Genetica

La resurrezione del mammuth

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Il pensiero di vedere mammut lanosi che arrancano nella tundra siberiana è incredibilmente eccitante. E il genetista di Harvard George Church spera di renderlo realtà . Incassato con 15 milioni di dollari da un imprenditore di intelligenza artificiale, ha in programma di ricreare abbastanza ibridi elefante-mammut per proteggere il mutevole ecosistema siberiano.

 

Le difficoltà sono gigantesche – che si adatta al nome della sua azienda, Colossal. Il sito web afferma:

 

«Siamo già all’interno del processo di de-estinzione del mammut lanoso»

«Nella mente di molti, questa creatura è scomparsa per sempre. Ma non nelle menti dei nostri scienziati, né nei laboratori della nostra azienda. Siamo già all’interno del processo di de-estinzione del mammut lanoso. I nostri team hanno raccolto campioni di DNA vitali e stanno modificando i geni che consentiranno a questa meravigliosa megafauna di scalpitare ancora una volta attraverso l’Artico».

 

Non succederà domani. Prima di creare un singolo mammut, Church e il suo team devono creare tecnologie innovative per consentire la gestazione di un vitello. Nella migliore delle ipotesi, un ibrido mastodontico è a sei anni di distanza; un gregge autosufficiente da decenni.

 

Due eminenti bioeticisti fanno parte del comitato consultivo scientifico di Church:  R. Alta Charo  dell’Università del Wisconsin a Madison e  S. Matthew Liao  della New York University.

 

«Non si tratta solo di farli esistere, ma di assicurarsi che, una volta che esistono, possano prosperare e vivere una vita fiorente», afferma Liao, un’università di New York. «Altrimenti, sei crudele con questi animali».

 

«Sia la geoingegneria che la biologia sintetica hanno scarsi risultati quando si tratta di persone che prendono in mano la situazione»

Tuttavia, un altro bioeticista ha espresso una bordata al progetto in un commento su Nature. Victoria Herridge, una biologa evoluzionista del Natural History Museum di Londra, afferma di essere stata invitata a far parte del consiglio, ma ha rifiutato per motivi etici.

 

Ritiene che il progetto manchi di apertura e partecipazione pubblica. Sottolinea che «sia la geoingegneria che la biologia sintetica hanno scarsi risultati quando si tratta di persone che prendono in mano la situazione».

 

«La strada etica verso la de-estinzione deve includere voci di cittadini informati, insieme a esperti e attivisti. Ciò potrebbe significare che il processo richiede più di cinque anni, ma le imprese private che lavorano per il bene comune non dovrebbero rifuggire dalle opinioni di coloro che cercano di servire. Lascia che siano le persone a decidere il mondo futuro che vogliono costruire».

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine di Mauricio Antón via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.5 Generic (CC BY 2.5)

Più popolari

Exit mobile version