Armi biologiche

La Russia convoca il Consiglio di Sicurezza ONU per presentare prove contro i biolabatori sostenuti dagli Stati Uniti in Ucraina

Pubblicato

il

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, su richiesta della Russia, si è riunito ieri per discutere la questione dei laboratori biologici sostenuti dagli Stati Uniti in Ucraina.

 

«Abbiamo convocato questa riunione perché durante l’operazione militare speciale russa in Ucraina, sono emersi alcuni fatti scioccanti: il regime di Kiev sta nascondendo urgentemente tracce di un programma biologico militare che Kiev ha attuato con il supporto del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti», ha affermato il rappresentante permanente russo all’ONU Vassily Nebenzia in una lunga dichiarazione al consiglio.

 

«Il Ministero della Difesa russo è entrato in possesso di documenti che confermano che l’Ucraina ha sviluppato una rete di almeno 30 laboratori biologici che ospitano esperimenti biologici estremamente pericolosi, volti a potenziare le proprietà patogene di peste, antrace, tularemia, colera e altre malattie letali con il aiuto della biologia sintetica. Questo lavoro è finanziato e supervisionato direttamente dalla Defense Threat Reduction Agency (DTRA) degli Stati Uniti, ad es. nell’interesse del Centro nazionale per l’intelligence medica del Pentagono».

 

Nebenzia ha continuato a riferire in modo molto dettagliato la struttura e il lavoro dei laboratori finanziati dagli Stati Uniti in Ucraina, sulla base dei documenti che i russi affermano di aver recuperato a seguito della loro operazione militare in Ucraina, tutti pubblicati dal ministero della Difesa russo in linea.

 

Il diplomatico di Mosca ha accusato gli Stati Uniti di studiare le possibilità di diffondere agenti patogeni pericolosi da parte di uccelli, pipistrelli, pulci e pidocchi.

 

«L’Ucraina ha una posizione geografica unica, dove si intersecano le rotte migratorie transcontinentali di potenziali portatori di malattie pericolose», ha affermato, sottolineando che gli uccelli etichettati e rilasciati dalla riserva naturale di Kherson, sono stati catturati nelle regioni di Ivanovo e Voronezh in Russia.

 

Nebenzia ha anche accusato che le riforme dirette dagli Stati Uniti del sistema sanitario ucraino hanno innescato focolai, tracciati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, di infezioni pericolose ed economicamente rilevanti in Ucraina.

 

«C’è un aumento del numero di casi di rosolia, difterite, tubercolosi», ha detto. «La frequenza del morbillo è aumentata di oltre 100 volte. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che l’Ucraina corre alti rischi di avere un’epidemia di poliomielite».

 

Nebenzia ha mostrato che i russi erano anche preparati per una risposta da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati «che diranno sicuramente che queste informazioni sono tutte false e propaganda russa», ha detto.

 

«Tuttavia, questo tipo di pio desiderio difficilmente aiuterà gli europei se l’Ucraina e i suoi Stati vicini dovessero avere focolai di malattie pericolose che si diffonderebbero successivamente oltre i loro confini. Questo rischio sembra piuttosto reale se prendiamo in considerazione il notevole interesse che i gruppi radicali e nazionalisti ucraini hanno nella ricerca di agenti patogeni pericolosi che è stata condotta in Ucraina nell’interesse del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti».

 

La pericolosità dei laboratori ucraini è stata ammessa dagli stessi USA nell’audizione al Senato USA del sottosegretario di Stato Victoria Nuland la scorsa settimana.

 

Il portavoce dell’esercito russo Igor Konashenkov ha inoltre dichiarato che «i documenti dimostrano che nei biolaboratori installati e finanziati in Ucraina sono stati condotti esperimenti con campioni di coronavirus di pipistrello».

 

Anche il portavoce del minstero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha chiesto un’ispezione ONU nei biolaboratori ucraini.

Più popolari

Exit mobile version