Virologa cinese: «Il COVID proviene da un laboratorio»

 

 

La virologa cinese Li-Meng Yan, che è stata tra le prime a studiare il virus in una prestigiosa università di Hong Kong, dove ha lavorato prima di fuggire dalla Cina, è apparsa nel programma di interviste britannico Loose Women alla fine della scorsa settimana.

 

Durante l’intervista, ha risposto alle domande sulle sue affermazioni e ha ribadito che il Partito Comunista Cinese  non si è limitato a coprire deliberatamente COVID-19 in un modo che ha portato a migliaia di morti inutili, il partito sapeva anche che la SARS-CoV-2 è stato creato da scienziati cinesi.

 

Il Partito Comunista Cinese  non si è limitato a coprire deliberatamente COVID-19 in un modo che ha portato a migliaia di morti inutili, il partito sapeva anche che la SARS-CoV-2 è stato creato da scienziati cinesi

Alla domanda sulle origini del virus, il medico ha detto «proviene da un laboratorio», confutando ancora una volta i rapporti dello scorso anno secondo cui il virus proveniva dal mercato degli animali di Wuhan.

 

La dottoressa Li ha anche commentato le sue affermazioni secondo cui Pechino ha deliberatamente cercato di coprire l’epidemia quando ha appreso per la prima volta del virus killer, permettendole di sfuggire alla Cina e infettare il mondo.

 

Quando ha lanciato l’allarme sulla trasmissione da uomo a uomo nel dicembre dello scorso anno, i suoi ex supervisori della Hong Kong School of Public Health, un laboratorio di riferimento per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’hanno messa a tacere.

 

Dopo un po ‘, «non poteva tacere», e ha deciso di fuggire.

 

Pechino ha deliberatamente cercato di coprire l’epidemia quando ha appreso per la prima volta del virus killer, permettendole di sfuggire alla Cina e infettare il mondo

Ad aprile, secondo quanto riferito, Yan è fuggita da Hong Kong ed è scappato in America nel tentativo di eludere la persecuzione e di «diffondere la verità» sulla pandemia.

 

Domenica scorsa la dottoressa Li-Meng si è iscritta a Twitter e lunedì  ha twittato un collegamento a un documento di cui è coautore con altri tre scienziati cinesi dal titolo «Caratteristiche insolite del genoma della SARS-CoV-2 che suggeriscono una sofisticata modifica di laboratorio piuttosto che un’evoluzione naturale e la delineazione della sua probabile via sintetica».

 

 

«L’evidenza mostra che SARS-CoV-2 dovrebbe essere un prodotto di laboratorio creato utilizzando i coronavirus pipistrello»

La dottoressa ha anche pubblicato un collegamento alle sue credenziali su ResearchGate, rivelando la sua (precedente?) affiliazione con l’Università di Hong Kong e 13 pubblicazioni che sono state citate 557 volte.

 

«L’evidenza mostra che SARS-CoV-2 dovrebbe essere un prodotto di laboratorio creato utilizzando i coronavirus pipistrello ZC45 e / o ZXC21 come modello e / o spina dorsale. Basandosi sulle prove, postuliamo ulteriormente un percorso sintetico per SARS-CoV-2 , dimostrando che la creazione in laboratorio di questo coronavirus è conveniente e può essere realizzata in circa sei mesi».

 

«Il receptorbinding motif della Soike della SARS-CoV-2 non può nascere dalla natura e dovrebbe essere stato creato attraverso l’ingegneria genetica»

«Il receptorbinding motif della Soike della SARS-CoV-2 non può nascere dalla natura e dovrebbe essere stato creato attraverso l’ingegneria genetica».

 

Il paper è estremamente dettagliato e confuta le tesi dell’origine naturale del virus con considerazioni di scienza genetica.

 

«Le prove collettivamente suggeriscono che il sito di scissione della furina nella proteina SARS-CoV-2 Spike potrebbe non provenire dalla natura e potrebbe essere il risultato di una manipolazione genetica. Lo scopo di questa manipolazione avrebbe potuto essere quello di valutare qualsiasi potenziale aumento dell’infettività e della patogenicità del coronavirus prodotto in laboratorio»

 

«Evidentemente, la possibilità che SARS-CoV-2 possa essere stata creata attraverso manipolazioni di gain of function al WIV è significativa e dovrebbe essere studiata a fondo e in modo indipendente».

Nel paper sono chiamati in causa gli scienziati che hanno lavorato sui pipistrelli, come la famigerata «batwoman», la virologa Shi Zhengli.

 
Evidentemente, la possibilità che SARS-CoV-2 possa essere stata creata attraverso manipolazioni di gain of function al WIV è significativa e dovrebbe essere studiata a fondo e in modo indipendente».
 

 
 
 

Immagine screenshot da YouTube.