Alimentazione

Patate modificate geneticamente con geni per il grasso umano

Pubblicato

il

 

 

Un team di scienziati inserito un gene umano correlato all’obesità nelle patate per avere raccolti più corposi.

 

La potenziale crescita fuori misura dei tuberi si ha grazie all’inserzione del gene umano che codifica una proteina regolatrice del grasso chiamata FTO, un gene che sostanzialmente altera il codice genetico per produrre rapidamente proteine in serie.

 

Ciò ha fatto sì che piante di patate altrimenti identiche facessero crescere raccolti del 50% più grandi, come ci dice la Smithsonian Magazine

 

Coltivando più cibo senza occupare più spazio per l’agricoltura, gli scienziati affermano che il loro lavoro potrebbe aiutare a combattere la fame nel mondo, senza aumentare il suo impatto sul clima che oramai è la nuova parola d’ordine di questo secolo e deve essere portata avanti a tutti i costi, financo negando le evidenze.

 

Tornando a bomba, cioè alla patata, il chimico dell’Università di Chicago, Chuan He, coautore di un articolo pubblicato su Nature Biotechnology, ha dichiarato a Smithsonian che si tratta «davvero un’idea audace e bizzarra e a essere onesti, probabilmente ci aspettavamo alcuni effetti catastrofici».

Sappiamo che le «modificazioni» sono oramai un fenomeno inarrestabile, tanto che vengono modificati animali e bestiame per poi, inevitabilmente, poter passare all’uomo

 

Il professor Chuan He ha inoltre spiegato al magazine che le piante non hanno una proteina paragonabile a l’FTO e che la crescita è mantenuta e regolata da un’ampia varietà di geni. Quindi, quando arriva l’FTO, non c’è un sistema genetico in atto per tenerlo sotto controllo.

 

«[FTO] entra e non ci sono restrizioni e può accedere», ha detto nella pubblicazione. «È una bomba».

 

Tuttavia, è stata una piacevole sorpresa per gli scienziati quando quegli effetti hanno finito per essere «patate più grandi» invece di «piante di patate morte».

 

«Per ora, la ricerca è in una fase troppo precoce per aspettarci che queste patate geneticamente modificate arrivino presto sugli scaffali dei nostri negozi di alimentari», scrive Futurism

 

Il team ha dichiarato sempre a Smithsonian di voler condurre vari studi sulla sicurezza e sulla replicazione per assicurarsi che la loro resa scioccante non fosse solo un’aberrazione. Tuttavia, sono incoraggiati da ciò che hanno trovato finora.

 

«Pensiamo che questa sia un’ottima strategia per progettare le nostre colture», ha detto il coautore dello studio e biologo chimico dell’Università di Pechino, Guifang Jia.

 

Sappiamo che le «modificazioni» sono oramai un fenomeno inarrestabile, tanto che vengono modificati animali e bestiame per poi, inevitabilmente, poter passare all’uomo.

 

 

 

Più popolari

Exit mobile version