Vaccino sperimentale COVID pronto per i militari cinesi

 

 

L’esercito cinese ha ricevuto il via libera per utilizzare un vaccino sperimentale COVID-19 sviluppato dalla sua unità di ricerca e CanSino Biologics, dopo che – sostiene la stessa società farmaceutica cinese – gli studi clinici avrebbero dimostrato sicurezza ed efficacia.

 

L’Ad5-nCoV è uno degli otto vaccini cinesi per COVID-19 approvati per studi sull’uomo in patria e all’estero, secondo quanto riferito da Reuters.

 

Ad5-nCoV è stato sviluppato congiuntamente da un team dell’Accademia di Scienze mediche militari, guidato dal Generale Maggiore Chen Wei e CanSino Biologics, società con sede a Tianjin, riferisce il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post.

 

È la prima volta che un candidato al vaccino per COVID-19 è stato autorizzato all’uso per i militari di qualsiasi nazione.

È la prima volta che un candidato al vaccino per COVID-19 è stato autorizzato all’uso per i militari di qualsiasi nazione.

 

Ieri CanSino ha dichiarato che il vaccino candidato ha attraversato due fasi di studi clinici, il che ha indicato che era sicuro e che c’era una risposta immunitaria «relativamente alta» all’antigene. In una e-mail a Reuters, CanSino ha rifiutato di rivelare se l’inoculazione del vaccino candidato è obbligatoria o facoltativa, citando segreti commerciali.

CanSino ha rifiutato di rivelare se l’inoculazione del vaccino candidato è obbligatoria o facoltativa, citando segreti commerciali

 

Come già scritto in un altro articolo di Renovatio 21, il vaccino sviluppato da CanSino e dall’Esercito Popolare di Liberazione (che è sia l’esercito della nazione cinese che l’espressione militare del Partito Comunista Cinese) ha ottenuto anche la collaborazione del Consiglio Nazionale delle Richerche del Canada.

 

Per lo sviluppo di questo vaccino i ricercatori si sono serviti di HEK293, una linea cellulare  sviluppata nel 1973 da un embrione abortito.

 

Per lo sviluppo di questo vaccino i ricercatori si sono serviti di HEK293, una linea cellulare  sviluppata nel 1973 da un embrione abortito

Renovatio 21 aveva  varie volte parlato inoltre del lancio del programma di vaccinazione contro virus mortali a partire dai militari e della figura della dottoressa Chen Wei – cioè del generale Chen Wei – studiosa dell’Ebola molto nota ai media della Repubblica Popolare. Chen è il generale che avrebbe poi preso in mano il famoso laboratorio BSL-4 dell’Istituto di Virologia di Wuhan subentrando alla direzione precedente, di fatto commissariata quindi dai militari..

 

Riguardo alla corsa tecnologica fra le varie potenze geopolitiche verso il primo vaccino, notava un analista che «un approccio nazionalistico potrebbe dare al vincitore la possibilità di favorire la propria popolazione e potenzialmente ottenere il sopravvento nel trattare con le ricadute economiche e geostrategiche della crisi».

«Un approccio nazionalistico potrebbe dare al vincitore la possibilità di favorire la propria popolazione e potenzialmente ottenere il sopravvento nel trattare con le ricadute economiche e geostrategiche della crisi»

 

I farmaci, e a maggior ragione i vaccini, ora sono visti come un bene strategico da produrre internamente, come i propri droni, i propri aerei da caccia e le proprie armi informatiche.

 

«La Cina ha chiarito che sta cercando un campione nazionale, equivalente al ruolo che Huawei, un gigante cinese delle telecomunicazioni, svolge nella corsa alla costruzione di reti 5G in tutto il mondo»: Renovatio 21 riportava qualche mese fa le parole di un altro analista sentito dal New York Times. Ora, pensiamo, può CanSino divenire l’equivalente biologico di Huawei?

 

I farmaci, e a maggior ragione i vaccini, ora sono visti come un bene strategico da produrre internamente, come i propri droni, i propri aerei da caccia e le proprie armi informatiche

La domanda è importante soprattutto per gli italiani.

 

Se il modello Huawei è valido, la Cina potrebbe concludere accordi per aumentare la propria influenza sui paesi più poveri o meno sviluppati, che altrimenti potrebbero non avere un accesso economico a un vaccino. Questo schema include l’Italia, dove da parte della Cina è in atto un  grande gioco di penetrazione dell’economia e specificatamente del 5G nel nostro Paese, come dimostrato dalle polemiche sul  Decreto Cura Italia, di cui Renovatio 21 ha riportato.