Vaccino anti-COVID, la rinuncia preventiva dei vescovi inglesi

 

 

 

 

Renovatio 21 pubblica, su gentile concessione del Direttore e Presidente, il Dott. Jeff Mirus, questo interessante articolo apparso sul sito Catholic Culture da lui diretto. L’articolo, a firma di Phil Lawler, descrive la posizione assunta dalla Conferenza Episcopale di Inghilterra e Galles a proposito del vaccino anti-Covid e delle implicazioni etico-morali che lo riguardano.

 

 

I vescovi cattolici inglesi si sono arresi, prima ancora che la battaglia fosse realmente iniziata. 

 

I vescovi cattolici inglesi si sono arresi, prima ancora che la battaglia fosse realmente iniziata

Peggio: hanno rinunciato a qualcosa che non era loro compito declassare. Hanno ceduto i diritti dei fedeli.

 

In una dichiarazione che pretende di fornire «la posizione cattolica sulla vaccinazione», la Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles ha affermato che i cattolici hanno «il dovere prima facie di essere vaccinati», insieme all’«obbligo morale di garantire la copertura vaccinale necessaria per il bene degli altri».

 

La Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles ha affermato che i cattolici hanno «il dovere prima facie di essere vaccinati», insieme all’«obbligo morale di garantire la copertura vaccinale necessaria per il bene degli altri»

Potete starne certi: non appena sarà disponibile un vaccino «anti-COVID», questa dichiarazione dei vescovi inglesi sarà citata da zelanti legislatori che si battono per renderlo obbligatorio – e quindi per privare il popolo inglese della libertà di prendere le proprie decisioni mediche per sé e per i propri figli.

 

La stessa dichiarazione dei vescovi è già in realtà chiaramente un argomento a favore della vaccinazione obbligatoria, volta a spingere i cattolici verso questa direzione. 

 

In un comunicato che accompagna la dichiarazione, la conferenza episcopale afferma altresì che il suo obiettivo è quello di «incoraggiare i cattolici a impegnarsi a proteggere i più vulnerabili della società», naturalmente attraverso la vaccinazione (a proposito, questa dichiarazione è firmata dai vescovi Paul Mason e John Sherrington, che sono identificati uno come «Vescovo guida per la salute» e l’altro come «Vescovo guida per le questioni riguardanti la vita».

 

Non so cosa sia un «vescovo guida».

 

Non appena sarà disponibile un vaccino «anti-COVID», questa dichiarazione dei vescovi inglesi sarà citata da zelanti legislatori che si battono per renderlo obbligatorio – e quindi per privare il popolo inglese della libertà di prendere le proprie decisioni mediche per sé e per i propri figli

Ho sempre creduto che un vescovo sia ordinato per il servizio in una diocesi piuttosto che in un campo di politica pubblica).

 

Non c’è un vaccino COVID attualmente disponibile, naturalmente, quindi questa affermazione sta preparando il terreno in anticipo: sgombrare il campo da possibili opposizioni prima dell’inevitabile corsa al vaccino.

 

Ma calma. Alcuni dei vaccini attualmente in fase di sviluppo sono derivati da cellule fetali ottenute da aborti. I vescovi inglesi stanno ignorando le questioni etiche? Non proprio. 

 

Il documento lo ammette: 

 

«La Chiesa è contraria alla produzione di vaccini che utilizzano tessuti derivati da feti abortiti, e riconosciamo il disagio che molti cattolici provano di fronte alla scelta di non vaccinare il proprio bambino o di sentirsi complici dell’aborto».

Non c’è un vaccino COVID attualmente disponibile, naturalmente, quindi questa affermazione sta preparando il terreno in anticipo: sgombrare il campo da possibili opposizioni prima dell’inevitabile corsa al vaccino.

Il «disagio»  che «alcuni» cattolici provano è un bel modo per minimizzare la gravità di un vero problema morale. Ma – si sente il «ma» che arriva, non è vero? – i vescovi inglesi non lasceranno mai che quel problema morale li scoraggi. 

 

La dichiarazione continua:

 

«Tuttavia, la Chiesa insegna che l’importanza fondamentale della salute di un bambino e di altre persone vulnerabili potrebbe permettere ai genitori di usare un vaccino che in passato è stato sviluppato usando queste linee cellulari diploidi».

 

Quindi l’ «importanza fondamentale» della vaccinazione supera il «disagio» che «alcuni» cattolici potrebbero provare. Anche se il primo vaccino «anti-COVID» che emergerà dalla competizione attuale non sarà eticamente accettabile, la logica dei vescovi inglesi insiste affinché venga da noi accettato.

 

Nel giungere a questa conclusione la dichiarazione dei vescovi cita una direttiva del 2005 della Pontificia Accademia per la Vita, che asseriva che «tutte le vaccinazioni clinicamente raccomandate possono essere usate con la coscienza a posto».

 

Ma hanno trascurato un’altra frase di quello stesso documento vaticano, in cui la Pontificia Accademia diceva che «resta il dovere morale di continuare a lottare e di usare ogni mezzo legale per rendere la vita difficile alle industrie farmaceutiche che agiscono senza scrupoli e senza etica».

Hanno trascurato un’altra frase di quello stesso documento vaticano, in cui la Pontificia Accademia diceva che «resta il dovere morale di continuare a lottare e di usare ogni mezzo legale per rendere la vita difficile alle industrie farmaceutiche che agiscono senza scrupoli e senza etica»

Il modo per «rendere la vita difficile» alle aziende farmaceutiche senza etica è combattere valorosamente contro lo sviluppo e l’approvazione di qualsiasi vaccino ottenuto attraverso linee cellulari fetali. 

 

Come ho spiegato alcune settimane fa, il momento di opporsi ai vaccini non etici è ora, prima che qualsiasi vaccino sia approvato per l’utilizzo definitivo. Segnalando in modo così chiaro che sosterranno l’uso anche di un vaccino non etico, i vescovi inglesi si sono arresi prima che la battaglia fosse cominciata sul serio.

 

Peggio ancora, la dichiarazione dei vescovi sminuisce la testimonianza di quei cattolici (e non cattolici) che rifiuteranno un vaccino non etico. La Pontificia Accademia aveva riconosciuto il valore evangelico di questa testimonianza nel 2005. 

 

Più recentemente, Helen Watt del Centro di bioetica Anscombe ha spiegato:

 

I  vescovi stanno dicendo che i buoni cattolici dovrebbero farsi inoculare il vaccino anche se potrebbe non essere efficace? E che dire degli effetti collaterali indesiderati? I cattolici sono moralmente obbligati a prendere un vaccino e a somministrarlo ai loro figli anche se potenzialmente dannoso e non certo efficace?

«Anche se non c’è un dovere assoluto di boicottare i vaccini prodotti attraverso le linee cellulari fetali esistenti – è una questione che riguarda la coscienza individuale e spesso si eleveranno pesanti ragioni contro di essa – alcuni si sentiranno, a torto o a ragione, chiamati al boicottaggio anche se non hanno a disposizione un vaccino alternativo».

 

Se un vaccino «anti-COVID» sviluppato da linee cellulari fetali sarà sviluppato, approvato e imposto nel Regno Unito, considerate la posizione dei cattolici che si opporranno all’obbligo, alla luce della dichiarazione dei vescovi. Verrà detto loro che si sbagliano: che la Chiesa cattolica non sostiene la loro scelta etica. Il governo ordinerà loro di fare qualcosa che considerano moralmente ripugnante, e i loro vescovi sosterranno questa imposizione.

 

E, tra l’altro, l’intera argomentazione presuppone che un vaccino COVID funzioni efficacemente per prevenire la malattia. Poiché il coronavirus agisce come un’influenza, e i vaccini antinfluenzali non sono notoriamente in grado di garantire l’immunità, c’è un’ampia ragione di scetticismo su questo punto. 

 

I  vescovi stanno dicendo che i buoni cattolici dovrebbero farsi inoculare il vaccino anche se potrebbe non essere efficace? E che dire degli effetti collaterali indesiderati? I cattolici sono moralmente obbligati a prendere un vaccino e a somministrarlo ai loro figli anche se potenzialmente dannoso e non certo efficace?

 

Dunque ripetiamolo, non possiamo aspettarci che i vescovi cattolici ci consiglino sull’efficacia dei vaccini o sui loro potenziali effetti collaterali. 

 

I vescovi cattolici non sono esperti di questioni mediche. Ed è proprio per questo che i vescovi cattolici dovrebbero fornire una guida chiara sulle questioni morali – combattete lo sviluppo e l’uso di vaccini non etici – e lasciare le questioni mediche ai medici, ai laici, e alle loro coscienze informate.

 

 

Phil Lawler