Vaccino COVID, gli USA ne comprano $2 miliardi dalla Pfizer

 

 

 

 

 

 

 

Il Dipartimento della salute e dei servizi umani e il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti hanno annunciato un accordo con Pfizer per acquistare 100 milioni di dosi di un candidato al vaccino una volta che esso sarà stato testato e approvato.

 

Vi è stato un ultimo aggiornamento dalla società biotecnologica tedesca BioNTech e dalla statunitense Pfizer, che stanno sviluppando congiuntamente un vaccino, all’inizio di questa settimana.

Il governo degli Stati Uniti ha dichiarato che mira a rendere il vaccino gratuito per tutti gli americani.

 

Le due aziende pubblicato i risultati di una sperimentazione in fase iniziale che dovrebbe stabilire se il vaccino è sicuro per il consumo umano.

 

Il vaccino quindi rimane sulla buona strada per iniziare la sperimentazione di sicurezza ed efficacia di Fase 2B / 3 anticipata a fine  luglio.

 

Il governo degli Stati Uniti ha impegnato 1,95 miliardi di dollari per un ordine iniziale di 100 milioni di dosi del vaccino. L’accordo include anche un’opzione per il governo per l’acquisto di ulteriori 500 milioni di dosi

Il governo degli Stati Uniti ha impegnato 1,95 miliardi di dollari per un ordine iniziale di 100 milioni di dosi del vaccino. L’accordo include anche un’opzione per il governo per l’acquisto di ulteriori 500 milioni di dosi, a seconda che il farmaco riceva l’approvazione normativa.

 

Il governo degli Stati Uniti ha dichiarato che mira a rendere il vaccino gratuito per tutti gli americani.

 

Come ci ricorda Financial Times, diversi governi hanno firmato accordi con alcuni dei 24 gruppi che attualmente stanno testando un vaccino contro il coronavirus sull’uomo, incluso il candidato sviluppato dall’Università di Oxford in collaborazione con AstraZeneca.

L’operazione «Warp Speed» della Casa Bianca mira a consegnare 300 milioni di dosi di un vaccino certificato entro gennaio

 

L’operazione «Warp Speed» della Casa Bianca mira a consegnare 300 milioni di dosi di un vaccino certificato entro gennaio. Il programma ha già speso oltre 2 miliardi di dollari in investimenti in vaccini sviluppati da Moderna e JNJ.