Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Francia, vietano la processione contro la peste che si tiene dal 1340. La festa della musica però si può fare.

Pubblicato

il

 

 

 

 

 

Per la prima volta dal XIV secolo, una processione cattolica che si tiene ogni anno alla vigilia della festa di San Giovanni Battista nella città di Tulle è stata ufficialmente vietata dalle autorità civili, con il pretesto delle regole per il COVID-19.

 

Per la prima volta dal XIV secolo, una processione cattolica che si tiene ogni anno a  Tulle è stata ufficialmente vietata dalle autorità civili con il pretesto delle regole per il COVID-19

I residenti locali sono rimasti scioccati e sorpresi nell’apprendere, poche ore prima che si svolgesse la tradizionale processione religiose , che il prefetto locale aveva deciso di non permettere che andasse avanti.

 

La Lunade, una tradizionale processione di preghiera francese, prevede un pellegrinaggio di 6 km con una statua secolare di San Giovanni Battista. La processione si svolge al calar della notte, quando la luna  diventa visibile, per la prima volta avvenne intorno al 1340 o 1348, quando Tulle, una città di 6.000 anime che era stata occupata circa 10 anni prima dagli inglesi, soffriva per la carestia, per la pestilenza e per la «grande mortalità».

La processione si svolge al calar della notte, quando la luna  diventa visibile, per la prima volta avvenne intorno al 1340 o 1348, quando Tulle, una città di 6.000 anime che era stata occupata circa 10 anni prima dagli inglesi, soffriva per la carestia, per la pestilenza e per la «grande mortalità»

 

Secondo la tradizione orale, un monaco della diocesi di Tulle stava pregando nella cattedrale per la città che stava attraversando queste immense difficoltà, quando ricevette una visione di San Giovanni Battista che gli chiedeva di organizzare una marcia intorno alla città che avrebbe allontanato la peste.

 

La processione ebbe luogo debitamente e secondo la tradizione locale, la città fu liberata dalla peste.

 

Da allora, ogni 23 giugno è segnato dalla processione di 6 km tra le colline che confinano con Tulle, durante la quale i parrocchiani portano la stessa statua di quella che ha salvato la città più di 670 anni fa: una statua annerita dal tempo, vestita di velluto rosso vesti e ornato con un giglio bianco.

Secondo la tradizione orale, un monaco della diocesi di Tulle stava pregando nella cattedrale  quando ricevette una visione di San Giovanni Battista che gli chiedeva di organizzare una marcia intorno alla città che avrebbe allontanato la peste

 

La processione ebbe luogo ininterrottamente, anche durante la Rivoluzione francese e gli anni del Terrore, durante i governi francesi del secolarismo più spinto e durante le due guerre mondiali.

 

Oggi circa 50 persone si presentano per l’inizio della processione sul portico della cattedrale dopo le la Messa delle 18:30, altri si uniscono lungo il percorso in «stazioni» segnate da croci lungo il percorso tradizionale. Quando la processione ritorna nella cattedrale sono presenti dai 300 ai 500 fedeli, il che non è poco per una provincia scarsamente popolata come la Corrèze, di cui Tulle è la capitale religiosa e amministrativa.

 

La processione ebbe luogo ininterrottamente, anche durante la Rivoluzione francese e gli anni del Terrore, durante i governi francesi del secolarismo più spinto e durante le due guerre mondiali

Quest’anno la processione della Lunade doveva essere piuttosto diversa, anche se avrebbe dovuto avvenire con tutti i soliti partecipanti, informa Lifesitenews.

 

Al fine di seguire le raccomandazioni contro la diffusione del coronavirus di Wuhan, il clero locale aveva preso tutte le precauzioni: i fedeli avrebbero marciato in piccoli gruppi di 10 persone, anche le consuete soste sarebbero state organizzate in modo da evitare raduni di più delle 10 persone approvate in base alle attuali misure in Francia. Non più di 200 persone sarebbero state ammesse nella cattedrale e tutto sarebbe stato richiesto di indossare maschere all’inizio della processione.

I fedeli sono rimasti assai sorpresi nell’apprendere che il prefetto di Corrèze aveva preso una decisione dell’ultimo minuto per vietare che Lunade si svolgesse.

 

I fedeli sono rimasti quindi assai sorpresi nell’apprendere martedì pomeriggio che il prefetto di Corrèze aveva preso una decisione dell’ultimo minuto per vietare che Lunade si svolgesse.

 

Il clero organizzatore ha diramato la notizia della cancellazione repentina. Ciononostante, molti che non  si sono radunati nella cattedrale e hanno espresso la loro rabbia. «Sono inorridita, sconvolta, questo è inaccettabile», ha detto una parrocchiana, Marie, citata dal quotidiano La Montagne.

 

Il principale organizzatore, Padre Risso, ha commentato di aver preso atto della decisione, tuttavia ha anche spiegato che lui e un piccolo gruppo di non più di sei persone avrebbero portato la statua di San Giovanni tra le colline di Tulle, mentre i normali pellegrini si riunivano nella cattedrale per seguire la processione «virtualmente».

 

Alcuni fedeli hanno quindi sfidato la legge e seguito l’embrione della processione proibita a distanza

Alcuni fedeli hanno quindi sfidato la legge e seguito l’embrione della processione proibita a distanza.

 

La Lunade era già stata attaccata in passato. Vi furono leggi anticristiane nel 1789, primo anno della rivoluzione francese, e nel 1837, contro le marce cattoliche. Un primo tentativo di bloccare la Lunade era fallito nel 1881 quando le autorità della chiesa bloccarono con successo un ordine locale attraverso appelli giudiziari. Ma nel 1896, i secolaristi ripresero i loro atti anticristiani, e saccheggiarono la cattedrale. Un gruppo di fedeli, composto per lo più da giardinieri, riuscì a trafugare la statua di San Giovanni Battista per salvarla dalla distruzione istigata dai massoni che si erano impadroniti della Francia.

 

La persecuzione cattolica, nel 2020, è più sottile. E il Coronavirus dà, ovviamente, una grande mano

«Quando sarà passata la peste massonica, più perniciosa della pestilenza nel XIV secolo, sarete in grado, con un profondo sospiro di sollievo, di poter celebrare per la seconda volta la Liberazione della città di Tulle» disse il vescovo Denéchau quella fatidica vigilia del 23 giugno 1896.

 

La persecuzione cattolica, nel 2020, è più sottile. E il Coronavirus dà, ovviamente, una grande mano.

 

Il rito cattolico può essere impedito, i concerti no. La «Festa della musica» che si tiene in Francia ogni anno il 21 giugno, creando miriadi concerti pubblici all’aperto, quest’anno è stata autorizzata a Tulle. Una dozzina di gruppi musicali suonarono in diverse parti della città, offrendo concerti di 15 minuti ogni mezz’ora, a cui le persone potevano unirsi in piccoli gruppi che in pratica superavano sempre le 10 persone.

Il popolo dei fedeli di Tulle è indignato dal fatto che la processione non abbia potuto aver luogo mentre la Fête de la Musique sia stata invece autorizzata e incoraggiata dalle autorità civili locali

 

Il popolo dei fedeli di Tulle è indignato dal fatto che la processione non abbia potuto aver luogo mentre la Fête de la Musique sia stata invece autorizzata e incoraggiata dalle autorità civili locali – specialmente quando le infezioni COVID-19 non venivano più contate nella zona di Corrèze.

 

Non solo musica: le processioni si possono vietare, le proteste di Black Lives Matter no. Migliaia di persone si sono unite alle marce in solidarietà con la rivolta pseudorazziale americana nelle più grandi città della Francia nelle ultime settimane.

 

L’«emozione» vale  più della legge, il piacere vale più della logica, lo sfogo vale più del sacrificio di sé, l’opportunismo politico vale più di decenni di tradizione, e i concertini rock valgono più di una religione millenaria e delle memorie dei suoi fedeli

Il ministro degli interni francese, Christophe Castaner, ha dichiarato il 9 giugno che anche se era ancora in vigore il divieto ufficiale di manifestazioni pubbliche  non ci sarebbero stati «nessuna sanzione e nessun procedimento».

 

«Credo che l’emozione mondiale, che è una sana emozione riguardo a questo problema, vada oltre le norme legali applicabili», ha spiegato il ministro di Macron, fornendo un disegno perfetto del mondo moderno: l’«emozione» vale  più della legge, il piacere vale più della logica, lo sfogo vale più del sacrificio di sé, l’opportunismo politico vale più di decenni di tradizione, e i concertini rock valgono più di una religione millenaria e delle memorie dei suoi fedeli.

 

A causa del Codice Penale italiano, una simile situazione non dovrebbe – in teoria – poter accadere. In Italia chi organizza una processione religiosa non deve chiedere autorizzazione, si deve limitare a indicarne il come e il dove alle autorità per tempo. Che il Coronavirus, cavillo o no, possa permettere la potere di toglierci anche questa libertà è tuttavia estremamente probabile.

Renovatio 21 sta pensando ad una processione per questo autunno. Per tempo vi faremo sapere dove e quando

 

Non ve lo nascondiamo: Renovatio 21 sta pensando ad una processione per questo autunno, da svolgersi nelle zone dove il COVID-19 ha portato la sua forza devastatrice; conosciamo la materia, i fondatori di Renovatio 21 hanno già organizzato altre processioni in varie città d’Italia – la cosa richiede tempo e cura, ma siamo intenzionati a farlo. Per tempo vi faremo sapere dove e quando.

 

 

 

 

 

Immagine dal profilo FB di padre Nicolas Risso.

Continua a leggere

Epidemie

Balle sui tamponi? Quanti lavoratori sono senza green pass?

Pubblicato

il

Da

 

Si potrebbe avere l’idea che stiano prendendo in giro. Si potrebbe pensare che, sul serio, non abbiano nulla sotto controllo. 

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino.

 

Ma secondo i report del  Ministero della Salute pubblicati da Il Sole 24 Ore e da La Repubblica, da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000.

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino. Da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000

Quindi – se la matematica non è un’opinione – oggi 15 ottobre, circa  3 milioni di lavoratori non vaccinati sono andati al lavoro senza green pass  o non sono andati: perché non si sono nemmeno tamponati.

 

Questo nella migliore delle ipotesi: assumendo cioè che in Italia da mercoledì 13 abbiano fatto tamponi solo i lavoratori. Altrimenti i numeri scendono ulteriormente.



Sappiamo inoltre dai giornali che il 23% dei lavoratori in più della norma oggi si è messo in malattia. Non è certo una sfortunata coincidenza, si potrebbe pensare.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.

Ricordatevelo quando al TG – inevitabilmente – vi diranno che fila tutto liscio.

 

Vi stanno prendendo in giro.

 

Si contraddicono con gli stessi numeri che pubblicano sulle prime pagine.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.





Continua a leggere

Epidemie

COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Fauci

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Il 23 settembre 2021 The Intercept ha pubblicato una richiesta di sovvenzione, presentata nel 2018 da EcoHealth Alliance alla DARPA (Defence Advanced Research Projects Agency) (1), ove si legge che l’intento della società è creare in laboratorio un virus artificiale partendo dai coronavirus dei pipistrelli. (2)

 

L’ex consigliere economico del presidente Donald Trump, Peter Navarro, ha peraltro rivelato che EcoHealth Alliance è servita al dottor Anthony Fauci per dirottare denaro pubblico sul finanziamento di ricerche da svolgere nel laboratorio P4 di Wuhan perché illegali negli Stati Uniti.

 

Il direttore di EcoHealth Alliance, Peter Daszak, è il principale promotore della petizione, pubblicata da The Lancet (3), a sostegno del personale sanitario di Wuhan, ingiustamente accusato di essere responsabile dell’epidemia di COVID-19. Daszak è stato altresì membro della missione d’indagine dell’OMS a Wuhan.

 

Il 4 settembre 2021 Alex Jones (InfoWars) ha divulgato due estratti del video, diffuso a ottobre 2019 dalla rete pubblica statunitense CSPAN, di una tavola rotonda sulla creazione di un vaccino universale contro l’influenza (4).

 

Gli esperti vi discutono la necessità:

 

  • di modificare la procedura di autorizzazione dei vaccini contro l’influenza;
  • di cambiare modalità di produzione dei vaccini anti-inflluenzali, sostituendoli con sistemi a RNA messaggero


I partecipanti convengono sul fatto che l’industria farmaceutica non potrà fare il gran passo perché l’influenza non è malattia che faccia paura.

 

Durante la riunione il dottor Anthony Fauci dichiara, in sostanza, che per fare avanzare l’industria farmaceutica e l’umanità occorrerebbe uno choc, un’epidemia influenzale molto più mortale.

 

Anthony Fauci è dal 1984 direttore dell’Istituto Nazionale statunitense per le allergie e le malattie infettive (National Institute of Allergy and Infectious Diseases). È stato collaboratore del segretario alla Difesa Donald Rumsfeld, di cui nel 2004 ha appoggiato il progetto d’isolamento di persone sane.

 

È altresì membro di Alba Rossa (5), il gruppo che nel 2020, durante l’epidemia COVID, si è speso per l’applicazione del piano d’isolamento Rumsfeld.

 

È stato chiamato dal presidente Trump a dirigere la cellula di crisi COVID-19. Il presidente Joe Biden l’ha confermato nell’incarico.

 

 

NOTE

1) «Leaked Grant Proposal Details High-Risk Coronavirus Research», Sharon Lerner & Maia Hibbett, The Intercept, 23 settembre 2021.

5) «Il COVID-19 e l’Alba Rossa», di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 28 aprile 2020.

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Anthony Fauci», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 8 ottobre 2021.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Epidemie

Ospedali negheranno i trapianti ai non vaccinati in «quasi tutte le situazioni»

Pubblicato

il

Da

 

 

Un sistema sanitario con sede in Colorado afferma che sta negando i trapianti di organi ai pazienti non vaccinati contro il coronavirus in «quasi tutte le situazioni», citando studi che mostrano che questi pazienti hanno molte più probabilità di morire se contraggono il COVID-19.  Lo riporta il Washington Post

Il deputato repubblicano dello stato del Colorado Tim Geitner ha dichiarato che sarebbe stato negato un trapianto di rene a una donna di Colorado Springs perché non vaccinata. Definendo la decisione «disgustosa» e discriminatoria, Geitner ha condiviso una lettera che  il paziente avrebbe ricevuto la scorsa settimana dal centro trapianti.

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus. Se si fosse rifiutata di essere vaccinata, diceva, sarebbe stata rimossa dalla lista d’attesa.

 

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus

La paziente in attesa di trapianto ha dichiarato a 9News che «è stata costretta a prendere una decisione che non mi sento a mio agio a prendere in questo momento per poter vivere». L’obbligo vaccinale, quindi, ha trovato un nuovo strumento di coercizione

 

«La politica illustra i costi crescenti di non essere vaccinati e si addentra in un territorio profondamente controverso: l’uso dello stato di immunizzazione per decidere chi riceve cure mediche limitate» scrive il WaPo. Bello l’aggettivo: controverso. Traduciamolo: non ancora completamente passato per la Finestra di Overton.

 

Renovatio 21 si oppone alla trapianto di organi, specie da persone ritenute «clinicamente morte» ma il cui cuore batte ancora, altrimenti non sarebbe possibile espiantarne gli organi: la «donazione», cioè la predazione, avviene solo a cuor battente, basandosi sulla artificiosa nozione di «morte cerebrale» i cui criteri cambiano da Paese a Paese e da un anno all’altro. Come abbiamo scritto, è il concetto di «morte cerebrale» a rendere possibile l’industria dei trapianti, un grande business per medici, ospedali e farmaceutiche che guadagnano clienti a vita di  farmaci come gli antirigetto.

 

Pare che si tratti in questo caso, di una donazione di rene da vivente, volontaria. È stato riportato infatti che la paziente e il suo donatore di reni stanno cercando altre opzioni fuori dallo Stato, poiché non hanno trovato un ospedale del Colorado che eseguirà la procedura prima di essere immunizzati.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

Non ci stupiamo di questa storia di ordinaria follia biomedica. Essa mette in luce diverse questioni:

 

1) L’instaurazione dell’utilitarismo – cioè il calcolo del piacere individuale – come filosofia che guida lo Stato e la Sanità, e quindi decide la vita e la morte delle persone. La qualità della vita ha perfino una formula, si tende a prediligere nelle cure quindi chi avrà più anni di piacere dinanzi rispetto a chi invece potrà vivere meno.

 

2) Il sistema di allocazione delle risorse mediche – il problema del triage che abbiamo visto in azioni con gli intubati durante la prima ondata pandemica – ora è utilizzabile come ricatto vaccinale.

 

3) il sistema grottesco della predazione degli organi, come riportato da Renovatio 21, non si è fatto scrupolo di espiantare e trapiantare organi di positivi al COVID: per quanto vi possa sembrare allucinante è così. Anzi, si parlava, qualche mese fa, di un boom di disponibilità di organi umani grazie ai morti di COVID. Ora però la faccenda si complica: a quanto è dato di capire potrebbe essere obbligato al vaccino anche il «donatore».

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

Qui subentra il paradosso ulteriore che abbiamo visto con il plasma iperimmune: colui che ha contratto il coronavirus ed è guarito può donare il sangue per la plasmaferesi, mentre chi è vaccinato ha dei limiti: egli, secondo le linee guida pubblicate dall’ECDC, deve attendere 48 ore dal vaccino, mentre se «ha sviluppato sintomi dopo la somministrazione del vaccino anti-SARS-CoV-2 può essere accettato alla donazione dopo almeno 7 giorni dalla completa risoluzione dei sintomi».

 

Non abbiamo dubbi che l’idea di escludere dalle cure i non vaccinati trova il favore in una larga parte della popolazione – gli stessi che paragonano i resistenti alla siringa come animali parassiti, subumani da gettare in campi da concentramento o da prendere a cannonate. Tutte cose che sono state davvero dette nel discorso pubblico.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

 

 

Continua a leggere

Più popolari