Scienziati rianimano cellule cerebrali in maiali morti

 

 

Un gruppo di scienziati degli Stati Uniti è riuscito a rianimare cellule del tessuto nervoso in alcuni maiali morti, sfidando la credenza scientifica dell’irreversibilità dei danni cerebrali e sollevando questioni sulle definizioni di morte cerebrale.

 

La ricerca è stata condotta da un team di ricercatori dell’università di Yale e pubblicata all’inizio del mese su Nature.

 

I ricercatori hanno acquisito le teste di 32 maiali morti in seguito a macellazione. Hanno rimosso i cervelli poche ore dopo il decesso e hanno introdotto una soluzione sperimentale nei vasi sanguigni dell’organo. La soluzione ha portato ossigeno al tessuto cerebrale e conteneva sostanze chimiche che hanno permesso agli scienziati di monitorarne il flusso utilizzando gli ultrasuoni.

 

Hanno così scoperto che i cervelli dei maiali hanno ricominciato a funzionare dopo l’esposizione alla sostanza simile al sangue, che alcune cellule hanno ripreso l’attività metabolica e anche reagito alle droghe. Nell’esaminare parti del tessuto cerebrale trattato, i ricercatori hanno rinvenuto attività elettrica in alcuni neuroni.

Un gruppo di scienziati degli Stati Uniti è riuscito a rianimare cellule del tessuto nervoso in alcuni maiali morti, sfidando la credenza scientifica dell’irreversibilità dei danni cerebrali e sollevando questioni sulle definizioni di morte cerebrale.

 

«È un grande passo avanti – afferma Andrea Beckel-Mitchener, neuroscienziata del National Institute of Health, non coinvolta nello studio – Non è mai stato fatto prima con il cervello di un mammifero abbastanza grande e intatto».

 

Ciononostante, la ricerca su tessuti cerebrali rianimati solleva una serie di questioni etiche senza precedenti. Tra molte, quelle che riguardano la ripresa di coscienza dei cervelli animali e sul trattamento delle cavie da laboratorio.

 

«Se c’è un argomento che merita ampie discussioni pubbliche sull’etica della scienza e della medicina, è proprio questo», afferma Jonathan Moreno, studioso di bioetica alla University of Pennsylvania.

Se le persone dichiarate cerebralmente morte possono diventare le candidate ideali per tentativi di resurrezione cerebrale, «potrebbe diventare più difficile per i medici o i famigliari convincersi che ulteriori trattamenti medici siano inutili»

 

Gli scienziati sono preoccupati dell’inadeguatezza dei protocolli etici in vigore per la ricerca su animali morti. “Cosa dobbiamo fare oggi, immediatamente, per essere certi che ci sia la giusta protezione per le cavie?”, domanda Nita Farahany, studiosa di bioetica e professoressa di legge della Duke University.

 

Gli scienziati immaginano il contributo di questa ricerca nella creazione di organi vitali, se la tecnica venisse ulteriormente sviluppata e applicata agli esseri umani. Se le persone dichiarate cerebralmente morte possono diventare le candidate ideali per tentativi di resurrezione cerebrale, «potrebbe diventare più difficile per i medici o i famigliari convincersi che ulteriori trattamenti medici siano inutili», affermano Stuart Younger e Insoo Hyun, studiosi di bioetica alla Case Western Reserve University.

 

 

Fonte: Xavier Symons per Bioedge