Politica

All’ONU solo USA e Ucraina votano contro la risoluzione che condanna il nazismo

Pubblicato

il

Lo scorso 16 dicembre, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato a stragrande maggioranza una risoluzione sponsorizzata dalla Russia «Combattere la glorificazione del nazismo, del neonazismo e di altre pratiche che contribuiscono ad alimentare forme contemporanee di razzismo, discriminazione razziale, xenofobia e intolleranza correlata».

 

Solo gli Stati Uniti e l’Ucraina hanno votato contro la risoluzione.

 

A differenza delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza, il voto negativo degli Stati Uniti non ha posto il veto alla risoluzione, che è stata approvata in modo schiacciante.

 

Una risoluzione sponsorizzata dalla Russia «Combattere la glorificazione del nazismo, del neonazismo e di altre pratiche che contribuiscono ad alimentare forme contemporanee di razzismo, discriminazione razziale, xenofobia e intolleranza correlata»

Su un totale di 193 paesi membri delle Nazioni Unite, 51 di questi, compresi tutti i 27 membri dell’Unione Europea, Gran Bretagna, Australia, Nuova Zelanda e Canada si sono astenuti dal voto sulla risoluzione delle Nazioni Unite, che invitava i membri a eliminare tutte le forme del razzismo e dei tentativi di glorificare il nazismo.

 

I Paesi in via di sviluppo del Sud del mondo hanno votato la risoluzione con un sostegno schiacciante.

 

La risoluzione esprimeva preoccupazione per qualsiasi forma di glorificazione del nazismo, tra cui l’erezione di monumenti e l’organizzazione di parate pubbliche in onore delle Waffen SS, unità di combattimento all’interno dell’esercito della Germania nazista, o dichiarandole movimenti di liberazione nazionale, tra le altre cose.

 

Per decenni la Russia ha messo in discussione il fatto che l’Ucraina e gli Stati baltici, l’Estonia, la Lituania e la Lettonia, onorino individui e organizzazioni affiliate alla Germania nazista durante la seconda guerra mondiale.

 

Solo gli Stati Uniti e l’Ucraina hanno votato contro la risoluzione

La risoluzione esorta inoltre gli Stati membri a eliminare tutte le forme di discriminazione con tutti i mezzi appropriati, compresa la legislazione, e afferma che la discriminazione basata su razza, etnia, religione o credo da parte di «neonazismo, islamofobia, cristianofobia e antisemitismo» danneggia non solo i gruppi oggetto di attacchi, ma la società in generale.

 

La risoluzione sottolinea inoltre che l’Assemblea generale delle Nazioni Unite è allarmata «per l’uso da parte di gruppi neonazisti, nonché di altri gruppi estremisti e individui che sposano ideologie dell’odio, delle tecnologie dell’informazione, di Internet e dei social media per reclutare nuovi membri, in particolare rivolti ai bambini. e i giovani, e per diffondere e amplificare i loro messaggi pieni di odio».

 

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite raccomanda di adottare «misure concrete appropriate … per prevenire il revisionismo nei confronti della Seconda Guerra Mondiale e la negazione dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra commessi durante la seconda guerra mondiale».

 

L’Ucraina e gli Stati Uniti, come ha affermato l’agenzia di Stato russa TASS, «tradizionalmente» hanno votato contro la risoluzione ogni anno quando si presenta.

 

 

 

Immagine di ВО Свобода via Wikimedia pubblicata su licenza Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)

Più popolari

Exit mobile version