Vaccino obbligatorio C-19, rivista scientifica pubblica la strategia

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

Un nuovo articolo del New England Journal of Medicine (NEJM), noto per essere tra le riviste mediche più prestigiose al mondo, sostiene che i governi degli Stati americani hanno bisogno di una «strategia» per distribuire il prossimo vaccino COVID-19.

 

Preoccupati che solo il 51% dei cittadini statunitensi abbia intenzione di fare il vaccino , i tre autori definiscono un quadro per i legislatori «per contribuire a garantire l’adozione del vaccino quando sarà disponibili», con un focus sui «sei criteri di attivazione» che gli Stati dovrebbero considerare decidere se è necessario un obbligo per il vaccino COVID-19.

Un nuovo articolo del New England Journal of Medicine (NEJM), noto per essere tra le riviste mediche più prestigiose al mondo, sostiene che i governi statali hanno bisogno di una «strategia» per distribuire il prossimo vaccino COVID-19.

 

Una condizione è la prova che COVID-19 presenta una «minaccia continua» per lo stato, spiegando che la minaccia potrebbe essere dimostrata da «tendenze preoccupanti sostenute in nuovi casi, ricoveri o decessi».

 

Suggeriscono anche un «generoso programma di compensazione per le persone che hanno gravi effetti collaterali del vaccino». La domanda sul perché i governi statali dovrebbero imporre un vaccino che si aspetta possa indurre gravi effetti collaterali non trova risposta nell’articolo.

 

Gli autori raccomandano che gli stati introducano prima una fornitura volontaria di vaccini e, se ciò si rivelasse «infruttuoso», impongano un obbligo di vaccinazione. Ciò è necessario poiché «i principi di etica della salute pubblica supportano il tentativo di politiche meno onerose prima di passare a quelle più onerose».

 

Il periodo di fornitura volontaria del vaccino, tuttavia, «dovrebbe essere limitato a poche settimane”» scrivono.

Suggeriscono anche un «generoso programma di compensazione per le persone che hanno gravi effetti collaterali del vaccino». La domanda sul perché i governi statali dovrebbero imporre un vaccino che si aspetta possa indurre gravi effetti collaterali è senza risposta nell’articolo

 

Gli autori passano a descrivere come potrebbe essere un obbligo di vaccinazione: ogni stato scriverà la propria legislazione, ma potrebbe anche essere appropriato che il governo federale imponga che alcuni gruppi ottengano il vaccino.

 

(Sebbene il potere costituzionale di proteggere la salute pubblica spetti principalmente agli Stati, un’emergenza nazionale dichiarata a marzo consente tali misure federali relative al COVID-19).

 

Sostengono che mentre sarebbe inappropriato che gli obblighi statali assumessero la forma di vaccinazione obbligatoria, la mancata osservanza dovrebbe incorrere in «sanzioni relativamente sostanziali».

 

Scoraggiano gli Stati dall’introdurre sanzioni penali, in modo da non «invitare azioni legali per motivi procedurali di un processo dovuto», ma incoraggiano sanzioni come «sospensione del lavoro o ordini di soggiorno presso il proprio domicilio».

Gli autori raccomandano che gli stati introducano prima una fornitura volontaria di vaccini e, se ciò si rivelasse «infruttuoso», impongano un obbligo di vaccinazione

 

È interessante notare che, mentre gli autori scoraggiano le multe, ammettendo che «svantaggiano i poveri», sono a loro agio nel sostenere che le persone potenzialmente perdano il lavoro a meno che non ottengano il vaccino.

 

Sebbene gli autori espongano solo questa possibilità di sanzioni per le persone in «gruppi ad alta priorità», la determinazione di chi è ritenuto ad alta priorità sarebbe lasciata alle autorità, qualunque esse siano. Ciò è particolarmente preoccupante se si considera che i poveri hanno maggiori probabilità di essere considerati ad alto rischio, in termini di contrarre COVID-19.

 

L’articolo del NEJM conclude sottolineando la necessità per i responsabili delle politiche statali di costruire la «fiducia del pubblico», in modo da non «[sollevare] il sospetto che dietro tali proposte [per imporre un obbligo sui vaccini] ci siano motivi di profitto piuttosto che di salute pubblica».

Incoraggiano sanzioni come «sospensione del lavoro o ordini di soggiorno presso il proprio domicilio»

 

«I produttori di vaccini dovrebbero restare in disparte», scrivono.

 

Ciò potrebbe rivelarsi difficile, considerando che il principale consulente scientifico per la ricerca del governo degli Stati Uniti di un vaccino COVID-19, soprannominato «Operazione Warpspeed», è Moncef Slaoui, ex dirigente di GlaxoSmithKline (GSK).

 

GSK è la più grande azienda di vaccini al mondo per fatturato, ed è stata responsabile responsabile di quello che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti definì il «più grande accordo di frode sanitaria nella storia degli Stati Uniti» all’epoca. Slaoui detiene attualmente circa $ 10 milioni di azioni GSK .

 

Non sollevare«il sospetto che dietro tali proposte ci siano motivi di profitto piuttosto che di salute pubblica». «I produttori di vaccini dovrebbero restare in disparte», scrivono.

E sebbene i tre autori dell’articolo del NEJM non abbiano rivelato alcun interesse finanziario, è significativo che tutti e tre gli autori possano essere associati alla Gates Foundation, l’ autoproclamato «più grande finanziatore di vaccini al mondo».

 

L’autrice principale Michelle Mello, proviene dalla Stanford University, che finora ha ricevuto 2,7 milioni di dollari dalla fondazione Gates nel 2020. Il coautore Ross Silverman proviene dall’Università dell’Indiana, che ha ricevuto 3,4 milioni di dollari dalla Gates Foundation nel 2020.

 

E forse la cosa più sorprendente è la connessione tra la fondazione e il terzo autore dell’articolo, Saad Omer, il direttore inaugurale dello Yale Institute for Global Health. Il gruppo di ricerca privato di Omer è finanziato sia dalla Gates Foundation che dalla Global Alliance for Vaccines and Immunization, che è strettamente collegata alla Gates Foundation e il cui più grande finanziatore privato è la Gates Foundation.

È significativo che tutti e tre gli autori possano essere associati alla Gates Foundation, l’ autoproclamato «più grande finanziatore di vaccini al mondo»

 

«Questo articolo è un progetto rivelatore e orribile per l’imposizione di mandati da parte di Pharma che potrebbero richiedere a centinaia di milioni di americani riluttanti di sottoporsi a una procedura medica rischiosa con vaccini scarsamente testati, inefficaci e a responsabilità zero», ha affermato Robert F. Kennedy , Jr., presidente di Children’s Health Defense.

 

«Il NEJM ha confermato ancora una volta l’ avvertimento lanciato dal suo ex editore Marcia Angell riguardo al fatto che questa rivista un tempo rinomata si è trasformata in una nave di propaganda per Pharma».

 

 

Jeremy Loffredo

 

 

 

 

© 2 ottobre 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.