Vaccini, i nuovi Zar della censura: Big Tech decide a cosa deve essere esposto il pubblico

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo editoriale di Robert Kennedy jr per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

Quando ero un ragazzo, era impensabile che un liberale americano accettasse la censura. Era assiomatico che tutte le atrocità naziste fossero iniziate con la censura e il silenzio dei critici delle politiche del governo. I nostri insegnanti di educazione civica hanno insegnato che il libero flusso di informazioni – persino quello di verità scomode – era la linfa vitale della democrazia.

Mio zio, John F. Kennedy, nel 1962 commentò che le «biblioteche americane dovevano essere aperte a tutti — tranne che al censore. Dobbiamo conoscere tutti i fatti, ascoltare tutte le alternative e ascoltare tutte le critiche. Diamo il benvenuto a libri controversi e autori controversi»

 

Mio zio, John F. Kennedy, nel 1962 commentò che le «biblioteche americane dovevano essere aperte a tutti — tranne che al censore. Dobbiamo conoscere tutti i fatti, ascoltare tutte le alternative e ascoltare tutte le critiche. Diamo il benvenuto a libri controversi e autori controversi. Perché la Carta dei diritti è il guardiano della nostra sicurezza e della nostra libertà».

 

La storia registrerà che, nel 2020, furono gli uomini a definirsi «liberali» a guidare il clamore per la censura.

 

Harry Truman ci ha messo in guardia contro tali uomini: «Una volta che un governo è impegnato nel mettere a tacere la voce dell’opposizione, ha solo una strada da percorrere, e questo è lungo il percorso di misure sempre più repressive, fino a quando non diventa una fonte di terrore a tutti i suoi cittadini e crea un paese in cui tutti vivono nella paura».

«Una volta che un governo è impegnato nel mettere a tacere la voce dell’opposizione, ha solo una strada da percorrere, e questo è lungo il percorso di misure sempre più repressive, fino a quando non diventa una fonte di terrore a tutti i suoi cittadini e crea un paese in cui tutti vivono nella paura» Harry Truman

 

All’inizio del 2019, il deputato democratico Adam Schiff ha chiesto ai CEO di Google , Facebook e Amazon di censurare la «disinformazione sui vaccini», un eufemismo per qualsiasi affermazione che si discosti dalle dichiarazioni ufficiali di Pharma e che sia catturato da funzionari regolatori.

 

Ognuno di questi tiranni della Silicon Valley è partner di ricchi accordi con i produttori di vaccini. Sono stati quindi lieti di stare ai patti.

 

Oggi mettono a tacere apertamente le tragiche storie delle madri americane di bambini danneggiati da vaccino e tutte le altre critiche non approvate sui prodotti farmaceutici.

 

Adam Schiff dove pensa che questo finirà? Immagina Bill Gates come un amico della libertà? In un breve momento, il baco si volterà.

 

Ognuno di questi tiranni della Silicon Valley è partner di ricchi accordi con i produttori di vaccini. Sono stati quindi lieti di stare ai patti.

Per Schiff, voglio parafrasare la domanda di San Tommaso Moro: «Quando avrai cancellato il Primo Emendamento per arrivare al Diavolo, e poi il Diavolo si rivolge a te, allora dove ti nasconderai?»

 

 

Robert F. Kennedy Jr.

 

 

© 30 luglio 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.