Vaccino MMR: parotite dopo la pubertà, testosterone e numero di spermatozoi ridotti

 

 

Renovatio 21 pubblica ,su gentile concessione, la traduzione di questo articolo di Robert F. Kennedy jr., presidente del Children’s Health Defense.

 

Questo articolo rappresenta la prima di due parti di una serie sulla parotite. La seconda parte approfondirà ulteriormente le ripercussioni del vaccino anti parotite sulla fertilità.

 

 

I legislatori stanno rispondendo freneticamente alla campagna di paura orchestrata dall’industria farmaceutica intorno al morbillo cercando di imporre un ulteriore obbligo per il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia (MMR).

In tutto il paese, i legislatori stanno rispondendo freneticamente alla campagna di paura orchestrata dall’industria farmaceutica intorno al morbillo cercando di imporre un ulteriore obbligo per il vaccino di Merck contro morbillo, parotite e rosolia (MMR).

 

Anche se le continue epidemie di parotite, che coinvolgono migliaia di adolescenti e giovani adulti suscettibili, rendono insignificante al confronto il numero dei casi di morbillo, nessuno si sta occupando della questione della parotite, perché porterebbe alla luce il fatto che Merck è in tribunale da oltre otto anni grazie a scienziati che hanno denunciato la fabbricazione e falsificazione da parte dell’azienda dell’efficacia della componente parotite del suo vaccino MMR.

 

Invece di punire Merck per il suo inganno, le istituzioni stanno premiando l’azienda rendendo impossibile rifiutare il suo redditizio vaccino, sottoponendo una generazione di bambini americani al rischio di gravi complicazioni causate dall’infezione da parotite in un’età dove essa non progettata dalla natura.

Nessuno si sta occupando della questione della parotite, perché porterebbe alla luce il fatto che Merck è in tribunale da oltre otto anni grazie a scienziati che hanno denunciato la fabbricazione e falsificazione da parte dell’azienda dell’efficacia della componente parotite del suo vaccino MMR

 

Quando i bambini più piccoli hanno la parotite, il virus è relativamente innocuo; i bambini infetti spesso non mostrano sintomi. Quando la parotite colpisce gli adolescenti o gli adulti, d’altra parte, l’infezione può causare effetti negativi molto più gravi, tra cui l’infiammazione di vari organi (cervello, pancreas, ovaie e testicoli), così come danni alla fertilità maschile.

 

L’infiammazione di uno o di entrambi i testicoli (una condizione chiamata orchite) si verifica in circa un uomo su tre che ha la parotite in età post-puberale e può contribuire a difetti dello sperma e alla infertilità, oltre a compromettere la funzionalità delle cellule che producono testosterone.

 

Si stima che una percentuale dal 30% all’87% degli uomini con orchiti bilaterali indotte da parotite sperimenti una vera e propria infertilità, che è causa di grande preoccupazione, data la significativa diminuzione della fertilità maschile osservata negli ultimi decenni. Sembra quindi che il vaccino di Merck, invece di proteggere i bambini, non solo ritardi l’insorgenza della malattia a coorti di età più avanzate, ma abbia il potenziale per causare lesioni gravi e permanenti.

 

Merck e i vaccini contro la parotite

Consideriamo rapidamente la storia della parotite e della vaccinazione MMR negli Stati Uniti. La Food and Drug Administration (FDA) ha concesso la licenza per il primo vaccino di Merck contro la sola parotite nel 1967. Nel 1971 Merck ha introdotto la sua prima combinazione di vaccino MMR, seguita nel 1978 dal vaccino MMR-II (che ha modificato il componente della rosolia) e dal vaccino MMR più varicella (MMRV) ProQuad nel 2005.

 

A partire dal primo vaccino del 1967, Merck ha goduto di una posizione di monopolio unico nel mercato statunitense per la parotite e i vaccini MMR, con vendite combinate di MMR-II e ProQuad che hanno reso oltre 720 milioni di dollari nel solo 2014. Merck si posiziona costantemente tra le prime cinque aziende farmaceutiche a livello globale e il mercato a fine 2018 ha valutato le sue azioni al livello massimo da sette anni.

Invece di punire Merck per il suo inganno, le istituzioni stanno premiando l’azienda rendendo impossibile rifiutare il suo redditizio vaccino, sottoponendo una generazione di bambini americani al rischio di gravi complicazioni causate dall’infezione da parotite in un’età dove essa non progettata dalla natura

 

Al fine di ottenere il redditizio monopolio del vaccino MMR, Merck doveva convincere l’FDA che tutte e tre le componenti del vaccino combinato potevano raggiungere un’efficacia del 95%, ma quella contro la parotite era di scarsa qualità.

 

Infatti, come sostenuto in una causa intentata da due scienziati Merck nel 2010 ai sensi del False Claims Act, l’azienda sapeva dalla fine degli anni ’90 che la componente parotite del vaccino MMR ha un’efficacia «molto inferiore» al 95%.

Uno studio del 2005 pubblicato su Vaccine ha stimato l’efficacia della vaccinazione contro la parotite più vicina al 69% e gli autori hanno osservato che i loro risultati erano coerenti con altri studi.

 

Nella controversia i due informatori affermano (che a quanto si dice è arrivata in giudizio quest’anno) che Merck ha «volontariamente e illegalmente preservato il suo monopolio» attraverso «manipolazioni continue» e «rappresentando al pubblico e alle agenzie governative un tasso di efficacia falsamente aumentato per il suo vaccino anti parotite».

 

In particolare, i due scienziati sostengono che i dirigenti di Merck hanno ordinato loro di usare metodologie «falsate», tra cui il prelievo di anticorpi dai conigli e la loro aggiunta alle fiale di sangue umano, al fine di ingannare le autorità regolatorie e far intendere una risposta anticorpale abbastanza robusta e durevole da ottenere la licenza. Gli informatori sostengono che quando quelle strategie «migliorative» non hanno consentito di raggiungere il «tasso di efficacia fabbricato [95%]» di Merck, l’azienda ha fatto ricorso alla semplice falsificazione dei dati dei test e ad altre attività fraudolente.

 

Adolescenti e giovani adulti non protetti

Le scarse prestazioni della componente parotite dell’MMR e la dubbia «durata» dell’immunità specifica contro la parotite dopo la vaccinazione sono motivo di preoccupazione. In realtà, stiamo già vivendo con l’eredità di questo vaccino difettoso. Piuttosto che proteggere una generazione di bambini americani dall’infezione da parotite nell’infanzia, il vaccino ha semplicemente rimandato l’insorgenza del virus a gruppi di età più avanzata, esponendoli a un rischio molto maggiore.

L’infiammazione di uno o di entrambi i testicoli (una condizione chiamata orchite) si verifica in circa un uomo su tre che ha la parotite in età post-puberale e può contribuire a difetti dello sperma e alla infertilità, oltre a compromettere la funzionalità delle cellule che producono testosterone.

 

I ricercatori confermano un aumento dell’età mediana dei pazienti con parotite, un aumento delle dimensioni e del numero di focolai di parotite nelle popolazioni altamente vaccinate e tassi più elevati di complicanze, compresa l’orchite.

 

In tutto il paese, epidemie di parotite incontrollate hanno colpito una generazione più adulta di individui vaccinati.

 

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno segnalato 150 focolai (9.200 casi) nell’anno e mezzo da gennaio 2016 a giugno 2017, che hanno colpito «scuole, università, squadre e strutture sportive, gruppi religiosi, luoghi di lavoro e grandi feste ed eventi».

 

Nel corso degli ultimi anni, il numero di campus universitari che segnalano epidemie di parotite è esploso: in istituzioni che vanno dalle università di Harvard e Temple a quelle di Syracuse e degli stati della Louisiana e dell’Indiana.

Epidemie di parotite incontrollate hanno colpito una generazione più adulta di individui vaccinati.

 

Presso l’Università del Missouri, che nel 2016 ha segnalato 193 casi di parotite nel campus, il direttore del centro di salute ha riferito di non aver visto nulla di simile «nei suoi 31 anni di scuola». Commentando il fatto che tutti gli studenti colpiti avevano ricevuto le due dosi richieste di MMR, ha osservato: «Il fatto che abbiamo casi di parotite che si manifestano in popolazioni altamente immunizzate significa probabilmente qualcosa a proposito dell’efficacia del vaccino».

Una nave da guerra dispiegata nel Golfo Persico, la USS Fort McHenry, non è potuta approdare dall’inizio di gennaio a causa di un contagio di parotite che ha colpito l’equipaggio, anche se l’esercito vaccina tutto il personale contro il virus e nonostante la Marina abbia immediatamente sottoposto l’equipaggio in questione ad un altro richiamo di MMR.

 

Il virus della parotite ha anche fatto un «ritorno» in altri ambienti in cui si concentrano giovani adulti. Ad esempio, una nave da guerra dispiegata nel Golfo Persico, la USS Fort McHenry, non è potuta approdare dall’inizio di gennaio a causa di un contagio di parotite che ha colpito l’equipaggio, anche se l’esercito vaccina tutto il personale contro il virus e nonostante la Marina abbia immediatamente sottoposto l’equipaggio in questione ad un altro richiamo di MMR.

 

I servizi giornalistici hanno rifiutato di fornire indicazioni sulle complicanze da parotite, ma descrivono la quarantena come «un killer morale» per i membri dell’equipaggio abituati ad avere sbarchi mensili in porto. I protocolli di controllo delle infezioni stabiliscono che la Marina non può dichiarare la situazione «sotto controllo» fino a «50 giorni dopo che l’ultimo membro del personale colpito si sia ripreso».

 

Mettere in pericolo i giovani  invece che proteggerli

Tutte queste coorti appartengono a una fascia di età che non dovrebbe mai sperimentare la parotite.

 

I legislatori e le agenzie governative «mostrano una pericolosa indifferenza verso le conseguenze indesiderate della vaccinazione». Come burattini manovrati da Merck, i legislatori di tutto il paese stanno cercando di imporre obblighi per il vaccino MMR ancora più severi

Come ha recentemente osservato Children’s Health Defense, mentre «le manifestazioni di malattia in gruppi vaccinati dovrebbero suscitare serie domande sul fallimento del vaccino», i legislatori e le agenzie governative «mostrano una pericolosa indifferenza verso le conseguenze indesiderate della vaccinazione». Come burattini manovrati da Merck, i legislatori di tutto il paese stanno cercando di imporre obblighi per il vaccino MMR ancora più severi agli americani riluttanti, condannando una generazione di bambini a correre i gravi rischi legati alle infezioni tardive di parotite.

 

 

Robert F. Kennedy jr., presidente di Children’s Health Defense

 

 

© 19 marzo 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD