Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Francia, vietano la processione contro la peste che si tiene dal 1340. La festa della musica però si può fare.

Pubblicato

il

 

 

 

 

 

Per la prima volta dal XIV secolo, una processione cattolica che si tiene ogni anno alla vigilia della festa di San Giovanni Battista nella città di Tulle è stata ufficialmente vietata dalle autorità civili, con il pretesto delle regole per il COVID-19.

 

Per la prima volta dal XIV secolo, una processione cattolica che si tiene ogni anno a  Tulle è stata ufficialmente vietata dalle autorità civili con il pretesto delle regole per il COVID-19

I residenti locali sono rimasti scioccati e sorpresi nell’apprendere, poche ore prima che si svolgesse la tradizionale processione religiose , che il prefetto locale aveva deciso di non permettere che andasse avanti.

 

La Lunade, una tradizionale processione di preghiera francese, prevede un pellegrinaggio di 6 km con una statua secolare di San Giovanni Battista. La processione si svolge al calar della notte, quando la luna  diventa visibile, per la prima volta avvenne intorno al 1340 o 1348, quando Tulle, una città di 6.000 anime che era stata occupata circa 10 anni prima dagli inglesi, soffriva per la carestia, per la pestilenza e per la «grande mortalità».

La processione si svolge al calar della notte, quando la luna  diventa visibile, per la prima volta avvenne intorno al 1340 o 1348, quando Tulle, una città di 6.000 anime che era stata occupata circa 10 anni prima dagli inglesi, soffriva per la carestia, per la pestilenza e per la «grande mortalità»

 

Secondo la tradizione orale, un monaco della diocesi di Tulle stava pregando nella cattedrale per la città che stava attraversando queste immense difficoltà, quando ricevette una visione di San Giovanni Battista che gli chiedeva di organizzare una marcia intorno alla città che avrebbe allontanato la peste.

 

La processione ebbe luogo debitamente e secondo la tradizione locale, la città fu liberata dalla peste.

 

Da allora, ogni 23 giugno è segnato dalla processione di 6 km tra le colline che confinano con Tulle, durante la quale i parrocchiani portano la stessa statua di quella che ha salvato la città più di 670 anni fa: una statua annerita dal tempo, vestita di velluto rosso vesti e ornato con un giglio bianco.

Secondo la tradizione orale, un monaco della diocesi di Tulle stava pregando nella cattedrale  quando ricevette una visione di San Giovanni Battista che gli chiedeva di organizzare una marcia intorno alla città che avrebbe allontanato la peste

 

La processione ebbe luogo ininterrottamente, anche durante la Rivoluzione francese e gli anni del Terrore, durante i governi francesi del secolarismo più spinto e durante le due guerre mondiali.

 

Oggi circa 50 persone si presentano per l’inizio della processione sul portico della cattedrale dopo le la Messa delle 18:30, altri si uniscono lungo il percorso in «stazioni» segnate da croci lungo il percorso tradizionale. Quando la processione ritorna nella cattedrale sono presenti dai 300 ai 500 fedeli, il che non è poco per una provincia scarsamente popolata come la Corrèze, di cui Tulle è la capitale religiosa e amministrativa.

 

La processione ebbe luogo ininterrottamente, anche durante la Rivoluzione francese e gli anni del Terrore, durante i governi francesi del secolarismo più spinto e durante le due guerre mondiali

Quest’anno la processione della Lunade doveva essere piuttosto diversa, anche se avrebbe dovuto avvenire con tutti i soliti partecipanti, informa Lifesitenews.

 

Al fine di seguire le raccomandazioni contro la diffusione del coronavirus di Wuhan, il clero locale aveva preso tutte le precauzioni: i fedeli avrebbero marciato in piccoli gruppi di 10 persone, anche le consuete soste sarebbero state organizzate in modo da evitare raduni di più delle 10 persone approvate in base alle attuali misure in Francia. Non più di 200 persone sarebbero state ammesse nella cattedrale e tutto sarebbe stato richiesto di indossare maschere all’inizio della processione.

I fedeli sono rimasti assai sorpresi nell’apprendere che il prefetto di Corrèze aveva preso una decisione dell’ultimo minuto per vietare che Lunade si svolgesse.

 

I fedeli sono rimasti quindi assai sorpresi nell’apprendere martedì pomeriggio che il prefetto di Corrèze aveva preso una decisione dell’ultimo minuto per vietare che Lunade si svolgesse.

 

Il clero organizzatore ha diramato la notizia della cancellazione repentina. Ciononostante, molti che non  si sono radunati nella cattedrale e hanno espresso la loro rabbia. «Sono inorridita, sconvolta, questo è inaccettabile», ha detto una parrocchiana, Marie, citata dal quotidiano La Montagne.

 

Il principale organizzatore, Padre Risso, ha commentato di aver preso atto della decisione, tuttavia ha anche spiegato che lui e un piccolo gruppo di non più di sei persone avrebbero portato la statua di San Giovanni tra le colline di Tulle, mentre i normali pellegrini si riunivano nella cattedrale per seguire la processione «virtualmente».

 

Alcuni fedeli hanno quindi sfidato la legge e seguito l’embrione della processione proibita a distanza

Alcuni fedeli hanno quindi sfidato la legge e seguito l’embrione della processione proibita a distanza.

 

La Lunade era già stata attaccata in passato. Vi furono leggi anticristiane nel 1789, primo anno della rivoluzione francese, e nel 1837, contro le marce cattoliche. Un primo tentativo di bloccare la Lunade era fallito nel 1881 quando le autorità della chiesa bloccarono con successo un ordine locale attraverso appelli giudiziari. Ma nel 1896, i secolaristi ripresero i loro atti anticristiani, e saccheggiarono la cattedrale. Un gruppo di fedeli, composto per lo più da giardinieri, riuscì a trafugare la statua di San Giovanni Battista per salvarla dalla distruzione istigata dai massoni che si erano impadroniti della Francia.

 

La persecuzione cattolica, nel 2020, è più sottile. E il Coronavirus dà, ovviamente, una grande mano

«Quando sarà passata la peste massonica, più perniciosa della pestilenza nel XIV secolo, sarete in grado, con un profondo sospiro di sollievo, di poter celebrare per la seconda volta la Liberazione della città di Tulle» disse il vescovo Denéchau quella fatidica vigilia del 23 giugno 1896.

 

La persecuzione cattolica, nel 2020, è più sottile. E il Coronavirus dà, ovviamente, una grande mano.

 

Il rito cattolico può essere impedito, i concerti no. La «Festa della musica» che si tiene in Francia ogni anno il 21 giugno, creando miriadi concerti pubblici all’aperto, quest’anno è stata autorizzata a Tulle. Una dozzina di gruppi musicali suonarono in diverse parti della città, offrendo concerti di 15 minuti ogni mezz’ora, a cui le persone potevano unirsi in piccoli gruppi che in pratica superavano sempre le 10 persone.

Il popolo dei fedeli di Tulle è indignato dal fatto che la processione non abbia potuto aver luogo mentre la Fête de la Musique sia stata invece autorizzata e incoraggiata dalle autorità civili locali

 

Il popolo dei fedeli di Tulle è indignato dal fatto che la processione non abbia potuto aver luogo mentre la Fête de la Musique sia stata invece autorizzata e incoraggiata dalle autorità civili locali – specialmente quando le infezioni COVID-19 non venivano più contate nella zona di Corrèze.

 

Non solo musica: le processioni si possono vietare, le proteste di Black Lives Matter no. Migliaia di persone si sono unite alle marce in solidarietà con la rivolta pseudorazziale americana nelle più grandi città della Francia nelle ultime settimane.

 

L’«emozione» vale  più della legge, il piacere vale più della logica, lo sfogo vale più del sacrificio di sé, l’opportunismo politico vale più di decenni di tradizione, e i concertini rock valgono più di una religione millenaria e delle memorie dei suoi fedeli

Il ministro degli interni francese, Christophe Castaner, ha dichiarato il 9 giugno che anche se era ancora in vigore il divieto ufficiale di manifestazioni pubbliche  non ci sarebbero stati «nessuna sanzione e nessun procedimento».

 

«Credo che l’emozione mondiale, che è una sana emozione riguardo a questo problema, vada oltre le norme legali applicabili», ha spiegato il ministro di Macron, fornendo un disegno perfetto del mondo moderno: l’«emozione» vale  più della legge, il piacere vale più della logica, lo sfogo vale più del sacrificio di sé, l’opportunismo politico vale più di decenni di tradizione, e i concertini rock valgono più di una religione millenaria e delle memorie dei suoi fedeli.

 

A causa del Codice Penale italiano, una simile situazione non dovrebbe – in teoria – poter accadere. In Italia chi organizza una processione religiosa non deve chiedere autorizzazione, si deve limitare a indicarne il come e il dove alle autorità per tempo. Che il Coronavirus, cavillo o no, possa permettere la potere di toglierci anche questa libertà è tuttavia estremamente probabile.

Renovatio 21 sta pensando ad una processione per questo autunno. Per tempo vi faremo sapere dove e quando

 

Non ve lo nascondiamo: Renovatio 21 sta pensando ad una processione per questo autunno, da svolgersi nelle zone dove il COVID-19 ha portato la sua forza devastatrice; conosciamo la materia, i fondatori di Renovatio 21 hanno già organizzato altre processioni in varie città d’Italia – la cosa richiede tempo e cura, ma siamo intenzionati a farlo. Per tempo vi faremo sapere dove e quando.

 

 

 

 

 

Immagine dal profilo FB di padre Nicolas Risso.

Continua a leggere

Epidemie

Epidemia da vaccino: il governo britannico ammette che il nuovo focolaio di poliomielite è «probabilmente» causato dal vaccino

Pubblicato

il

Da

Un nuovo focolaio del virus della poliomielite è stato identificato a Londra, in Inghilterra, per la prima volta dal 1984. Lo hanno riportato vari media.

 

Secondo l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA), una versione mutata del virus della poliomielite è stata rintracciata nel sistema fognario di Londra da aprile.

 

Sebbene nessun caso sia stato confermato e nessun individuo sia stato ricoverato in ospedale per paralisi, gli esperti affermano che trovare lo stesso patogeno nell’Est e nel Nord della capitale inglese segnala un focolaio.

 

Nonostante il governo del Regno Unito abbia ammesso che nessun caso è stato confermato, ha emesso un’emergenza nazionale.

 

I funzionari sanitari britannici stanno ora esortando i cittadini a controllare i registri vaccinali dei loro figli per assicurarsi che siano aggiornati.

 

«L’ultimo caso di poliomielite contratto in Gran Bretagna risale al 1984 e il Paese è stato dichiarato libero dalla poliomielite nel 2003. Prima dell’introduzione di un vaccino negli anni ’50, le epidemie avrebbero provocato la paralisi di migliaia di persone ogni anno e centinaia di deceduti» ha scritto il quotidiano Sun riporta»

Tuttavia, secondo l’UKHSA, sarebbe stato stato in primo luogo il vaccino antipolio orale a innescare l’epidemia.

 

L’agenzia ritiene che una persona del Pakistan, dell’Afghanistan o della Nigeria abbia rilasciato il virus attraverso le feci dopo essere stata vaccinata per via orale contro la poliomielite.

 

Un epidemiologo consulente presso l’UKHSA, la dottoressa Vanessa Saliba ha affermato che il rischio per il pubblico è basso e ha riconosciuto che il caso probabilmente deriva da un vaccino contro la poliomielite.

 

«Il poliovirus derivato dal vaccino è raro e il rischio per il pubblico in generale è estremamente basso», ha affermato. «Il poliovirus derivato dal vaccino ha il potenziale per diffondersi, in particolare nelle comunità in cui l’assorbimento del vaccino è inferiore».

 

« In rare occasioni può causare paralisi in persone che non sono completamente vaccinate , quindi se tu o tuo figlio non siete in regola con le vaccinazioni contro la poliomielite è importante contattare il vostro medico di famiglia per recuperare il ritardo o se non siete sicuri controllate il vostro rosso prenotare» ha aggiunto la dottoressa Saliba.

 

Ricapitolando, la narrativa dell’establishment è che il vaccino sta causando l’epidemia, quindi le persone devono fare il vaccino per proteggersi dall’epidemia indotta dallo stesso vaccino.

 

Non una grinza.

 

In un segmento di Sky News caricato su Twitter mercoledì, un analista ha dichiarato: ûÈ probabile che sia successo che qualcuno che ha viaggiato in uno di questi Paesi che è stato vaccinato contro la poliomielite è tornato e quel vaccino è diventato presente nelle loro feci e in qualche modo ha mutato e infettato altre persone».


 

Come riportato da Renovatio 21, nel novembre del 2019, i media globali e la stessa OMS hanno ammesso che i focolai poliomielite indotta da vaccini, con casi più numerosi di quelli da poliomielite selvaggia.

 

Della diffusione della polio da vaccino, quando si vantava l’eradicazione della polio selvaggia, è stata accusata la campagna vaccinale africana di Bill Gates.

 

Il problema epidemiologico causato dal vaccino è tale che tra il 2019 e il 2020 è stata istituita una «Strategia per la risposta al poliovirus derivato da vaccino circolate di tipo 2020-202)» ad opera dell’Iniziativa Globale per l’Eradicazione della Polio (GPEI). Della situazione ha dato notizia anche il ministero della Salute italiano.

 

Children’s Health Defense, il gruppo di Robert F. Kennedy jr., ha pubblicata dettagliate analisi mettendo in questione anche il sistema di diagnosi, che forse mascheravano la vera entità del problema.

 

Su un altro versante, c’è da ricordare come sia stato detto che le campagne di vaccino antipolio in India abbiano provocato 490 mila casi di paralisi.

 

Il vaccino polio ha una storia piuttosto controversa. Invitiamo il lettore a leggerla nell’articolo sul tema pubblicato due anni fa da Renovatio 21.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Focolaio di vaiolo delle scimmie a Los Angeles dopo il Gay Pride

Pubblicato

il

Da

Los Angeles registra 22 casi di vaiolo delle scimmie dopo gli eventi legati al Pride Month, poiché i funzionari sanitari affermano che l’epidemia è dilagante tra la comunità gay. Lo riporta il Daily Mail.

 

«Chiunque può contrarre e diffondere il vaiolo delle scimmie, ma alcuni dei recenti casi identificati sono stati tra gay, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini che hanno partecipato a grandi eventi in cui potrebbe essersi verificata l’esposizione al vaiolo delle scimmie», ha affermato il Dipartimento della Salute Pubblica di Los Angeles e in un comunicato.

 

L’avvertimento arriva dopo un mese di celebrazioni del Pride in città che includevano l’evento intitolato Pride in the Park l’11 giugno, un concerto che ha attirato oltre 20.000 persone e includeva un’esibizione della cantante ex-Disney Christina Aguilera e la parata omosessuale per la città avvenuta il 12 giugno.

 

Secondo il Los Angeles Times, migliaia di persone hanno affollato le strade della città per celebrare il ritorno della sfilata dopo una pausa di due anni a causa del lockdown COVID-19.

 

Al 2 giugno, c’erano solo tre casi di vaiolo delle scimmie in tutta la California, aveva detto allora NBC News.

 

Ora ci sarebbero 51 casi di vaiolo delle scimmie segnalati in tutto lo Stato e 199 casi a livello di tutti gli USA, secondo l’ente di controllo epidemiologico americano CDC.

 

Los Angeles si è affrettata ad offrire un vaccino chiamato JYNNEOS agli «individui a più alto rischio di vaiolo delle scimmie». Il JYNNEOS è stato approvato per la prima volta dall’ente regolatorio FDA nel 2019.

 

A New York, epicentro delle celebrazioni del mese dell’orgoglio omosessuale, si sono registrati 35 casi

 

«La maggior parte dei primi casi negli Stati Uniti riguardava persone appena tornate da un viaggio all’estero. Ma la malattia si è diffusa rapidamente, soprattutto tra i gay» scrive il Daily Mail.

 

«In tutto il mondo, i funzionari sanitari hanno già avvertito che c’è un picco nei casi di vaiolo delle scimmie nelle comunità maschili gay e bisessuali».

 

«Il vaiolo delle scimmie, originario dell’Africa occidentale, è stato rilevato più di 3.000 volte in 40 paesi dove quest’anno non si trova in genere» nota la testata londinese.

 

Circa due settimane fa, la sanità britannica aveva dichiarato che il 99% dei casi di monkeypox avvenivano tra uomini gay.

 

Un funzionario dell’OMS ha dichiarato che nonostante tutto i festeggiamenti omosessualisti devono continuare. Andy Seale, un consulente strategico del Dipartimento dell’OMS per i programmi globali di HIV, epatite e infezioni sessualmente trasmissibili, ha poi aggiunto che le marce LGBT sarebbero «adatte alle famiglie». Abbiamo visto…

 

L’ente mondialista della Sanità ha poi promesso, per rimuovere qualsiasi eventuale stigma razzista, di cambiare il nome al vaiolo delle scimmie.

 

Come riportato da Renovatio 21, il CDC ha comunicato che sarebbe in corso tra i gay della Florida anche un’epidemia di meningococco, considerata una delle peggiori della storia USA.

 

 

 

 

Immagine di DV ROSS via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

L’epidemia di meningococco tra i gay in Florida è una delle peggiori nella storia degli USA: CDC

Pubblicato

il

Da

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sta indagando su uno dei peggiori focolai di meningococco tra uomini gay e bisessuali nella storia degli Stati Uniti, secondo un recente comunicato stampa. Lo riporta Fox News.

 

Le autorità stanno correndo ai ripari chiedendo ai partecipanti delle sfilate per l’orgoglio omosessuale di vaccinarsi quanto prima.

 

«A causa dell’epidemia in Florida e del numero di eventi Pride che si terranno in tutto lo stato nelle prossime settimane, è importante che gli uomini gay e bisessuali che vivono in Florida vengano vaccinati e coloro che si recano in Florida parlino con il proprio medico per ottenere un Vaccino MenACWY»  ha affermato il dott. José R. Romero, direttore del Centro nazionale per l’immunizzazione e le malattie respiratorie.

 

L’agenzia sanitaria ha riportato almeno 24 casi e 6 decessi tra uomini gay e bisessuali legati a questa malattia, con circa la metà dei casi di focolaio tra uomini ispanici.

 

I casi relativi all’attuale focolaio sono la maggior parte tra coloro che vivono nello Stato della Florida , ma hanno anche colpito alcuni che si sono recati nello Stato.

 

I sintomi tipici della meningite possono iniziare come sintomi simil-influenzali che progrediscono rapidamente in febbre, mal di testa e torcicollo poiché i batteri infettano il rivestimento protettivo del cervello e del midollo spinale.

 

La setticemia meningococcica, nota anche come meningococco, provoca sanguinamento nella pelle e in altri organi mentre i batteri si moltiplicano e distruggono le pareti dei vasi sanguigni, il che spesso porta a un’eruzione cutanea violacea nelle fasi successive della malattia.

 

I sintomi della setticemia includono anche affaticamento, vomito, diarrea, estremità fredde, respiro rapido e forti dolori muscolari, articolari, toracici o addominali.

 

Si tratta di un’ulteriore brutta notizia epidemiologica per la comunità omosessuale mondiale, già accostata da istituzioni sanitarie ai casi di vaiolo delle scimmie scoppiati di recente., dove gli omosessuali, ha dichiarato la Sanità britannica, rappresenterebbero ora il 99% dei casi.

 

L’OMS sta tuttavia prendendo provvedimenti contro lo stigma del vaiolo delle scimmie: l’ente sanitario mondialista si appresta a cambiare il nome della malattia, una mossa che certamente aiuterà a sconfiggerla subito.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari