Vaccino mRNA contro il COVID: un ricercatore reagisce

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Renovatio 21 offre la traduzione di questo pezzo di CHD per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Agli autori dell’articolo NEJM sul vaccino COVID-19: un vaccino mRNA contro SARS-CoV-2 – Rapporto preliminare

 

Sono state osservate gravi reazioni in 3 partecipanti dopo la seconda dose

Ho diversi punti da sollevare con voi.

 

Sono state osservate gravi reazioni in 3 partecipanti dopo la seconda dose. Questo è un caso da manuale di sensibilizzazione per prima dose. Elicitazione per seconda dose. Una reazione di ipersensibilità mediata da IgE. Questo  NON PUÒ essere respinto come un problema di dose e che verranno utilizzate solo dosi più basse

 

Dopo l’esposizione al virus nel mondo reale, non esiste un controllo della dose di esposizione. Questi partecipanti possono sviluppare reazioni potenzialmente letali

Il motivo è che, dopo l’esposizione al virus nel mondo reale, non esiste un controllo della dose di esposizione. Questi partecipanti possono sviluppare reazioni potenzialmente letali. Questo è stato documentato nei precedenti vaccini SARS.

 

In effetti, il COVID-19 grave è causato da questo stesso meccanismo. Le proteine ​​simili al coronavirus che contaminano i vaccini hanno causato sensibilizzazione allergica. All’esposizione al virus la reazione allergica provoca gravi COVID-19. Ecco perché i bloccanti dell’istamina come la cetirizina e la famotidina aiutano nel COVID-19. 1,2

 

Come minimo, il team avrebbe dovuto misurare IgE specifiche dirette alle proteine ​​codificate (e contaminanti) nel vaccino. Non segnalano nulla del genere. Segnalano IgG specifiche che non sono sufficienti. Devono abbattere specifici livelli di sottoclasse di IgG1,2,3,4. Devono riferire come è stata trattata la reazione grave.

 

Tutta questa idea di dipendere solo dai test per la sicurezza, è INACCETTABILE.

Tutta questa idea di dipendere solo dai test per la sicurezza, è INACCETTABILE.

 

La US Consumer Product Safety Commission (CPSC) afferma: Il  progetto è l’influenza dominante sulla sicurezza dei prodotti . La sicurezza del prodotto  inizia nella mente dei progettisti del prodotto.

 

Se tutti gli elementi della produzione fossero classificati in ordine di potenziale effetto sulla sicurezza dei prodotti di consumo, la  funzione di progettazione sarebbe in testa alla lista.

 

Inoltre, la progettazione influisce in modo significativo sulle decisioni e pratiche successive relative a materiali, produzione, prove, processi, etichettatura, imballaggio e distribuzione. 3

 

È impossibile stabilire una sicurezza a lungo termine in una prova di 3 mesi. Bisogna  progettare per la sicurezza , non si può semplicemente TESTARE PER ESSA

L’ingegneria della sicurezza impone che i vaccini debbano essere PROGETTATI e che la progettazione FMEA (Failure Mode and Effects Analysis) debba essere pubblicata PRIMA di qualsiasi test nelle prove. È impossibile stabilire una sicurezza a lungo termine in una prova di 3 mesi. Bisogna  progettare per la sicurezza , non si può semplicemente TESTARE PER ESSA .

 

Nulla è stato appreso dal disastro della narcolessia indotta da Pandemrix. 4, 5

 

Nessun vaccino deve essere approvato senza pubblicare FMEA e  FISSARE TUTTE LE QUESTIONI IDENTIFICATE DI PROGETTAZIONE .

 

Esempio dei tipi di analisi che devono verificarsi prima delle prove sull’uomo:

 

Il vaccino ERVEBO Ebola creerà un’epidemia di allergia al riso, si aggiungerà a numerose malattie autoimmuni, il cancro e renderà la malattia di Ebola ancora più grave. La progettazione per la sicurezza e la regolamentazione sulla sicurezza dei vaccini rimangono insuccessi insoddisfacenti. Incompetenza o indifferenza?

 

 

Cordiali saluti,

 

Vinu Arumugham,
Ricercatore indipendente

 

 

  1. Meccanismi immunologici che spiegano il ruolo di IgE, mastociti, istamina, aumento della ferritina, IL-6, D-dimero, livelli di VEGF in COVID-19 e dengue, potenziali trattamenti come stabilizzatori dei mastociti, antistaminici, vitamina C, idrossiclorochina, ivermectina e azitromicina
  2. COVID-19: Famotidina, istamina, mastociti e meccanismi
  3. Sicurezza dei vaccini: apprendere dai disastri del Boeing 737 MAX
  4. L’analisi e il controllo della sicurezza del vaccino Pandemrix e Arepanrix non sono stati all’altezza
  5. La farmacovigilanza non sostituisce una buona progettazione del vaccino

 

 

© 21 luglio 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.