Il vaccino COVID è «bioterrorismo per iniezione» e ha causato almeno 50 mila morti negli USA. Parla il dottor McCullough

 

 

 

In un’intervista con l’avvocato processuale internazionale tedesco, Reiner Fuellmich, il dottor Peter McCullough – un medico che si sta spendendo nella lotta contro la presente follia vaccinale e pandemica – ha dichiarato che ci troviamo innanzi ad un «bioterrorismo propagato per iniezione»..

 

Il dottor McCullough ha espresso preoccupazione per il fatto che gli attuali vaccini sperimentali COVID-19 possano sterilizzare i giovani, favorire il cancro e potrebbe aver causato già 50.000 -70.000 morti nei soli Stati Uniti. Il numero si ottiene semplicemente seguendo l’idea che solo il 10% dei casi di reazione avversa sono riportati al VAERS, il database di farmacovigilanza vaccinale USA.

 

«Credo che siamo sotto l’applicazione di una forma di bioterrorismo che è in tutto il mondo, e sembra che ci siano voluti molti anni nella pianificazione».

Come riporta Lifesitenews, durante l’esplosiva intervista dell’11 giugno, McCullough , internista e cardiologo, oltre ad essere professore di medicina ed editore di due importanti riviste mediche, ha iniziato la sua analisi dicendo:

 

«Credo che siamo sotto l’applicazione di una forma di bioterrorismo che è in tutto il mondo, e sembra che ci siano voluti molti anni nella pianificazione».

 

McCullough crede che questo bioterrorismo sia arrivato in due fasi, inclusa la «Fase I» che consisteva in un «virus respiratorio che si è diffuso in tutto il mondo e ha colpito relativamente poche persone, circa l’uno per cento di molte popolazioni, ma ha generato grande paura». Questa paura ha consentito più livelli di politiche di governo, inclusi arresti, obblighi di mascherina e test di massa.

 

McCullough crede che questo bioterrorismo sia arrivato in due fasi, inclusa la «Fase I» che consisteva in un «virus respiratorio che si è diffuso in tutto il mondo e ha colpito relativamente poche persone, circa l’uno per cento di molte popolazioni, ma ha generato grande paura». Questa paura ha consentito più livelli di politiche di governo, inclusi arresti, obblighi di mascherina e test di massa

«Ogni singola cosa che è stata fatta nella risposta della salute pubblica alla pandemia ha peggiorato le cose», ha detto.

 

In risposta, McCullough e un gruppo di colleghi hanno iniziato a cercare, scoprire e pubblicare trattamenti per il virus nelle riviste mediche che ha curato e hanno iniziato a «incontrare resistenza a tutti i livelli» sebbene i loro risultati abbiano dimostrato «una riduzione di circa l’85% dei ricoveri ospedalieri e dei morti».

 

Nonostante le sue eminenti qualifiche, YouTube ha ritirato una presentazione che ha tenuto sul sito, mentre altre piattaforme a hanno attivamente soppresso praticamente tutte le informazioni relative al trattamento precoce dei pazienti.

 

«Quindi, quello che avevamo scoperto era che la soppressione del trattamento precoce era strettamente legata allo sviluppo di un vaccino», ha spiegato McCullough. «E l’intero programma della Fase I del bioterrorismo… era incentrato sul mantenere la popolazione nella paura e nell’isolamento e prepararla ad accettare il vaccino che sembra essere la Fase II di un’operazione di bioterrorismo».

 

«Ogni singola cosa che è stata fatta nella risposta della salute pubblica alla pandemia ha peggiorato le cose», ha detto.

Mentre sottolinea, «sappiamo che questa è la Fase II di un’operazione di bioterrorismo», anche se «non sappiamo chi c’è dietro», è chiaro che «vogliono un ago in ogni braccio per iniettare RNA messaggero o DNA adenovirale in ogni essere umano».

 

Per combattere questa agenda, McCullough ha affermato:

 

«Il nostro obiettivo è ottenere un grande gruppo di persone … che non possano vaccinare». Tali gruppi dovrebbero includere le alte percentuali di individui che si sono già ripresi da COVID-19 (almeno l’ 80% in Texas, ad esempio) e quindi godono di un’immunità naturale, o sono semplicemente «sospetti guariti dal COVID».

 

«E l’intero programma della Fase I del bioterrorismo… era incentrato sul mantenere la popolazione nella paura e nell’isolamento e prepararla ad accettare il vaccino che sembra essere la Fase II di un’operazione di bioterrorismo»

Altri includerebbero bambini per i quali il COVID-19 è un rischio irrilevante, sebbene il vaccino sperimentale rimanga una minaccia significativa , insieme alle donne in gravidanza e altro ancora.

 

«Vogliamo un grande blocco [di persone]», ha spiegato. «Se riusciamo a rompere l’ “ago in ogni braccio” , allora penso che il suo scopo verrà scoperto».

 

Per quanto riguarda la fine delle campagne sperimentali di vaccinazione contro il COVID-19 contro i bambini, ha spiegato, «oggi abbiamo 800 casi di giovani che sviluppano miocardite, o infiammazione del cuore. E poiché sono un cardiologo, ho una posizione di autorità clinica qui, e lo dirò perché non c’è alcun beneficio clinico nei giovani a fareil vaccino; anche un caso è troppo».

«Sappiamo che questa è la Fase II di un’operazione di bioterrorismo», anche se «non sappiamo chi c’è dietro», è chiaro che «vogliono un ago in ogni braccio per iniettare RNA messaggero o DNA adenovirale in ogni essere umano»

 

Questa è «la più grande applicazione di un prodotto biologico con la maggior quantità di morbilità e mortalità nella storia del nostro Paese», ha affermato. E l’11 giugno, il professore di medicina del Texas A&M ha spiegato che il numero attuale di decessi segnalati negli Stati Uniti era “oltre 5.000” con «15.000 ricoveri».

Nell’osservare altri dati, McCullough teme anche la possibilità che queste nuove iniezioni sperimentali di terapia genica possano favorire il cancro e portare all’infertilità nei giovani. «Ho molta paura, in base a ciò che abbiamo appreso, solo dalle prime iniezioni, che interagiscono con p53 e BRCA [gene del cancro al seno], che alla fine potrebbero portare al cancro. Potrebbero portare a tumori».

 

Inoltre, ha spiegato, «i giapponesi ci hanno già mostrato che le particelle lipidiche si concentrano nelle ovaie. Potrebbero essere sterilizzanti? Se hai detto che questo è tutto un programma della Fondazione Gates per ridurre la popolazione, si adatta abbastanza bene a quell’ipotesi».

«La più grande applicazione di un prodotto biologico con la maggior quantità di morbilità e mortalità nella storia del nostro Paese»

 

«La prima ondata è stata quella di uccidere gli anziani a causa dell’infezione respiratoria. La seconda ondata è prendere i sopravvissuti, prendere di mira i giovani e sterilizzarli. Se noti, il messaggio nel paese, negli Stati Uniti, è che ora non sono nemmeno interessati agli anziani. Vogliono i bambini…. Una tale attenzione per i bambini», ha sottolineato McCullough.

McCullough ha spiegato anche perché solo i trattamenti precoci possono ridurre i ricoveri e i decessi, mentre rimane «matematicamente impossibile» per le campagne di vaccinazione fare lo stesso.

 

Inoltre, le molte università USA che richiedono la vaccinazione sperimentale COVID-19 per i loro studenti stanno tentando di farlo oltre a una politica scritta, necessaria per le agenzie di accreditamento.

«I giapponesi ci hanno già mostrato che le particelle lipidiche si concentrano nelle ovaie. Potrebbero essere sterilizzanti? Se hai detto che questo è tutto un programma della Fondazione Gates per ridurre la popolazione, si adatta abbastanza bene a quell’ipotesi»

 

«Non ci sono state politiche firmate perché sanno che non possono scrivere una politica che imponga un vaccino sperimentale. Non puoi avere una politica che costringa le persone alla ricerca», ha spiegato McCullough. «Quindi, se un’istituzione, un ospedale o un’università richiedono il vaccino senza una politica, per definizione, si tratta di molestie o intimidazioni».

Durante l’intervista, il cardiologo ha anche evidenziato molte vittorie ottenute da lui stesso e dai suoi colleghi, incluso il loro lavoro con l’AAPS (Associazione dei medici e chirurghi americani), nella creazione di una guida per il paziente a domicilio e nell’organizzazione degli Stati Uniti in quattro diversi servizi di telemedicina.

 

«Quindi, senza che il governo capisse davvero cosa stava succedendo, abbiamo schiacciato la curva dell’epidemia negli Stati Uniti verso la fine di dicembre e gennaio. Praticamente ci siamo presi cura della pandemia con circa 50 medici e servizi di telemedicina», ha spiegato. «E, fino ad oggi, trattiamo circa il 25% della popolazione statunitense COVID-19 che è effettivamente ad alto rischio, di età superiore ai 50 anni con problemi medici o presenta sintomi gravi».

«La prima ondata è stata quella di uccidere gli anziani a causa dell’infezione respiratoria. La seconda ondata è prendere i sopravvissuti, prendere di mira i giovani e sterilizzarli. Se noti, il messaggio nel paese, negli Stati Uniti, è che ora non sono nemmeno interessati agli anziani. Vogliono i bambini…»

 

Le loro campagne sperimentali di sensibilizzazione sul vaccino contro il COVID-19 hanno contribuito a determinare il continuo calo dei tassi di vaccinazione dall’8 aprile, con i promotori del governo «diventati disperati nel cercare di convincere le persone a fare il vaccino».

 

«Sono in Texas, dove non abbiamo mai subito il lockdown. Ero un forte sostenitore del fatto che rimanessimo aperti. Avevamo 35 medici curanti disposti ad andare contro i loro centri medici e curare i pazienti. Siamo stati in grado di convincere il nostro governatore ad emettere un ordine esecutivo che riconosce l’immunità naturale, vietando eventuali vaccini obbligatori da parte delle agenzie pubbliche, vietando i passaporti per i vaccini e [e] vietando qualsiasi discriminazione sui passaporti», ha spiegato.