Il vaccino COVID di Pfizer può innescare il virus dell’herpes zoster: studio

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

I ricercatori che hanno seguito sei pazienti che hanno sviluppato un’infezione da herpes zoster entro tre o 14 giorni dalla ricezione del vaccino Pfizer hanno affermato che il rischio aumenta tra le persone con malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni.

 

 

 

Un recente studio pubblicato sulla rivista Rheumatology ha scoperto che sei donne su 491 pazienti hanno sviluppato un’eruzione cutanea nota come infezione da herpes zoster (HZ) – o fuoco di Sant’Antonio – fra tre e 14 giorni dalla ricezione della prima o della seconda dose del vaccino COVID di Pfizer.

Un recente studio pubblicato sulla rivista Rheumatology ha scoperto che sei donne su 491 pazienti hanno sviluppato un’eruzione cutanea nota come infezione da herpes zoster (HZ) – o fuoco di Sant’Antonio – fra tre e 14 giorni dalla ricezione della prima o della seconda dose del vaccino COVID di Pfizer

 

I ricercatori del Sourasky Medical Center di Tel Aviv e del Carmel Medical Center di Haifa hanno anche scoperto che il rischio di sviluppare un’infezione da HZ a seguito di un vaccino COVID aumenta tra le persone con malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni, ha riferito il Jerusalem Post.

 

Su 491 pazienti, sei persone – o l’1,2% – hanno avuto l’infezione, dicono i ricercatori. Cinque hanno sviluppato il fuoco di Sant’Antonio dopo la prima dose e uno dopo la seconda.

 

L’herpes zoster si verifica quando il virus della varicella zoster, che causa la varicella, viene riattivato dopo essere rimasto dormiente nei nervi cranici e spinali del corpo. Quindi viaggia lungo i nervi colpiti fino all’area della pelle servita da quei nervi, dove provoca una caratteristica eruzione cutanea a strisce su un lato del viso o del corpo.

 

L’herpes zoster è una condizione dolorosa e pruriginosa costituita da vesciche che si formano in sette o dieci giorni e richiedono da due a quattro settimane per risolversi completamente. La complicanza più comune è la nevralgia posterpetica: dolore ai nervi grave e debilitante che può richiedere mesi o anni per risolversi, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

 

L’herpes zoster si verifica quando il virus della varicella zoster, che causa la varicella, viene riattivato dopo essere rimasto dormiente nei nervi cranici e spinali del corpo. Quindi viaggia lungo i nervi colpiti fino all’area della pelle servita da quei nervi, dove provoca una caratteristica eruzione cutanea a strisce su un lato del viso o del corpo

La ricercatrice capo, la dott.ssa Victoria Furer, ha detto che cinque dei sei pazienti che hanno sviluppato HZ erano giovani, avevano casi lievi di malattia autoimmune e stavano assumendo pochi farmaci per questo, il che significa che non avrebbero avuto un rischio maggiore di sviluppare l’infezione. L’HZ tende a svilupparsi di più nelle persone di età superiore ai 50 anni.

 

«Questo è il motivo per cui ne abbiamo parlato», ha detto Furer.

 

Furer ha affermato che da quando il suo articolo a revisione paritaria è stato pubblicato il 12 aprile, ha ricevuto e-mail da pazienti di tutto il mondo che hanno sviluppato HZ dopo il vaccino. «Sembra che il motivo sia che esista qualche associazione», ha detto al Jerusalem Post.

 

«Non possiamo affermare che il vaccino è la causa a questo punto», ha detto Furer. «Possiamo dire che potrebbe essere un fattore scatenante in alcuni pazienti». Ha detto che sarebbero necessarie ulteriori ricerche, incluso uno studio epidemiologico più ampio, per dimostrare causa ed effetto.

 

 

«Sembra che il motivo sia che esista qualche associazione»

Gli esperti statunitensi hanno respinto il collegamento vaccino-fuoco di Sant’Antonio a febbraio

All’inizio di febbraio, Google Trends ha mostrato che il termine di ricerca «fuoco di Sant’Antonio» ha raggiunto la massima popolarità quando una bacheca di Reddit è diventata virale tra i giovani utenti che condividono storie sullo sviluppo di  fuoco di Sant ‘Antonio dopo aver ricevuto un vaccino COVID.

 

Un ragazzo di 27 anni ha sviluppato l’herpes zoster due settimane e mezzo dopo aver ricevuto il primo vaccino COVID. «Qualcun altro ha avuto un’esperienza simile?» la persona ha chiesto nel post. «Il mio dottore ha detto che ci sono casi simili al mio».

 

Un altro utente ha risposto che probabilmente non si trattava di una coincidenza e che è possibile risvegliare un caso di herpes zoster dopo un vaccino. Ma gli specialisti in malattie infettive non erano d’accordo.

 

Secondo il Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) del CDC, 293 casi di infezione da HZ sono stati segnalati in persone che hanno ricevuto vaccini COVID, con quasi il 30% dei casi che si sono verificati in persone di età compresa tra 17 e 44 anni –  un gruppo demografico che non è compreso nella fascia di età a rischio per l’herpes zoster

«Non ci sono prove scientifiche di questa [associazione]», ha detto il dottor Aaron Glatt, capo delle malattie infettive al Mount Sinai South Nassau a Oceanside, New York, e portavoce della Infectious Diseases Society of America (IDSA).

 

Il dottor William Schaffner, professore di medicina presso il Vanderbilt University Medical Center e portavoce dell’IDSA, ha convenuto che non c’erano prove di un legame tra l’herpes zoster e il vaccino COVID.

 

«Oltre alle persone che hanno avuto gravi reazioni allergiche precedenti, ad oggi non sono stati trovati altri eventi medici che superano il normale tasso di fondo di quegli eventi nella comunità», ha detto Schaffner, citando i dati del CDC.

 

Entrambi i medici hanno affermato di non essere sorpresi dalla comparsa di casi di herpes zoster, ma hanno spiegato che era dovuto al fatto che l’herpes zoster si verificava in un adulto su tre, per lo più anziani.

 

«Quasi 1 persona su 3 negli Stati Uniti svilupperà l’herpes zoster nel corso della vita», ha detto Glatt. «Con milioni di americani più anziani che ricevono il loro vaccino COVID, il rischio di contrarre l’herpes zoster aumenta con l’età».

 

Secondo gli esperti e l’autore principale dello studio, la soluzione non è rinunciare al vaccino COVID, ma fare il vaccino contro l’herpes zoster, un vaccino vivo attenuato associato a un rischio di effetti collaterali, tra cui sindromedi Guillain-Barré, fuoco di Sant’Antonio, encefalomielite acuta disseminata, mielite trasversa, meningite, paralisi facciale,  problemi di vista e altre lesioni

«Le cose accadono, in particolare con gli adulti più anziani», ha detto Schaffner. «Dobbiamo identificare eventi medici che potrebbero essere causali per coincidenza. Finora non abbiamo registrato altri eventi oltre alle reazioni allergiche [legate al vaccino]».

 

Ma secondo il Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) del CDC, 293 casi di infezione da HZ sono stati segnalati in persone che hanno ricevuto vaccini COVID, con quasi il 30% dei casi che si sono verificati in persone di età compresa tra 17 e 44 anni –  un gruppo demografico che non è compreso nella fascia di età a rischio per l’herpes zoster. Solo l’11% dei casi si è verificato in persone di età superiore ai 65 anni.

 

I dati VAERS sono coerenti con i risultati dello studio di Rheumatology, che ha mostrato che cinque dei sei pazienti che hanno sviluppato HZ erano giovani.

 

Secondo gli esperti e l’autore principale dello studio, la soluzione non è rinunciare al vaccino COVID, ma fare il vaccino contro l’herpes zoster, un vaccino vivo attenuato associato a un rischio di effetti collaterali, tra cui sindromedi Guillain-Barréfuoco di Sant’Antonioencefalomielite acuta disseminata, mielite trasversameningite, paralisi facciale,  problemi di vista e altre lesioni.

 

 

Megan Redshaw

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

 

© 22 aprile 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.