Vaccino COVID-19: continua la lunga storia della sperimentazione medica sui bambini

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.  Renovatio 21 offre la traduzione di questo pezzo di CHD per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Il 22 maggio è stato un giorno speciale per l’invasione dello stato globale di polizia vaccinale, con tre annunci dal Regno Unito che segnalano ciò che sicuramente possiamo aspettarci anche da questa sponda dell’Atlantico.

 

Le entità in conflitto di interessi per il vaccino contro il COVID-19 derivato dagli scimpanzé  hanno annunciato l’imminente espansione dei loro studi clinici a una fascia di età più ampia, che arriva ad includere i bambini dai 5 ai 12 anni, nonostante i «risultati preoccupanti» osservati quando hanno somministrato il vaccino alle scimmie rhesus

In primo luogo, le entità in conflitto di interessi per il vaccino contro il COVID-19 derivato dagli scimpanzé – l’Oxford Vaccine Group, il Jenner Institute di Oxford e il gigante farmaceutico AstraZeneca – hanno annunciato l’imminente espansione dei loro studi clinici a una fascia di età più ampia, che arriva ad includere i bambini dai 5 ai 12 anni, nonostante i «risultati preoccupanti» osservati quando hanno somministrato il vaccino alle scimmie rhesus.

 

Approvando l’accesso all’esperimento di oltre 30.000 partecipanti, compreso uno studio per valutare il vaccino nei bambini più piccoli, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) degli Stati Uniti ha immediatamente assegnato una generosa «iniezione di denaro di  1,2 miliardi di dollari» per lo sforzo del Regno Unito (fornito senza utilizzare il denaro dei contribuenti americani, economicamente al verde).

 

Infine, per concludere in bellezza, una Corte d’appello del Regno Unito ha stabilito perentoriamente che le autorità locali possono vaccinare i bambini in affidamento anche se è contrario alla scelta dei loro genitori spiegando che «è nell’interesse dei bambini essere immunizzati a meno che non ci sia un motivo specifico per cui evitarlo».

 

Una Corte d’appello del Regno Unito ha stabilito perentoriamente che le autorità locali possono vaccinare i bambini in affidamento anche se è contrario alla scelta dei loro genitori

Chiunque abbia prestato attenzione, sa dove la lobby dei vaccini vuole andare a parare, con un’iniezione obbligatoria che introdurrà nanoparticelle ad alto rischio che alterano i geni, stile cavallo di Troia, nei nostri figli e, infine, in tutti di noi.

 

Tuttavia, l’uso dei bambini come cavie su cui testare gli obblighi degli adulti – la fascia di età più colpita dalla COVID-19 – negherebbe ai bambini la pari protezione della legge perché il vaccino non sarà principalmente a loro vantaggio.

 

Un primo passo in questo campo minato sarà quello di convincere i genitori inconsapevoli a sacrificare i propri figli sull’altare della sperimentazione del vaccino COVID-19.

 

Un primo passo in questo campo minato sarà quello di convincere i genitori inconsapevoli a sacrificare i propri figli sull’altare della sperimentazione del vaccino COVID-19

Non è chiaro come i ricercatori convinceranno i genitori a fare questo passo, in particolare perché le prove più recenti –una revisione sistematica di 45 articoli e lettere scientifiche – confermano che i bambini rappresentano solo dall’1% al 5% dei casi diagnosticati COVID-19 e sperimentano un decorso più lieve della malattia, una prognosi migliore rispetto agli adulti e la morte in casi “estremamente” rari.

 

Sottoporre i bambini ai pericoli degli studi clinici per un rischio così basso è perverso.

 

 

Una scia di distruzione

L’imbroglio COVID-19 non è il primo in cui i bambini, incapaci di fornire il proprio consenso informato, sono stati sottoposti a esperimenti medici.

 

Sottoporre i bambini ai pericoli degli studi clinici per un rischio così basso è perverso.

Nel 2003, Vera Sharav dell’Alliance for Human Research Protection (AHRP) ha descritto come l’uso di bambini e adolescenti in «esperimenti sempre più speculativi” abbia spesso messo i giovani «a rischio di danni a scopo di  lucro», in particolare a seguito dell’approvazione nel 1997 di quello che è stato ironicamente nominato Better Pharmaceuticals for Children Act (parte del FDA Modernization Act).

 

La legge ha lasciato una «scappatoia» e determinato una ridefinizione  favorevole all’industria delle stesse nozioni di «potenziale beneficio» e «rischio minimo», privando efficacemente i bambini di normative federali più protettive e aprendo opportunità diffuse per il loro sfruttamento

Secondo Sharav, la legge ha lasciato una «scappatoia» e determinato una ridefinizione  favorevole all’industria delle stesse nozioni di «potenziale beneficio» e «rischio minimo», privando efficacemente i bambini di normative federali più protettive e aprendo opportunità diffuse per il loro sfruttamento; alcuni alla FDA hanno persino suggerito «che ai fini della ricerca, la morte può essere classificata come un «rischio minimo».

 

Quando Sharav faceva parte del Gruppo di Lavoro per i Bambini del Comitato Consultivo Nazionale per la Protezione della Ricerca Umana, è stata l’unica del comitato ad opporsi al maggiore uso di bambini in esperimenti medici ad alto rischio.

 

Il sito web di Sharav include molti esempi che illustrano i sordidi retroscena dei  programmi di vaccinazione infantile globali e nazionali.

 

È difficile non interpretare l’intero programma vaccinale per l’infanzia senza responsabilità come un esperimento di massa, che espone volontariamente i bambini al rischio in cambio di profitto

In effetti, è difficile non interpretare l’intero programma vaccinale per l’infanzia senza responsabilità come un esperimento di massa, che espone volontariamente i bambini al rischio in cambio di profitto.

 

I bambini statunitensi ricevono dozzine di dosi di vaccini che non sono mai state valutate in combinazione, né testate con un placebo inerte, né significativamente valutate per la tossicità individuale o sinergica, né confrontate con le misure sanitarie protettive utilizzate da bambini non vaccinati.

 

Sfortunatamente, la mancanza di consapevolezza e la diffusa incapacità di segnalare eventi avversi al vaccino hanno permesso che i danni causati da questi esperimenti rimangano invisibili a molti.

I bambini statunitensi ricevono dozzine di dosi di vaccini che non sono mai state valutate in combinazione, né testate con un placebo inerte, né significativamente valutate per la tossicità individuale o sinergica, né confrontate con le misure sanitarie protettive utilizzate da bambini non vaccinati

 

D’altro canto, alcuni vaccini hanno prodotto esiti così disastrosi che la devastazione è stata impossibile da ignorare. Per citarne alcuni, ecco una manciata di esempi dagli Stati Uniti:

 

  • Nel 1870, i medici rilevarono un raddoppio della mortalità da vaiolo dopo l’introduzione della vaccinazione contro il vaiolo.

 

  • A partire dal 1955, i ricercatori hanno intrapreso una sperimentazione ventennale su bambini con disabilità mentali presso la Willowbrook State School di New York, infettando intenzionalmente i bambini con epatite per sviluppare ulteriormente il vaccino.

 

  • A metà degli anni ’50, i regolatori hanno accelerato l’approvazione del vaccino contro la poliomielite Salk dopo due ore scarse di riflessione, provocando picchi drammatici della malattia; in particolare, oltre 200.000 bambini ignari hanno ricevuto un lotto difettoso del vaccino (prodotto da Cutter Laboratories), che ha causato almeno 40.000 casi di poliomielite e 10 decessi.

 

Negli anni ’60, i ricercatori hanno somministrato un vaccino non provato per il virus respiratorio sinciziale (RSV) a neonati e bambini piccoli, stimolando una «risposta immunitaria sbilanciata» che «potenziava» la malattia, causando il ricovero di molti bambini e uccidendone due

  • Negli anni ’60, i ricercatori hanno somministrato un vaccino non provato per il virus respiratorio sinciziale (RSV) a neonati e bambini piccoli, stimolando una «risposta immunitaria sbilanciata» che «potenziava» la malattia, causando il ricovero di molti bambini e uccidendone due.

 

  • Sempre negli anni ’60, la somministrazione del vaccino contro la poliomielite Sabin espose milioni di giovani americani al contaminante virale cancerogeno SV40.

 

  • Nel 1976, gli operatori sanitari pubblici somministrarono un vaccino sperimentale contro l’influenza suina a un quarto della popolazione degli Stati Uniti, compresi molti bambini: il vaccino uccise almeno 25 individui e ne lasciò centinaia con la sindrome di Guillain-Barré. Trent’anni dopo, ignorando questo bilancio di infortuni e decessi, l’allora direttore del CDC dichiarò con approvazione, «è meglio sbagliare con una  reazione eccessiva che con una reazione insufficiente».

Negli anni ’60, la somministrazione del vaccino contro la poliomielite Sabin espose milioni di giovani americani al contaminante virale cancerogeno SV40

 

  • Alla fine degli anni ’90, la FDA ha approvato un vaccino contro il rotavirus per neonati che sapeva in anticipo essere collegato a una complicanza intestinale dolorosa e potenzialmente fatale chiamata intussuscezione. Sebbene abbia ritirato il vaccino nel 1999, l’agenzia ha poi lasciato sul mercato altri due vaccini contro il rotavirus; entrambi sono noti per avere non solo rischi di intussuscezione simili ma per essere contaminati con DNA estraneo derivato da virus suini.

 

 

Alla fine degli anni ’90, la FDA ha approvato un vaccino contro il rotavirus per neonati che sapeva in anticipo essere collegato a una complicanza intestinale dolorosa e potenzialmente fatale chiamata intussuscezione

  • L’insistenza dei programmi vaccinali contro la pertosse ha portato a livelli record di pertosse, soprattutto nei bambini vaccinati, e alla comparsa di ceppi resistenti ai vaccini.

 

  • Nel 2019, la FDA ha approvato un vaccino contro la dengue destinato ai bambini statunitensi, incurante delle precedenti esperienze nelle Filippine, dove il vaccino ha provocato centinaia di ricoveri e decessi pediatrici.

 

 

Una linea nella sabbia?

Nel 2019, la FDA ha approvato un vaccino contro la dengue destinato ai bambini statunitensi, incurante delle precedenti esperienze nelle Filippine, dove il vaccino ha provocato centinaia di ricoveri e decessi pediatrici.

I genitori americani potranno finalmente tracciare una linea nella sabbia con i vaccini COVID-19?

 

Attualmente, circa la metà degli adulti statunitensi è sospettosa riguardo la vaccinazione contro il COVID-19, con il 70% dei potenziali contrari che si preoccupano della sicurezza. Potrebbe essere dovuto al fatto che oltre la metà dei bambini americani è affetto da almeno una malattia cronica e che le loro tormentate famiglie hanno imparato bene che i vaccini contribuiscono in modo rilevante?

 

Alcuni genitori americani potrebbero anche saperne abbastanza da leggere tra le righe dei recenti ottimisti comunicati stampa sui vaccini COVID-19.

 

Nel caso del vaccino sperimentale di Oxford che i ricercatori ora vogliono iniettare nei corpi dei bambini, il CEO di AstraZeneca ha scelto di non soffermarsi sul fatto che il vaccino ha diffuso la malattia nelle scimmie. Invece, incapace di reprimere la sua eccitazione per l’infusione di oltre un miliardo di contanti del HHS, descrive il processo di sviluppo del vaccino accelerato come «un’esperienza fantastica» e proclama: «Non ho mai visto nulla muoversi così velocemente».

 

Nel frattempo, i genitori accorti potrebbero anche aver notato che il vaccino di Moderna, che ha catturato l’attenzione globale, ha appena causato una grave malattia in quattro dei 45 partecipanti (9%). Uno di questi, un 29enne, ha raccontato di sentirsi «più malato di quanto si sia mai sentito prima»,  di essere svenuto dopo una visita urgente, e che «la sua ragazza lo ha afferrato e ha impedito che la testa cadesse sul pavimento».

I genitori accorti potrebbero anche aver notato che il vaccino di Moderna, che ha catturato l’attenzione globale, ha appena causato una grave malattia in quattro dei 45 partecipanti (9%)

 

Vera Sharav ha osservato nel 2003 che l’industria farmaceutica gode di margini di profitto più elevati e di «maggiori tutele governative, sussidi e incentivi fiscali rispetto a qualsiasi altra industria», e queste osservazioni risultano ancora più vere nell’era COVID-19. Ad esempio, quando solo 11 americani avevano avuto la conferma di avere la malattia – il 4 febbraio – il HHS si stava già affrettando a garantire ai potenziali produttori di vaccini che avrebbero avuto piena protezione dalla responsabilità.

 

C’è da meravigliarsi che all’inizio di aprile siano stati proposti 115 vaccini COVID-19 o che il governo degli Stati Uniti abbia dato all’industria farmaceutica il via libera per «trarre abbondante profitto» dai generosi investimenti pubblici del governo?

 

Ponendo le basi legali per questi profitti garantiti, un commento che sarà presto pubblicato nel Journal of Law and the Biosciences include questa agghiacciante dichiarazione:

«A seconda delle caratteristiche del vaccino, potrebbero esserci validi motivi etici per imporre un vaccino COVID-19, purché il rischio sia basso e l’accesso sia prontamente disponibile. La nostra giurisprudenza suggerisce che gli Stati dovranno affrontare poche, se non nessuna, barriere legali nel farlo, e le lotte politiche passate provocate da gruppi No-vax sono probabilmente indebolite in modo significativo dall’intensità senza pari della crisi COVID-19» dal Journal of Law and the Biosciences

 

«A seconda delle caratteristiche del vaccino, potrebbero esserci validi motivi etici per imporre un vaccino COVID-19, purché il rischio sia basso e l’accesso sia prontamente disponibile. La nostra giurisprudenza suggerisce che gli Stati dovranno affrontare poche, se non nessuna, barriere legali nel farlo, e le lotte politiche passate provocate da gruppi No-vax sono probabilmente indebolite in modo significativo dall’intensità senza pari della crisi COVID-19».

 

L’avvertenza nella citazione precedente – «fintanto che il rischio è basso» – è improbabile che figuri in modo prominente negli sforzi di pubbliche relazioni pensati per convincere i genitori ad autorizzare gli studi sul vaccino COVID-19 sui loro figli e per l’obbligo vaccinale.

 

Per quanto riguarda il primo caso, i genitori farebbero bene a prestare attenzione alle conclusioni di Sharav sugli esperimenti che coinvolgono i bambini: i beneficiari primari non sono i bambini ma, piuttosto, l’industria farmaceutica e i suoi «partner nel mondo accademico».

 

Anche se agli scienziati del vaccino piace trarre vantaggio dall’altruismo dei genitori dicendo loro che la partecipazione dei loro figli agli studi sui vaccini è «necessaria» e «importante per la salute pubblica», la ricerca di Sharav indica chiaramente che «I bambini, anche più degli adulti, hanno subito gravi effetti nel corso degli studi clinici».

 

 

Il team di Children’s Health Defense 

«I bambini, anche più degli adulti, hanno subito gravi effetti nel corso degli studi clinici»

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni.

 

 

© 28 maggio 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.