografica. È riuscito fin troppo bene. Oggi il tasso di fertilità dell’Iran è di 1,6 figli per donna; nel 1986 era 6.5. Ha uno dei tassi di invecchiamento più rapidi al mondo.

 

Mohammad Esmaeil Akbari, consigliere anziano del ministro della salute, ha dichiarato al The Teheran Times che ttualmente, gli anziani costituiscono meno del 10% della popolazione e siamo considerati un paese giovane, ma invecchiamo ogni anno così che in nei prossimi 20 anni saremo uno dei paesi più antichi del mondo e il più antico entro i prossimi 30 anni».

 

Altri Paesi hanno tentato di aumentare la natalità con incentivi finanziari e sociali. Ma probabilmente nessuno di essi è arrivato ai livelli dell’Iran.

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Fertilità

Fecondazione in vitro, altro pasticcio in una clinica americana

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Due coppie californiane hanno dato alla luce i bambini l’una dell’altra dopo uno scambio in una clinica per la fertilità nel 2019.

 

Entrambi stanno facendo causa al California Center for Reproductive Health (CCRH) di Los Angeles e al suo proprietario, il dottor Eliran Mor, per danni.

 

Daphna ha detto che era sconvolta dal fatto di aver portato in grembo il bambino di un’altra coppia per nove mesi e di aver perso mesi di legame con il proprio figlio

Secondo una causa intentata lunedì a Los Angeles da Daphna e suo marito Alexander Cardinale, il bambino è nato con capelli e carnagione molto più scuri rispetto al suo genitore. Si erano fidati della clinica per la fecondazione in vitro, ma i sospetti sono cresciuti.

 

Alla fine hanno ottenuto un test del DNA che ha mostrato che il bambino doveva appartenere a un’altra coppia.

 

Daphna ha detto a una conferenza stampa organizzata da Adam Wolf, un avvocato specializzato in casi di fertilità, che era sconvolta dal fatto di aver portato in grembo il bambino di un’altra coppia per nove mesi e di aver perso mesi di legame con il proprio figlio.

 

I bambini sono stati scambiati nel gennaio 2020.

 

«Sono stata sopraffatta da sentimenti di paura, tradimento, rabbia e dolore», ha detto Daphna.

 

«Sono stata derubata della capacità di portare in grembo mio figlio. Non ho mai avuto l’opportunità di crescere e legare con lei durante la gravidanza, di sentire i suoi calci».

 

«Sono stata derubata della capacità di portare in grembo mio figlio. Non ho mai avuto l’opportunità di crescere e legare con lei durante la gravidanza, di sentire i suoi calci».

Il signor Wolf rappresenta anche l’altra coppia, che ha preferito rimanere anonima. Hanno anche intenzione di fare causa.

 

«I Cardinale, compresa la loro giovane figlia, si sono innamorati di questa bambina ed erano terrorizzati che sarebbe stata portata via da loro», afferma la denuncia.

 

«Per tutto il tempo, Alexander e Daphna non sapevano dove si trovasse il loro embrione, e quindi erano terrorizzati che un’altra donna fosse incinta del loro bambino – e il loro bambino fosse nel mondo da qualche parte senza di loro».

 

I bambini sono stati scambiati nel gennaio 2020.

«Per tutto il tempo, Alexander e Daphna non sapevano dove si trovasse il loro embrione, e quindi erano terrorizzati che un’altra donna fosse incinta del loro bambino – e il loro bambino fosse nel mondo da qualche parte senza di loro»

 

Errori come questo sono rari, anche se è impossibile sapere con quale frequenza accadono.

 

I genitori normalmente scoprono l’errore quando i bambini hanno un aspetto molto diverso. In caso contrario, è improbabile che controllino la parentela.

 

Nel 2019 una coppia di Glendale, in California, ha fatto causa a una clinica per la fertilità separata, sostenendo che il loro embrione era stato impiantato per errore in una donna di New York, che ha dato alla luce il loro figlio e un secondo figlio appartenente a un’altra coppia.

 

Gli incidenti di fertilità devono essere un grande affare. Lo studio di Wolf, Peiffer Wolf Carr Kane & Conway, ha uffici a New York, Los Angeles, San Francisco, Cleveland, St. Louis, Austin e New Orleans. Oltre a gestire numerosi casi di frode sulla fertilità, Peiffer Wolf ha gestito una moltitudine di casi in cui professionisti e strutture mediche sono stati accusati di aver distrutto o perso ovuli, embrioni e altro materiale genetico.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Fertilità

Olanda, il medico della fertilità genera almeno 47 figli

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

Cartella frodi della fertilità. Il numero di bambini nati da un ginecologo in un ospedale della città olandese di Zwolle è salito ad almeno 47.

 

Tra il 1980 e il 1994, Jan Wildschut ha usato il proprio sperma, senza informare i genitori, per inseminare artificialmente molti dei suoi pazienti. Inizialmente il conteggio era solo 17.

 

Il dottor Wildschut, morto nel 2009, è stato smascherato dopo che sono apparse corrispondenze di bambini apparentemente non imparentati in diverse banche commerciali del DNA.

Una commissione d’inchiesta ha trovato 47 figli di Wildschut, ma non si saprà mai quanti siano

 

Una commissione d’inchiesta ha trovato 47 figli di Wildschut, ma non si saprà mai quanti siano. Non teneva diario né appunti ed era responsabile dell’amministrazione della clinica.

 

Per due bambini, Wildschut ha sostituito altri donatori di sperma al posto dello sperma del padre. Non si sa cosa abbia fatto con lo sperma dei mariti. Potrebbe averli usati per altri pazienti, creando ancora più caos di ascendenza.

 

Didi Braat, presidente del comitato, ha detto che tutti sono sbalorditi e scioccati.

 

«Tutto quello che pensi è che, no, questo non può essere vero, invece è successo. Sono passati dai trenta ai quarant’anni fa da quando è successo, il che rende la cosa anche molto complicata. Wildschut poteva lavorare molto da solo, non c’era controllo e non c’erano nemmeno regole e protocolli così rigidi come lo sono oggi».

 

«Una volta lavoravamo molto con spermatozoi freschi. Pensiamo che Jan Wildschut abbia scambiato i vasetti e abbia usato il proprio sperma per le inseminazioni e abbia buttato via lo sperma del donatore o del partner della donna».

 

La legge olandese limita il numero di persone che possono essere concepite da un donatore di sperma a 25

L’ospedale sta facendo tutto il possibile per rispondere alle indagini. Tuttavia, non prevede di approcciare tutti i genitori trattati da Wildschut, ha affermato Braat.

 

«Non pensiamo che sia consigliabile; le persone hanno anche il diritto di “non sapere” e questo dovrebbe prevalere su un approccio attivo da parte dell’ospedale stesso. Tuttavia, dovrebbe essere fatto un nuovo appello nei media regionali in modo che se le persone hanno dubbi o domande, vengono aiutate».

 

La legge olandese limita il numero di persone che possono essere concepite da un donatore di sperma a 25.

 

Dal 2004, i bambini hanno il diritto di scoprire l’identità del loro donatore quando compiono 16 anni.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari